Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Recensione | The Cloverfield Paradox di Julius Onah

5/10 su 1873 voti. Titolo originale: The Cloverfield Paradox, uscita: 04-02-2018. Budget: $10,000,000. Regista: Julius Onah.

Recensione | The Cloverfield Paradox di Julius Onah

05/02/2018 recensione film di Sabrina Crivelli

Gugu Mbatha-Raw è la lacrimevole protagonista del terzo segretissimo e ben poco riuscito film della saga sci-fi prodotta da J.J. Abrams

Scialbo ingranaggio di una macchina narrativa sempre più complessa e inconcludente, The Cloverfield Paradox (prima conosciuto come God Particle e come Cloverfield Station) di Julius Onah (alla seconda regia dopo The Girl Is in Trouble), principia da una buona intuizione, ma dissipa ogni possibile attrattiva delle iniziali premesse con uno sviluppo dispersivo, decisamente derivativo e poco ritmato, che finisce per non coinvolgere per nulla lo spettatore.

Il concept alla base del terzo e segretissimo film del franchise di Cloverfield (dopo i decisamente più riusciti Cloverfield del 2008 e 10 Cloverfield Lane del 2016), come detto, sembra a un primo sguardo (la prima mezz’ora) intrigante. In un prossimo futuro non specificato, la Terra è sull’orlo del baratro, in preda alla fame e alla crisi energetica e a una guerra globale imminente, così viene inviato nello spazio un gruppo di scienziati, impersonati da Gugu Mbatha-Raw (Black Mirror), Daniel Brühl (Rush), John Ortiz (Kong: Skull Island), Chris O’Dowd (Molly’s Game), Aksel Hennie (Sopravvissuto – The Martian), Ziyi Zhang (Memorie di una geisha) e David Oyelowo (Selma – La strada per la libertà). L’equipaggio è in missione per provare ad attivare un acceleratore di particelle (siamo nel campo della fantascienza pura, non di una costruzione scientifica credibile, è bene chiarire subito), pericoloso quanto potente, che dovrebbe provvedere a trovare una soluzione definitiva all’imminente esaurimento delle fonti di elettricità, con ovvie conseguenze sugli equilibri geopolitici terrestri. Sono molti mesi (24 al posto degli iniziali 6 preventivati) che il variegato gruppo, proveniente da ogni parte del mondo, è rinchiuso dentro alla stazione spaziale internazionale, la Shepard, pertanto si iniziano a sentire gli attriti tra i vari membri, quando finalmente, dopo l’ennesimo tentativo, sembra che l’esperimento abbia avuto successo e il complesso procedimento quantistico venga attivato. Tuttavia, qualcosa va storto, la struttura viene danneggiata e il team non riesce a trovare più il nostro bel pianeta blu! Non solo, una misteriosa donna (Elizabeth Debicki) viene ritrovata imprigionata in un pannello elettrico e una serie di eventi incomprensibili e sinistri iniziano a succedersi, portando i protagonisti a interrogarsi seriamente su dove si trovino veramente e su come fare per tornare indietro.

Molti sono i problemi che affliggono The Cloverfield Paradox, che unisce un copione poco curato e con qualche stranezza (primo tra tutti il dialogo tra il personaggio della Zhang, che si esprime solo in cinese, e tutti gli altri…), alcuni risvolti decisamente prevedibili, l’inesistente approfondimento delle psicologie dei protagonisti e una struttura diegetica desunta a piene mani da altre pellicole. Anzitutto la storia è la somma di suggestioni già viste altrove, riprese però in modo superficiale e confusionario. Immediato in particolare è il richiamo a Punto di non ritorno (Event Horizon), in cui l’astronave e il suo equipaggio andavano alla deriva ai confini dell’universo, in una dimensione oscura. Diversamente dall’opera di Paul W. S. Anderson del 1997 tuttavia, quivi alcuni passaggi più marcatamente horror, alcuni incomprensibili e foschi incidenti, sono escamotage purtroppo solo maldestramente buttati lì per allungare il minutaggio (1 ora e 42 minuti complessivi), ma in alcun modo motivati veramente da nessun elemento della trama, così la loro estrema casualità finisce vanificata invece di intensificare la suspense. A ciò si aggiunge che i momenti che dovrebbero essere più disturbanti e orrorifici risultano estremamente annacquati, per nulla spaventosi; quindi le oscure minacce, oltre a esserne imperdonabilmente poco approfondita l’origine, nemmeno suscitano davvero alcun salto sulla sedia.

Inoltre, The Cloverfield Paradox non riesce a replicare né il ritmo di Cloverfield creato dalla fuga caotica per la metropoli in preda all’invasione aliena, né l’incertezza e la sospensione di 10 Cloverfield Lane garantiti dai comportamenti ambigui del padrone di bunker (John Goodman). Nello specifico, il nuovo capitolo del franchise sci-fi, tenta di riproporre, pur proiettandolo nello spazio, il senso di claustrofobia e di incombente minaccia dell’immediato predecessore, ma senza saper concretizzare l’inquietudine o l’indeterminatezza nei soggetti messi in scena. Ancora una volta, il tutto è certo dovuto in parte alla totale assenza di un reale crescendo, ma anche alla mancanza di spessore dei personaggi, con cui è difficile empatizzare e che anzi alternano superficiali attacchi d’ira e di veemenza improvvisati dal nulla, giusto per dare colore, ma in cui nemmeno loro sembrano credere davvero, ad afflati lacrimevoli e patetici (le parentesi compassionevoli tangono in particolar modo la backstory della scienziata incarnata dalla Mbatha-Raw). Lo stesso vale poi, sfortunatamente, per uno forse dei personaggi più rilevanti nell’economia del racconto, almeno per ciò che concerne l’edificazione della tanto agognata tensione, ossia la sconosciuta comparsa improvvisamente (Debicki). Subito infatti, la donna presenta qualcosa di sfuggevole ed è abbastanza presagibile dove l’insieme di sospetti che si vengono a creare porteranno … Le parti migliori, per assurdo, sono quasi quelle che hanno luogo sulla Terra, dove parallelamente – in montaggio alternato – seguiamo Michael (Roger Davies), marito della Mbatha-Raw, mentre affronta le conseguenze di quello che sembra un attacco nucleare e che prova disperatamente a contattarla, ma sono talmente poche e poco estese da risultare totalmente marginali.

Lontanissimo dunque dai due predecessori, The Cloverfield Paradox sembra un mero riempitivo nella mitologia creata fino ad ora nella serie (il cui collegamento diretto si palesa peraltro solamente sul finale), un punto di vista peculiare il cui spunto avrebbe pur potuto valere qualcosa, ma che in concreto si dimostra un malforme e per nulla inedito pastiche; replica maldestra di Punto di non ritorno senza deriva soprannaturale, o del primo Alien senza i temibili Xenomorfi, con una punta del recente – e già quasi clone del seminale capolavoro di Ridley Scott del 1979 – Life Non oltrepassare il limite, nei corridoi deserti della Shepard si annidano soltanto l’insofferenza e la noia. D’altronde, il fatto che sia approdato direttamente su Netflix – che l’ha messo a catalogo, anche in Italia, da oggi, 5 febbraio -, a posteriori la dice molto lunga sul perchè J.J. Abrams abbia preferito non farlo arrivare fino nelle sale cinematografiche (pur essendo costato 26 milioni di dollari, ma qualcuno sostiene 45). In ogni caso, è già pronto Overlord, quarto e altrettanto segretissimo capitolo della serie girato da Julius Avery, ma ambientato questa volta nel passato, all’epoca della Seconda Guerra Mondiale.

Di seguito trovate i due trailer originali:

Elizabeth Debicki
Gugu Mbatha-Raw
Daniel Brühl
Chris O'Dowd
Zhang Ziyi
David Oyelowo
Aksel Hennie
John Ortiz
Roger Davies
Jordan Rivera
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer e data di uscita per Mulan: Gong Li è una strega malvagia nel wuxia Disney

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Jet Li e Donnie Yen nella rivisitazione 'dal vero' del Classico animato del 1998, che vede protagonista la combattiva Yifei Liu (ma non Mushu ...)

Leggi
breach film 2020 John Suits (2)
Sci-Fi & Fantasy

Breach: immagini e trama per il fanta-horror con Bruce Willis e Thomas Jane

di Redazione Il Cineocchio

Ci sarà anche Rachel Nichols nello spazio profondo del film diretto da John Suits

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Monolith | La recensione del film di Ivan Silvestrini

di Alessandro Gamma

Nel drama sci-fi del regista italiano la fantascienza è un mero spunto per narrare la tragedia interiore di una madre immatura

Leggi
la storia infinita film falkor
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | La Storia Infinita: quando il film è odiato dall’autore del libro da cui è tratto

di William Maga

Ripercorriamo la vicenda dietro al clamoroso successo del classico del 1984 diretto da Wolfgang Petersen, criticato aspramente da Michael Ende per gli stravolgimenti e il suo essere troppo superficiale

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Sette minuti dopo la mezzanotte | Recensione del film fantasy di Juan Antonio Bayona

di Alessandro Gamma

Il regista spagnolo confeziona uno dei rari film che affrontano i misteri dell'infanzia senza soccombere alla sdolcinatezza spinta, grazie anche all'ottima prova dell'esordiente Lewis MacDougall

Leggi
A Holiday Reunion cortometraggio sequel E.T. l'extra-terrestre
Sci-Fi & Fantasy

Cortometraggio | A Holiday Reunion è il sequel di E.T. l’extra-terrestre, con Henry Thomas

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 37 anni, il regista Lance Acord fa incontrare nuovamente il tenero alieno dai grandi occhi e un cresciuto Elliott

Leggi
edward fulrong 2019
Sci-Fi & Fantasy

Edward Furlong su Terminator – Destino Oscuro: “Mi rode molto per il mio ruolo limitato”

di Redazione Il Cineocchio

Lo storico interprete di John Connor ha raccontato la sua brevissima esperienza sul set del film di Tim Miller, spiegando le ragioni di ciò che lo ha maggiormente deluso (e non sono le stesse dei fan ...)

Leggi
onward film pixar 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer e trama per Onward: elfi e creature magiche nel fantasy della Pixar

di Redazione Il Cineocchio

Tra i doppiatori originale del film diretto da Dan Scanlon troveremo anche Tom Holland e Chris Pratt

Leggi
Godzilla II King Of The Monsters film
Sci-Fi & Fantasy

Godzilla II: King Of The Monsters | La recensione del film di Michael Dougherty

di William Maga

Il regista spreca l'enorme potenziale a disposizione, scegliendo una trama in cui abbondano i cliché, l'oscurità e la verbosità piuttosto che puntare tutto sugli scontri tra i mostri e la devastazione cieca

Leggi
final space serie stagione 2 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Final Space (stagione 2) | Recensione dei 13 episodi della serie animata (su Netflix)

di Sabrina Crivelli

Lo show avventuroso creato da Olan Rogers e David Sacks non solo riconferma l'irresistibile verve narrativa e il black humor che l'han reso una delle sorprese del 2018, ma addirittura rilancia in grande stile

Leggi
terminator-destino-oscuro-film-set
Sci-Fi & Fantasy

Tim Miller sul flop di Terminator – Destino Oscuro: “Colpa di James Cameron e delle sue ingerenze”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha parlato dei problemi della lavorazione del film con Linda Hamilton e Arnold Schwarzenegger, addossando al produttore 65enne i magri risultati al botteghino

Leggi
mortale serie netflix 2019
Sci-Fi & Fantasy

Mortale | Recensione della serie fanta-horror francese di Netflix (stagione 1)

di William Maga

Carl Malapa, Nemo Schiffman e Manon Bresch sono i protagonisti di un teen drama intriso di voodoo incompiuto, che a spunti interessanti contrappone personaggi antipatici e vicoli ciechi di sceneggiatura

Leggi
Timecrimes film Nacho Vigalondo
Sci-Fi & Fantasy

Timecrimes | La recensione del film di Nacho Vigalondo

di William Maga

Nel 2007, il regista e sceneggiatore spagnolo esordisce con un'opera che mescola abilmente slasher e fantascienza, per un risultato tanto inquietante quanto irresistibile

Leggi
pinocchio film garrone 2019
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Pinocchio: Matteo Garrone ci guida nel Paese dei balocchi

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti della trasposizione delle celebra favola di Carlo Collodi ci sono Roberto Benigni, Rocco Papaleo, Gigi Proietti e Marcello Fonte

Leggi
ragnarok serie netflix 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Ragnarok, serie danese di Netflix con un nuovo eroe

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti dello show originale che aggiorna la mitologia norrena ci sono Jonas Strand Gravli e Theresa Frostad Eggesbø

Leggi
Lontano lontano

Lontano lontano

05-12-2019

L'immortale

L'immortale

05-12-2019

Qualcosa di meraviglioso

Qualcosa di meraviglioso

05-12-2019

I passi leggeri

I passi leggeri

05-12-2019

Cena con delitto - Knives Out

Cena con delitto - Knives Out

05-12-2019

RECENSIONE

Il paradiso probabilmente

Il paradiso probabilmente

05-12-2019

L'Inganno perfetto

L'Inganno perfetto

05-12-2019

Western Stars

Western Stars

02-12-2019

I figli del mare

I figli del mare

02-12-2019

RECENSIONE

Shooting the Mafia

Shooting the Mafia

01-12-2019

Nati 2 volte

Nati 2 volte

28-11-2019

A Tor Bella Monaca non piove mai

A Tor Bella Monaca non piove mai

28-11-2019

Il peccato - Il furore di Michelangelo

Il peccato - Il furore di Michelangelo

28-11-2019

Un giorno di pioggia a New York

Un giorno di pioggia a New York

28-11-2019

Midway

Midway

27-11-2019

RECENSIONE

Frozen II - Il segreto di Arendelle

Frozen II - Il segreto di Arendelle

27-11-2019