Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » [recensione] Ghost in the Shell di Rupert Sanders

6/10 su 5151 voti. Titolo originale: Ghost in the Shell, uscita: 29-03-2017. Budget: $110,000,000. Regista: Rupert Sanders.

[recensione] Ghost in the Shell di Rupert Sanders

30/03/2017 recensione di Alessandro Gamma

Scarlett Johansson è il Maggiore in una rivisitazione tanto ambiziosa quanto vacua, che getta al vento ogni spunto degli originali giapponesi in favore del solito action hollywoodiano tutto guscio e niente anima

Avete presenti i classici della fantascienza come Blade Runner, Robocop, Matrix o opere più recenti come Ex Machina e la serie Westworld? Bene, prendetene alcuni spunti – specie per quanto riguarda ambientazioni futuristiche e rapporto con le I.A. – frullateli senza soluzione di continuità e spalmateli su un’intelaiatura prelevata di peso dai due film di Mamoru Oshii e dalle due stagioni di Stand Alone Complex e avrete la versione made in Hollywood di Ghost in the Shell (le 18 cose da sapere).

Ghost in the Shell posterMa andiamo con ordine. L’inizio sarebbe pure promettente, ricordando la sequenza di apertura sia del primo lungometraggio animato del 1995 che dello show trasmesso lo scorso anno dalla HBO – dove vediamo un cervello umano trapiantato nel corpo splendidamente cibernetico di Mira Killian, nome anglofono scelto per il Maggiore (una Scarlett Johansson più brava a esprimere un impassibile Shell che il travagliato Ghost a suo interno… 50 cose da sapere sull’attrice). Un anno più tardi, lei è diventata una macchina da guerra al soldo della Sezione 9 e del suo impassibile capo Aramaki (un Takeshi Kitano che si rivolge a tutti in giapponese), che la inviano in missioni di sicurezza ad alto rischio. Il compito principale è quello di rintracciare terroristi informatici assieme al collega Batou (il billyidolizzato Pilou Asbæk), con cui vaga per una megalopoli che è un incrocio tra Hong Kong e Tokyo, con palazzoni e grattacieli sovrastati da ologrammi e proiezioni 3D moleste, come nella migliore delle tradizioni dal 1982 in poi. La gran parte degli esseri umani è invece implementata con parti del corpo sintetiche o altri miglioramenti che li rendono sempre più artificiali – comprese le acconciature (che nemmeno nel miglior Hunger Games …). A controllare ogni cosa ci sono la diabolica Hanka Corporation e il suo leader, Cutter (Peter Ferdinando), che ha fabbricato il Maggiore come primo prototipo per impieghi militari e spera di fare presto cassa con questo progetto. In città però compare un misterioso hacker chiamato Kuze (un Michael Pitt in tenuta Kylo Ren), che si diverte a scombinare sia i piani della multinazionale che la mente della protagonista, immettendole nel sistema dei glitch sempre più duri da controllare e sopprimere per la sua materna supervisore, la Dott.ssa Ouelet (la sempre dignitosa Juliette Binoche).

Anche se foste totalmente digiuni delle pregresse versioni cyberpunk animate, troverete non difficile capire come si evolveranno le vicende, visto che i colpi di scena latitano e gli spunti dall’alto potenziale si perdono in scene d’azione ordinarie e viste prima chissà quante volte. Il regista Rupert Sanders – che ha alle spalle soltanto la già non particolarmente emozionante rivisitazione Biancaneve e il Cacciatore – e il suo team, a quanto pare attenti fino a un certo punto alle possibili reazioni della base dei fan degli originali, hanno chiaramente optato per una trasposizione elegante e parecchio annacquata. E’ evitato difatti gran parte dell’esistenzialismo che dovrebbe affliggere un’Intelligenza Artificiale, che prende lentamente coscienza di sé per andare all in sul solito sparatutto futuristico che scava nella psicologia del personaggio principale con un cucchiaino da caffè invece che con una trivellatrice. Forse ricorderete che – come successo anche per il già formattato The Great Wall – al momento dell’annuncio del cast l’anno scorso erano esplose le polemiche per l’ormai pronto a entrare nelle parole d’uso comune whitewashing, che alla luce della visione risulta però il ‘minore’ dei problemi. Come ormai uso e costume a Hollywood, il team composto da ben tre sceneggiatori (Jamie Moss, William Wheeler e Ehren Kruger) ha scelto di gettare nel pozzo senza fondo di Sparta le idee più stimolanti e criptiche del materiale di partenza, privilegiando ‘giustamente’ un film d’azione che salta da uno scontro all’altro senza fermarsi troppo a contemplare e che sbocconcella aforismi 3.0 for dummies.

Ghost in the ShellLe opere giapponesi riuscivano clamorosamente a essere al tempo stesso crude e filosofiche, annegando gli spettatori in uno stato di disagio e spingendoli a riflettere seriamente sul futuro dell’umanità, deragliata in un mondo sempre più tecnologizzato – dove attraverso cavi inseriti nella parte posteriore della testa si possono uploadare nuove informazioni e funzioni alla bisogna e dove puoi farti impiantare un fegato artificiale per sbronzarti a morte senza pensieri. Il live action di Ghost in the Shell dà solo un vago assaggio di quelle atmosfere, che rimangono più aleggianti sullo sfondo che vero e proprio nocciolo della storia; quest’ultima si riduce invece a un semplicistico scontro tra Bene e Male, dove nessun mistero resta alla fine irrisolto. Nemmeno degli aspetti più sensuali legati alle nudità del Maggiore (nascoste dalla tuta termo-ottica color carne) o dell’evocativa colonna sonora di Kanji Kawai è praticamente rimasta traccia, tra remix tamarri di Steve Aoki e piattume targato Clint Mansell. Non è mai cosa bella giudicare una pellicola prima di averla vista, ma alla luce dei fatti bisogna dire che gli appassionati più oltranzisti avevano giustamente di che storcere il naso sin dai primi trailer. L’unico motivo di interesse qui potrebbe essere infatti quello di saziare la fame e la curiosità di quelli che volevano a ogni costo vedere trasportati ‘dal vero’ e nel glorioso formato IMAX e 3D alcune iconiche sequenze e personaggi, magari per progettare meglio il prossimo costume da cosplayer da portare a Lucca Comics & Games 2017. Ovviamente quello visivo è uno degli aspetti meglio riusciti (140 milioni di dollari di budget non sono proprio briciole): in ogni sequenza c’è qualcosa che cattura lo sguardo, su tutto le incredibili robo-geishe – sfruttate per pochi istanti però – o l’acquoso limbo virtuale in cui strisce di numeri binari galleggiano verso l’alto come bolle d’aria.

Come detto però, i dati raccolti con visioni in fast-forward dei film di Oshii (non ci spingiamo nemmeno a ipotizzare la lettura del manga di Masamune Shirow da cui tutto ha avuto avvio) non raggiungono mai una massa critica sufficiente a farsi ricordare, risultando in un tripudio di luci lampeggianti e bei colori vivaci, insieme distraenti e distraibili, che culminano in un finale che vede il Maggiore dall’alto di un grattacielo scrutare la città sottostante e con voce fuoricampo recitare il mantra di quali sono il suo posto nel mondo e il suo scopo (pescate liberamente dall’ultimo ventennio i film che utilizzano lo stesso espediente, ne troverete non meno di quindici).

Certo, se avete 15 anni e/o vi è piaciuto un guazzabuglio come Lucy di Luc Besson, non avrete difficoltà ad adorare anche questo adattamento, tanto ambizioso all’apparenza quanto vacuo all’interno, come lo sguardo della Johansson.

Di seguito il trailer ufficiale italiano di Ghost in the Shell:

Scarlett Johansson
Pilou Asbæk
Michael Pitt
Takeshi Kitano
Rila Fukushima
Juliette Binoche
Chin Han
Lasarus Ratuere
Tawanda Manyimo
Yutaka Izumihara
Michael Wincott
Christopher Obi
Peter Ferdinando
Danusia Samal
Anamaria Marinca
Daniel Henshall
Mana Hira Davis
Kaori Momoi
Adwoa Aboah
Kai Fung Rieck
Andrew Stehlin
Matthias Luafutu
John Luafutu
Kaori Yamamoto
Pete Teo
Tanya Drewery
Jacqueline Lee Geurts
Shinji Ikefuji
Hannah Tasker-Poland
Emma Coppersmith
Xavier Horan
Allan Henry
Joseph Naufahu
Makoto Murata
Andrew Morris
Yuta Kazama
Tricky
Philippe Joly
Ike Amadi
Kirk Baily
Julianne Buescher
Artt Butler
David Chen
Elisa Gabrielli
Jessica Gee-George
Paul Pape
Rebecca Riedy
Keith Silverstein
Scott Whyte
Lynnanne Zager
Erroll Anderson
Natarsha Orsman
Vinnie Bennett
Bowie Chan Wing Wai
Kirt Kishita
David Johnson Wood
Kate Venables
28 settimane dopo film 2007
Sci-Fi & Fantasy

Danny Boyle su 28 Mesi Dopo: “Io e Alex Garland abbiamo una grande idea per ripartire”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo un lungo silenzio, il regista riaccende le speranze dei fan della saga horror ferma dal 2007, rilanciando la concreta possibilità di un nuovo sequel

Leggi
Zelda Williams in Dark Web (2019) serie amazon
Sci-Fi & Fantasy

Teaser per Dark/Web, serie fanta-horror antologica di Amazon con Nicholas Brendon

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti dello show originale troveremo anche Julie Benz e Gabriel Luna

Leggi
stranger things 3
Sci-Fi & Fantasy

Trailer finale per Stranger Things 3: l’Apocalisse oscura l’estate di Hawkins nel 1985

di Redazione Il Cineocchio

I giovani protagonisti della serie fanta-horror di Netflix dovranno affrontare una nuova e pericolosissima minaccia, un mix tra Venom e le creature di Resident Evil con manie di grandezza

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer (leak) per Monster Hunter: Diablos e Rathalos vs. Tony Jaa e Milla Jovovich

di Redazione Il Cineocchio

Emerge in rete il filmato rubato allo Shanghai International Film Festival del film live action diretto da Paul W.S. Anderson

Leggi
Jodorowsky's Dune (2013) giger film
Sci-Fi & Fantasy

Tra le pieghe del tempo | Alejandro Jodorowsky nel 1975 su Dune: “Ho licenziato Salvador Dalì; vi spiego il motivo”

di Redazione Il Cineocchio

Durante la fase di pre-produzione, il regista cileno rivelava a sorpresa di aver rinunciato alla presenza del noto pittore spagnolo nel cast del suo adattamento, spinto da gravi ragioni molto precise

Leggi
ALEJANDRO JODOROWSKY
Sci-Fi & Fantasy

Riscopriamo Anno 4000 museo Terra, il film perduto di Alejandro Jodorowsky

di Redazione Il Cineocchio

Proviamo a far luce sul misterioso progetto, presentato in pompa magna a Milano nell'aprile del 1978 dal regista cileno in persona, le cui riprese - apparentemente imminenti - mai partirono

Leggi
KIPO AND THE AGE OF WONDERBEASTS serie netflix
Sci-Fi & Fantasy

Kipo And The Age of Wonderbeasts: trailer per la serie animata fanta-apocalittica della DreamWorks (per Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice Karen Fukuhara ha prestato la voce alla protagonista, una ragazza a spasso per un pianeta in cui ogni animale 'puccioso' è in realtà una seria minaccia alla sua vita

Leggi
shanghai fortress film
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Shanghai Fortress: la Cina brucia sotto l’attacco degli alieni

di Redazione Il Cineocchio

Shu Qi e Lu Han sono i protagonisti dell'adattamento dell'omonimo romanzo sci-fi diretto dal regista Teng Huatao

Leggi
ghostbusters 1984 scena eliminata birra
Sci-Fi & Fantasy

Ghostbusters 1984: guardate le 4 scene alternative e cancellate mai mostrate in pubblico

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Jason Reitman ha fatto un grande regalo agli appassionati accorsi per la Ghostbusters Fan Fest, mostrando alcuni ciak inediti che coinvolgono Bill Murray, Sigourney Weaver, Dan Aykroyd, Harold Ramis, Rick Moranis e Annie Potts

Leggi
Siân Phillips in Dune (1984) film
Sci-Fi & Fantasy

Dune: The Sisterhood, si fa la serie sulle Bene Gesserit. Denis Villeneuve per il pilot

di Redazione Il Cineocchio

Il regista canadese sovraintenderà, assieme allo sceneggiatore Jon Spaihts, lo spin-off per il piccolo schermo ispirato al romanzo di Frank Herbert

Leggi
i am mother film netflix Clara Rugaard
Sci-Fi & Fantasy

I Am Mother: interpretazione del finale e di ciò che accade nel film con Hilary Swank

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di far luce su alcuni punti salienti del thriller di fantascienza distribuito da Netflix diretto da Grant Sputore e scritto da Michael Lloyd Green

Leggi
I Am Mother (2019) film netflix
Sci-Fi & Fantasy

I Am Mother | La recensione del film con Hilary Swank, dove maternità e I.A. si incontrano

di William Maga

Il regista Grant Sputore debutta - distribuito da Netflix - con un'intelligente analisi del comportamento umano che è anche un thriller squisitamente inquietante

Leggi
Colin Farrell in Minority Report (2002)
Sci-Fi & Fantasy

Colin Farrell su Minority Report: “Dovetti ripetere una scena 56 volte, fui un disastro”

di Redazione Il Cineocchio

L'attore ha ricordato il terribile giorno in cui mise a dura prova la pazienza del regista Steven Spielberg a causa di una sua richiesta non accolta dalla produzione del film

Leggi
mirai hosoda blu-ray
Sci-Fi & Fantasy

Recensione Blu-ray | Mirai di Mamoru Hosoda

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizione italiana del film giapponese che ha concorso ai premi Oscar 2019 per la Miglior opera d'animazione

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Black Mirror stagione 5 | La recensione dei tre nuovi episodi della serie Netflix

di William Maga

È lo 'specchio nero' di Charlie Brooker a essersi fatto più luminoso oppure è il mondo reale che è diventato più cupo?

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

La mia vita con John F. Donovan

La mia vita con John F. Donovan

27-06-2019

Toy Story 4

Toy Story 4

26-06-2019

RECENSIONE

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

RECENSIONE

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019