Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] In a Lonely Place di Davide Montecchi

6,5/10 su 10 voti. Titolo originale: In a Lonely Place, uscita: 08-01-2016. Regista: Davide Montecchi.

[recensione] In a Lonely Place di Davide Montecchi

09/11/2016 recensione di Sabrina Crivelli

Un paradossale dialogo sull'amore, la follia e la bellezza che ci porta a sprofondare nella tenebra

Riecheggia “I love so much” nelle stanze vuote, ripetuto ossessivamente come un mantra, mentre gocce di sangue tingono una corda di rosso. Cambia inquadratura, una donna è legata, la luce alle spalle dalla finestra ci impedisce di vederne i lineamenti del volto, la sovraesposizione della lente rende confusa l’intera figura, legata. Poi, finalmente, il viso è messo a fuoco, la smorfia di dolore accompagna le urla disperate. Si apre così In a Lonely Place, film d’esordio di Davide Montecchi, che ne scrive anche la sceneggiatura insieme a Elisa Giardini.

locandina-in-a-lonely-place-montecchiDramma oscuro e essenziale, è raccontato attraverso la voce disturbante e magniloquente di Thomas, interpretato da Luigi Lewis Busignani, che proviene da una lunga permanenza nel teatro sperimentale, è stato formato col metodo recitativo realista di Susan Batson alla Black Nexxus di New York, e sin dai primi fotogrammi se ne percepisce l’influenza. Assistiamo infatti a un film fortemente teatrale, sono i due personaggi, accanto all’attore c’è Teresa, impersonata da Lucrezia Frenquellucci. L’intera azione prende vita dal loro dialogo, a tratti un monologo, sempre fortemente espressivo, e soli reggono l’intera scena, riempiono il vuoto, l’altrimenti assenza dell’umano che, a parte loro due, vige sovrana nell’enorme struttura alberghiera piena di reliquie dalla decadente sublimità.

E’ una storia d’amore densa d’angoscia, rivissuta attraverso i ricordi di una mente disturbata, quella del protagonista, che cerca disperatamente di ritornare a un momento topico, eppure obliato.  “Non posso ricordare, non posso ricordare, non
posso ricordare”. A ritroso Thomas indaga nella propria psiche e ricostruisce un mondo surreale, il fotogramma stesso, la cromatica e i movimenti di macchina, infinitamente lenti, tradiscono un punto di vista soggettivo e allucinato, una lettura straniante del reale. L’inizio e la fine coincidono, nella mente del folle. In uno sviluppo non lineare si succedono i flash back, si alternano ad un presente irreale, un limbo psichico in cui il tempo scorre illogico, onirico e mentale e la percezione irrazionale dello scorrere delle ore è concretizzato lì, su una parete in penombra alle spalle di lui, nel riflesso del sole che compie un tragitto troppo veloce, troppo accelerato. I piani temporali si confondono, il presente e il passato, ma soprattutto è nebuloso quello che pare un tragico epilogo, il rimosso freudiano riemerge costantemente tra le immagini, reiterato ossessivamente.

in-a-lonely-place-montecchi-filmLa telecamera allora si addentra, indagatrice, strisciante, negli angoli, tra i mobili, spettatrice nascosta, cerca di narrarci ciò che è successo attraverso i dettagli inquadrati, un coltello, un dito insanguinato, una stanza che riecheggia delle parole degli unici personaggio presenti, ci trascina nella follia di lui, condotti dalla sua voce che si sdoppia in un delirante dialogo tra due proiezioni di un sè dissociato. Surreale nei colori, come nell’azione, la tavolozza è struttura sui toni innaturali dell’ocra, ogni scena è giocata su chiaroscuri marcati, su fasci di luce che nettamente distaccano il dettaglio dalla tenebra, come se dal magma confuso nella mente del soggetto narrante emergessero d’improvviso dei particolari, come un lampo accecante.

Alla ricerca di un legame amoroso più profondo, allo stesso tempo paradossale, Thomas sceglie la via del dolore per fare emergere la reale natura di Teresa. Anche qui è il dialogo, più dell’azione, ad essere rivelatore: anzittuto lui le narra del Mostro di Parigi, che uccise e divorò la sua amata, che nel cannibalismo trovò una forma perversa di totale fusione, eros e thanatos portato ai suoi limiti più estremi diviene quivi un’unione inscindibile e agghiacciantemente fisica. E’ una lenta deriva, con incursioni fulminee nell’oscurità, per poi tornare indietro, dalla tortura, dalle grida, si passa ad una tranquilla conversazione a tavola sul passato di lei.

in-a-lonely-place-film-montecchiInsensato, si rivela però un iter di scoperta interiore che, attraverso la sofferenza, vuole far affiorare in superficie una verità nascosta e sconvolgente. Adorante, innamorato fino ad essere disposto a ricorrere ad ogni mezzo, il protagonista pone in essere un rituale malato, mentre raccoglie macabre reliquie della sua dea; intanto l’impietoso obiettivo si sofferma sulla disperazione di lei, sembra incarnare lo sguardo indagatore del suo carnefice. Tuttavia non è una crudeltà gratuita, immotivata, è uno strumento per liberare la vittima stessa, per permetterle di vedere la sua vera immagine, scevra dalla sovrastruttura che l’ha sempre frustrata. Gli specchi, come lo schermo di un televisore in cui compare Teresa, ripresa mentre uccide un coniglio indifeso, sono i mezzi di questo svelamento, solo arrivando ad accettare e a mostrare se stessa, lei potrà davvero iniziare a sentire, ma la sua essenza è inaccettabile, sanguinaria, è una predatrice, eppure per Thomas…

In a Lonely Place è una lunga e complessa riflessione sulla bellezza, sulla morte, sull’amore e sulla follia, è una riflessione dispiegata in un’aulica pervasione verbale, con una tesi paradossale e insieme sublime, perfettamente resa dai versi di Francisco de Quevedo che concludono il film: “serán ceniza, mas tendrá sentido; polvo serán, mas polvo enamorado”.

Di seguito il trailer ufficiale di In a lonely Place:

let her out night watchmen blu-ray ita
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Let Her Out + The Night Watchmen

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del body horror diretto da Cody Calahan e della dark comedy coi clown vampiri di Mitchell Altieri

Leggi
scuola di mostri hd 1987
Horror & Thriller

Fred Dekker su Scuola di Mostri: “La serie TV vanificata da IT e Stranger Things”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha rivelato la sua idea per un adattamento televisivo del suo classico del 1987, spiegando come il film di Andrés Muschietti e la hit di Netflix gli abbiano messo i bastoni tra le ruote

Leggi
3 from hell film rob zombie
Horror & Thriller

Il full trailer di 3 from Hell di Rob Zombie svela come si sono salvati Baby, Otis e Spaulding

di Redazione Il Cineocchio

A 13 anni da La Casa del Diavolo, i redivivi Sid Haig, Bill Moseley e Sheri Moon tornano sulle scene in un capitolo conclusivo della trilogia imprevedibile e vietatissimo ai minori

Leggi
George Ratliff Welcome Home 11
Horror & Thriller

Welcome Home | La recensione del thriller a tinte erotiche con Riccardo Scamarcio e Emily Ratajkowski

di William Maga

Il regista George Ratliff torna in regia dopo 7 anni per un film - riuscito a metà - che strizza l'occhio ai classici del genere, inscenando un triangolo morboso in cui c'è anche Aaron Paul

Leggi
5 è il numero perfetto film igort servillo
Horror & Thriller

Trailer per 5 è il numero perfetto: Toni Servillo è un gangster nella Napoli degli anni ’70

di Redazione Il Cineocchio

Igort adatta per il grande schermo il suo fumetto del 2002, strizzando l'occhio al cinema di Hong Kong di Johnnie To e a John Woo

Leggi
The Hunt film 2019
Horror & Thriller

Teaser per The Hunt: Emma Roberts e Hilary Swank braccate per sport da milionari spietati

di Redazione Il Cineocchio

C'è Damon Lindelof alla sceneggiatura del film diretto da Craig Zobel e prodotto dalla Blumhouse

Leggi
l'uomo invisibile film universal
Horror & Thriller

L’uomo Invisibile: trovato il protagonista del reboot; c’è la data di uscita

di Redazione Il Cineocchio

Arriva dalla serie horror Hill House l'attore che affiancherà Elisabeth Moss e Storm Reid nel film diretto da Leigh Whannell prodotto da Blumhouse e Universal

Leggi
Something Else film 2019
Horror & Thriller

Something Else | La recensione della monster dramedy con Brea Grant (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Jeremy Gardner - attore e regista insieme a Christian Stella - è al centro di un horror bizzarro, che gioca con le aspettative dello spettatore e sulla sanità mentale del protagonista

Leggi
Achoura film 2019 nifff
Horror & Thriller

Achoura | La recensione dell’horror di Talal Selhami sul Bougatate (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il regista franco-marocchino torna sulle scene con una favola dark sulla perdita dell'innocenza un po' debitrice di IT, che ha il pregio di introdurre al pubblico occidentale un boogeyman del folkore arabo che mangia i bambini

Leggi
drag-me-to-hell-raimi
Horror & Thriller

Sam Raimi su Drag Me To Hell: “Vi spiego perché non c’è stato un sequel”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'horror del 2009 ha parlato del banale motivo per cui non ha mai pensato di proseguire la storia che ha visto coinvolta Alison Lohman

Leggi
blair witch woods wingard
Horror & Thriller

Eduardo Sanchez su The Blair Witch Project: “Ho idee per dei film su Rustin Parr ed Elly Kedward”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'horror del 1999 ha rivelato come vorrebbe continuare la saga, adottando un approccio decisamente alternativo e poco tradizionale

Leggi
Dario Argento Netflix Stranger Things
Horror & Thriller

Dario Argento su Stranger Things: “Ci avrei messo più sangue; vi dico come affronterei un Demogorgone”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista 78enne parla della serie fanta-horror di Netflix, rivelando quali cambiamenti avrebbe apportato lui negli anni '80 e le armi più adatte per sconfiggere il terribile mostro

Leggi
Come to Daddy film 2019 2
Horror & Thriller

Come to Daddy | La recensione della horror comedy con Elijah Wood (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il neozelandese Ant Timpson debutta alla regia con un film intriso di gore e humor nero che racconta un difficile rapporto tra padre e figlio

Leggi
Sylvester Stallone Terminator 2 Deepfake
Horror & Thriller

Video Deepfake | Sylvester Stallone è il T-800 di Terminator 2 al posto di Arnold Schwarzenegger

di Redazione Il Cineocchio

Con la stessa rivoluzionaria e inquietante tecnologia, in altre 3 clip Jim Carrey diventa Jack Torrance in Shining e Bill Murray è il Sergente Maggiore Hartman di Full Metal Jacket

Leggi
bruce campbell la casa 1981
Horror & Thriller

Sam Raimi su La Casa: “Penso a un nuovo film della saga, magari con Bruce Campbell e Fede Alvarez”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista della trilogia originale riaccende la speranza dei fan dopo la cancellazione della serie Ash vs. Evil Dead e il 'ritiro' dal ruolo dell'attore

Leggi
Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

RECENSIONE

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE