Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione story | Il Profumo della Signora in Nero di Francesco Barilli

6/10 su 26 voti. Titolo originale: Il profumo della signora in nero, uscita: 29-03-1974. Regista: Francesco Barilli.

Recensione story | Il Profumo della Signora in Nero di Francesco Barilli

17/07/2018 di Sabrina Crivelli

Mimsy Farmer è la disturbata protagonista del sottovalutato thriller psicologico del 1974, memorabile anche per il truce e inaspettato finale

Con l’arrivo dell’ottimo Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster (la nostra recensione), torna in sala l’horror incentrato sui culti satanici e sui loro adepti. Al film, dalla realizzazione impeccabile ma che risente palesemente dell’influsso di diversi predecessori (come tranquillamente ammesso dal regista stesso), è stata riconosciuta – e da alcuni criticata – l’affinità con alcune pietre miliari del filone, primo tra tutti Rosemary’s Baby – Nastro rosso a New York di Roman Polański. Se il capolavoro del 1968 ha indubbiamente dei punti in comune con Hereditary, esiste però anche nella cinematografia italiana un titolo – probabilmente a molti sconosciuto – incredibilmente affine e sempre incentrato sul medesimo soggetto: Il Profumo della Signora in Nero, scritto e diretto da Francesco Barilli nel 1974.

Protagonista è una giovane donna, l’affascinante Silvia Hacherman (una notevole Mimsy Farmer, che molto ricorda la Mia Farrow di Rosemary’s Baby). Orfana dopo la misteriosa morte della madre, la ragazza ha all’apparenza una vita normale, ricopre un posto di rilievo in un’azienda farmaceutica e ha un avvenente fidanzato, Roberto (Maurizio Bonuglia). Tutto sembra quindi procedere per il meglio, quando d’improvviso, a una cena, un professore di sociologia specializzato negli usi e costumi africani, Andy (Jho Jhenkins), inizia a parlare ai suoi ospiti del culto delle messe nere, che dichiara essere ancora attivo nel continente, lasciando profondamente turbata Silvia. A partire da quel momento, la ragazza inizia ad esperire una serie di fenomeni inquietanti, vede comparire d’improvviso una donna vestita di nero e una bambina, inizia ad avere numerose allucinazioni e a rivivere alcuni momenti drammatici del suo passato. La sua condizione psichica degenera velocemente, fino a divenire un’intensa psicosi, la cui origine non è tuttavia nel suo passato, ma in un rituale di cui è inconsapevole vittima.

Denso di tensione e con non poco sangue, Il Profumo della Signora in Nero (il cui titolo è un omaggio a Le parfum de la dame en noir di Marcel L’Herbier del 1931) tanto ha in comune con il già citato horror di Roman Polański, nella creazione della tensione, nella sospensione tra realtà e psicologico, nel delineare le tese dinamiche tra la protagonista / vittima designata di un’oscura congiura e coloro che contro di lei tramano, gli insospettabili vicini, gli amici, perfino il compagno. Se da un lato, dunque, è decisamente simile al predecessore, ci sono anche non poche differenze. Thriller psicologico dominato da uno sviluppo conturbante e allucinatorio, emergono nelle sequenze una serie di fantasmi dal passato di Silvia, di miraggi e di visioni funeste, che in parte ricordano per l’indefinibilità tra realtà e delirio Venezia… un dicembre rosso shocking, ma con un epilogo meno surreale e al contempo più scioccante dell’omicidio con cui si concludeva solo un anno prima il film di Nicolas Roeg. Difatti, memorabile e particolarmente scabroso è il suicidio della protagonista, al culmine di una grave nevrosi che la porta a rivivere un evento traumatico dell’infanzia. Ossessionata dalla visione di una bambina – proiezione di lei stessa -(Daniela Barnes, che reciterà poi ancora minorenne nel controverso Maladolescenza del 1977 con lo pseudonimo di Lara Wendel) e della madre mentre si spruzza un profumo e poi viene posseduta da un uomo viscidissimo, Silvia precipita lentamente nella follia, fino a buttarsi giù dal terrazzo della sua abitazione. Tuttavia, scoperta sconvolgente, una volta che la giovane è morta, assistiamo a un funesto sabba in cui tutti coloro che lei conosceva e di cui si fidava, Roberto, il sig. Rossetti (Mario Scaccia), una coinquilina e pure Andy, dopo averla brandito un grosso coltello, la sventrano e ne mangiano un organo o un brandello di carne. Il tutto è descritto con macabra minuzia, come se ciascun adepto attendesse il proprio turno in questo banchetto satanico che certo è la perversione della comunione cattolica, in cui i fedeli accettano il Corpus Christi.

Tuttavia, a lasciar nello spettatore un profondo senso di inquietudine non è solo il cruento apice in cui si consuma un blasfemo rito di antropofagia, ma il modo in cui l’intero Il Profumo della Signora in Nero è sviluppato. Così il mondo tangibile si confonde con l’emisfero della mente, i ricordi con il presente in un turbinio di immagini e sensazioni. L’afa quasi tangibile dell’estate romana filtra l’immagine filmica rendendola vaga, nebulosa, come se dal caldo e dall’umidità emergessero una teoria di spettri, che poi nel tremolio dell’aria svaniscono. Atmosfera metafisica degna d’un quadro di Giorgio de Chirico, le strade semi deserte di giorno, e ancor più di notte, sembrano sospese in un universo quasi surreale, effetto che trasmette la fotografia degli esterni di Mario Masini (che nel 1976 vinse a Cannes la Palma d’Oro con Padre Padrone di Paolo e Vittorio Taviani). Gli interni, d’altro canto, celano nell’ombra sinistre e indefinite presenze, come la donna seduta in un angolo oscuro della stanza di Roberto che Silvia scorge in uno specchio quando va a cercarlo. Sovente Francesco Barilli ricorre all’inquadratura dell’immagine riflessa in una superficie specchiata, come nella scena topica dell’interrogazione di una medium (Nike Arrighi); tuttavia, si tratta di un inganno dello sguardo e della mente … Il pubblico è allora immerso in questo mondo tra materia e sogno, quello esperito dalla protagonista, che sempre più si tramuta in un incubo infantile che emerge crudele nell’età adulta. Cupamente nostalgico, ad acuire il senso di angoscia che dalla sventurata vittima designata si propaga allo spettatore è la colonna sonora di Nicola Piovani (che nel 1999 vincerà il premio Oscar per La vita è bella di Roberto Benigni), con le sue note melanconiche e a tratti stridenti di violino.

Il Profumo della Signora in Nero riesce così sino al finale, inaspettato e di certo ad effetto, a lasciare chi guarda in bilico sulla vera natura di ciò che è stato messo in scena. Sarà stato tutto un delirio di Silvia, o sarà invece realtà? Gli indizi di cui sono disseminati i dialoghi sibillini e alcuni momenti topici, gli sguardi e i gesti ambigui dei personaggi con cui la donna ha a che fare, fino alle vere e proprie allucinazioni, tutto concorre a creare questo stato d’incertezza, portata sapientemente avanti fino all’ultimo istante. A coronare la pellicola è la performance di Mimsy Farmer, inizialmente timida e stranita, quasi in balìa degli eventi, ma la sua recitazione presto cambia nettamente una volta dominata dalla pazzia, che la porta a compiere, almeno all’apparenza, una serie di efferati gesti e quindi a togliersi la vita.

Di seguito trovate il trailer originale:

Mimsy Farmer
Maurizio Bonuglia
Mario Scaccia
Jho Jhenkins
Niké Arrighi
Lara Wendel
Aleka Paizi
Renata Zamengo
Ugo Carboni
Roberta Cadringher
Gabriele Bentivoglio
Luigi Antonio Guerra
Carla Mancini
Donna Jordan
Orazio Orlando
Renato Chiantoni
Margherita Horowitz
Horror & Thriller

Leprechaun Returns | La recensione del film

di Raffaele Picchio

A 25 anni dal primo capitolo, torna il ferocissimo folletto irlandese più in forma che mai: quello diretto da Steven Kostanski è un cartoon splatter divertente e scanzonato capace di traghettare la saga verso nuovi lidi

Leggi
L'Esperimento russo del sonno creepypasta
Horror & Thriller

L’Esperimento russo del sonno: dettagli per il film sul creepypasta anni ’40

di Redazione Il Cineocchio

Svelati regista, trama e cast per The Soviet Sleep Experiment, horror che porta al cinema il raccapricciante racconto sulle conseguenze della privazione del sonno cui vennero sottoposti alcuni prigionieri sovietici

Leggi
radius terminal the end blu-ray dvd
Horror & Thriller

Recensione home video | The End? – L’inferno fuori (BD) + Terminal (BD) + Radius (DVD)

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni dello zombie-movie di Daniele Misischia, del thriller al neon con Margot Robbie e del fanta-horror canadese diretto da Caroline Labrèche e Steeve Léonard

Leggi
tim burton set
Horror & Thriller

R.L. Stine su Piccoli Brividi: “Avevo l’accordo con Tim Burton per il primo film”

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore americano ha raccontato di quando a metà degli anni '90 incontrò il regista per progettare l'adattamento cinematografico della nota saga di libri horror per ragazzi

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Final Wish, un Jinn avvera desideri a caro prezzo

di Redazione Il Cineocchio

Nell'horror diretto da Timothy Woodard Jr. ci sono Tony Todd, Lin Shaye e Spencer Locke

Leggi
cold skin la casa 2 detective dee re celesti blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Cold Skin + La Casa 2 + Detective Dee e i quattro re celesti

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane della favola dark di Xavier Gens, del classico di Sam Raimi restaurato e della terza fanta-indagine dell'investigatore più famoso di Cina diretta da Tsui Hark

Leggi
St. Agatha film bousman
Horror & Thriller

Nel trailer di St. Agatha, un convento è luogo di peccato e tremende pratiche

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Darren Lynn Bousman torna sulle scene con un horror che intende reinventare il sottogenere nunsploitation

Leggi
One Must Fall film Antonio Pantoja
Horror & Thriller

Nel trailer di One Must Fall, un macellaio maniaco tortura le sue prede

di Redazione Il Cineocchio

Allo slasher che segna il debutto del regista e sceneggiatore Antonio Pantoja ha partecipato anche Lloyd Kaufman della Troma

Leggi
the void il vuoto film poster
Horror & Thriller

Steven Kostanski su The Void: “Molte idee per un sequel, ma dipende dai produttori”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha parlato del possibile secondo capitolo - richiesto a gran voce dai fan - del suo horror del 2016, tra speranze e incertezze

Leggi
voorhees Cody Faulk fan film
Horror & Thriller

Full trailer per Voorhees, ambizioso fan film di Venerdì 13

di Redazione Il Cineocchio

Finalmente pronto dopo due anni il progetto diretto da Cody Faulk, che ha promesso il capitolo più dark e violento della saga slasher

Leggi
peter jackson set splattes 1992
Horror & Thriller

Peter Jackson: “Pronto a disgustare il pubblico in modi nuovi, come agli inizi”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista neozelandese ha ammesso che non sarebbe contrario a scioccare ancora gli spettatori, come già fatto ai tempi con Fuori di testa e Splatters

Leggi
Horror & Thriller

Teaser, trama e cast per 47 Meters Down: Uncaged, tra gli squali bianchi in Brasile

di Redazione Il Cineocchio

Dopo l'inaspettato successo del primo film, Johannes Roberts torna in regia per un sequel che intende scavare ancora più a fondo nelle paure ancestrali dei suoi protagonisti

Leggi
glass shyamalan film
Horror & Thriller

Nel terzo trailer di Glass, i cattivi fanno squadra per fuggire dalla prigionia

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà a Bruce Willis fermare Samuel L. Jackson e 'la Bestia' James McAvoy nel terzo film della trilogia fanta-horror di M. Night Shyamalan che reinventa il genere dei supereroi

Leggi
Dreadout Tower Of Hell film
Horror & Thriller

Il trailer di Dreadout: Tower of Hell ci trasporta in un mondo di demoni e mostri

di Redazione Il Cineocchio

L'indonesiano Kimo Stamboel torna alla regia con l'adattamento per il cinema di un noto videogioco horror locale

Leggi
Horror & Thriller

Trama ufficiale, poster, data di uscita e cast per Us, horror di Jordan Peele

di Redazione Il Cineocchio

Dopo l'incredibile e inaspettato successo di Scappa - Get Out, il regista, sceneggiatore e produttore è pronto a tornare sulle scene con un nuovo film del terrore impegnato socialmente

Leggi
ഒടിയന്‍

ഒടിയന്‍

T. originale: ഒടിയന്‍

Data di uscita: 14-12-2018

Voto medio: 8 su 2 voti
Il testimone invisibile

Il testimone invisibile

T. originale: Il testimone invisibile

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 9 su 1 voti
Capri-Revolution

Capri-Revolution

T. originale: Capri-Revolution

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 7 su 3 voti
Lontano da qui

Lontano da qui

T. originale: The Kindergarten Teacher

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 42 voti
Un piccolo favore

Un piccolo favore

T. originale: A Simple Favor

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 458 voti
Macchine mortali

Macchine mortali

T. originale: Mortal Engines

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 89 voti

RECENSIONE

La donna elettrica

La donna elettrica

T. originale: Kona fer í stríð

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 7 su 33 voti
Dinosaurs

Dinosaurs

T. originale: Dinosaurs

Data di uscita: 10-12-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Calcutta - Tutti in Piedi

Calcutta - Tutti in Piedi

T. originale: Calcutta - Tutti in piedi

Data di uscita: 10-12-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Natale a 5 stelle

Natale a 5 stelle

T. originale: Natale a cinque stelle

Data di uscita: 07-12-2018

Voto medio: 4 su 27 voti
Santiago, Italia

Santiago, Italia

T. originale: Santiago, Italia

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 2 voti
La prima pietra

La prima pietra

T. originale: La prima pietra

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 6 su 1 voti
Sulle sue spalle

Sulle sue spalle

T. originale: On Her Shoulders

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
La casa delle bambole - Ghostland

La casa delle bambole - Ghostland

T. originale: Ghostland

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 415 voti

RECENSIONE

Non ci resta che vincere

Non ci resta che vincere

T. originale: Campeones

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 140 voti
Colette

Colette

T. originale: Colette

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 39 voti
Alpha - Un'amicizia forte come la vita

Alpha - Un'amicizia forte come la vita

T. originale: Alpha

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 5 su 704 voti
Il castello di vetro

Il castello di vetro

T. originale: The Glass Castle

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 271 voti