Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

8/10 su 5889 voti. Titolo originale: Full Metal Jacket, uscita: 26-06-1987. Budget: $17,000,000. Regista: Stanley Kubrick.

Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

10/09/2019 recensione film di William Maga

Nel 1987, il regista raccontava in modo lucidissimo e scioccante le brutalità della guerra (non solo del Vietnam)

Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Matthew Modine e Arliss Howard in Full Metal Jacket (1987)

“Un altro film sul Vietnam??” Questo si saranno chiesti in molti nel 1987. Ma Full Metal Jacket è qualcosa di più, e di meglio. Si tratta di un film sul Vietnam e su tante altre questioni di capitale importanza. Ieri come oggi, a distanza di oltre 30 anni. Senza contare che era il nuovo attesissimo lungometraggio di Stanley Kubrick, all’epoca una sorta di esule volontario dagli Stati Uniti approdato nei pressi di Londra ma da sempre cineasta in avanscoperta con lavori cinematografici di intensa, ramificata sostanza (il suo lavoro precedente, Shining, risaliva al 1980). In più, il Vietnam, con tutti gli annessi e connessi, era ritornato sorprendentemente di attualità all’epoca (prima con Rambo di Ted Kotcheff, poi coi coevi Platoon di Oliver Stone e I giardini di pietra di Francis Ford Coppola), che costituiva certo un elemento importante dell’opera del regista di New York. Pur se materia del contendere principale era qui la strenua riflessione sulla violenza, sui perversi contraccolpi che essa innesca sia sul piano psicologico individuale, sia su quello sodìciale-collettivo.

full metal jacket film posterUna riprova ad absurdum per fu data dal fatto che, giusto a proposito di Full Metal Jacket (una locuzione gergale con cui si definisce tra i Marines la particolare proprietà delle pallottole corazzate), la reazione generale dell’opinione pubblica in America si mostrò al tempo più che mai polemica, insofferente delle tesi, della mediazione narrativa prospettate da Stanley Kubrick. In questa sorta di reportage sulla rovinosa sindrome patita negli States – e dovunque – in seguito alla conclusa, lontana «sporca guerra» nel Sud Est asiatico. In effetti, il solo precedente omologo a Full Metal Jacket sembrerebbe quella tragica ‘danza macabra’ orchestrata da Robert Altman sul tema ossessivamente incombente della guerra nel suo memorabile «oratorio profano» Streamers del 1983, non a caso strutturato e dipanato, prima, come una torva pantomima e, poi, come un morboso psicodramma tra vicende e personaggi sempre ai margini dell’autodistruzione insensata quanto incomprensibile.

Ulteriore elemento di raccordo appare poi il giovane Matthew Modine che può vantare una singolare costanza nell’impersonare soldati e reduci particolarmente segnati nel fisico, nella mente, da esperienze sconvolgenti, traumatiche. Come anche accade, per lo stesso Modine, nel non dimenticato Birdy – Le ali della libertà di Alan Parker (1984), altra straziante, desolata testimonianza sui guasti irreparabili dei conflitti.

Per tornare al film di Stanley Kubrick, si tratta in qualche modo di una duplice costruzione, articolato come è Full Metal Jacket in due blocchi narrativi distinti e pur sempre correlati tra di loro. Nella prima, più impressionante parte, infatti, si racconta con puntiglio quasi maniacale per i dettagli, per quel turpiloquio bestiale del tipico sergentaccio tutto urla e grinta (il memorabile R. Lee Ermey), come e perché nell’addestrare le reclute dei Marines si tenda a fare di queste soltanto – ed esclusivamente – degli individui pronti (o ‘nati’) per uccidere. Non nel senso, però, di ridurli al rango di robot, ma proprio con l’intento di con servare in loro quel tanto (o quel poco) di raziocinio, come spiega bene il solito ringhioso, spietato Sergente Maggiore Hartman, perché ogni più cruenta impresa sia mandata ad effetto con lucida consapevolezza contro un ben determinato «nemico», i rossi.

Raramente si è visto sul grande schermo in un film di fiction una rappresentazione tanto veristica, così emotivamente scioccante, della brutalità, del programmatico cinismo con cui, nella pratica di una precettistica militare esasperata, si tende a disumanizzare, a disarticolare qualsiasi personalità, ogni carattere individuale per instillare poi, insidiosamente, una sorta di perversa, sovvertitrice morale in forza della quale derogare da tutti i consacrati principi civili di tollerante convivenza diventa quasi automaticamente un in erogabile, meccanico impulso.

Si può verificare a fondo quanto or ora detto proprio nella seconda parte di Full Metal Jacket, pur se l’epilogo prevedibilmente cruentissimo dello scorcio iniziale di quest’opera, con quel giovane un po’ sovrappeso (il soldato ‘Palla di Lardo’ di Vincent D’Onofrio) indotto al gesto più disperato dalla provocatoria persecuzione del sergente aguzzino, costituisce per se stesso un sintomatico sbocco di una tragedia didascalicamente esemplare.

Stanley Kubrick and Matthew Modine in Full Metal Jacket (1987)Dicevamo dunque, della seconda parte ove proprio nel divampare spaventoso, infernale, della guerra guerreggiata nei declinanti anni Sessanta, nella spettrale città di Huè devastata e frantumata dalla poderosa offensiva dei Têt e dalla conseguente controffensiva americana, le inenarrabili vicissitudini dell’indocile, anticonformista corrispondente di guerra Joker (appunto Matthew Modine) e dei commilitoni più o meno contagiati dalla ferocia della guerra si fondono, si confondono ormai indistinguibili nel pozzo di abiezione, di totale disumanità. Significativo, acutamente angoscioso, è in questo senso l’episodio della cecchino vietnamita morente (Ngoc Le) che invoca, più stanca che disperata, che le diano il colpo di grazia per porre fine a tanto orrore, a simile infinita sofferenza.

Di Full Metal Jacket si può dar conto così, per sprazzi e lampi sporadici, poiché in effetti è davvero irraccontabile. Specie in quella sua serrata, convulsa evocazione di eventi e di immagini, di sentimenti e di drammi irrisolti che sono tanta parte della non pacificata coscienza del mondo sul tormentoso ricordo del Vietnam. Stanley Kubrick, d’altra parte, non è nuovo a questi severi, inoppugnabili memento sui dubbi splendori e le sicure miserie del ventesimo secolo.

Infatti, l’impeto drammatico, la vigorosa perorazione civile che traspaiono evidenti da questo ‘film di guerra contro ogni guerra‘ si riallaccia coerente, quasi senza soluzione di continuità, a quell’altra opera-invettiva di Kubrick su un’analoga, disperante tragedia, Orizzonti di Gloria del 1957. Per quanto concerne infine la resa formale di questo stesso Full Metal Jacket, è quasi superfluo sottolineare che la maestria acquisita in circa trent’anni di rigorosa milizia cinematografica, attraverso e oltre i consacrati «generi» della Settima Arte, consente al regista di avventurarsi anche stavolta tra arditezze e vertici espressivo-stilistici davvero memorabili. Quasi quanto i prodigi luministici dei mirabile Barry Lyndon o le strabilianti invenzioni drammaturgiche della paurosa favola di Shining. In poche parole, Stanley Kubrick tocca con Full Metal Jacket la pienezza esaltante di un altro innegabile capolavoro. Ma, in fondo, non poteva altrimenti.

Di seguito la clip in italiano dell’ispezione del Sergente Maggiore Hartman in Full Metal Jacket:

Matthew Modine
Adam Baldwin
Vincent D'Onofrio
R. Lee Ermey
Dorian Harewood
Kevyn Major Howard
Arliss Howard
Ed O'Ross
John Terry
Kieron Jecchinis
City of Crime film 2020
Azione & Avventura

City of Crime (21 Bridges) | La recensione del film di Brian Kirk

di William Maga

Chadwick Boseman, Stephan James e Taylor Kitsch sono i protagonisti di un action thriller 'vecchia scuola' senza troppi fronzoli, che privilegia l'azione all'approfondimento psicologio

Leggi
Jeremy Irons in Watchmen (2019) serie
mortal kombat film 1995
Azione & Avventura

Dossier | Mortal Kombat di Paul W. S. Anderson: l’adattamento definitivo di un videogioco

di Sabrina Crivelli

Ridicolo, datato, improvvisato, il film del 1995 con Christopher Lambert resta una delle versioni 'dal vivo' più divertenti e memorabili del sottogenere

Leggi
Sam Rockwell, Taika Waititi e Roman Griffin Davis in Jojo Rabbit (2019)
Azione & Avventura

Jojo Rabbit | La recensione del film di – e con – Taika Waititi che fa satira sul nazismo

di William Maga

Il filmmaker neozelandese porta in scena una tragicommedia dell'assurdo, che mette gustosamente alla berlina il nazismo e la sua ideologia coinvolgendo nell'operazione Scarlett Johansson e Sam Rockwell

Leggi
1917 film sam mendes
Azione & Avventura

1917 | La recensione del film Sam Mendes che ci porta dietro le linee nemiche

di William Maga

Dean-Charles Chapman e George MacKay sono i protagonisti di un prodigio della tecnica registica, capace di riscrivere le regole di un genere consolidatissimo come quello dei 'war movie'

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per Guns Akimbo: Daniel Radcliffe ha pistole imbullonate alla mani

di Redazione Il Cineocchio

Nell'ipercinetico action splatter diretto da Jason Lei Howden c'è anche la psicopatica Samara Weaving

Leggi
cold blood film 2019 jean reno
Azione & Avventura

Cold Blood – Senza Pace | La recensione del thriller di Frédéric Petitjean con Jean Reno

di William Maga

Il 71enne attore francese è lo sconsolato protagonista di un esordio alla regia modesto, intriso di cliché e confuso

Leggi
Azione & Avventura

Hammamet | La recensione del film di Gianni Amelio su Bettino Craxi

di Giovanni Mottola

Un'opera incerta, che non trova buon amalgama tra realtà e fantasia. L'interpretazione da Oscar di Pierfrancesco Favino è però sufficiente da sola a riscattarlo, restituendo la statura non solo al 'Presidente', ma di un'intera classe politica molto superiore a quella attuale.

Leggi
bloodshot film 2020 vin diesel
Azione & Avventura

Nuovo trailer per Bloodshot: le nanotecnologie rendono Vin Diesel un soldato invincibile

di Redazione Il Cineocchio

L'antieroe dei fumetti della Valiant creato nel 1992 arriva al cinema in versione R-Rated, con Guy Pearce ed Eiza González

Leggi
black widow film 2020
Azione & Avventura

Special look trailer per Black Widow: Taskmaster si scatena contro la famiglia Romanoff

di Redazione Il Cineocchio

Nel cinecomic solista diretto da Cate Shortland, a combattere al fianco di Scarlett Johansson troveremo Florence Pugh, Rachel Weisz e David Harbour

Leggi
morbius film 2020
Azione & Avventura

Trailer e data d’uscita per Birds of Prey: polvere bianca e Black Mask per Harley Quinn

di Redazione Il Cineocchio

Margot Robbie se la dovrà vedere col cattivissimo Ewan McGregor nel nuovo film della DC diretto da Cathy Yan

Leggi
david ayer set bright film
Azione & Avventura

Trailer per Vlad the Impaler: sette eroi affrontano il crudele impalatore

di Redazione Il Cineocchio

Il giovane regista turco Osman Kaya esordisce con un kolossal che prova a raccontare un lato meno noto della storia che ha ispirato Dracula

Leggi
Johnny Depp e Terry Gilliam in Lost in La Mancha (2002)
Azione & Avventura

Recensione story | Lost in La Mancha di Keith Fulton e Louis Pepe

di William Maga

Nel 2003 usciva il documentario che raccontava la storia del kolossal 'abortito' The Man Who Killed Don Quixote di Terry Gilliam, perseguitato dalla sfortuna, tra alluvioni, prostate malate e rumorosi caccia F-16

Leggi