Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione story | Hard Candy di David Slade

6/10 su 1731 voti. Titolo originale: Hard Candy , uscita: 14-01-2005. Budget: $950,000. Regista: David Slade.

Recensione story | Hard Candy di David Slade

06/05/2020 recensione film di William Maga

Nel 2005, il regista britannico esordiva dietro alla mdp con un film dall'argomento scottante, affidando a Ellen Page e Patrick Wilson un duello psicologico senza esclusione di colpi

hard candy film ellen patrick 2005

Hard Candy è quel tipo di film indipendente a basso budget (1 milioni di dollari) e senza compromessi che probabilmente fa un vanto del favorire l’insorgere dell’ambivalenza in una parte significativa del suo pubblico. Certo, non regge benissimo a un attento esame autoptico (come molti thriller psicologici del resto), ma ugualmente rimane potente e inquietante durante l’esperienza visiva, anche dopo 15 anni, con problemi che affiorano solamente dopo che sono comparsi i titoli di coda. Si tratta di un titolo che sarà molto apprezzato da coloro che non chiedono un’identificazione dello spettatore con l’individuo sullo schermo, perché nessuno dei suoi personaggi è il tipo di persona con cui un normale spettatore potrebbe – o vorrebbe – simpatizzare.

hard candy poster filmIncontrare qualcuno online può essere un grosso rischio. Mentre la maggior parte di coloro che “frequentano” le chat room e i siti di incontri sono praticamente chi e cosa sostengono di essere, ci sono anche inevitabilmente delle eccezioni. Come sa chiunque presti attenzione alle notizie dei telegiornali, il cyberspazio è pieno di predatori in agguato. Quando Hayley Stark (Ellen Page) accetta di incontrare il suo amico di Internet, Jeff Kohlver (Patrick Wilson), in una tavola calda, la ragazzina riconosce che è un grande passo. Lei è una studentessa di soli 14 anni. Lui è un fotografo di 32. Ed entrambi sono consapevoli che l’uomo è interessato a qualcosa di più che a scattare delle foto.

Il loro primo incontro faccia a faccia è imbarazzante. Jeff si presenta un po’ timido e confuso. Hayley, sebbene apparentemente ingenua, è invece schietta. Il suggerimento di andare a casa di Jeff è suo, e una volta che sono lì, lei prende in mano il gioco – in più di un modo. Presto impareremo alcune cose. Jeff è un pedofilo, anche se quanto aggressivo rimane una domanda aperta. E Hayley, riconoscendo le sue tendenze dalle loro chat online, ha deciso di smascherarlo e fargliela pagare. Lo droga, lo lega, poi gli spiega cosa gli farà, in modo che non dia mai più la caccia a un’altra ragazza. Oh, a proposito, è forse coinvolto nella scomparsa di una giovane la cui fotografia fa parte della sua collezione personale?

La maggior parte dei 100 minuti di Hard Candy è costituita di dialoghi, mentre i due personaggi tentano di togliere, strato dopo strato, i travestimenti reciproci e arrivare alle verità sottostanti. Alla fine, non ne sappiamo molto di più di quanto ne sapevamo all’inizio. Le reali motivazioni di Hayley rimangono un mistero. La colpa o l’innocenza di Jeff del più atroce dei crimini non è affatto ben determinata. Il britannico David Slade, qui all’esordio, scegli di concentrarsi più sullo confronto nel presente che sugli eventi passati che potrebbero aver fatto precipitare la situazione.

Ellen Page in Hard Candy (2005)Il regista non simpatizza certo con il pedofilo. Jeff si dimostra subdolo, manipolatore e patetico. Ma Hayley non è il tipo di individuo con cui uno spettatore può facilmente legare. Nonostante sia incredibilmente intelligente, presenta i segni distintivi di un sociopatico. Il suo atteggiamento verso il tormento di Jeff rasenta la gioia sadica. Ci sono momenti in cui è addirittura più spaventosa di lui. E quale uomo non trasalirà e suderà freddo durante una scena particolare che, sebbene non mostrata esplicitamente, colpisce nel profondo l’immaginazione di chi guarda?

Purtroppo, Hard Candy si indebolisce nel corso della seconda metà. La prima ora è intensa e avvincente: abbiamo l’incontro inquieto, il rovesciamento dei ruoli e un avvincente gioco psicologico del lupo cattivo e Cappuccetto Rosso (una metafora non troppo velata evidenziata dalla felpa rossa della ragazza), tra i due protagonisti mentre marcano il loro territorio. Jeff potrebbe essere pure l’adulto tra loro, ma diventa subito evidente che è Hayley il principale manipolatore nella stanza. Tuttavia, poiché lei è fisicamente meno imponente, c’è il concreto pericolo che se l’uomo riuscisse a liberarsi dalle corde che lo tengono legato, possa sopraffarla facilmente. Una volta che il film ha raggiunto il picco, la locomotiva perde un po’ di vapore, ma comunque non deraglia. Lo scenario diventa meno plausibile e Sandra Oh è al centro di un bizzarro cameo nei panni di una vicina di casa che porta i biscotti della figlia Girl Scout. Fa piacere vedere l’attrice di Grey’s Anatomy, ma non ci si può che chiedere se il suo ruolo avrebbe potuto essere un po’ meno campato per aria.

Hard Candy (2005) castrazioneEllen Page, all’epoca 18enne e sostanzialmente sconosciuta ancora, merita i riconoscimenti che ha ricevuto (l’Austin Film Critics Awards e il Women Film Critics Circle, entrambi nel 2006). La sua interpretazione di Hayley è da brividi. Come detto, il suo personaggio è un semplice costrutto di uno sceneggiatore, ma l’attrice la rende reale. Patrick Wilson (notto allora per esser stato Raoul in Il fantasma dell’opera di Joel Schumacher) offre una prestazione solida, ma si nota che sta interpretando qualcuno molto lontano dalle sue caratteristiche. Lei domina le loro scene, il che sconvolge un po’ il tipico equilibrio del gioco del gatto co topo. Lo spettatore è portato a credere che Hayley abbia sempre la mano vincente, anche quando non dovrebbe.

Per l’ex regista di videoclip musicali, debuttare al lungometraggio con qualcosa di così tematicamente pericoloso vuol dire essere spericolati o molto sicuri di se. Il materiale offerto dalla sceneggiatura di Brian Nelson è senz’altro avvincente – ha contemporaneamente il potere di interessare e repellere. La crudeltà del film sfiancherà alcuni spettatori, ma è anche la qualità che eleveranno i difensori di Hard Candy. C’è molto di più qui che una normale fantasia di vendetta. Questi sono due personaggi affascinanti, e smettere di continuare a osservarli mentre si sferrano e parano colpi a vicenda risulta impossibile quanto il togliere lo sguardo quando si arriva nei pressi un un incidente stradale.

Di seguito il trailer internazionale di Hard Candy:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi