Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » [recensione] Lo spazio che ci unisce di Peter Chelsom

7/10 su 1548 voti. Titolo originale: The Space Between Us, uscita: 26-01-2017. Budget: $30,000,000. Regista: Peter Chelsom.

[recensione] Lo spazio che ci unisce di Peter Chelsom

12/06/2017 recensione film di William Maga

Asa Butterfield e Britt Robertson sono i validi protagonisti di un film fanta-romantico gravato da una sceneggiatura e una regia scellerate

Asa Butterfield e Britt Robertson sono i due giovani innamorati interstellari protagonisti di Lo Spazio Che Ci Unisce (The Space Between Us), film appena messo a catalogo da Netflix che rientra nel filone della fantascienza romantica e che, sorprendentemente, non si basa su un romanzo di successo, ma su una sceneggiatura originale. Tuttavia, nel momento in cui ci si rende conto che dietro allo script c’è la mano di Allan Loeb, già autore del disastroso Collateral Beauty lo scorso anno, le antenne dello spettatore dovrebbero drizzarsi sull’attenti.

the-space-between-us-posterIn un futuro non troppo lontano, il 16enne Gardner Elliot (Butterfield) è il primo essere umano nato su Marte. Orfano dalla nascita, viene cresciuto dagli scienziati della missione inviata a colonizzare il Pianeta Rosso (in particolare stringe uno stretto rapporto con Kendra Wyndham, interpretata da Carla Gugino) e tenuto nascosto per motivi ‘diplomatici’ alla stampa e alla popolazione della Terra dal CEO della società dietro alla spedizione, Nathaniel Shepard (Gary Oldman). Il ragazzo però è stufo della sua vita protetta e isolata e desidera soltanto visitare il pianeta natale di sua madre (Janet Montgomery). Il suo unico contatto con la Terra avviene attraverso una serie di dialoghi via Facetime con Tulsa (Robertson), una studentessa che vive con una famiglia affidataria in Colorado. Arrivato infine sul Pianeta azzurro, Gardner sfugge agilmente ai suoi guardiani per incontrare Tulsa. Insieme, i due viaggiano per tutta l’America per indagare su cosa sia accaduto al padre sconosciuto del marziano, basandosi soltanto su un anello di nozze e una fotografia sbiadita. Tuttavia, visto che l’atmosfera terrestre non è esattamente benevola con Gardner, Nathaniel e i suoi colleghi devono correre contro il tempo per recuperarlo, prima che gli effetti deleteri della sua fisiologia aliena lo mettano davvero in pericolo.

Non mancano i motivi di confronto con il sottovalutato e mai troppo menzionato Starman di John Carpenter, ma i produttori che da qualche tempo stanno cercando di realizzare un remake del film del 1984 non devono preoccuparsi troppo di questa particolare versione, gravata da tono ed emozioni piuttosto fredde, con il regista Peter Chelsom (Hannah Montana: The Movie) che rovina l’interessante premessa con una regia tanto sconsiderata da sembrare un boicottaggio deliberato (e i risultati al botteghino lo hanno cofermato …). In particolare, a colpire negativamente è soprattutto Oldman (ispirato a Richard Branson o Elon Musk), sempre in overacting e insicuro sulla strada da prendere per la caratterizzazione del suo personaggio, non aiutato certo da una sceneggiatura che diverge da quella di altre pellicole simili, in cui l’antagonista ha almeno apparentemente una preoccupazione genuina per la sua creatura/cavia che si è data alla macchia.

the-space-between-usNon mancano alcuni spunti interessanti, ma sono spesso rovinati dall’esecuzione. Ad esempio, scopriamo che Gardner è in pericolo perché l’essere cresciuto su Marte implica l’aver livelli elevati di troponina nel suo sistema. Ciò significa che il suo cuore è letteralmente più grande di quello di un terrestre medio e, per una sdolcinata storia fanta-romantica, non esiste un ostacolo abbastanza simbolico quanto quel particolare organo vitale sovradimensionato per creare emozione. Invece, questa rivelazione esce fuori attraverso un intenso scambio verbale tra Nathaniel e Kendra, due scienziati che già ne sono bene a conoscenza e apparentemente ne parlano a voce alta solo per renderlo noto anche al pubblico. Almeno LSCCU offre una vetrina decente ai suoi due giovani interpreti. Butterfield garantisce una performance all’altezza di quella di altri memorabili visitatori del grande schermo del passato, primo fra tutti il Jeff Bridges di Starman, ma ci sono sfumature anche dello Spock di Leonard Nimoy e del Thomas Jerome Newton di David Bowie, e la sua figura alta e dinoccolata ha un’estetica piacevolmente aliena. Curiosamente – e inspiegabilmente – lo script gli dà come unici riferimenti per capire e studiare la vita sociale sulla Terra alcuni vecchi film didattici piuttosto che i numerosi adulti che vivono con lui nella base East Texas … Un altro problema evidente è che Tulsa inizialmente sembra più vicina alla Megan Fox di Transformers, tutta pepe e faccine corrucciate, sebbene la Robertson riesca ad elevarsi, costruendo un personaggio che simpatizza con il desiderio di Gardner di lasciare il suo pianeta, pur non comprendendo perché dovrebbe voler venire sul nostro, che lei odia. Come già anticipato da Tomorrowland e La risposta è nelle stelle, l’attrice ventisettenne è solo in attesa del grande salto che riesca a valorizzarne le doti, palesi.

the-space-between-usTuttavia, la vena di entrambi i protagonisti viene affondata, mentre i loro personaggi gradualmente cominciano ad avvicinarsi gradualmente e innamorarsi, da dialoghi talmente ridicoli e imbarazzanti che farebbero arrossire persino la penna del miglior George Lucas . Questo potrebbe essere il motivo principale per cui i due non sono assolutamente convincenti come coppia, pur restando comunque abbastanza efficaci se presi individualmente in un film che altrimenti sarebbe assolutamente privo di spunti salienti. Dove Starman utilizzava una struttura sci-fi per tirar fuori il lato drammatico dalla chimica tra Bridges e Karen Allen, LSCCU inizia in modo stiracchiato e si evolve in quella che in è nient’altro che una corsa in macchina on the road, dissipando anche la vena scientifica che aveva costruito nei primi minuti. Anche la colonna sonora di sintetizzatori e archi occasionalmente intrigante creata dal compositore Andrew Lockington resta alla fine schiacciata dalla rumorosa e pressante musica pop progettata esclusivamente per puntare al successivo battito emotivo sulla cartina.

In definitiva, lo spazio del titolo è la distanza scavata tra l’interessante preambolo e il suo non particolarmente interessante sviluppo, rendendolo un’occasione persa, specie per lo spreco di talento dei due attori principali. Non è indecente quanto Collateral Beauty, ciononostante, anche per questo particolare tentativo di fare colpo sull’avido pubblico young adult, la colpa non sta nelle stelle, ma nella sceneggiatura.

Di seguito il trailer originale di Lo Spazio Che Ci Unisce:

Britt Robertson
Carla Gugino
BD Wong
Gary Oldman
Asa Butterfield
Janet Montgomery
Lora Martinez-Cunningham
Sarah Minnich
Lauren Myers
Bernardo P. Saracino
Kristen Rakes
David House
Alma Sisneros
Luce Rains
John-Paul Howard
Jenny Gabrielle
Mia Stallard
Scott Takeda
Beth Bailey
William Sterchi
Colin Egglesfield
Peter Chelsom
Stafford Douglas
Morse Bicknell
Adande 'Swoozie' Thorne
Nathaniel Augustson
Danny Winn
Esodie Geiger
Aurora Antonio
Jacob Browne
David Devereaux
Eli Goodman
Gregory Paul Valdez
Katrina Kavanaugh
Frank Powers
Marika Day
Ryan Jason Cook
Drago Sumonja
Shawn Lecrone
Kelly V. Lucio
Nate Warren
Shad Adair
Johnny Palomarez Jr.
Jon Erik Castro
Brian Barela
Kyle Pierson
Rene Herrera
Trey Tucker
Cesar Miramontes
Rick Anglada
Edsel Pete
Lorraine Sanchez
Derek Blakeney
Lauren Myers
Jesse Romero
Tim Janis
Bruce McIntosh
Travis Armstrong
Jenny Gabrielle
Anthony Jarvis
Jamie H. Jung
Heather Bash
Zacciah Hanson
Gil Birmingham
Ramona King
Eb Lottimer
Lluvia Almanza
Thomas Kemp
Humberto Castro
Logan Paul
dov'è il mio corpo film clapin netflix
Sci-Fi & Fantasy

Dov’è il mio corpo? | La recensione del film animato di Jérémy Clapin (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La tragedia dell'essere e dell'esistere di un arto tagliato commuovono nel meraviglioso esordio alla regia del francese Jérémy Clapin, distribuito in esclusiva da Netflix

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

La Forma dell’Acqua | La recensione del film di Guillermo del Toro con Sally Hawkins

di Redazione Il Cineocchio

Sally Hawkins è la principessa della nuova favola dark, tanto impeccabile quanto prevedibile, del regista messicano

Leggi
Memory The Origins of Alien documentario 2019
Sci-Fi & Fantasy

Memory: The Origins Of Alien | La recensione del documentario di Alexandre O. Philippe (Sitges 52)

di Claudio Porta

Il regista scava nelle origini del seminale film di Ridley Scott del 1979, ripescando dagli archivi documenti inediti su H. R. Giger e Dan O’Bannon e avvalendosi di nuove interviste

Leggi
la guerra dei mondi bbc serie 2019
Sci-Fi & Fantasy

La Guerra dei Mondi | Recensione della serie limitata BBC; H. G. Wells si fa melò (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La rete britannica adatta il classico del 1897 secondo le giuste coordinate spaziotemporali, ma quella con Robert Carlyle ed Eleanor Tomlinson è una rielaborazione troppo libera, che aggiunge dal nulla nuove 'pagine' mai scritte e che sacrifica l'azione spettacolare in favore del romanticismo

Leggi
Daybreak (2019) serie netflix
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Daybreak, la serie Netflix con Matthew Broderick che si fa beffe del postatomico

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Brad Peyton adatta per il piccolo schermo il fumetto indipendente di Brian Ralph, che dà una nuova lettura adolescenziale e divertita delle atmosfere alla Mad Max

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Devs, la serie thriller sci-fi di Alex Garland

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Ex-Machina e Annientamento è pronto per il salto sul piccolo schermo con uno show originale che vede protagonisti Sonoya Mizuno e Nick Offerman

Leggi
la guerra dei mondi minieserie HBO 2019
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per La Guerra dei Mondi: i Tripodi devastano Londra nella miniserie TV della BBC

di Redazione Il Cineocchio

Il classico di H.G. Wells è stato adattato per il piccolo schermo in una versione che per la prima volta opta per l'originale ambientazione britannica di inizio '900

Leggi
will smith gemini man film
Sci-Fi & Fantasy

Gemini Man | La recensione del film di Ang Lee con Will Smith e Clive Owen

di William Maga

Il regista cinese alza l'asticella del perfezionismo digitale girando un action sci-fi iperrealistico e immersivo, che abbaglia lo spettatore cercando di distoglierlo dalla pochezza della sceneggiatura

Leggi
coma Nikita Argunov film
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per The Coma: la realtà si piega e contorce tra sogni lucidi e mostri

di Redazione Il Cineocchio

Il russo Nikita Argunov esordisce alla regia con un blockbuster da 20 milioni di dollari che rimanda a Inception e ai lavori di Tarsem Singh

Leggi
disincanto parte 2 netflix serie
Sci-Fi & Fantasy

Disincanto: parte 2 | La recensione della serie di Matt Groening con Bean, Elfo e Luci

di William Maga

La ricerca di una identità precisa è ancora in corso, ma i 10 nuovi episodi dimostrano che la crescita dei personaggi è costante e promettente

Leggi
predator 2 easter egg marry me poynter
Sci-Fi & Fantasy

Predator 2: un fan trova un clamoroso messaggio subliminale dopo 30 anni

di Redazione Il Cineocchio

Il letale City Hunter del film di Stephen Hopkins celava un insospettabile lato romantico

Leggi
the wave film 2019 justin long
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per The Wave: Justin Long prende un allucinogeno e viaggia nello spaziotempo

di Redazione Il Cineocchio

Nell'esordio alla regia di Gille Klabin ci sono anche Donald Faison e Tommy Flanagan

Leggi
3022 film 2019 sci-fi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per 3022: Omar Epps e Kate Walsh soli nel vuoto dello spazio dopo un cataclisma

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Miranda Cosgrove e Jorja Fox nel film sci-fi indipendente diretto da John Suits

Leggi
il giardino segreto film 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Il Giardino Segreto: c’è Colin Firth nella versione a tinte fantasy del romanzo

di Redazione Il Cineocchio

Il notissimo racconto di formazione per ragazzi scritto da Frances Hodgson Burnett è pronto a tornare nei cinema, questa volta per la regia dell'inglese Marc Munden

Leggi
CORPORATE MONSTER cortometraggio ruairi robinson
Sci-Fi & Fantasy

Cortometraggio | Corporate Monster aggiorna Essi Vivono ai giorni nostri, ma gli alieni sono lovecraftiani

di Redazione Il Cineocchio

Dopo un lungo silenzio, l'irlandese Ruairi Robinson torna in regia per dimostrare come il film di John Carpenter sia ancora attualissimo

Leggi
Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

18-10-2019

The Panama Papers

The Panama Papers

18-10-2019

Se mi vuoi bene

Se mi vuoi bene

17-10-2019

Il Mio Profilo Migliore

Il Mio Profilo Migliore

17-10-2019

Yuli

Yuli

17-10-2019

Grazie a dio

Grazie a dio

17-10-2019

The Kill Team

The Kill Team

17-10-2019

A proposito di Rose

A proposito di Rose

17-10-2019

Il cardellino

Il cardellino

17-10-2019

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

17-10-2019

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

17-10-2019

Maleficent: Signora del male

Maleficent: Signora del male

17-10-2019

Brave ragazze

Brave ragazze

10-10-2019

Searching Eva

Searching Eva

10-10-2019

La scomparsa di mia madre

La scomparsa di mia madre

10-10-2019

Le verità

Le verità

10-10-2019

RECENSIONE

Hole - L'abisso

Hole - L'abisso

10-10-2019

RECENSIONE

Non succede, ma se succede...

Non succede, ma se succede...

10-10-2019

Gemini Man

Gemini Man

10-10-2019

RECENSIONE

A spasso col panda

A spasso col panda

10-10-2019

L'uomo che volle vivere 120 anni

L'uomo che volle vivere 120 anni

08-10-2019

Roger Waters. Us + Them

Roger Waters. Us + Them

07-10-2019