Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Recensione fumetto | Frank Miller RoboCop – Edizione Definitiva

Recensione fumetto | Frank Miller RoboCop – Edizione Definitiva

18/11/2019 news di Redazione Il Cineocchio

Saldapress raccoglie in un unico mastodontico volume le due storie originariamente scritte dall'autore alla fine degli anni '80 per i due sequel cinematografici, poi scartate per l'eccessiva violenza

Frank Miller Robocop - Edizione Definitiva saldapress

Nel 1988, all’apice della sua carriera, Frank Miller viene chiamato a scrivere le sceneggiature dei due sequel cinematografici di RoboCop, film diretto dal regista Paul Verhoeven l’anno prima (il nostro approfondimento). Le idee dell’autore di Ronin e Il ritorno del Cavaliere Oscuro verranno però completamente rimaneggiate dalla produzione e non raggiungeranno mai il grande schermo nel modo in cui il fumettista le aveva pensate. Molti anni dopo, lo scrittore Steven Grant e i disegnatori Juan José Ryp e Korkut Öztekin – insieme allo sceneggiatore Ed Brisson, che crea un epilogo alla storia immaginata da Frank Miller – realizzano una versione a fumetti grottesca, iper-violenta e intrisa di dark-humor di quelle stesse due storie di RoboCop (intitolate RoboCop e Robocop: L’ultimo baluardo).

Oggi, finalmente, Saldapress le porta sugli scaffali delle fumetterie italiane raccolte in un unico mastodontico volume, Frank Miller RoboCop – Edizione Definitiva (400 pagg, 35 euro), che dà ai lettori la possibilità di recuperare il materiale scritto dal 62enne artista di Olney (che firma il disegno argentato di copertina).

Frank Miller RoboCop - Edizione DefinitivaEntrambe le interpretazioni delle sceneggiature originali sono grintose, violentissime e senz’altro milleriane nello spirito, anche se graficamente (e alcuni dialoghi) potrebbe non incontrare il plauso di tutti.

Frank Miller RoboCop – Edizione Definitiva è alto come un elenco telefonico, la qualità di stampa è alta e le due storie sono ben distinte anche a livello cromatico (la prima presenta pagine ‘scure’, la seconda bianche), così che prendendo in mano il corposo volume si possa capire facilmente con un colpo d’occhio dove finisca l’una e inizi l’altra.

Come anticipato, l’estetica dei disegni di Juan José Ryp ricorda molto il tratto di Robert Crumb, con personaggi deformati e ‘brutti’, raggiungendo coloratissimi – e dettagliatissimi – risultati ai limiti dell’assurdo (anche se Robocop di solito resta elegante e metallico). Siete stati avvisati. Sulla prima storia, la sceneggiatura battuta a macchina da scrivere di Frank Miller occupa soltanto due pagine, prima che gli eventi assumano l’aspetto di un “pannello a fumetti” (alcuni dei dialoghi e delle scene descritte si ripetono visivamente). Rispetto al RoboCop 2 di Irvin Kershner del 1990, la vicenda differisce principalmente per l’avere Kong, un pazzo mercenario assunto dalla OCP al posto del sadico spacciatore Cain.

Altre modifiche rispetto a quanto visto nell’universo cinematografico di RoboCop includono: l’unità di mercenari guidata da Kong, la presenza del Dott. Love, uno “psicoanalista” liberale-progressista che lavora per la OCP e due nuovi conduttori televisivi. Il primo è un simpaticone, l’altro è Lilla, un soggetto piuttosto ‘sopra le righe’ … Abbiamo un ‘Robo-Kong’ e l’agente Anne Lewis sfoggia il suo lato cazzuto. L’attività anti-polizia è leggermente diversa rispetto al film e lo scontro finale è caotico, esagerato e, in qualche modo, toccante. Può sembrare strano, ma il rovescio della medaglia è la difficoltà di comprimere tutta l’azione sulla superficie ‘limitata’ delle pagine disegnate. Ci sono alcuni pannelli in cui Juan José Ryp stesso sembra confuso ed è stato costretto ad aggiungere delle frecce per indirizzare lo sguardo del lettore lungo il flusso della storia.

Frank Miller RoboCop - Edizione Definitiva 2019 saldapressPassando a Robocop: L’ultimo baluardo (e l’epilogo La Rinascita di Detroit), anche in questo caso abbiamo in apertura un paio di pagine della sceneggiatura originale di Frank Miller prima che il fumetto prenda il sopravvento. Se i fan del cyber poliziotto sanno bene che il terzo film di Fred Dekker del 1993 fu un disastro, la controparte disegnata fa un buon lavoro nel tentativo di portare la storia di Alex Murphy al livello successivo, non tralasciando ovviamente gli aspetti satirici tipici della narrazione dell’autore (le forze di polizia sono allo sbando e la popolazione di Detroit è stata allontanata dalle proprie case, con RoboCop ultima difesa dal caos dilagante.). Non abbiamo una ragazzina hacker, ma piuttosto Marie Lacasse, che funge da partner logistico di RoboCop. Ritroviamo però il ‘robo-ninja’ Otomo e Juliette Faxx, la subdola dirigente della OCP apparsa al cinema nel secondo capitolo, che qui ha un ruolo molto importante.

Lo stile del disegnatore Korkut Öztekin si differenzia parecchio da quello del collega, meno disordinato e ‘fracassone’, ma sempre inusuale, cercando di rendere la meglio un’azione stilosa, ma in definitiva un po’ fredda e poco descrittiva

Tirando le somme, Frank Miller RoboCop – Edizione Definitiva resta una lettura divertente e scorrevole, soprattutto per gli appassionati di RoboCop che conoscono bene le sue vicende cinematografiche e sono in grado di cogliere le non poche differenze. Interessante resta soprattutto la visione complessiva di Frank Miller sull’agente Alex Murphy / RoboCop, poliziotto ‘perfetto’ e ideale creato dall’uomo per fronteggiare tempi turbolenti e disperati ed ergersi a controverso simbolo della Giustizia.

Di seguito una simbolica splash page da Frank Miller RoboCop – Edizione Definitiva:

Frank Miller RoboCop - Edizione Definitiva saldapress

 

disincanto serie 3 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Il promo della stagione 3 di Disincanto sprofonda Bean e gli altri negli inferi

di Redazione Il Cineocchio

Nei nuovi episodi della serie fantasy di Netflix, la principessa ubriacona, il mesto Elfo e il demonietto Luci se la dovranno vedere con l'ex regina Dagmar

Leggi
luna nera serie netflix 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Luna Nera: il sabba delle streghe inizia nella serie italiana di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono i giovani Antonia Fotaras e Giorgio Belli nello show fantasy originale diretto a sei mani da Francesca Comencini, Susanna Nicchiarelli e Paola Randi

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Ghostbusters: Legacy, Paul Rudd e alcuni ragazzini pronti a smaterializzare fantasmi

di Redazione Il Cineocchio

Jason Reitman prova a rilanciare la saga degli Acchiappafantasmi, raccontando un nuovo inizio

Leggi
tesoro mi si sono ristretti i ragazzi film 1989
Sci-Fi & Fantasy

Recensione story | Tesoro, mi si sono ristretti i ragazzi di Joe Johnston

di William Maga

Nel 1989 la Disney portava nelle sale il film con Rick Moranis in versione scienziato sbadato, che sarebbe inaspettatamente diventato un clamoroso successo di pubblico

Leggi
george miller
Sci-Fi & Fantasy

George Miller su Three Thousand Years of Longing: “Sarà l’opposto di Mad Max; presto le riprese”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista australiano rivela qualche dettaglio sul suo prossimo progetto, un film dal genere indefinito con Tilda Swinton e Idris Elba

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer e data di uscita per Mulan: Gong Li è una strega malvagia nel wuxia Disney

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Jet Li e Donnie Yen nella rivisitazione 'dal vero' del Classico animato del 1998, che vede protagonista la combattiva Yifei Liu (ma non Mushu ...)

Leggi
breach film 2020 John Suits (2)
Sci-Fi & Fantasy

Breach: immagini e trama per il fanta-horror con Bruce Willis e Thomas Jane

di Redazione Il Cineocchio

Ci sarà anche Rachel Nichols nello spazio profondo del film diretto da John Suits

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Monolith | La recensione del film di Ivan Silvestrini

di Alessandro Gamma

Nel drama sci-fi del regista italiano la fantascienza è un mero spunto per narrare la tragedia interiore di una madre immatura

Leggi
la storia infinita film falkor
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | La Storia Infinita: quando il film è odiato dall’autore del libro da cui è tratto

di William Maga

Ripercorriamo la vicenda dietro al clamoroso successo del classico del 1984 diretto da Wolfgang Petersen, criticato aspramente da Michael Ende per gli stravolgimenti e il suo essere troppo superficiale

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Sette minuti dopo la mezzanotte | Recensione del film fantasy di Juan Antonio Bayona

di Alessandro Gamma

Il regista spagnolo confeziona uno dei rari film che affrontano i misteri dell'infanzia senza soccombere alla sdolcinatezza spinta, grazie anche all'ottima prova dell'esordiente Lewis MacDougall

Leggi
A Holiday Reunion cortometraggio sequel E.T. l'extra-terrestre
Sci-Fi & Fantasy

Cortometraggio | A Holiday Reunion è il sequel di E.T. l’extra-terrestre, con Henry Thomas

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 37 anni, il regista Lance Acord fa incontrare nuovamente il tenero alieno dai grandi occhi e un cresciuto Elliott

Leggi
edward fulrong 2019
Sci-Fi & Fantasy

Edward Furlong su Terminator – Destino Oscuro: “Mi rode molto per il mio ruolo limitato”

di Redazione Il Cineocchio

Lo storico interprete di John Connor ha raccontato la sua brevissima esperienza sul set del film di Tim Miller, spiegando le ragioni di ciò che lo ha maggiormente deluso (e non sono le stesse dei fan ...)

Leggi
onward film pixar 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer e trama per Onward: elfi e creature magiche nel fantasy della Pixar

di Redazione Il Cineocchio

Tra i doppiatori originale del film diretto da Dan Scanlon troveremo anche Tom Holland e Chris Pratt

Leggi
Godzilla II King Of The Monsters film
Sci-Fi & Fantasy

Godzilla II: King Of The Monsters | La recensione del film di Michael Dougherty

di William Maga

Il regista spreca l'enorme potenziale a disposizione, scegliendo una trama in cui abbondano i cliché, l'oscurità e la verbosità piuttosto che puntare tutto sugli scontri tra i mostri e la devastazione cieca

Leggi
final space serie stagione 2 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Final Space (stagione 2) | Recensione dei 13 episodi della serie animata (su Netflix)

di Sabrina Crivelli

Lo show avventuroso creato da Olan Rogers e David Sacks non solo riconferma l'irresistibile verve narrativa e il black humor che l'han reso una delle sorprese del 2018, ma addirittura rilancia in grande stile

Leggi