Home » Cinema » Azione & Avventura » Shazam! | Recensione del film di David F. Sandberg col supereroe Zachary Levi

7/10 su 5206 voti. Titolo originale: Shazam! , uscita: 29-03-2019. Budget: $80,000,000. Regista: David F. Sandberg.

Shazam! | Recensione del film di David F. Sandberg col supereroe Zachary Levi

29/05/2020 recensione film di William Maga

Il regista abbandona le atmosfere cupe dei suoi horror precedenti per raccontare con (troppa) leggerezza la storia delle origini dell'eroe alter ego di un adolescente, con risultati alterni

Zachary Levi in Shazam! (2019)

Siamo ormai arrivati, con questo, a sette film riconducibili al DC Extended Universe, eppure, nell’affannosa rincorsa al successo della rivale Marvel / Disney, la DC / Warner ancora non è riuscita a trovare il giusto mix d’ingredienti per la perfetta ricetta dei suoi cinecomicShazam! dell’esperto di horror David F. Sandberg (Annabelle 2, Lights Out) presenta innegabilmente qualche buono spunto, qualche gag divertente, ma il tono incostante e poco chiaro, le imprecisioni in sceneggiatura, la lunghezza esagerata per quello che alla fine racconta (133 minuti) e l’assenza d’appeal dei protagonisti lasciano lo spettatore più perplesso che entusiasta.

shazam poster film itaLa storia, piuttosto convenzionale anche per chi è digiuno di fumetti, è nella sua essenza un classico Bildungsroman (già, paroloni in libertà accostati a prodotti di questo tipo!) con un tocco di magia. Billy Batson (Asher Angel) è un ragazzino problematico che, dopo aver smarrito per sempre la madre in un parco divertimenti quando era molto piccolo, non ha mai smesso di cercarla. Così, ha passato gli ultimi 10 anni tra una famiglia affidataria e l’altra, scappando ogni volta per mettersi sulle tracce della genitrice che, con ogni probabilità, non si è tuttavia mai preoccupata di lui e del suo destino. Approdato quindi dai Vasquez, ovvero Rosa (Marta Milans) e Victor (Cooper Andrews), più il loro multietnico gruppetto di figli adottivi, Freddy (Jack Dylan Grazer), Eugene (Ian Chen), Darla (Faithe Herman), Pedro (Jovan Armand) e Mary (Grace Fulton), capisce che anche questa volta la storia tornerà presto a ripetersi.

Lo stimolo è infatti sempre quello di fuggire, considerato anche l’essere entrato subito nel mirino dei due bulli della scuola, che vogliono fargli rimpiangere amaramente di aver preso le difeso di uno dei suoi fratellastri, invalido. Nel corso di un viaggio in metropolitano per, succede l’incredibile, col 14enne protagonista che si ritrova catapultato dentro una strana caverna di pietra in cui c’è un antico tempio e dove un singolare vecchio barbuto, sedicente potente stregone (Djimon Hounsou), lo elegge suo malgrado al gravoso ruolo di ‘campione’ con il ridicolo nome di Shazam, trasferendogli attraverso un mistico bastone una serie di incredibili superpoteri, necessari a combattere un temibile avversario traviato dai demoni dei Sette Peccati Capitali. Tornato a casa, Billy si ritrova così insignito di un ruolo ben al di sopra delle sue possibilità, oltretutto che il supereroe in calzamaglia in cui può trasformarsi a piacimento semplicemente urlandone il nome è un adulto (Zachary Levi)!

A questo punto (siamo al minuto 40 circa …), David F. Sandberg decide – saggiamente – di abbandonare finalmente il registro più serioso e che si prende sul serio usato per il lunghissimo preambolo alla vicenda, interamente dedicato alle disgrazie infantili di Billy e pure del suo futuro antagonista, il Dottor Thaddeus Sivana (Mark Strong), una sorta di Lex Luthor che ha affrontato per anni impotente le vessazioni del fratello maggiore e del padre (coincidenza ‘strana’, questi è incarnato da John Glover, che nella serie TV Smallville interpretava proprio Lionel Luthor …) ed è cresciuto naturalmente disturbato e bramoso di rivalsa.

Jack Dylan Grazer in Shazam! (2019)E qui nel secondo atto, quasi d’improvviso, si entra nel vivo di quello che durante la campagna promozionale di Shazam! dei mesi scorsi era stato promesso: un dissacrante mix tra Big con Tom Hanks (o Da grande con Renato Pozzetto se preferite …) e Quel pazzo venerdì coi superpoteri a scompigliare le carte in tavola. Se infatti tematiche potenzialmente importanti quali il bullismo, l’abbandono dei genitori e il maltrattamento sui minori vengano abbozzate con una leggerezza disarmante e ai limiti del disturbante, l’apparato comico-farsesco si può dire – auspicabilmente – molto più riuscito. Il tono scanzonato in cui si decostruisce la classica figura dell’eroe vista così tante volte al cinema in decine di storie delle origini, prima la pratica – in compagnia dell’amico ultranerd che sa tutto di fumetti e che ne ha scoperto l’identità segreta, che filma col cellulare ogni test e lo pubblica su YouTube – e poi l’uso ‘improprio’ di superpoteri a mero scopo autopromozionale o spassoso, le impressioni dettate dal ritrovarsi improvvisamente dentro un corpo nerboruto (con tutto quello che ne comporta), conduce agilmente a momenti da pura slapstick comedy che fanno indubbiamente sorridere.

Come intuibile, non siamo comunque di fronte a quel pirotecnico humor irriverente di Deadpool; l’intento parodistico c’è anche in Shazam! certo, ma rispetto ai film di Tim Miller la portata dissacratoria – pur presente in abbondanza, visti gli Easter Egg dedicati a Batman, Superman, Aquaman ecc. – è ben differente e soprattutto inferiore. Qui siamo infatti davanti solo a dei primi vacillanti passi in direzione dell’apoteosi di Appropriation Art e disincanto a cui i dialoghi e le avventure del mercenario chiacchierone Wade Wilson ci ha abituato. Lo sceneggiatore Henry Gayden (Zombie Roadkill) ha ancora molto da imparare, quantomeno in termini di pieno sfruttamento del citazionismo a scopo comico. I casi sono più d’uno in cui la cultura pop viene menzionata in Shazam!, ma i riferimenti sono troppo incerti e frenati, troppo indefiniti e lasciati all’immaginazione dello spettatore per essere davvero gustosi (fate caso all’omaggio lasciato in sospeso a Sauron e al Signore degli Anelli o all’apparizione di un collega supereroe). Altro aspetto fastidioso e ben lontano da Deadpool, manca del tutto non solo ogni di credibile traccia di violenza, ma perfino il sangue (come già avvenuto nel recente Venom). Eppure viene inscenata una vera e propria carneficina, dove i membri di un CdA vengono dilaniati brutalmente.

Mark Strong in Shazam! (2019)Il regista sceglie allora di virare ulteriormente di tono nel terzo e conclusivo atto del film, quello prevedibilmente dedicato al grande scontro finale tra eroe e supervillain. Ma prima, alcuni ulteriori assalti di Herr Starr … ah no scusate!! del perfido Thad Silvana e dei grugnenti Sette Peccati Capitali – animati con una CGI degna de La Mummia di Stephen Sommers (ricordiamo che il budget di Shazam! è stato solo di 80 milioni di dollari) – che si ripetono senza causare davvero danni fisici a nessuno, dando la sensazione di essere davanti a dei mostri posticci, gommosi, che rimbalzano molli su chi stanno attaccando, riconducendo l’effetto dei combattimenti dentro il recinto dei film del pomeriggio. Vero è che Shazam! è stato esattamente pensato per un pubblico di giovanissimi (il rating è PG-13), ma almeno un tocco di realismo più maturo nelle colluttazioni sarebbe stato apprezzabile.

Non aiuta poi la messa in scena piatta e già vista altrove delle lotte, pure comprensibile visto che il regista David F. Sandberg non aveva esperienza diretta nel cinema action. E comunque – è palese – il regista non si avvantaggia nemmeno in nessun modo della sua esperienza diretta nell’horror per provare a creare atmosfere dark o anche solo per dare un suo qualche contributo al character design delle mostruose incarnazioni dei Sette Peccati Capitali, la cui caratterizzazione simil gargoyle è al contempo casuale e banale (oltre ad essere del tutto differente rispetto ai fumetti). In ultimo, ad aumentare la perplessità dello spettatore – almeno di quello un minimo attento – ci sono alcune palesi incoerenze (quanta pignoleria eh!). Ad esempio, se pochi minuti prima uno dei Peccati utilizza il potere della ‘smaterializzazione’ per respingere un attacco, questa utile fumosità svanisce poche sequenze dopo, solamente perché altrimenti non si assisterebbe ad alcuna competizione. Inoltre, lascia assai confusi l’annosa questione della ‘suddivisione’ dei poteri che si verifica, duplice, a un passo dalla meta dei titoli di coda.

shazam film 2019In definitiva, la DC / Warner con Shazam! si avvicina certo – seppure molto lentamente – all’agognato traguardo della sufficienza, ma continua a latitare in fatto di coraggio, affidandosi qui oltretutto a un protagonista non certo dotatissimo in quanto a carisma, che si accompagna a personaggi secondari quasi monodimensionali e assolutamente stereotipati (il bambino asiatico hacker? nel 2019? sul serio?). Sia il cinecomic che Zachary Levi non esplorano a fondo il potenziale comico di questa commedia di supereroi con un cuore, che punta a far sorridere e a far riflettere – a livello basico che di più non si può – sull’importanza della famiglia (anche se non ci sono legami di sangue) e della diversità, che vanno presi come punti di forza e non come zavorre, ma si dilunga in situazioni macchinose che ne affossano il ritmo. Per non parlare di come viene risolto ‘incredibilmente’ (da leggersi come ‘non ci credo che l’abbiano risolta così’) il virtualmente interessantissimo e problematicissimo rapporto tra Billy e la madre naturale, visto che tutti conosciamo bene il valore delle figure materne e il peso specifico di queste nella vita e nelle scelte di quasi tutti i supereroi (Batman e Superman per primi).

Non ci resta comunque che aspettare i possibili sviluppi futuri (anticipati da una delle 2 scene post credits) di questo paladino, le cui potenzialità rimangono ancora tutte da sfruttare.

Di seguito il secondo trailer italiano di Shazam!:

Azione & Avventura

Trailer per Transformers: War For Cybertron Trilogy, inizia l’assedio nella serie animata di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Gli storici nemici Autobot e i Decepticon si affrontano nella battaglia decisiva in 6 nuovi episodi

Leggi
Sope Dirisu in Gangs of London (2020)
Azione & Avventura

Gangs of London (stagione 1) | La recensione della serie ideata da Gareth Evans

di William Maga

Il regista di The Raid si sposta sul piccolo schermo per un prodotto violentissimo e cupo in 9 episodi. Con lui i colleghi Corin Hardy e Xavier Gens. Tra i protagonisti Sope Dirisu e Joe Cole

Leggi
Woody Harrelson in Rampart (2011)
Azione & Avventura

Dossier | To protect and serve: il poliziesco americano contemporaneo, da Training Day a Codice 999 (Parte III)

di Paolo Gilli

Si conclude il nostro giro di pattuglia per le strade degli Stati Uniti, soffermandosi sui titoli più recenti

Leggi
free-state-jones-matthew
Azione & Avventura

Free State of Jones | La recensione del film di Gary Ross

di Martina Morini

Mattew McConaughey è il protagonista assoluto di un racconto più attuale che mai della continua lotta per l’uguaglianza e i diritti civili

Leggi
warrior nun serie 2020 netflix
Azione & Avventura

Warrior Nun (stagione 1) | La recensione della serie Netflix con le suore guerriere

di William Maga

La serie fanta-avventurosa a fumetti in stile manga creata da Ben Dunn arriva sul piccolo schermo interpretata da Alba Baptista e Tristán Ulloa, per un risultato che si discosta dalla fonte ma ne coglie le sfumature più importanti

Leggi