Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] Le perle nascoste in Netflix: Love di Gaspar Noé

6/10 su 942 voti. Titolo originale: Love, uscita: 06-07-2015. Budget: $3,000,000. Regista: Gaspar Noé.

[recensione] Le perle nascoste in Netflix: Love di Gaspar Noé

10/12/2016 recensione film di Sabrina Crivelli

L'essenza nichilista dell'essere e dell'eros attraverso lo sguardo irriverente del controverso regista franco-argentino

Film discusso, senza censura, come sempre in Gaspar Noé, Love dietro lo scalpore dell’immagine cruda e senza pudore cela molto più dell’epidermico.

love-noe-posterFortemente destabilizzante su più livelli, certo la spettacolarizzazione del sesso, sensuale, a volte indagato nei suoi più estremi meandri, i meno esplorati, è al centro di questa pellicola, al cui centro c’è una relazione dilaniante e totalizzante, quella di Murphy (Karl Glusman) ed Electra (Aomi Muyock), in cui casualmente si intromette Omi (Klara Kristin), coinvolta in un ménage à trois che porterà alla rottura del legame tra i due, quando lui, durante un amplesso clandestino, per sfortuna mette incinta quest’ultima. E’ lἜρως, nell’accezione greca che meglio caratterizzava e differenziava le mille sfumature dell’idea d’amore stessa, che regna nel film. Insaziabile signore, domina le azioni di Murphy, lo porta a perdere spesso il controllo di sé, a commettere l’errore che definirà per sempre la sua esistenza, a quel rapporto con Omi, da cui non sa desistere per irrefrenabile necessità fisica, che lo destinerà a un inferno domestico, imprigionato in casa sua con una donna che non ama e un figlio che avrebbe voluto da un’altra.

Allo stesso tempo è anche il fantasma dell’amore passato, Electra, immortale nella memoria come la ninfa amata da Giove, è una presenza costante nella sua mente, ossessione proiettata nelle sequenze attraverso un montaggio che alterna passato e presente, realtà e ricordo, infine allucinazione, quando sul finale vagheggia di vederla davanti a sé, poi ne fotogramma successivo c’è solo il vuoto. E’ la concretizzazione di una pura, dilaniante disperazione, che attraverso un percorso narrativo tortuoso, labirintico, ci riporta a ritroso all’inizio di un sentimento devastante, alle radici di una intollerabile sofferenza cristallizzata lì, nell’immagine eidetica di loro due, amanti stretti in un abbraccio dall’intimità disarmante nella vasca da bagno che si tinge di rosso. Ma la realtà è differente, come accade in Irréversible, il tempo scorre all’opposto catturato attraverso la camera da presa di Noé, l’incipit ci trafigge, dolorosamente, con lo squallore opprimente dell’oggi, per poi riportarci indietro a un momento di luce, di gioia, facendoci così esperire ancor più il terribile onere, un macigno che quasi toglie il respiro, per contrappunto. In Love, è forse più claustrofobia delle mura domestiche, una volta luogo di felicità, ora prigione soffocante, grigia e spenta, resa attraverso le luci scelte per la fotografia, che ancora una volta sono strumento espressivo: il contrasto risiede nel carattere dell’immagine filmica stessa, in senso tonale, le stanze cromaticamente si accendono quando traspongono il ricordo, si spengono e ingrigiscono quando catturano il presente, come se attraverso la percezione e il sentire del protagonista il mondo circostante si fosse ricoperto d’amarezza.

love-noe-1Poi c’è il passato, o meglio i passati, i diversi piani temporali confusi e fusi insieme, collage mentale di momenti, alcuni più assillanti, rivissuti più volte, in particolare il tradimento con Omi. Il racconto è volutamente caotico, incoerente, procede per aggiunta a singulti a ricomporre un quadro completo solo alla fine, come fossimo nella mente del narratore. E poi c’è l’amore carnale in ogni sua possibile declinazione: dissonanti configurazioni di una medesima idea, c’è l’utopica eppur reale fusione di materia e spirito, quella concretata nell’incontro dei corpi nudi dei due amanti innamorati, di Murphy ed Electra, avvolti da purpuree lenzuola in parte increspate, baroccamente sensuali, pura erotica intimità. Poi ci sono gli incontri squallidi, fisici e meccanici, come lo sbrigativo sfogo momentaneo di Murphy con un’attricetta in bagno, che generano più dolore dopo, che piacere nel mentre. Infine c’è il lato più oscuro, fascinazione del perverso e ricerca dell’inesplorato che porta la coppia, già in crisi, in un locale per scambisti.

I due protagonisti, d’altra parte, sono anime perdute, la degenerazione del loro amore, come della ricerca di fisicità non può avere epilogo lieto, e tuttavia l’assolutezza della loro ricerca, della loro unione non cessa di sedurre per un istante, anche la peggiore delle cadute è assoluta, antiborghese, per questo contiene tutte le lusinghe di una totale nichilista libertà dell’immanente. Libertà che viene ripresa nella qualità della diegesi e della regia di Noé, geniali come irriverente anzitutto nel soggetto, nella totale rappresentazione della nudità, degli incontri erotici e del corpo, oltre che delle realtà più scabrose del reale, della nostra società, senza alcuna lente critica, semplicemente catturati nel loro esistere in mezzo al turbinio del creato. Lacerazione poi della morale, portata sullo schermo dai dialoghi dei personaggi, ciascuno espressione di un disagio che lo porta a seguire strade esistenziali crepuscolari, mai la via maestra della normalità, mostrandoci così un ponto di vista differente. Rottura infine delle convenzioni nel montaggio, che prescinde il tempo e lo spazio e narra solo per frammenti di vissuto accostati con poetica assenza di regola e incredibilmente soggettiva.

Se il sesso potrebbe apparire l’epicentro della narrazione, superficialmente, il regista non si limita alla sola carne e forse anzi è l’anima, nichilista e disperata, che traspare attraverso i fotogrammi visivamente pregnanti e sconvolgenti, a disturbare ancor di più l’equilibrio, la serenità omologante dello spettatore, che nell’amore cerca solo un porto sicuro.

Di seguito il trailer di Love:

Karl Glusman
Klara Kristin
Aomi Muyock
Juan Saavedra
Gaspar Noé
Vincent Maraval
Déborah Révy
Stella Rocha
Benoît Debie
Patiffonka video ormbrello horror
Horror & Thriller

Cortometraggio | Un ombrello diventa un mostro tentacolare pronto a uccidere

di Redazione Il Cineocchio

Quando un oggetto di uso comune assume connotazione fanta-horror imprevedibili

Leggi
Ella Balinska in Run Sweetheart Run (2020)
Horror & Thriller

Run Sweetheart Run: immagini e trama per l’horror sociale con Pilou Asbæk

di Redazione Il Cineocchio

La regista Shane Feste si è ispirata a un terribile fatto capitatole veramente per il suo nuovo film, in cui c'è anche Ella Balinska

Leggi
underwater film 2020 kristen
Horror & Thriller

Underwater | La recensione del film di William Eubank con Kristen Stewart

di William Maga

Kristen Stewart e Vincent Cassel sono i protagonisti di un fanta-horror PG-13 semplice e derivativo, che pesca a piene mani da Aliens e The Abyss, regalando qualche brivido marino

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Sleepless Beauty: la privazione del sonno genera mostri nell’horror russo

di Redazione Il Cineocchio

Polina Davydova è la sventurata protagonista del film diretto da Pavel Khvaleev che guarda a Saw e Martyrs

Leggi
Horror & Thriller

American Assassin | La recensione del film di Michael Cuesta con Michael Keaton

di Teresa Scarale

Un film d’azione superfluo, utile solo all’onanismo mentale armaiolo americano. Spiace che il magnetismo indiscutibile di Michael Keaton vi sia stato sprecato.

Leggi
memorie di un assassino film Kang-ho Song
Horror & Thriller

Memorie di un Assassino: poster e data di uscita per il thriller di Bong Joon-ho del 2003

di Redazione Il Cineocchio

Dopo oltre 15 anni, il celebrato film con Kang-ho Song arriva finalmente nelle sale italiane, sull'onda del successo di Parasite

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Ouija Shark: il terribile fantasma di uno squalo killer viene evocato per errore

di Redazione Il Cineocchio

Quando si pensava che il sottogenere fosse stato ormai ampiamente esplorato, ci pensa il regista Scott Patrick a un nuovo improbabile crossover

Leggi
BEAU cortometraggio ari aster
Horror & Thriller

Dossier | Ari Aster e i 6 angoscianti cortometraggi ‘di formazione’ che hanno plasmato la sua regia

di Sabrina Crivelli

Andiamo alle origini della poetica registica del 33enne autore di Hereditary e Misdommar, un'esplorazione dei lati più oscuri dell'animo umano, dove risiede il vero orrore

Leggi
Horror & Thriller

Richard Stanley: “Giro L’Orrore di Dunwich e ci metto il Necronomicon e la Miskatonic University”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista presto di nuovo dietro alla mdp per il secondo film riconducibile all'universo cinematografico condiviso di H.P. Lovecraft

Leggi
caleb film roberto d'antona 2020
Horror & Thriller

Teaser trailer per Caleb: Roberto D’Antona beve il sangue degli innocenti

di Redazione Il Cineocchio

A qualche mese da The Last Heroes, il regista e attore pugliese è già pronto a tornare sulle scene con un horror che guarda al mito dei vampiri

Leggi
May the Devil Take You 2 film 2020
Horror & Thriller

Trailer per May the Devil Take You 2, horror di Timo Tjahjanto che guarda a La Casa

di Redazione Il Cineocchio

La giovane Chelsea Islan è ancora la sventurata protagonista nel sequel del film indonesiano del 2018

Leggi
underwater film 2020
Horror & Thriller

10 cose da sapere su Underwater di William Eubank

di Redazione Il Cineocchio

Una manciata di curiosità e aneddoti sulla lavorazione del fanta-horror con Kristen Stewart e Vincent Cassel ambientato sul pericoloso fondale oceanico

Leggi
noi jordan peele film 2019 Tethered
Horror & Thriller

Jordan Peele sui Tethered di Noi: “Vi dico chi sono e cosa gli è successo dopo la fine del film”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore è tornato sul suo horror del 2019, svelando qualcosa in più sui misteriosi doppelgänger

Leggi
Odio l'estate

Odio l'estate

30-01-2020

Alice e il sindaco

Alice e il sindaco

30-01-2020

I miserabili

I miserabili

30-01-2020

Villetta con ospiti

Villetta con ospiti

30-01-2020

Il diritto di opporsi

Il diritto di opporsi

30-01-2020

Judy

Judy

30-01-2020

Underwater

Underwater

30-01-2020

RECENSIONE

ARTASERSE

ARTASERSE

24-01-2020

In the Trap - Nella trappola

In the Trap - Nella trappola

23-01-2020

Figli

Figli

23-01-2020

Tappo - Cucciolo in un mare di guai

Tappo - Cucciolo in un mare di guai

23-01-2020

1917

1917

23-01-2020

RECENSIONE

Just Charlie - Diventa chi sei

Just Charlie - Diventa chi sei

23-01-2020

Herzog incontra Gorbaciov

Herzog incontra Gorbaciov

19-01-2020

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

17-01-2020

Dolittle

Dolittle

17-01-2020

Jojo Rabbit

Jojo Rabbit

16-01-2020

RECENSIONE

The Lodge

The Lodge

16-01-2020

RECENSIONE

Richard Jewell

Richard Jewell

16-01-2020