Home » Cinema » Azione & Avventura » Riflessione | Lo Spietato, ovvero come René Ferretti di Boris avrebbe girato un film di mafia

6/10 su 164 voti. Titolo originale: Nada Santo, uscita: 08-04-2019. Regista: Renato De Maria.

Riflessione | Lo Spietato, ovvero come René Ferretti di Boris avrebbe girato un film di mafia

03/05/2019 recensione di Sabrina Crivelli

Il film con Riccardo Scamarcio prodotto da Rai Cinema e distribuito da Netflix mostra più di un punto di contatto - non voluto - con la serie TV con Francesco Pannofino

The Ruthless/Lo Spietato

Forse ricorderete che anni addietro (eravamo tra il 2007 e il 2010), in un lampo di insperata genialità, la Fox International Channels Italy diede il via libera alla Wilder per una serie televisiva satirica tanto brillante quanto sottovalutata: Boris. Lungo gli episodi delle tre stagioni si susseguivano le peripezie di Alessandro (Alessandro Tiberi), uno stagista pieno di speranze che entrava a far parte della produzione dell’orribile fiction TV Gli occhi del cuore 2, diretta dal disincantato René Ferretti (Francesco Pannofino) e popolata di personaggi ‘mitologici’ come la raccomandatissima prima attrice Corinna Negri, soprannominata “cagna maledetta” (Carolina Crescentini) per le sue scarse doti recitative, eguagliate in quanto a incapacità solo dal co-protagonista Stanis La Rochelle (Pietro Sermonti).

Ebbene, a volte la realtà sembra ispirarsi alla finzione, che a sua volta è indubbiamente ispirata alla realtà: è il caso dell’incommensurabilmente disgraziato Lo Spietato (il titolo internazionale è The Ruthles), adattamento dal romanzo Manager Calibro 9 di Pietro Colaprico e Luca Fazzodi diretto dal regista Renato De Maria (Paz!), che sarebbe potuto tranquillamente essere girato da René al posto di “Gli occhi del cuore 2”.

lo spietato film netflix posterProdotto orgogliosamente da Rai Cinema e approdato su Netflix per qualche singolare strategia distributiva tutta italica (ma è stato anche proiettato in alcune sale l’8, 9 e 10 aprile), il film segue l’ascesa di Santo Russo (Riccardo Scamarcio), un brutale membro della ‘Ndrangheta trasferitosi adolescente a Milano dopo che il padre è stato allontanato con infamia dagli affiliati per una qualche non ben definita colpa. Cresciuto con il mito della ricchezza facile e con il desiderio disperato di mimetizzarsi nel capoluogo lombardo, lo vediamo sin dalle prime sequenze mentre scimmiotta un affettato dialetto milanese e scorrazza per le vie dell’hinterland, guardando da lontano con una certa ammirazione e un tocco di invidia i boss della zona. Il suo desiderio di rivincita sociale è palese, ma la maniera non gli è ancora chiara, almeno finché non viene incarcerato e non s’imbatte in Salvatore “Slim” Mammone (Alessio Praticò), compare perfetto per la futura carriera criminale. Da qui è un crescendo, che parte da violentissime rapine, per poi passare ai rapimenti, e arrivare infine allo spaccio di eroina e al riciclaggio, che permettono a Santo di atteggiarsi finalmente a imprenditore di successo.

Cosa c’entra quindi Lo Spietato con Boris? Se ci soffermiamo su più di un dettaglio, dalla sceneggiatura alla recitazione, fino alla messa in scena, i punti di contatto sono numerosi, facendo del film RAI l’alternativa ideale perfetta alla fiction a episodi con Francesco Pannofino. E si può partire proprio dai due registi, che, coincidenza, condividono non solo il mestiere e lo stile, ma perfino il nome di battesimo. Renato De Maria è in fondo il doppio perfetto di René Ferretti, con una carriera spesa nelle produzioni TV – alla direzione e alla sceneggiatura – con titoli come “Distretto di polizia” o “Squadra antimafia – Palermo oggi”, ma anche di un medical drama casereccio come “Medicina generale” (proprio come i prodotti presi in giro da “Gli occhi del cuore 2”). D’altra parte in Boris, l’alternativa al dramma ospedaliero sarebbe stata quasi certamente una storia di malavita o polizia. Non va dimenticato, tra l’altro, che in Boris – Il film del 2011, René, nel tentativo di emanciparsi dalle tremende fiction televisive, comincia a lavorare su “La casta“, film potenzialmente impegnato sullo stile del “Gomorra” di Matteo Garrone, che tuttavia si trasforma tragicamente alla fine nell’ennesimo becero cinepanettone.

Ovviamente, i curiosi parallelismi – nemmeno troppo forzati – non si esauriscono qui. Altro tocco ‘da maestro’ di Lo Spietato in puro stile Boris sono le ambientazioni. Vi ricordate quando nella Stagione 2 René veniva a sapere che – per sua somma gioia – Corinna avrebbe dovuto abbandonare il set perché era stata scelta per incarnare niente meno che Madre Teresa di Calcutta? In tale frangente la produzione organizzava l’uscita di scena della star, che doveva avere luogo in un lontano paese africano e che veniva suddivisa su due puntate (la 2×01 e la 2×02), intitolate La mia Africa parte prima e seconda. Se avete familiarità con la serie, ricorderete allora probabilmente il villaggio ricreato nel cortile subito fuori dallo studio di registrazione con due capanne di paglia improvvisate e qualche comparsa pescata tra i passanti di colore. Ecco, in confronto alla Milano da bere di Lo Spietato, quel villaggio fa la figura di una ricostruzione filologica. Le avventure di Santo si svolgono infatti tra il capoluogo lombardo e il suo hinterland, tra gli anni ’60 e gli anni ’90, ma, a quanto pare, coloro che si sono occupati degli esterni del lungometraggio hanno decretato che non fosse necessario coprire i visibilissimi segni della contemporaneità del 2018/19.

Ad esempio, durante una sequenze in notturna, hanno decretato che posteggiare qualche automobile dell’epoca ai lati della strada fosse più che sufficiente ad ammantare l’insieme di immediato fascino 80s coprendo tutto il resto. Cosa importa di piccolezze come insegne, cartelli stradali, lampioni, orologi e via dicendo. Forse però, l’apice del pressapochismo viene raggiunto in una scena topica, quella dell’arresto. Girata in un rallenti surreale, il protagonista è fuori la sera per le strade della zona intorno al Duomo con moglie e figli, quando intravvede la sua amante (Marie-Ange Casta, che pare colta da una solitaria forma di estatica pulsione alla danza) incrociare – plausibilmente – il nuovo compagno, artista come lei (con tanto di basco da pittore). Tale momento topico accade nientemeno che davanti alle bancarelle dei mercatini di Natale effettivamente sbaraccate quattro mesi fa e che molti turisti giapponesi e russi avranno fotografato con piacere (c’è anche un avventore con giubbino smanicato e luci al neon sospese). In ogni caso, per dissipare la possibile confusione, la narrazione procede per capitoli scanditi chiaramente per anno, così che il povero spettatore disattento non rimanga spiazzato. E se questo non bastasse, a rafforzare il palese messaggio interviene lo spiegone con voce fuori campo di Riccardo Scamarcio stesso, che commenta ogni evento del lungo flashback su cui Lo Spietato si sviluppa.

lo spietato film netflix scamarcioTuttavia, una vera fiction all’italiana non sarebbe tale senza l’attore (maschio o femmina) cagnaccio nei panni di un personaggio stereotipato all’inverosimile; ce lo insegna sempre l’ineluttabile Boris. Anche in questo, il film di Renato De Maria dimostra di essere ampiamente sul pezzo. A ricoprire l’arduo compito con incredibile ‘maestria’ è proprio Riccardo Scamarcio, ibrido perfetto di Stanis e Corinna. Le sue doti sono manifeste sin dall’apertura, in cui con un calcato quanto innaturale accento milanese che fa impallidire quello già ridicolo di Kim Rossi Stuart in “Vallanzasca” chiacchiera con il socio Mario Barbieri  (Alessandro Tedeschi). Di colpo viene interrotto da un manipolo di loschi figuri, che reclamano il pagamento di una partita di droga smarrita.

Dopo l’aggressione di un napoletano (resa in maniera talmente poco credibile da sembrare una pantomima e girato rigorosamente secondo il principio del “a cazzo di cane!”/”buona!!!”), l’occhio della telecamera si sofferma sull’attore di Trani. Questi assume un’aria seria, minacciosa (o almeno quello dovrebbe essere l’intento) e, con lo sguardo lievemente basso e con tono misterioso, dichiara: “Dovevano morire tutti, ça va sans dire!“. Quindi, per dare ulteriore enfasi alza gli occhi e guarda dritto in macchina, a rompere la quarta parete. E non possiamo che immaginarci un trio di sceneggiatori su uno yacht che proclamano in coro “F5: ça va sans dire!” (leit motiv che viene ripetuto alla nausea lungo tutto il minutaggio). Bastano una manciata di secondi per assaporare a fondo il preciso connubio di recitazione e copione grotteschi che contraddistingue l’intero Lo Spietato. Il registro è costante, anche se esistono apici sublimi, come il tentato suicidio sexy in négligé nera di Mariangela (Sara Serraiocco), moglie religiosissima di Salvo, tradita e abbandonata.

Come possibile spiegazione (ma il dubbio rimane), c’è da dire che, al contrario degli integerrimi protagonisti di Gli occhi del cuore 2, Riccardo Scamarcio per primo non sembra prendersi davvero troppo sul serio, e anzi un discreto black humor più volte emerge in svariate sequenze (la trovata dei tossici sommelier è geniale ed estremamente cinica). A ulteriore conferma (anche se uscito ‘postumo’) è stato poi diffuso un video virale firmato da Netflix – apprezzato e visto probabilmente molto più del film stesso -, in cui Giovanni Storti (del trio Aldo, Giovanni e Giacomo) dà qualche lezione di milanese a base di ‘scherzi della cadrega’ al protagonista. In definitiva, Lo Spietato risulta un film straniante, in bilico tra grottesco e serioso, che dimostra solamente come negli ultimi 10 anni la situazione del settore in Italia sia cambiata davvero pochissimo.

Di seguito trovate la simpatica ‘lezione di milanese’ di Giovanni:

Riccardo Scamarcio
Sara Serraiocco
Marie-Ange Casta
Alessandro Tedeschi
Alessio Praticò
Ignazio Oliva
Valentine Payen
Angelo Libri
Adele Tirante
Fulvio Milani
Michele Di Siena
Sebastian Gimelli Morosini
Sara Cardinaletti
Michele De Virgilio
Aram Kian
Pietro Pace
Fabio Pellicori
Giuseppe Percoco
Marco Ripoldi
Valentine Payen
Giovanni D'Aleo
Lorenzo Di Iulio
Thomas Semeraro
Antonio Caracciolo
Alessandro Lombardo
Pippo Crotti
Franco Idone
Ermes Frattini
Damiano Lauria
Masters of the Universe Revelation netflix kevin smith poster
I falchi della notte (1981) rutger hauer
Azione & Avventura

I Falchi della Notte e The Hitcher: un Rutger Hauer in versione villain memorabile

di Francesco Chello

Riscopriamo il rude poliziesco del 1981 e il thriller on the road velato di horror del 1986, in cui l'attore olandese ha dato forma a due personaggi in grado di rubare la scena ai 'buoni'

Leggi
mortal kombat
Azione & Avventura

Mortal Kombat: trovati Liu Kang, Mileena, Raiden e Jax del reboot prodotto da James Wan

di Redazione Il Cineocchio

Dopo la data di uscita e l'annuncio di Sub-Zero, si rimpolpa il cast del film R-Rated diretto da Simon McQuoid

Leggi
angel has fallen film butler
Azione & Avventura

Attacco al potere 3: nel trailer finale italiano Gerard Butler sotto accusa deve salvare il Presidente

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Morgan Freeman, Jada Pinkett Smith e Nick Nolte nel terzo film della saga action patriottica iniziata nel 2013

Leggi
venom film 2018 hardy
Azione & Avventura

Andy Serkis su Venom 2: “Ho idee molto chiare su come sarà il sequel”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha anche rivelato di aver atteso a lungo di poter lavorare con Tom Hardy, il quale "è molto coinvolto nella scrittura della sceneggiatura" del film

Leggi
Pinocchio Gris Grimly
Azione & Avventura

Guillermo del Toro: “Vi spiego perché il mio Pinocchio sarà diverso dai precedenti”

di Redazione Il Cineocchio

L'adattamento in stop-motion e musical del romanzo per ragazzi di Carlo Collodi sarà, secondo il regista messicano, vicino a Frankenstein per sensibilità

Leggi
Titans stagione 2
Azione & Avventura

Trailer per la stagione 2 di Titans: arrivano Deathstroke e Superboy

di Redazione Il Cineocchio

Nelle prime immagini intravvediamo anche Chelsea T. Zhang nei panni di Rose Wilson e Chella Man come Joseph Wilson, la figlia del letale mercenario

Leggi
Azione & Avventura

1917: teaser trailer italiano per il war movie di Sam Mendes con Colin Firth e Benedict Cumberbatch

di Redazione Il Cineocchio

CI sono anche Mark Strong e Richard Maddenin nella missione contro il tempo per sventare un attacco letale del nemico

Leggi
The Irishman
Azione & Avventura

Teaser per The Irishman: Robert De Niro e Al Pacino esplosivi nel film Netflix di Martin Scorsese

di Redazione Il Cineocchio

Joe Pesci affianca le due star hollywoodiane nel gangster movie diretto da Martin Scorsese, tratto del libro 'I Heard You Paint Houses' di Charles Brandt

Leggi
the boys serie amazon 2019
Azione & Avventura

The Boys: lo showrunner Eric Kripke parla dell’unica scena tagliata da Amazon

di Redazione Il Cineocchio

Nonostante sangue, parolacce e splatter abbondino nello show tratto dal fumetto di Garth Ennis e Darick Robertson, esiste una sequenza giudicata davvero troppo estrema

Leggi
baby driver 2017
Azione & Avventura

Ansel Elgort su Baby Driver 2: “Il sequel si farà”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il regista Edgar Wright, anche il giovane protagonista dell'heist movie del 2017 parla di un secondo capitolo

Leggi
The Boys serie Amazon
Azione & Avventura

The Boys: la recensione della serie Amazon che ribalta l’idea di supereroe

di Sabrina Crivelli

Sangue, parolacce e cinismo imperversano nello show originale che porta sul piccolo schermo in tutto il suo dissacrante splendore il fumetto di Garth Ennis e Darick Robertson

Leggi
Azione & Avventura

Rocko’s Modern Life: nel trailer del revival Netflix ritroviamo la O-Town del nuovo millennio

di Redazione Il Cineocchio

Ad agosto i protagonisti della serie animata anni '90 prodotta da Nickelodeon faranno il loro ritorno sul piccolo schermo

Leggi
Azione & Avventura

Trailer e data di uscita per Shaun, Vita da Pecora – Farmageddon

di Redazione Il Cineocchio

A tre anni dal primo film, la Aardman Animations porta al cinema una nuova avventura in claymation che strizza l'occhio a E.T. e a Signs

Leggi
rambo last blood sylvester stallone film
Azione & Avventura

Rambo – Last Blood: trailer italiano e nuova data d’uscita del quinto film con Sylvester Stallone

di Redazione Il Cineocchio

A 72 anni suonati, la star torna per l'ultima volta a interpretare il celebre veterano del Vietnam, questa volta in trasferta in Messico per abbattere un pericoloso cartello

Leggi
Il signor Diavolo

Il signor Diavolo

22-08-2019

RECENSIONE

La rivincita delle sfigate

La rivincita delle sfigate

22-08-2019

Charlie Says

Charlie Says

22-08-2019

RECENSIONE

Il re leone

Il re leone

21-08-2019

The Nest (Il nido)

The Nest (Il nido)

15-08-2019

RECENSIONE

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

15-08-2019

Crawl - Intrappolati

Crawl - Intrappolati

15-08-2019

RECENSIONE

Kin

Kin

15-08-2019

RECENSIONE