Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione story | Cannibal Love – Mangiata Viva di Claire Denis

6/10 su 68 voti. Titolo originale: Trouble Every Day, uscita: 11-07-2001. Regista: Claire Denis.

Recensione story | Cannibal Love – Mangiata Viva di Claire Denis

20/05/2019 recensione di Sabrina Crivelli

Ripercorriamo lo scioccante film del 2001 della regista francese con protagonista Vincent Gallo, in cui sesso e cannibalismo si compenetrano indissolubilmente

Mangiata viva Denis main

Poetessa ermetica della carne e del sangue, la francese Claire Denis è una regista estrema, anti-narrativa, che racconta l’amore e l’esistenza come un viaggio in una mente deviata, più che come una successione ordinata di immagini ed eventi. Il suo cinema è quindi emotivo, sadico, poeticamente osceno, e Cannibal Love – Mangiata viva (Trouble Every Day) del 2001 ne rappresenta indubbiamente l’apice – o forse meglio il baratro – più sublime. L’horror drama (sempre che si possa chiamare tale) nasce sin da principio come un progetto orgogliosamente autoriale, trasgressivo, pensato dalla sua autrice sin da principio per il protagonista Vincent Gallo.

Mangiata viva Denis posterDifatti, Claire Denis conosce l’attore (allora ignoto al grande pubblico) a New York e subito ne rimane impressionata, tanto da volerlo nel 1991 nel cortometraggio Keep It for Yourself. La regista è ancora negli USA, quando la casa di produzione indipendente Good Machine le propone di prendere parte a una serie di 6 pellicole del terrore, occasione in cui scrive appunto la prima bozza di Cannibal Love – Mangiata viva. Tuttavia, decide alla fine di tirarsi indietro, probabilmente per divergenze artistiche (a dividere è soprattutto l’approccio ironico disincantato che la Good Machine auspica per l’horror). Dunque trascorrono parecchi anni, siamo già sul fare del terzo millennio e, tornata in Francia, la regista trova finalmente terreno fertile per il suo progetto, che intanto aveva accantonato. A fornire le giuste premesse è l’avvento della New French Extremity e della sua magnificazione estetica del body horror, inaugurato da film come Seul contre tous (1998) di Gaspar Noé, Amanti criminali (Les amants criminels, 1999) di François Ozon, L’umanità (Humanité, 1999) di Bruno Dumont e Baise-moi – Scopami (2000) di Virginie Despentes and Coralie Trinh Thi.

‘Horror’ quindi decisamente non convenzionale, l’orrore non è costruito attraverso la narrazione o attraverso la creazione di tensione; è un orrore più concreto, fisico e visivo, scioccando così  lo spettatore con la forza immediata delle immagini; eppure, allo stesso tempo è una peregrinazione mentale in lidi oscuri della psiche, lo sviluppo fortemente anti-diegetico. La trama diviene così solo spunto per mettere in scena un’ossessioni e fobie, metafore dell’essere fondate su archetipi antropologici. La storia (se realmente si può definire tale l’essenziale nucleo narrativo essenziale che sorregge il susseguirsi di fatti enigmatici) si apre con due novelli sposi americani, il dottor Shane Brown (Gallo) e la moglie June (Tricia Vessey), in viaggio di nozze a a Parigi.

Tuttavia, la meta non è decisa dal marito solo per il romanticismo che la connota; quivi abiterebbe infatti un ex collega, il ricercatore Leo Semeneau (Alex Descas), con cui portava avanti dei misteriosi studi sul cervello umano in Guyana. Quest’ultimo è scomparso dopo essere stato bandito dalla comunità scientifica per gli esperimenti condotti, che hanno coinvolto tra gli altri anche la moglie Coré Semeneau (Béatrice Dalle), nonché Shane stesso. Le due cavie, da allora, sono perseguitate da una incurabile devianza che li porta all’impossibilità di congiungersi intimamente col prossimo (proprio per questo l’uomo non può consumare il matrimonio con la novella sposa).

Mangiata viva Denis posterAmore e morte, dittico d’opposti che connotava la tragedia classica, diviene l’epicentro di Cannibal Love – Mangiata viva, in cui l’apice del piacere non può in alcun modo essere scisso dall’antropofagia. Binomio estremo, molte sono le suggestioni possibili, dall’esempio rappresentato a partire da Il bacio della pantera (Cat People,1942) di Jacques Tourneur, dove l’amplesso era vincolato a una trasformazione ferina, che a sua volta portava a una irresistibile sete di sangue.

Simile è quindi la maledizione che porta a uccidere l’amante, metafora della pulsione amorosa di daliniane memorie (ricordate l’ossessione del pittore Salvador Dalí per il rito d’accoppiamento della mantide religiosa, che poi divorava il compagno una volta terminato l’atto?). Nel film di Claire Denis, però, non c’è alcuna manifesta mutazione fisica, il tutto avviene solo nella sfera interiore, psichica di chi è affetto dal Male: il mostro è nell’inconscio stesso del soggetto e ne prende infine il dominio trasformandolo profondamente e al contempo lasciandolo il medesimo.

Il fulcro di Cannibal Love – Mangiata vivae sono allora sesso e cannibalismo, istinti primari uniti da un esperimento che mirava a innalzare la libido, ma che ha annullato ogni forma di controllo. Ne desumiamo gli effetti, più che capirne le cause, mentre seguiamo i rapporti cruenti di Coré, che colta da un irrefrenabile furor amoroso, predatrice instancabile, trova più volte il modo di trovare uno sventurato compagno. Inizialmente erotico, lo stimolo si fa poi omicida nella casa in cui è murata viva dal marito, che cerca disperatamente una cura. Proprio tra le mura domestiche, la vediamo che prima seduce, poi divora letteralmente un giovane in una sequenza che insieme affascina e turba profondamente. Seguiamo sconvolti la donna che non solo ne strappa le carni dal collo, ma ricoperta di sangue dipinge le pareti di casa in una macabra pittura muraria. Ogni dettaglio, anche il più torbido viene mostrato con morbosa meticolosità, in un estremismo assimilabile al Goya di Saturno che divora i suoi figli. A completare il surreale accoppiamento sono le note ipnotiche della colonna sonora dei Tindersticks.

All’opposto di lei, Shane resiste inizialmente all’istinto primordiale, ma ciò gli impedisce anche di avere un qualsiasi rapporto carnale con la moglie; fatto che causa in lei ovviamente una buona dose di frustrazione. Anche lui, però, non può che soccombere in ultimo alla pulsione. Cannibal Love è incentrato su un crescendo costruito con calma, in cui le due scene di sesso cannibalico, momento pregnante di uno sviluppo altrimenti senza significato, preparano e anticipano un epilogo già segnato dal principio.

Si giunge in tal maniera all’assalto ultimo che si consuma nello spogliatoio dell’hotel, frutto di consuete dinamiche dell’attrazione (gli sguardi lanciati alla cameriera mentre rifà la stanza ad esempio) che risultano però in estrema carnalità che scava – a morsi – sotto l’epidermide. La sequenza è ambigua, approccio tra passione e orrore, non ne capiamo la reale essenza sinché non c’è svelato il motivo della cieca paura negli occhi della preda e scopriamo quanto un bacio può essere letale, sanguinario… Infine, quasi tutto il resto fosse sublimato in un istante soddisfatta la fame, ogni cosa torna a un’apparente e banale normalità in una paradossale chiusura aperta.

Di seguito trovate il trailer internazionale di Cannibal Love – Mangiata viva:

Vincent Gallo
Tricia Vessey
Alex Descas
Nicolas Duvauchelle
José Garcia
Aurore Clément
Béatrice Dalle
Florence Loiret-Caille
Marilú Marini
Raphaël Neal
Hélène Lapiower
la bambola assassina 2019 film chucky buddi
Horror & Thriller

La Bambola Assassina 2019 | La recensione del reboot di Lars Klevberg

di Alessandro Gamma

Il film con Aubrey Plaza azzera e aggiorna la storica saga slasher secondo quelli che sono i moderni standard hollywoodiani, cercando equilibrio tra il passato e il presente

Leggi
Katie Featherston in Paranormal Activity (2007)
Horror & Thriller

Paranormal Activity 7: Paramount e Blumhouse insieme per il nuovo film

di Redazione Il Cineocchio

Dopo quattro anni di pausa, Hollywood ripesca dal cassetto la fortunatissima saga horror girata in stile falso documentario

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Scrawl, l’horror svanito nel nulla con Daisy Ridley prima della fama

di Redazione Il Cineocchio

Dopo cinque anni di oblio assoluto, i fan dell'attrice possono finalmente vedere il film diretto da Peter Hearn

Leggi
Sharon Stone in Benedizione Mortale 1981 film
Horror & Thriller

Recensione story | Benedizione Mortale di Wes Craven

di William Maga

Nel 1981 il regista girava un horror rurale atipico e ricco di suggestioni, interpretato da Ernest Borgnine e da una giovanissima Sharon Stone

Leggi
serenity Matthew McConaughey film
Horror & Thriller

Trailer per Serenity – L’isola dell’inganno: Matthew McConaughey è coinvolto in un omicidio in alto mare

di Redazione Il Cineocchio

Steven Knight torna dietro alla mdp per un intricato thriller hitchcockiano in cui troviamo anche Anne Hathaway e Jason Clarke

Leggi
Jim Jarmusch i morti non muoiono set
Horror & Thriller

Jim Jarmusch su I Morti Non Muoiono: “Vi spiego le mie intenzioni, dal tono al messaggio a George Romero”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista parla apertamente della sua zombie comedy, rivelando i motivi delle sue scelte e ribattendo alle critiche sulla scarsa originalità del film

Leggi
amityville horror casa defeo
Horror & Thriller

Casey La Scala: “Giro Amityville 1974, prequel della saga con Ronald DeFeo Jr.”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore presenta l'ennesimo film della saga horror, che proverà a esplorare nuovi territori

Leggi
Ready or Not film 2019 Samara Weaving
Horror & Thriller

Trailer per Ready or Not: il gioco del nascondino è mortale per Samara Weaving

di Redazione Il Cineocchio

Nella dark comedy diretta da Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett ci sono anche Adam Brody e Andie MacDowell

Leggi
I Guerrieri della Palude Silenziosa di Walter Hill
Horror & Thriller

Recensione Story | I Guerrieri della Palude Silenziosa di Walter Hill

di William Maga

Incompreso in patria e uscito con ben due anni di ritardo in Italia, il thriller del 1981 - ancora oggi inedito in home video nel nostro paese - confermava il grande talento del regista e la sua vena caustica

Leggi
Frankenstein Junior 1974 film gene wilder
Horror & Thriller

Dossier | Frankenstein Junior di Mel Brooks: una pioggia di risate lunga 45 anni

di Francesco Chello

Usciva nel 1974 il film con Gene Wilder, Marty Feldman e Peter Boyle, omaggio ai classici di mostri della Universal divenuto a suo volta un classico senza tempo

Leggi
The Nix (Nøcken, film 2018)
Horror & Thriller

The Nix | La recensione del film di Nicolai G.H. Johansen

di Alessio Di Rocco

Il regista danese firma un sorprendente mediometraggio fanta-horror presentato in concorso al Fantafestival 2019

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per The Banana Splits: i pupazzi dello show TV si ribellano e fanno strage

di Redazione Il Cineocchio

C'è Danishka Esterhazy alla regia del revival, che dà un'inaspettata svolta R-Rated alla serie per bambini di Hanna-Barbera del 1968

Leggi
Horror & Thriller

Isabelle – L’Ultima Evocazione | La recensione dell’horror con Adam Brody

di Sabrina Crivelli

Amanda Crew affianca l'attore nello scombinato thriller soprannaturale incentrato sui postumi di una gravidanza difficile diretto da Robert Heydon

Leggi
Black Christmas - Un Natale rosso sangue film poster 2019
Horror & Thriller

Black Christmas (Un Natale rosso sangue): poster e data di uscita del remake Blumhouse

di Redazione Il Cineocchio

A 13 anni dal primo rifacimento di Glen Morgan, il classico dell'horror di Bob Clark verrà rivisitato e aggiornato un'altra volta

Leggi
doctor sleep film Mike Flanagan
Horror & Thriller

Doctor Sleep: teaser trailer e data di uscita per il sequel di Shining firmato Mike Flanagan

di Redazione Il Cineocchio

Ewan McGregor è un Danny Torrance cresciuto e alle prese con i fantasmi del passato - tra luccicanza e 'redrum' - nell'adattamento per il cinema dell'omonimo romanzo di Stephen King

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

RECENSIONE

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019

Shelter: Addio all'Eden

Shelter: Addio all'Eden

14-06-2019

Il grande salto

Il grande salto

13-06-2019

Soledad

Soledad

13-06-2019

I morti non muoiono

I morti non muoiono

13-06-2019

RECENSIONE

Climax

Climax

13-06-2019

RECENSIONE

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

13-06-2019

Beautiful Boy

Beautiful Boy

13-06-2019

Dicktatorship - Fallo e basta!

Dicktatorship - Fallo e basta!

10-06-2019