Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] Sun Choke di Ben Cresciman

5/10 su 23 voti. Titolo originale: Sun Choke, uscita: 01-10-2015. Regista: Ben Cresciman.

[recensione] Sun Choke di Ben Cresciman

04/02/2017 recensione film di Sabrina Crivelli

Raffinata e straniante incursione nel mondo della follia, la pellicola traghetta lo spettatore all'interno di un'ossessione psicotica

Incubo impalpabile e straziante, Sun Choke di Ben Cresciman tratteggia un universo surreale attraverso uno sguardo distorto, quello della disturbata Janie (Sarah Hagan).

sun_choke_xlgIncentrato sulla routine quotidiana della giovane che, da quanto si può desumere dai dialoghi, ha avuto diversi episodi psicotici, subito ne è descritto il rapporto con la balia e carceriera Irma (Barbara Crampton), che sin dall’infanzia si è presa cura di lei. Lo sviluppo della vicenda è minimale, non è nella storia che risiede la forza del film, ma nella intensa sensazione che nello spettatore suscitano la regia, la fotografia (di Mathew Rudenberg), i dialoghi e le scelte in termini diegetici. Ogni dettaglio è straniante, trasmette un incontrollabile malessere che cresce a ogni fotogramma, eppure che in buona parte del minutaggio non è concretizzato con immagini truci o violente, è qualcosa che si radica più a fondo, vibrazione visiva e sonora ineffabile, come il Diaphason che induce in Jane uno spasmo simile a quello derivante da un elettroshock. Il resto è una routine estenuante, il reiterarsi quasi doloroso per la giovane paziente ogni giorno di esercizi elementari eppure che richiedono uno smodato sforzo della poverina, mentre la sua premurosa carceriera  vigila su di lei con amorevole e crudele sollecitudine. La sua asfissiante presenza è resa magistralmente da una Crampton che perfettamente incarna una tutrice impositiva al limite del sadismo, che invade ogni spazio, anche il più intimo della sua protetta. La controlla mangiare, la richiama quando perde la concentrazione, le impone l’infinita ripetizione di posizioni in sfibranti sedute di yoga, la forza a bere fino a ingozzarsi, l’assiste durante il bagno nella vasca o quando si depila, infine la punisce quando non obbedisce. Si delinea così un rapporto sadomaso, in cui la dominatrice definisce le regole quali necessarie per la protezione di colei che tiene prigioniera, perfino le torture sarebbero finalizzate al mantenimento o, più auspicabile, al miglioramento della sua salute psichica.

Sun ChokeVittima, all’apparenza, della donna, Janie sembra imprigionata in una sofferente regressione infantile, di dipendenza da opprimente figura di educatrice protratta per anni, che porta a uno status passivo aggressivo. Stralunata e al contempo sperduta, la sua percezione del mondo circostante è perfettamente resa dalle scelte stilistiche, che danno la sensazione di immergere chi guarda nella sua mente, di vedere attraverso ai suoi occhi che divengono al loro volta l’occhio della camera stesso. Soggettivissima, la resa del suo mondo, le mura domestiche come le incursioni all’esterno, sono pervase da un tocco allucinato, quasi onirico, che tange il suo apice in esterni inondati di luce bianca catturati con un’acciecante sovraesposizione. Poi c’è il particolarismo visionario, la focalizzazione sui particolari, sui gesti e gli aspetti più banali, come custodi di un significato profondo e sotteso. L’attenzione ai dettagli si configura nell’emisfero dell’iperbolico e dell’iper-significante, i movimenti dei piedi, la mimica del viso durante una regressione ipnotica, comunicano molto più di quanto è registrato, di quanto rappresentano. Come nel lynchiano Inland Empire – L’impero della mente, o ancor più in The Master di Paul Thomas Anderson, il tangibile è ri-codificato in un linguaggio psicanalitico, in un’operazione dall’intellettualismo spinto. Anche l’atto più banale, il rompere un bicchiere, diventa indice di una aggressione repressa, una rabbia pronta ad esplodere. Ne fornisce un assaggio il montaggio alternato del flashback dello sfogo di smodata violenza, in cui è ricoperta di sangue, intervallato dall’inquadratura di lei durante gli esercizio di yoga.

Sun Choke di Ben CrescimanPian piano si palesa allora il bipolarismo della protagonista, poco conta quale sia la causa della sua alienazione (insita in lei o generata dopo anni di ‘trattamento’ da parte di Irma), i segni della sua instabilità si fanno sempre più inquietanti. Dietro un aspetto così innocente e indifeso, di piccola creatura vessata, si cela qualcosa di molto diverso, che emerge in un crescendo di comportamenti sempre più maniacali, per approdare al brutale… Graduale discesa nella follia, principia quando incappucciata attrae la sua attenzione una ragazza in un bar, Savannah (Sara Malakul Lane), poi la pedina al parco, la segue davanti alla porta di casa, arriva a spiarla negli incontri intimi con il fidanzato e a intrufolarsi in nella sua abitazione. Man mano che Sun Choke avanza l’allucinato si tinge di sangue, diviene cruento, estremo, fino ad approdare in lidi decisamente gore, emblematica è la sequenza dell’uccisione del fidanzato della ragazza che ossessiona Janie: quale antropomorfa mantide religiosa, con una pietra gli fracassa la testa nel mezzo di un amplesso. A ciò si sommano una lunga lista di sevizie, al limite del torture porn, molteplici sono gli elementi estremamente scabrosi, tra cui perfino l’uso su soggetto umano di un collare per cani che da la scossa per evitare la fuga dalla prigionia. Infine la violenza è circolare, come lei lo sviluppo filmico, l’epilogo è già scritto e mostrato sin dall’inizio, racchiuso evocativamente nella raffigurazione del fiotto di purpureo liquido vitale che lento si espande nell’acqua in turbinii e volute dlla macabra bellezza.

Ipnotico e disturbante, estetizzazione della follia, Sun Choke è una raffinata e insieme ermetica narrazione dark, di cui non si comprende appieno il mistero, e proprio in ciò sta la sua capacità di suscitare un profondo disagio in chi vi assiste.

Di seguito il trailer ufficiale:

Horror & Thriller

Trailer per Good Boy: un cagnolino uccide chi mette ansia a Judy Greer

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Steve Guttenberg e Maria Conchita Alonso nell'horror diretto da Tyler MacIntyre per HULU

Leggi
#Alive film horror 2020
Horror & Thriller

Trailer per #Alive: un palazzo è assediato dagli zombie nel film coreano di Cho Il-hyung

di Redazione Il Cineocchio

Sono Yoo Ah-In (Burning) e Park Shin-Hye i protagonisti che dovranno provare a sopravvivere al feroce attacco dei non morti

Leggi
locke film tom hardy 2014
Horror & Thriller

Recensione story | Locke di Steven Knight

di William Maga

Nel 2014, Tom Hardy era il solitario protagonista di un thriller ambientato interamente all'interno di un'automobile

Leggi
favolacce film 2020 germano
Horror & Thriller

Favolacce | La recensione del film di Fabio e Damiano D’Innocenzo con Elio Germano

di Sabrina Crivelli

Dopo La Terra dell'Abbastanza, i due fratelli tornano in regia per un'opera scioccante e metafisica, con protagonista un insolito Elio Germano

Leggi
betaal serie netflix horror 2020
Horror & Thriller

Betaal | La recensione della miniserie horror indiana (su Netflix)

di William Maga

Il regista inglese Patrick Graham (già dietro alla serie Ghoul) e la Blumhouse realizzano un prodotto di genere dal grande potenziale, scegliendo purtroppo la via più semplice e banale per affrontarlo

Leggi