Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione | La ballata di Buster Scruggs di Joel e Ethan Coen

7/10 su 2356 voti. Titolo originale: The Ballad of Buster Scruggs, uscita: 09-11-2018. Regista: Ethan Coen.

Recensione | La ballata di Buster Scruggs di Joel e Ethan Coen

17/11/2018 recensione film di William Maga

I due fratelli si divertono a decostruire i canoni del genere western, imbastendo sei storie brevi capaci di sovvertire il mito americano della frontiera

La ballata di Buster Scruggs coen netflix

Durante l’ultima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, il logo di Netflix è passato assai spesso sui grandi schermi della manifestazione lagunare, grazie alle proiezioni di Roma di Alfonso Cuarón (vincitore poi del Leone d’Oro), del ritrovato The Other Side of the Wind di Orson Welles, di 22 Luglio di Paul Greengrass (la nostra recensione) e di La ballata di Buster Scruggs (The Ballad of Buster Scruggs). Inizialmente annunciata come serie televisiva, l’ultima fatica dei fratelli Joel e Ethan Coen è stato poi rimescolata come un’antologia nello stile dei film portmanteau degli anni ’60 come Tre Passi nel Delirio, Boccaccio 70 o Ieri, Oggi, Domani – radunando qui una sequenza di sei racconti di varia lunghezza e tono, tutti uniti però dall’ambientazione ricca di storie del Vecchio West.

La ballata di Buster Scruggs film posterLa prima immagine mostra un libro rilegato in verde dal titolo The Ballad of Buster Scruggs and Other Tales of the American Frontier. La telecamera si avvicina sempre più, mentre una mano gira le pagine per rivelare storie brevi dai nomi quali Meal Ticket, Near Algodones e All Gold Canyon.

Prima però, i Coen raccontano proprio la La ballata di Buster Scruggs, il segmento in cui il nostro eroe del titolo (Tim Blake Nelson, nuovamente al soldo dei fratelli dopo Fratello, dove sei? del 2000) compare, approcciandosi da un’ampia pianura rurale mentre canta la melodia popolare Cool, Clear Water. Lui è niente meno che ‘L’usignolo di San Saba’, un cantante e un pistolero abilissimo che suona e assomiglia pure alla leggenda della musica country Hank Williams (che, in effetti, una volta ha registrato quella stessa canzone), con il suo ampio sorriso e l’immacolato look ‘all white’. La fotografia iperrealista del francese Bruno Delbonnel (A proposito di Davis) si adatta perfettamente a questa visione da fumetto della vita di frontiera, mentre i due registi adoperano motivi stilistici che ci si aspetterebbe di trovare in un cartone animato dei Looney Tunes: sagome di polvere scrollate di dosso che rimangono sospese nell’aria, facce annerite dalla polvere da sparo e proiettili che attraversano cappelli da cowboy lasciando buchi circolari perfetti.

Questo personaggio è solo il primo di una vasta varietà di archetipi western a cui viene riservato il ‘trattamento Coen’: in All Gold Canyon, un cercatore d’oro dalla barba bianca (Tom Waits) scandaglia palmo a palmo un’area naturale intatta sperando di imbattersi in una proficua vena d’oro, cantando la vecchia canzone irlandese Mother Machree; in Near Algodones, un aspirante rapinatore di banche (James Franco) viene assalito dalla sfortuna; in That Gal Who Got Rattled una giovane donna (Zoe Kazan) percorre la pista dell’Oregon con un futuro incerto davanti a lei.

La ballata di Buster Scruggs james francoPer tutto i 130′ di durata, Joel e Ethan Coen si dilettano nel tratteggiare bizzarre e imprevedibili storie – quasi sempre dominate dall’amato fato dispettoso – riconducibili alla ricca e variegata (e abusata) tradizione western, assaporando ogni goccia di divertimento nel dissacrare e stravolgere modalità e schemi di narrazione che si credevano intoccabili quando di parla del Vecchio West. La coppia, a quanto pare, non si preoccupa affatto del revisionismo o di sovvertire direttamente tale formula consolidata dalla tradizione hollywoodiana – quindi aspettatevi di trovare in sequenza indiani / nativi americani / pellerossa selvaggi e pronti a fare lo scalpo a chiunque, nessun pistolero-eroe senza macchia, veri e propri freak (si, alla Tod Browning) sfruttati per fare soldi coi loro spettacoli canori e pure damigelle in pericolo -, senza remore e per niente turbati da una rilettura tipica del 21° secolo. Piuttosto, La ballata di Buster Scruggs risuona come una sorta di tributo alla natura flessibile delle ambientazioni dei film western, che possono passare dalle vignette comiche alla cupa ironia, fino all’umorismo da forca e persino agli spettrali e angusti scenari gotici di una notte buia e nebbiosa (come accade nel ‘cortometraggio’ di chiusura col viaggio della diligenza infernale The Mortal Remains, la nostra spiegazione).

Allo stesso tempo, questo puzzle idiosincratico è una vetrina che consente ai Coen di dare sfogo alle loro variegate maschere cinematografiche, dallo scherzoso al più profondo e tutte le sfumature nel mezzo. È un approccio ‘da buffet’ che può inevitabilmente apparire disordinato e persino sciatto, e ricordare il precedente polpettone sull’epoca d’oro di Hollywood Ave, Cesare! del 2016. In ogni caso, La ballata di Buster Scruggs – che a Venezia si è aggiudicato il premio per la Miglior sceneggiatura – continua il percorso dei due filmmaker nell’esplorazione di storie e forme d’arte tipicamente americane – nello specifico qui i miti di fondazione, in tutta la loro sanguinante, contorta e avvincente gloria, che han plasmato l’identità di una nazione.

Di seguito il trailer italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di La ballata di Buster Scruggs, nel catalogo di Netflix dal 16 novembre:

dunkirk film 2017 nolan
Azione & Avventura

Dunkirk | La recensione del film di guerra di Christopher Nolan

di Alessandro Gamma

Un assalto frontale ai sensi dello spettatore, un film di guerra che cerca l'ordine in mezzo al caos capace di issarsi tra le pietre miliari del genere

Leggi
Zachary Levi in Shazam! (2019)
Azione & Avventura

Shazam! | Recensione del film di David F. Sandberg col supereroe Zachary Levi

di William Maga

Il regista abbandona le atmosfere cupe dei suoi horror precedenti per raccontare con (troppa) leggerezza la storia delle origini dell'eroe alter ego di un adolescente, con risultati alterni

Leggi
Pomi d'ottone e manici di scopa (1971) lansbury film
Azione & Avventura

Dossier | Pomi d’ottone e manici di scopa di Robert Stevenson: la fine dell’epoca d’oro dei musical

di William Maga

Nel 1971, Angela Lansbury e David Tomlinson erano i protagonisti di un film Disney a tecnica mista 'gemello diverso' di Mary Poppins, arrivato a chiusura di un ciclo irripetibile

Leggi
regine disney alice malefica
Azione & Avventura

Riflessione | La sete di sangue delle regine dei classici Disney (parte II): Alice e la Bella Addormentata

di Sabrina Crivelli

Esaminiamo le motivazioni e le figure della Sovrana del paese delle meraviglie e di Malefica dei film animati 1951 e 1959, approfondendone gli aspetti più dark

Leggi
fury film 2014
Azione & Avventura

Fury | La recensione del film di guerra di David Ayer

di William Maga

Nel 2014, Brad Pitt e Shia LaBeouf erano i protagonisti di un war movie senza fronzoli, che ci immerge fino ai gomiti nel fango degli ultimi duri giorni della Seconda Guerra Mondiale

Leggi