Home » Cinema » Azione & Avventura » Toy Story 4 | La recensione del quarto film della saga, diretto da Josh Cooley

7/10 su 5696 voti. Titolo originale: Toy Story 4 , uscita: 19-06-2019. Budget: $175,000,000. Regista: Josh Cooley.

Toy Story 4 | La recensione del quarto film della saga, diretto da Josh Cooley

18/06/2019 recensione film di William Maga

Il regista firma un nuovo capitolo maturo eppure familiare, un sequel di cui non ci eravamo resi conto di avere bisogno

Toy Story 4 (2019) film

Nonostante l’inevitabile – e giustificato – scetticismo nei confronti di Toy Story 4, la trepidazione per un nuovo sequel è sempre palpabile quando si parla di una saga di successo. Dopo il finale perfetto di Toy Story 3 del 2010, era normale farsi delle domande sulla ‘necessità’ di un quarto film, visto che la storia del cinema ha dimostrato in svariate occasioni che tirare troppo la corda può rovinare l’eredità di un franchise (si veda Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo o Superman IV ad esempio). Eppure, non senza una certa sorpresa, il regista esordiente Josh Cooley e la Pixar hanno confezionato una toccante opera d’animazione con il cuore nel posto giusto.

toy story 4 poster itaSe dobbiamo fare dei confronti con i suoi predecessori, allora Toy Story 4 è meno traumatico di Toy Story 3, funzionando come un malinconico epilogo della serie che tuttavia deve fare i salti mortali per bilanciare l’intenzione di dar spazio a troppi personaggi (dove molti dei favoriti del pubblico sono ridotti a semplici apparizioni di pochi secondi) e di seguire almeno tre linee narrative che tendono ad andare in direzioni differenti. In ogni caso, in un’era cinematica come quella che stiamo vivendo in cui la qualità e l’attenzione per i dettagli sembrano mosche bianche, si tratta di cavilli in un film pienamente soddisfacente.

Attingendo alle poetiche relazioni vissute in Toy Story 1 e 2, se i primi due capitoli possono essere riconosciuti come una disamina delle relazioni tra i giocattoli e i loro proprietari, Toy Story 4 riflette sulla ‘crisi esistenziale’ della saga. Concedendosi il permesso di esplorare una “scatola dei giocattoli più grande” (per così dire …) con nuove ambientazioni e luoghi, espande profondamente il suo concept ora, chiedendosi cosa significhi essere un giocattolo.

Gli appassionati di fantascienza si divertiranno nel ritrovare allegorie in stile Westworld sull’essere stati ‘costruiti’ per uno scopo, la filosofia della “voce interiore” e la genesi della creazione. Non è diverso dalle frequenti battute fatte sull’altro amato franchise della Pixar Cars (noto anche come “chi ha fabbricato quelle macchine?”), ma l’introduzione di Forky (doppiato nella versione originale da Tony Hale, in Italia da Luca Laurenti), un utensile di plastica nevrotico, ansioso e infantile, solleverà simili domande sulla sua natura senziente.

Quasi sicuramente, molti dei lettori saranno stati bambini nel lontano 1995, anno di uscita di Toy Story – Il mondo dei giocattoli, ma per chiunque fosse cresciuto insieme al franchise, quella magia e quei sentimenti sono ancora – fortunatamente – presenti. Ci sentiamo subito di nuovo ragazzini, contenti di abbracciare l’ampia opportunità di incontrare vecchi amici, ma senza la sensazione di essere davanti all’ennesimo prodotto pensato esclusivamente per spillarci soldi facili dalle tasche.

Toy Story 4 (2019)Questa sensazione viene catturata con Woody (Tom Hanks / Angelo Maggi), un veterano che per pura lealtà e desiderio di rendere felice un bambino, si ritrova improvvisamente ad essere un estraneo. Degradato e incapace di adattarsi agli interessi in evoluzione della piccola Bonnie (Madeleine McGraw / Rossella Brescia), se le sue scene d’apertura ci dicono qualcosa della sua ostinazione nostalgica è che il tempo inevitabilmente raggiunge tutti noi.

Oltre alla solita attitudine della Pixar all’eccellenza nelle animazioni (dimostrata dai fondali, dai cieli e dal realismo di un gatto), proprio il riconoscimento della crescita e di ‘chiudere’ un cerchio sono i più grandi punti di forza di Toy Story 4. Fa ancora largamente affidamento su situazioni familiari, ma la serie ha sempre avuto questo rapporto impeccabile tra le sue tematiche per gli adulti e l’umorismo a misura di bambino, e questo nonostante il meccanismo ripetitivo del “giocattoli perduti che devono ritrovare la via di casa”. Tuttavia, quest’ultimo capitolo si appoggia pesantemente su considerazioni riguardanti le figure paterne, l’autostima, le insicurezze, la paura e l’identità, che lo distanziano dai tre precedenti nei toni. E per quanto questo possa sembrare diverso, è molto più auto consapevole di quanto si possa pensare, e il fatto che l’arco narrativo di Woody diventi presto l’obiettivo principale in mezzo alle varie sottotrame occasionali e sconnesse, fornisce quella giustificazione convincente all’aver realizzato un quarto film.

Toy Story 4 film 2019Per quanto straziante possa sembrare (e di occasioni per commuoversi sul finale ce ne sono), la capacità della Pixar di esplorare gli aspetti più cupi delle sue storie non va sottovalutata. Abbiamo visto questi personaggi combattere con la mortalità, le false manie di grandezza e la famiglia che è facile dimenticare quanto siano umane queste lotte. Che sia la paura di Woody, gli impulsi suicidi di Forky e la sua persistente volontà di gettarsi nell’immondizia o persino l’esilarante Duke Caboom (Keanu Reeves / Corrado Guzzanti) che non si sente all’altezza delle aspettative create dalla pubblicità di cui un tempo era stato protagonista, è il profondo desiderio di provare e ricevere amore che muove le emozioni in Toy Story 4.

Non appagati di sedersi sui fasti del passato, persino sui ‘cattivi’ si interviene analogamente. Continuando sulla strada intrapresa con Sid, Stinky Pete e Lotso, diamo per scontato il sottile impatto di Gabby Gabby (Christina Hendricks), una bambola parlante che ha tutte le terrificanti caratteristiche di quella presente nell’episodio La bambola vivente della serie Ai Confini della Realtà del 1963. Trascendendo oltre la tradizione di un personaggio che è malvagio per ‘il puro gusto di esserlo’, la sua storia è piena di una simile ricerca dell’amore come pure di sofferenza e rifiuti, avvolti nella luccicante confezione della ricerca della perfezione estetica e culturale.

Toy Story 4 film pixar 2019Dove troviamo energia in Toy Story 4, questo slancio arriva dai suoi nuovi personaggi. Colmi di fascino e di sicurezza (che meriterebbero ben più minutaggio di quello concesso loro), Bunny (Jordan Peele) e Ducky (Keegan-Michael Key) regalano infatti molte risate con il loro frizzante umorismo. Dove invece c’è speranza, la fragile Bo Peep (Annie Potts) è soggetta a un gradito aggiornamento. Fiera della propria indipendenza ed emancipazione, la spiegazione della sua scomparsa e la rinnovata prospettiva femminista riflettono bene le possibilità di ciò che un cambiamento può rappresentare.

In definitiva, Toy Story 4 potrebbe pur non essere il sequel che abbiamo richiesto: il franchise era già perfetto così com’era, eppure, in qualche modo, la Pixar è riuscita a imboccare un percorso sentimentale che chiude rispettosamente la porta su una fase e apre un portone su un’altra. Comunque, se questo sarà il capitolo finale (e tutto sommato speriamo sia così), allora il film di Josh Cooley funziona incredibilmente bene, dimostrando che c’è ancora vita in questi giocattoli, e una volta che sarete giunti a patti con la sua risoluzione emotiva, finirà per essere un’opera di cui non vi eravate resi conto di aver bisogno.

Ah, non andate via appena partono i titoli di coda.

Di seguito il full trailer italiano e internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Toy Story 4, nei nostri cinema dal 26 giugno:

michael jackson ghosts
Azione & Avventura

X-Men (2000): quella volta in cui Michael Jackson si offrì per il ruolo del Prof. Xavier nel film

di Redazione Il Cineocchio

Nel 1999 la pop star si presentò all'improvviso alla porta del regista Bryan Singer, fiducioso di poter ottenere la parte

Leggi
x-men film 2000
Azione & Avventura

Dossier | X-Men: la lunga e travagliata strada verso il primo film per il cinema

di Redazione Il Cineocchio

Tra riscritture e ritardi, ripercorriamo la storia dell'arrivo sul grande schermo delle avventure dei mutanti, iniziata nel 1985 e conclusasi solo nel 2000 con il cinecomic firmato da Bryan Singer

Leggi
Transformers War for Cybertron (2020) serie netflix
Azione & Avventura

Transformers: War For Cybertron Trilogy – L’assedio | Recensione della serie Netflix

di William Maga

Il primo capitolo di una nuova trilogia ci porta alle origini della saga di Autobot e Decepticon, esplorano il duro conflitto sul loro pianeta natale in un modo tanto maturo quanto imperfetto

Leggi
Honest Thief film liam neeson 2020
Azione & Avventura

Trailer per Honest Thief: Liam Neeson ladro imprendibile in cerca di redenzione

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Kate Walsh e Robert Patrick nell'action thriller scritto e diretto da Mark Williams

Leggi