Home » Cinema » Horror & Thriller » Siamo sicuri che il misterioso Lutz Ebersdorf di Suspiria sia davvero Tilda Swinton sotto un pesante trucco?

Titolo originale: Suspiria, uscita: 11-10-2018. Budget: $20,000,000. Regista: Luca Guadagnino.

Siamo sicuri che il misterioso Lutz Ebersdorf di Suspiria sia davvero Tilda Swinton sotto un pesante trucco?

24/08/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Una biografia dettagliata appena emersa in rete sembrerebbe smontare le certezze relative alla doppia interpretazione dell'attrice inglese nel remake di Luca Guadagnino

Se è indubbio che Tilda Swinton possa essere in grado di interpretare magistralmente qualsiasi ruolo al cinema, persino quello di un uomo, con l’uscita del full trailer di Suspiria di Luca Guadagnino ieri il mistero su quanti ruoli l’attrice londinese interpreti veramente nel remake / reboot del classico di Dario Argento del 1977 si è improvvisamente infittito. La protagonista è infatti accreditata come UN solo personaggio sulla pagina ufficiale IMDb di Suspiria, ovvero una donna di nome Madame Blanc. Come in molti probabilmente ricorderanno però, era stato originariamente riportato mentre ancora le riprese erano in corso che Tilda Swinton stava interpretando anche un uomo più anziano, con l’ausilio di alcune foto ‘rubate’ sul set berlinese che sembravano confermare l’ipotesi di un invecchiamento creato ad hoc attraverso un pesante make-up.

Infine, Alberto Barbera, direttore della Mostra Internazionale del cinema di Venezia, annunciando la presenza di Suspiria in concorso nella 75a edizione ha addirittura rivelato durante la conferenza stampa che l’attrice britannica avrebbe interpretato addirittura tre ruoli! Ebbene, dove sta la verità quindi? Proprio IMDB arriva ora a complicare le cose.

Sul sito, al nome del Dott. Jozef Klemperer (teoricamente il personaggio maschile che la Swinton avrebbe incarnato) è associato un misterioso attore tedesco di nome Lutz Ebersdorf, il quale – nonostante l’età – non presenta altri crediti cinematografici o televisivi. Tuttavia è presente una sua nota biografia (con tanto di foto), che descrive nel dettaglio la sua vita prima di assumere il suo primo ruolo da attore.

La biografia è stata scritta da … Lutz Ebersdorf stesso … Si legge:

Lutz Ebersdorf è nato il 15 febbraio 1936 a Monaco di Baviera, in Germania.

Nel 1938, quando Ebersdorf aveva solo due anni, la sua famiglia fuggì dalla Germania nazista: prima a Ginevra, in Svizzera, e poi a Londra. Trascorrendo gran parte della sua giovinezza a Camberwell, Londra, Lutz ritornò a Monaco nel 1954, dove studiò filosofia, interessandosi in particolare della psicologia della Gestalt e dello psicodramma.

Dopo essersi laureato nel 1957, Ebersdorf ha contribuito a fondare il gruppo teatrale sperimentale Piefke Versus – un ensemble di performance radicali fortemente influenzato dagli Actionists di Vienna e in particolare dal lavoro di Hermann Nitsch. Sostenendosi grazie ai lavori più disparati per diversi anni, Ebersdorf e gli altri membri del gruppo organizzarono spettacoli sporadici, spesso in spazi pubblici, e produssero diversi film d’art (che ora si ritengono perduti).

Ebersdorf alla fine sciolse lo Piefke Versus nel 1964, rimanendo libero di proseguire i suoi studi in psicoanalisi kleiniana. Ha conseguito il dottorato nel 1967. Ebersdorf ha lavorato a Berlino come analista kleiniano praticante, specializzato in relazioni madre-figlia, fin dal 1969. Nel 2016 il regista Luca Guadagnino lo ha infine approcciato per chiedergli di comparire nel remake di Suspiria di Dario Argento come Dott. Josef Klemperer, uno psicanalista kleiniano

Il full trailer che trovate in chiusura, oltre a mostrare alcuni momenti con Lutz Ebersdorf, offre anche alcuni suoi dialoghi, che lasciano trasparire come sembrerebbe però esserci davvero Tilda Swinton dietro a quest’uomo tedesco, dando credito alla teoria secondo cui, per un motivo non chiaro, sia stato segretamente accreditato un finto attore peraltro nemmeno esistente … I più attenti ricorderanno anche che l’attrice già nel 2014 era passata sotto le mani dei truccatori per trasformarsi in un’anziana signora per Grand Budapest Hotel di Wes Anderson.

Quindi, se in realtà è davvero Tilda Swinton a interpretare anche questo personaggio, perché mantenere tutta questa segretezza (viste anche le azzardate parole di Barbera …)? E scopriremo mai la verità, oppure resterà un divertente piccolo mistero cinematografico? Per quel che vale, Luca Guadagnino in febbraio aveva già risposto a che diffondeva questa teoria della cospirazione, definendola una “fake news“. Staremo a vedere.

Di seguito il full trailer internazionale di Suspiria:

Fonte: IMDB

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su Suspiria:

Playhouse film 2020
Horror & Thriller

Trailer per Playhouse: uno scrittore viene tormentato dagli spettri in un castello scozzese

di Redazione Il Cineocchio

I fratelli Fionn e Toby Watts esordiscono al lungometraggio con un horror d'atmosfera in cui troviamo Grace Courtney e William Holstead

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Beast Mode: un elisir trasforma gli attori di Hollywood in mostri assetati di fama

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono James Duval (Donnie Darko) e Ray Wise (Twin Peaks) tra i protagonisti dell'horror satirico diretto da Chris W. Freeman e Spain  Willingham

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Aquaslash: lo scivolo del parco acquatico ti fa a fette mentre scendi

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Renaud Gauthier torna dietro alla mdp per un film horror che trasforma un divertente gioco di gruppo in una trappola mortale

Leggi
lovecraft country serie 2020
Horror & Thriller

Teaser per la serie Lovecraft Country: gli USA anni ’50 sono infestati di mostri e razzismo

di Redazione Il Cineocchio

Jurnee Smollett-Bell, Jonathan Majors e Abbey Lee sono al centro dell'adattamento TV del romanzo horror di Matt Ruff, che è stato prodotto da Jordan Peele e J.J. Abrams

Leggi
Horror & Thriller

Red Band trailer per Becky: Lulu Wilson compie brutali omicidi per salvare il papà

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche Joel McHale nel film R-Rated dei registi Jonathan Milott e Cary Murnion (Bushwick)

Leggi