Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione story | The Wicker Man di Robin Hardy

7/10 su 494 voti. Titolo originale: The Wicker Man, uscita: 01-12-1973. Budget: $658,625. Regista: Robin Hardy.

Recensione story | The Wicker Man di Robin Hardy

10/01/2018 di Sabrina Crivelli

Un magnetico Christopher Lee è l'iconico leader di un culto celtico in cui vigono orge e sacrifici umani nel capolavoro maledetto del 1973

Contraddistinto da quello stile visionario che spesso ha guidato la cinematografia degli anni ’70, The Wicker Man (1973) di Tom Hardy è rimasto negli annali come uno dei più conturbanti e singolari film incentrati su una setta. Ispirato al romanzo di David Pinner Ritual, a rendere ancora più memorabile questo imperdibile titolo è la presenza e l’eccezionale performance di Christopher Lee nei fascinosci panni di Lord Summerisle, governatore di un’isola remota al largo della Scozia e leader della misteriosa forma di paganesimo di derivazione celtica praticata dall’isolata comunità. Allo stesso modo magistrale è la recitazione del resto del cast, da cui emergono Edward Woodward (Agente Callan, spara a vista), Britt Ekland (Agente 007 – L’uomo dalla pistola d’oro), Diane Cilento (Tom Jones) e Ingrid Pitt (La morte va a braccetto…).

Questo mistery horror, che ebbe un certo plauso della critica soprattutto specializzata all’epoca (a incassi invece andò molto male, complice anche le decurtazioni di minutaggio imposte dalla censura), venne sceneggiato da Anthony Shaffer, il quale a distanza di un quindicennio – nel 1989 – lavorò poi al trattamento di un possibile sequel non autorizzato intitolato Loathsome Lambton Worm, con un più marcato lato fantasy e che non fu mai girato, anche a causa anche del disinteresse di Hardy. Questi invece, dopo un ulteriore notevole lasso di tempo, nel 2011, finì per dirigere un successore spirituale, The Wicker Tree (clamorosamente inedito nel nostro paese quanto il capostipite), che vedeva ancora Lee in uno dei ruoli principali. Nel 2006 è uscito invece l’omonimo remake americano (in Italia intitolato Il prescelto) di Neil LaBute, con Nicolas Cage nei panni del poliziotto nell’originale incarnato da Woodward.

In ogni caso, protagonista di The Wicker Man è il sergente Howie (Woodward), che approda nella sperduta Summerisle nel corso di un’indagine per la sparizione di una giovane donna, Rowan Morrison (Gerry Cowper), dopo aver ricevuto una lettera anonima. Tuttavia, una volta arrivato, si accorge anzitutto che gli autoctoni, dediti a un antico rito celtico tramandatogli dai propri avi, non hanno alcuna intenzione di collaborare alle indagini, anzi tutti, compresa la madre della scomparsa, negano che ella sia mai esistita. Se la situazione è di per sé sospetta, diviene ancor più inquietante dopo l’incontro con il capo della comunità, Lord Summerisle, un possidente terriero che incoraggia per tradizione familiare l’adorazione di antichi dei e supervisiona con entusiasmo delle importanti celebrazioni, quelle che ruotano attorno al  periodo del calendimaggio. Tuttavia, con l’avanzare delle ricerche e l’avvicinarsi della fatidica data, una terribile verità riguardante il culto pian piano affiora e Howie scopre che al centro dei riti propiziatori ci sono sacrifici umani.

Contraddistinto da un estremo intellettualismo, The Wicker Man non è certo un film immediato, né la sua forza sta nella smaccata spettacolarità e velocità a cui ci ha ormai abituato un certo cinema mainstream. Al contrario, è costruito un crescendo graduale, ma angosciante, denso di dettagli e suggestioni visive e sonore, in cui la rappresentazione di un paganesimo sanguinario e ancestrale è contraddistinta da una simbologia panica dalla grande potenza, primo fra tutti l’Uomo di vimini, quel fantoccio antropomorfo fatto di rami e paglia che in molte civiltà vernacolari viene bruciato a scopo apotropaico e incarna il simulacro di una vittima sacrificale umana. A ciò si somma una congerie di singolari usanze, come danze di stampo medievaleggiante di giovani con nastri di tessuto attorno a un arbusto, pratiche orgiastiche peraltro aperte a partecipanti d’età adolescenziale, strani dogmi trasmessi ai fanciulli, delineandosi così una peculiare forma di idolatria dalla marcata componente sessuale e dai plurimi riferimenti all’immagine fallica. Non mancano altresì i nudi femminili e le danze sfrenate: memorabile è in particolare quella ammaliante performata dalla Ekland nella stanza affianco al poliziotto, malia carnale il cui richiamo però si rivela uno snervante logorio della volontà della vittima prescelta.

La percezione d’un pericolo incombente, dunque, è edificata secondo una configurazione dicotomica, si nutre dell’attrito tra il cattolicesimo, che caratterizza Howie, e la spinte dionisiache e primitiviste della società autoctona. Si concretizza in tal maniera una tentazione pre-cristiana, quella di una femminilità dirompente che mette in discussione i rigidi precetti giudaico-cristiani con una sensualità incontenibile, connessa immediatamente al peccato e non solo. Andando più a fondo nell’indagine del tessuto simbolico particolarmente elaborato, non può non sorgere alla mente l‘idea di Eros e Thanatos, dittologia di genesi classica, ma anche di reminiscenza freudiana e daliniana. A completamento infine dell’emisfero visivo, compete a trasmettere allo spettatore un profondo senso di straniamento la colonna sonora, ne è un esempio Willow’s Song di Paul Giovanni, che funge da sottofondo alla scena sopracitata.

Arcano e conturbante, The Wicker Man mira a immergere chi guarda in un mondo surreale, sospeso tra allucinazione e tangibile, tra cristianesimo e paganesimo, tra civile modernità e cruento e carnale primitivismo, lasciandolo in uno stato confusionale e d’inquietudine. Proprio per questo forse, per i molteplici elementi controversi e per la buona dose di blasfemia, l’approdo in Italia della pellicola è stato assai macchinoso e avvenuto con notevole ritardo: la premiere televisiva risale infatti solo al 2002, mentre in home video il film è tutt’ora una chimera.

Di seguito il trailer originale di The Wicker Man:

Edward Woodward
Christopher Lee
Britt Ekland
Diane Cilento
Ingrid Pitt
Lindsay Kemp
Russell Waters
Robin Hardy
Aubrey Morris
Irene Sunters
Walter Carr
Roy Boyd
Ian Campbell
John Hallam
Peter Brewis
Leslie Blackater
Barbara Rafferty
Tony Roper
Juliet Cadzow
Ross Campbell
Penny Cluer
John Sharp
Lorraine Peters
Ian Wilson
Helen Norman
Donald Eccles
Gerry Cowper
Jennifer Martin
Charles Kearney
Fiona Kennedy
Myra Forsyth
Alison Hughes
Lesley Mackie
John McGregor
Jimmy Mackenzie
John Young
Richard Wren
Elizabeth Sinclair
Kevin Collins
Muriel Greenslade
Horror & Thriller

André Øvredal: “Adatto per il cinema La Lunga Marcia di Stephen King; ho paura di fallire”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista norvegese (Autopsy) comincerà presto le riprese dell'ennesima trasposizione di un'opera del Re del brivido, che all'epoca l'aveva pubblicata col nome di Richard Bachman

Leggi
We Have Always Lived in the Castle film Alexandra Daddario e Taissa Farmiga
Horror & Thriller

We Have Always Lived in the Castle | La recensione del film con Alexandra Daddario e Taissa Farmiga

di Sabrina Crivelli

C'è anche Sebastian Stan nell'adattamento cinematografico del romanzo di Shirley Jackson, un dramma claustrofobico in cui il vero orrore risiede nel passato e nella psiche

Leggi
Horror & Thriller

The Nightingale: trailer per il rape & revenge in costume di Jennifer Kent

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il passaggio al Festival di Venezia, il secondo film della regista australiana è finalmente pronto ad arrivare nelle sale

Leggi
Randall Archer e Erin Way in The Collection (2012)
Horror & Thriller

The Collected: poster per il terzo film della saga slasher del ‘Collezionista’

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 7 anni di silenzio, il protagonista Josh Stewart conferma l'arrivo dell'atteso sequel, scritto e diretto ancora una volta da Marcus Dunstan

Leggi
jinn serie netflix
Horror & Thriller

Jinn: full trailer per la serie Netflix ispirata al folklore arabo

di Redazione Il Cineocchio

C'è il giovane regista libanese Mir-Jean Bou Chaaya dietro alla prima produzione originale mediorientale

Leggi
Horror & Thriller

C’era una volta a Hollywood: full trailer metacinematografico e data di uscita in Italia

di Redazione Il Cineocchio

Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie sono tra i protagonisti del crime thriller di Quentin Tarantino, che ricostruisce gli ultimi momenti dell'età dell'oro della Los Angeles di fine anni '60, con l'ombra di Charles Manson sullo sfondo

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di True Fiction, un esperimento usa il terrore come fonte per un romanzo horror

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Braden Croft torna sulle scene con un horror thriller che capovolge le dinamiche di Misery non deve morire

Leggi
Horror & Thriller

Recensione story | Cannibal Love – Mangiata Viva di Claire Denis

di Sabrina Crivelli

Ripercorriamo lo scioccante film del 2001 della regista francese con protagonista Vincent Gallo, in cui sesso e cannibalismo si compenetrano indissolubilmente

Leggi
Vincent Price il grande inquisitore
Horror & Thriller

John Hillcoat: “Dirigo il remake di Il Grande Inquisitore, Nicolas W. Refn produce”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo quattro anni di silenzio, riparte di slancio il progetto che porterà al cinema un nuovo adattamento del controverso romanzo di Ronald Bassett già trasposto da Michael Reeves nel 1968

Leggi
brightburn l'angelo del male film
Horror & Thriller

13 cose da sapere su L’Angelo del Male – Brightburn di David Yarovesky

di Redazione Il Cineocchio

Curiosità e aneddoti sulla lavorazione dell'horror coi supereroi prodotto da James Gunn e interpretato da Elizabeth Banks

Leggi
L'Angelo del Male - Brightburn film
Horror & Thriller

L’Angelo del Male – Brightburn | La recensione del mash-up tra horror e cinecomic

di Sabrina Crivelli

Ci sono David Yarovesky alla regia e James Gunn in produzione dietro al film che mescola splatter e superpoteri pescando a piene mani da Il presagio e da Superman, ma il risultato soddisfa meno di quanto si vorrebbe

Leggi
climax Gaspar Noé film
Horror & Thriller

Poster e trailer italiani per Climax, thriller ‘in acido’ di Gaspar Noé

di Redazione Il Cineocchio

A un anno dalla presentazione in anteprima al Festival di Cannes, l'ultima fatica del controverso regista franco-argentino con Sofia Boutella arriva finalmente nei nostri cinema

Leggi
Désirée Giorgetti Sky Sharks (2)
Horror & Thriller

Intervista esclusiva | Désirée Giorgetti ci parla di Sky Sharks

di Alessandro Gamma

L'attrice italiana ci racconta la sua esperienza sul set del folle fanta-horror diretto da Mark Fehs, in cui ci sono anche Tony Todd, Cary-Hiroyuki Tagawa e Robert LaSardo

Leggi
nancy drew serie the cw Kennedy McMann
Horror & Thriller

Trailer per Nancy Drew, serie che rilancia in TV le indagini soprannaturali della giovane detective

di Redazione Il Cineocchio

Ha il volto dell'esordiente Kennedy McMann la protagonista delle nuove storie del personaggio creato dalla scrittrice Mildred Augustine Wirt Benson

Leggi
brightburn film 2019
Horror & Thriller

UPDATE | L’Angelo del Male – Brightburn censurato in Italia: le 2 scene tagliate

di Redazione Il Cineocchio

Nell'horror coi superpoteri prodotto da James Gunn e diretto da David Yarovesky manca circa 1 minuto di momenti splatter

Leggi
Rocketman

Rocketman

29-05-2019

Una vita violenta

Una vita violenta

25-05-2019

L'angelo del male - Brightburn

L'angelo del male - Brightburn

23-05-2019

RECENSIONE

Takara - La notte che ho nuotato

Takara - La notte che ho nuotato

23-05-2019

Polaroid

Polaroid

23-05-2019

RECENSIONE

Aladdin

Aladdin

22-05-2019

RECENSIONE

Alive in France

Alive in France

19-05-2019

Dolor y gloria

Dolor y gloria

17-05-2019

Mò vi mento - Lira di Achille

Mò vi mento - Lira di Achille

16-05-2019

Bangla

Bangla

16-05-2019

Unfriended: Dark Web

Unfriended: Dark Web

16-05-2019

RECENSIONE

Quando eravamo fratelli

Quando eravamo fratelli

16-05-2019

John Wick 3 – Parabellum

John Wick 3 – Parabellum

16-05-2019

RECENSIONE

Attenti a quelle due

Attenti a quelle due

16-05-2019