Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

8/10 su 5527 voti. Titolo originale: Full Metal Jacket, uscita: 26-06-1987. Budget: $17,000,000. Regista: Stanley Kubrick.

Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

10/09/2019 recensione di William Maga

Nel 1987, il regista raccontava in modo lucidissimo e scioccante le brutalità della guerra (non solo del Vietnam)

Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Matthew Modine e Arliss Howard in Full Metal Jacket (1987)

“Un altro film sul Vietnam??” Questo si saranno chiesti in molti nel 1987. Ma Full Metal Jacket è qualcosa di più, e di meglio. Si tratta di un film sul Vietnam e su tante altre questioni di capitale importanza. Ieri come oggi, a distanza di oltre 30 anni. Senza contare che era il nuovo attesissimo lungometraggio di Stanley Kubrick, all’epoca una sorta di esule volontario dagli Stati Uniti approdato nei pressi di Londra ma da sempre cineasta in avanscoperta con lavori cinematografici di intensa, ramificata sostanza (il suo lavoro precedente, Shining, risaliva al 1980). In più, il Vietnam, con tutti gli annessi e connessi, era ritornato sorprendentemente di attualità all’epoca (prima con Rambo di Ted Kotcheff, poi coi coevi Platoon di Oliver Stone e I giardini di pietra di Francis Ford Coppola), che costituiva certo un elemento importante dell’opera del regista di New York. Pur se materia del contendere principale era qui la strenua riflessione sulla violenza, sui perversi contraccolpi che essa innesca sia sul piano psicologico individuale, sia su quello sodìciale-collettivo.

full metal jacket film posterUna riprova ad absurdum per fu data dal fatto che, giusto a proposito di Full Metal Jacket (una locuzione gergale con cui si definisce tra i Marines la particolare proprietà delle pallottole corazzate), la reazione generale dell’opinione pubblica in America si mostrò al tempo più che mai polemica, insofferente delle tesi, della mediazione narrativa prospettate da Stanley Kubrick. In questa sorta di reportage sulla rovinosa sindrome patita negli States – e dovunque – in seguito alla conclusa, lontana «sporca guerra» nel Sud Est asiatico. In effetti, il solo precedente omologo a Full Metal Jacket sembrerebbe quella tragica ‘danza macabra’ orchestrata da Robert Altman sul tema ossessivamente incombente della guerra nel suo memorabile «oratorio profano» Streamers del 1983, non a caso strutturato e dipanato, prima, come una torva pantomima e, poi, come un morboso psicodramma tra vicende e personaggi sempre ai margini dell’autodistruzione insensata quanto incomprensibile.

Ulteriore elemento di raccordo appare poi il giovane Matthew Modine che può vantare una singolare costanza nell’impersonare soldati e reduci particolarmente segnati nel fisico, nella mente, da esperienze sconvolgenti, traumatiche. Come anche accade, per lo stesso Modine, nel non dimenticato Birdy – Le ali della libertà di Alan Parker (1984), altra straziante, desolata testimonianza sui guasti irreparabili dei conflitti.

Per tornare al film di Stanley Kubrick, si tratta in qualche modo di una duplice costruzione, articolato come è Full Metal Jacket in due blocchi narrativi distinti e pur sempre correlati tra di loro. Nella prima, più impressionante parte, infatti, si racconta con puntiglio quasi maniacale per i dettagli, per quel turpiloquio bestiale del tipico sergentaccio tutto urla e grinta (il memorabile R. Lee Ermey), come e perché nell’addestrare le reclute dei Marines si tenda a fare di queste soltanto – ed esclusivamente – degli individui pronti (o ‘nati’) per uccidere. Non nel senso, però, di ridurli al rango di robot, ma proprio con l’intento di con servare in loro quel tanto (o quel poco) di raziocinio, come spiega bene il solito ringhioso, spietato Sergente Maggiore Hartman, perché ogni più cruenta impresa sia mandata ad effetto con lucida consapevolezza contro un ben determinato «nemico», i rossi.

Raramente si è visto sul grande schermo in un film di fiction una rappresentazione tanto veristica, così emotivamente scioccante, della brutalità, del programmatico cinismo con cui, nella pratica di una precettistica militare esasperata, si tende a disumanizzare, a disarticolare qualsiasi personalità, ogni carattere individuale per instillare poi, insidiosamente, una sorta di perversa, sovvertitrice morale in forza della quale derogare da tutti i consacrati principi civili di tollerante convivenza diventa quasi automaticamente un in erogabile, meccanico impulso.

Si può verificare a fondo quanto or ora detto proprio nella seconda parte di Full Metal Jacket, pur se l’epilogo prevedibilmente cruentissimo dello scorcio iniziale di quest’opera, con quel giovane un po’ sovrappeso (il soldato ‘Palla di Lardo’ di Vincent D’Onofrio) indotto al gesto più disperato dalla provocatoria persecuzione del sergente aguzzino, costituisce per se stesso un sintomatico sbocco di una tragedia didascalicamente esemplare.

Stanley Kubrick and Matthew Modine in Full Metal Jacket (1987)Dicevamo dunque, della seconda parte ove proprio nel divampare spaventoso, infernale, della guerra guerreggiata nei declinanti anni Sessanta, nella spettrale città di Huè devastata e frantumata dalla poderosa offensiva dei Têt e dalla conseguente controffensiva americana, le inenarrabili vicissitudini dell’indocile, anticonformista corrispondente di guerra Joker (appunto Matthew Modine) e dei commilitoni più o meno contagiati dalla ferocia della guerra si fondono, si confondono ormai indistinguibili nel pozzo di abiezione, di totale disumanità. Significativo, acutamente angoscioso, è in questo senso l’episodio della cecchino vietnamita morente (Ngoc Le) che invoca, più stanca che disperata, che le diano il colpo di grazia per porre fine a tanto orrore, a simile infinita sofferenza.

Di Full Metal Jacket si può dar conto così, per sprazzi e lampi sporadici, poiché in effetti è davvero irraccontabile. Specie in quella sua serrata, convulsa evocazione di eventi e di immagini, di sentimenti e di drammi irrisolti che sono tanta parte della non pacificata coscienza del mondo sul tormentoso ricordo del Vietnam. Stanley Kubrick, d’altra parte, non è nuovo a questi severi, inoppugnabili memento sui dubbi splendori e le sicure miserie del ventesimo secolo.

Infatti, l’impeto drammatico, la vigorosa perorazione civile che traspaiono evidenti da questo ‘film di guerra contro ogni guerra‘ si riallaccia coerente, quasi senza soluzione di continuità, a quell’altra opera-invettiva di Kubrick su un’analoga, disperante tragedia, Orizzonti di Gloria del 1957. Per quanto concerne infine la resa formale di questo stesso Full Metal Jacket, è quasi superfluo sottolineare che la maestria acquisita in circa trent’anni di rigorosa milizia cinematografica, attraverso e oltre i consacrati «generi» della Settima Arte, consente al regista di avventurarsi anche stavolta tra arditezze e vertici espressivo-stilistici davvero memorabili. Quasi quanto i prodigi luministici dei mirabile Barry Lyndon o le strabilianti invenzioni drammaturgiche della paurosa favola di Shining. In poche parole, Stanley Kubrick tocca con Full Metal Jacket la pienezza esaltante di un altro innegabile capolavoro. Ma, in fondo, non poteva altrimenti.

Di seguito la clip in italiano dell’ispezione del Sergente Maggiore Hartman in Full Metal Jacket:

Matthew Modine
Adam Baldwin
Vincent D'Onofrio
R. Lee Ermey
Dorian Harewood
Kevyn Major Howard
Arliss Howard
Ed O'Ross
John Terry
Kieron Jecchinis
Kirk Taylor
Tim Colceri
Jon Stafford
Bruce Boa
Ian Tyler
Sal Lopez
Gary Landon Mills
Papillon Soo
Peter Edmund
Ngoc Le
Tan Hung Francione
Costas Dino Chimona
Marcus D'Amico
Keith Hodiak
Peter Merrill
Herbert Norville
Philip Bailey
John Curtis
Bob Eric Hart
Steve Hudson
Chris Maybach
Gary Smith
Michael Anthony Williams
John Wilson
Stanley Kubrick
Vivian Kubrick
David Palffy
John Ward
Gil Kopel
Duc Hu Ta
Nguyen Hue Phong
Leanne Hong
Kevin Albridge
Martin Adams
Del Anderson
Louis Barlotti
Patrick Benn
John Beddows
Steve Boucher
Gary Cheeseman
Tony Carey
Adrian Bush
John Davis
Danny Cornibert
Wayne Clark
Chris Cornibert
Harry Davies
Gordon Duncan
Phil Elmer
Sean Frank
Hadrian Follett
Colin Elvis
Azione & Avventura

Cortometraggio | Jurassic World – Battle at Big Rock: notte di terrore al campeggio in balìa dell’Allosauro

di Redazione Il Cineocchio

André Holland e Natalie Martinez sotto attacco negli 8 minuti diretti da Colin Trevorrow che ci rivelano cos'è successo dopo gli eventi di Il Regno Distrutto

Leggi
Azione & Avventura

Trailer esteso per Watchmen (la serie): un esercito di Rorschach è sul punto di scatenare il caos

di Redazione Il Cineocchio

Nello show originale supervisionato da Damon Lindelof, che ci riporta nell'universo distopico creato da Alan Moore oltre 30 anni fa, troviamo Jeremy Irons e Don Johnson

Leggi
Sylvester stallone rambo 1982
Azione & Avventura

Dossier | Rambo Saga: First Blood, tutto inizia nel 1982 (Parte I)

di Francesco Chello

Oltre 35 anni fa, Sylvester Stallone portava nei cinema il primo film dedicato a un altro eroe problematico, un reietto con cui empatizzare simbolo delle ferite lasciate aperte dalla guerra del Vietnam

Leggi
Jesus Rolls – Quintana è tornato film 2019
Azione & Avventura

Data di uscita e immagini per Jesus Rolls – Quintana è tornato, spin-off di Il Grande Lebowski

di Redazione Il Cineocchio

A 20 anni dal film dei fratelli Coen, John Turturro riprende il suo personaggio, circondandosi di star del calibro di Susan Sarandon e Christopher Walken

Leggi
Babyteeth film 2019 shannon Murphy
Azione & Avventura

Babyteeth | La recensione del film d’esordio di Shannon Murphy (Venezia 76)

di Teresa Scarale

A metà fra Beverly Hills 90210 e Colpa delle stelle, l'opera prima della regista australiana è il diminutivo di un film. Un ritrito drammino adolescenziale dai colorini pastello e dalla fotografia slavata, suddiviso in rosei capitoletti come fossero post di Instagram

Leggi
rutger hauer furia cieca
Azione & Avventura

Wanted, Furia Cieca, Sotto Massima Sorveglianza: Rutger Hauer in tre film solo all’apparenza minori

di Francesco Chello

Ripercorriamo tre titoli spesso dimenticati - o comunque non abbastanza celebrati - interpretati dall'attore olandese a cavallo tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, ricchi di spunti interessanti

Leggi
first love film miike 2019
Azione & Avventura

Full trailer per First Love, thriller surreale di Takashi Miike tra yakuza e boxe

di Redazione Il Cineocchio

L'ultima fatica del prolifico regista giapponese vede protagonisti Masataka Kubota, Jun Murakami e Shôta Sometani

Leggi
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 8: Il marciapiede sinistro di Via Veneto

di Giovanni Mottola

Al Lido è tempo di documentari sul nostro bel cinema che fu. Si parte con Mondo Sexy e si finisce con Life as a B movie: Piero Vivarelli. Non c'è tempo per Chiara Ferragni

Leggi
Antonio Banderas e Gary Oldman in The Laundromat (2019)
Azione & Avventura

The Laundromat | La recensione del film di Steven Soderbergh sui Panama Papers (Venezia 76)

di William Maga

Il regista firma per Netflix un lungometraggio che affronta con leggerezza - forse eccessiva - la 'più grande fuga di notizie della storia', facendo leva su un cast d'eccezione che vanta Meryl Streep, Gary Oldman e Antonio Banderas

Leggi
weathering with you film 2019
Azione & Avventura

Trailer e data d’uscita per Weathering With You, il nuovo film di Makoto Shinkai che gioca col meteo

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il successo di Your Name del 2017, il regista giapponese torna sulle scene con una nuova storia dai contorni fantastici che coinvolge due adolescenti

Leggi
Joaquin Phoenix in Joker (2019) film
Azione & Avventura

Joker | La recensione del film di Todd Phillips sul pagliaccio principe del crimine (Venezia 76)

di William Maga

Il regista abbandona i trascorsi comici per un'opera problematica e ambigua, lontanissima da qualsiasi cinecomic e sorretta da un'interpretazione memorabile di Joaquin Phoenix

Leggi
Bad Boys for Life film will smith
Azione & Avventura

Trailer per Bad Boys for Life: Will Smith e Martin Lawrence di nuovo insieme contro il crimine di Miami

di Redazione Il Cineocchio

I due attori si ritrovano dopo 15 anni per il terzo e ultimo capitolo della saga, diretto a quattro mani da Adil El Arbi e Bilall Fallah

Leggi
muro ippoliti venezia 76
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 7: Il muro delle critiche piange, Julie Andrews foriera di aneddoti

di Giovanni Mottola

L'attrice 83enne racconta raggiante alcuni simpatici episodi della sua lunga carriera; intorno, non brillano About Endlessness di Roy Andersson e Guest Of Honour di Atom Egoyan

Leggi
ema pablo larrain film
Azione & Avventura

Ema | La recensione del film di Pablo Larraín (Venezia 76)

di Teresa Scarale

Il regista cileno si conferma una delle cineprese più solide del cinema contemporaneo, capace di padroneggiare effetti visivi à la Gaspar Noé (ma senza 'effetto nausea') e storie dal sapore almodovariano, ma prive del retrogusto amaro della sconfitta

Leggi
venezia 76 2019
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 6: Pochi fan per Yonfan (e per Rami Malek), tanti per Martin Eden

di Giovanni Mottola

L'animazione di No. 7 Cherry Lane non lascia il segno, al contrario del film con Luca Marinelli. Intanto Julie Andrews ritira il Leone d'Oro alla carriera

Leggi