Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione Venezia 75 | 22 Luglio di Paul Greengrass

7/10 su 456 voti. Titolo originale: 22 July, uscita: 10-10-2018. Budget: $20,000,000. Regista: Paul Greengrass.

Recensione Venezia 75 | 22 Luglio di Paul Greengrass

10/09/2018 recensione di William Maga

Il regista ricostruisce per Netflix la strage perpetrata da Anders Breivik nel 2011, provando a raccontarne le conseguenze sulla Norvegia e cercando di evidenziare come sia necessario rispondere a situazioni del genere, ancora attualissime

Si avverte la presenza di una sorta di velo davanti alla lente che ha filmato gli eventi narrati in 22 Luglio (22 July) di Paul Greengrass (Captain Phillips – Attacco in mare apertoUnited 93), una sottile tendina che finisce per creare inevitabile distanza con chi guarda. Il film, distribuito in esclusiva da Netflix, basato sul libro One of Us: The Story of an Attack on Norway – And Its Aftermath di Asne Seierstad (pubblicato in Italia come Uno di noi) e presentato in concorso alla 75a edizione della Mostra del Cinema di Venezia, ripercorre il terribile giorno del 2011 – e le dirette conseguenze, private, nazionali e legali – in cui Anders Behring Breivik fece prima detonare una bomba a Oslo e poi aprì il fuoco contro un gruppo di adolescenti in un campo estivo situato sull’isola di Utøya, in Norvegia, facendo 77 morti e centinaia di feriti. Assistendo naturalmente alla proiezione in lingua originale, il problema (che non si porrà ovviamente col doppiaggio tritatutto a cui lo spettatore medio è abituato) ruota essenzialmente intorno alla domanda sul perchè si sia optato per far parlare tutti gli attori – tutti madrelingua norvegesi – in inglese. Vediamo così protagonisti e comparse scappare per provare a salvarsi la vita o cercare i loro figli negli ospedali mentre dialogano tra loro in quella che suona evidentemente come una lingua straniera non padroneggiata, che finisce per impoverirne l’espressività e minarne la spontaneità, rischiando di giocarsi la fondamentale immedesimazione dello spettatore. La lingua non è tutto però. Quando ad esempio la squadra di legali della difesa ascolta per la prima volta l’attentatore, mentre parla di un’infanzia tranquilla e poi di assistenti sociali pronti a intervenire al momento del divorzio dei suoi genitori, qualcuno esclama: “Non è esattamente l’immagine che lui stesso si era prefigurato”. Una sottolineatura decisamente poco necessaria. O, ancora, vediamo una copia del quotidiano locale Dagbladet in lingua inglese e il libro Norway Today (mai stampato), che sembrano un foglio A3 fresco di stampante a colori. Dettagli certo, ma ugualmente stonati.

Detto questo, il cast è stato ben scelto. Anders Danielsen Lie, che interpreta Anders Behring Breivik, e Jon Øigarden, che è il suo legale Geir Lippestad, riescono a risultare intensi con poche espressioni e parole. Sembra quasi che la soddisfazione del primo e il dispregio del secondo brillino sui due, come se non fossero in grado di trattenere tali emozioni. Le loro conversazioni sulla difesa da tenere al processo sono una delle tre linee narrative di 22 Luglio. Un’altra segue Jens Stoltenberg, interpretato da Ola G. Furuseth. L’ex Primo Ministro del Regno di Norvegia riceve qui un trattamento ambiguo. Paul Greengrass – anche sceneggiatore dell’adattamento – pone grande enfasi sulle carenze organizzative e preventive evidenziate nel famigerato Rapporto Gjørv; una scelta senz’altro giusta, ma che non mette in particolare risalto quanto di buono il politico fece e per cui divenne tanto famoso, ovvero le parole che pronunciò quando il suo paese ne aveva più bisogno e gli incontri con quelli che rimasero feriti negli attacchi. Infine, la terza sottotrama segue Viljar Hanssen (Jonas Strand Gravli) – uno dei ragazzi gravemente colpiti – e i suoi genitori (Maria Bock e Thorbjørn Harr) nel difficile percorso di riabilitazione ed elaborazione del lutto, coi tre adeguatamente devastati in superficie ma senza mai perdere la sensazione che la vera tempesta emotiva avvenga dentro di loro. Le sequenze negli ospedali e con i parenti sono tuttavia stranamente posate e sobrie, mentre padri, madri e fratelli si raccontano chi e cosa hanno perso quel giorno (si veda in tal senso la Lara di Seda Witt). Insieme alla lingua, questa scelta di non dare pieno sfogo al dramma – ed è difficile credere che i norvegesi abbiano un contegno degno dei giapponesi – non può che contribuire ad attenuare la sensazione di disperazione generale che una situazione di quel tipo dovrebbe scatenare.

Allo stesso tempo, ci troviamo davanti a un film in cui la narrazione a livello individuale è meno importante di quella sociale. In questo, 22 Luglio è un film equilibrato e dignitoso. La struttura stessa della pellicola parla adeguatamente senza essere ridondante. Quello che Paul Greengrass sembra volere evidenziare è come le idee di Anders Breivik non si siano stipate nella cella di isolamento insieme con lui, ma si siano diffuse all’esterno – mentre allo stesso tempo le istituzioni norvegesi, e specialmente la magistratura, abbiano continuato ad agire in tranquillità e senza perdere la testa trovandosi a trattare con una figura senza precedenti come la sua. L’eroismo mostrato in 22 Luglio è l’eroismo delle persone comuni che non hanno smesso di fare il loro lavoro. Non è un caso che avvocati, chirurghi, poliziotti, agenti di polizia e politici locali compaiano – proprio come la madre / sindaco di Viljar – mentre lavorano e si assicurano che le ruote della società continuino a girare senza paura.

E non è un mistero che il regista veda questo film come un commento diretto all’emergenza ancora attualissima della radicalizzazione in Europa, con un chiaro riferimento al movimento di estrema destra norvegese. Poi, certo, i più attenti e preparati sulla vicenda noteranno anche alcune semplificazioni operate. Ad esempio, la prima valutazione psichiatrica di Anders Breivik viene ignorata soltanto perché le conclusioni non incontrano il desiderio generale di punirlo e senza una vera discussione sul perchè si sia arrivati a tale verdetto. “La corte cerca di fare ciò che è meglio per la Norvegia“, si afferma rigorosamente quando quel rapporto non viene preso in considerazione. Può questa essere un’argomentazione sufficiente? In ogni caso, l’attacco a Utøya (e Oslo) – cui Paul Greengrass dedica i primi 35′ – è, ovviamente, faticoso da sostenere, più psicologicamente che visivamente. Gli omicidi a sangue freddo sono ritratti più graficamente rispetto al recentissimo Utøya 22. juli di Erik Poppe (grande successo in patria, ma molto diverso nel mettere in scena la strage), anche se la macchina da presa spesso si allontana nel momento in cui i colpi giungono a destinazione. Si tratta di un reportage necessario, lontano dall’essere speculativo. Non ci si rimugina sopra.

Di fronte a un atto mostruoso del genere, dettato dall’odio cieco, come dobbiamo (re)agire? Paul Greengrass prova a rispondere alla spigolosa domanda affermando che la società civile non deve lasciarsi sopraffare dall’emotività, ma continuare ad agire secondo la legge e affidarsi alla saggezza delle istituzioni. Perchè il bene è sempre più forte del male, anche se spesso ce lo si dimentica.

Di seguito il trailer italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di 22 Luglio, che verrà inserito nel catalogo Netflix il 10 ottobre:

Anders Danielsen Lie
Jon Øigarden
Ola G. Furuseth
Anneke von der Lippe
Trim Balaj
Pål Espen Kilstad
Endre Hellestveit
Øystein Martinsen
Lars Arentz-Hansen
Trygve Svindland
Håkon Smeby
Jonas Strand Gravli
Isak Bakli Aglen
Seda Witt
Maria Bock
Thorbjørn Harr
Marit Andreassen
Valborg Frøysnes
Thor-Harald Normann
Anders Kulsrud Storruste
Monica Borg Fure
Mathias Eckhoff
Selma Strøm Sönmez
Hilde Olausson
Lena Kristin Ellingsen
Turid Gunnes
Ulrikke Hansen Døvigen
Hasse Lindmo
Tone Danielsen
Vivian Hein
Fredrik Stenberg Ditlev-Simonsen
Charlotte Grundt
Ingri Enger Damon
Mikkel Bratt Silset
André Sørum
Tomas Gudbjartsson
Andri Wilberg Orrason
Eindride Eidsvold
Joakim Skarli
Marita Fjeldheim Wierdal
Terje Ranes
Øyvind Venstad Kjeksrud
Silje Breivik
Mette Scarth Tønseth
Ellen Birgitte Winther
Ole Aleksander Wold Lien
Superman Flyby J.J. Abrams 2002 storyboard (2)
Azione & Avventura

Superman: Flyby, emersi gli storyboard del film mai girato scritto da J. J. Abrams

di Redazione Il Cineocchio

L'artista Peter Ramsey ha mostrato alcuni disegni preparatori del progetto del 2002 mai andato in porto, che avrebbe riletto le origini dell'Uomo d'Acciaio in modo radicale

Leggi
bob kane e michael keaton batman 1989
Azione & Avventura

Dossier | Bob Kane: la genesi di Batman e le lodi per il film di Tim Burton del 1989

di Redazione Il Cineocchio

Il 'papà' del Cavaliere Oscuro di Gotham City raccontava in un'intervista di 30 anni fa le sue fonti di ispirazione per il celebre personaggio, tessendo l'elogio dell'adattamento hollywoodiano e predicendone un futuro luminoso

Leggi
bruce lo squalo film
Azione & Avventura

Lo Squalo: Greg Nicotero mostra le foto del restauro di ‘Bruce’

di Redazione Il Cineocchio

L'esperto di effetti speciali è stato incaricato di metter mano all'ultimo modello rimasto del classico di Steven Spielberg del 1975, usato per anni come attrazione agli Universal Studios e ridotto piuttosto male

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per Point Blank, violento buddy movie di Netflix con Anthony Mackie e Frank Grillo

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Joe Lynch alla regia e Joe Carnahan alla produzione nel remake dell'action thriller francese del 2010 di Fred Cavayé

Leggi
jerry calà chicken park film
Azione & Avventura

Dossier | Chicken Park, la parodia ‘maledetta’ di Jerry Calà

di Redazione Il Cineocchio

Il film del 1994 nasceva con ambizioni alte, ma non arrivò mai nei cinema italiani ed è stato in seguito praticamente condannato all'oblio. Riscopriamolo attraverso le parole amare del comico, debuttante alla regia proprio con questo titolo.

Leggi
Toy Story 4 (2019) film
Azione & Avventura

Toy Story 4 | La recensione del quarto film della saga, diretto da Josh Cooley

di William Maga

Il regista firma un nuovo capitolo maturo eppure familiare, un sequel di cui non ci eravamo resi conto di avere bisogno

Leggi
Richard Attenborough in Jurassic Park (1993)
Azione & Avventura

Jurassic Park (1993): uno storyboard rivela la cruda fine di John Hammond scartata

di Redazione Il Cineocchio

I piani originari per il personaggio interpretato da Richard Attenborough nel classico di Steven Spielberg erano ben diversi

Leggi
the boys serie amazon 2019
Azione & Avventura

Full trailer per The Boys: imprecazioni, splatter e dark humor per i ‘supereroi’ della serie Amazon

di Redazione Il Cineocchio

Simon Pegg e Karl Urban tra i protagonisti dello show originale che porta sul piccolo schermo in tutto il suo dissacrante splendore il fumetto di Garth Ennis e Darick Robertson

Leggi
Date Masamune statua
Azione & Avventura

Netflix prepara Age of Samurai: Battle for Japan, docu-serie sul daimyō Date Masamune

di Redazione Il Cineocchio

Presto gli abbonati conosceranno la vera storia del temibile e illuminato 'drago con un occhio solo'

Leggi
Rambo II - La vendetta (1985) film
Azione & Avventura

Recensione Story | Rambo 2 – La vendetta di George Pan Cosmatos

di William Maga

A tre anni dal primo capitolo, Sylvester Stallone veniva catapultato in Vietnam in un film che - con un attacco frontale - illustrava sul grande schermo la teoria della 'coltellata alla schiena' ai soldati americani

Leggi
comicsfest oliver onions movieland 2019
Azione & Avventura

Reportage ComicsFest 2019 | Due giorni tra fumetti, Oliver Onions e Movieland

di Sabrina Crivelli

Il resoconto della nostra visita alla rinnovata manifestazione tenutasi nel castello di Villafranca di Verona, del concerto dello storico duo e dell'avventurosa visita al parco dove le attrazioni si ispirano al mondo del cinema

Leggi
Forest Whitaker in Ghost Dog
Azione & Avventura

Jim Jarmusch: “Lavoro con RZA sulla serie TV di Ghost Dog”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del film del 1999 ha rivelato il suo coinvolgimento nel progetto, parlando anche della possibilità di occuparsi della regia

Leggi
Russell Crowe e Sven-Ole Thorsen in Il Gladiatore (2000)
Azione & Avventura

Il Gladiatore 2: il film procede con Ridley Scott; dettagli sull’ambientazione

di Redazione Il Cineocchio

I produttori Walter F. Parkes e Laurie MacDonald hanno anche rivelato il nome dello sceneggiatore chiamato a scrivere il seguito del fortunatissimo lungometraggio del 2000 con Russell Crowe

Leggi
Emmett J. Scanlan lobo tv
Azione & Avventura

Lobo: si fa la serie TV dedicata al mercenario DC; sarà lo spin-off di Krypton

di Redazione Il Cineocchio

Mentre il film della Warner Bros. è ancora nel limbo, SyFy annuncia i dettagli del prossimo show, dedicato interamente allo sboccato cacciatore di taglie intergalattico

Leggi
Stellone Escape Plan The Extractors (2019)
Azione & Avventura

Trailer red band per Escape Plan 3: L’ultima sfida, l’evasione è una questione personale per Sylvester Stallone

di Redazione Il Cineocchio

Nel terzo capitolo della saga action, diretto da John Herzfeld, la star imbastirà una nuova evasione impossibile con Dave Bautista, per salvare l'amata Jaimie King

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

La mia vita con John F. Donovan

La mia vita con John F. Donovan

27-06-2019

Toy Story 4

Toy Story 4

26-06-2019

RECENSIONE

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

RECENSIONE

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019