Home » Cinema » Azione & Avventura » Toy Story 4 | La recensione del quarto film della saga, diretto da Josh Cooley

7/10 su 3487 voti. Titolo originale: Toy Story 4, uscita: 19-06-2019. Budget: $175,000,000. Regista: Josh Cooley.

Toy Story 4 | La recensione del quarto film della saga, diretto da Josh Cooley

18/06/2019 recensione film di William Maga

Il regista firma un nuovo capitolo maturo eppure familiare, un sequel di cui non ci eravamo resi conto di avere bisogno

Toy Story 4 (2019) film

Nonostante l’inevitabile – e giustificato – scetticismo nei confronti di Toy Story 4, la trepidazione per un nuovo sequel è sempre palpabile quando si parla di una saga di successo. Dopo il finale perfetto di Toy Story 3 del 2010, era normale farsi delle domande sulla ‘necessità’ di un quarto film, visto che la storia del cinema ha dimostrato in svariate occasioni che tirare troppo la corda può rovinare l’eredità di un franchise (si veda Indiana Jones e il regno del teschio di cristallo o Superman IV ad esempio). Eppure, non senza una certa sorpresa, il regista esordiente Josh Cooley e la Pixar hanno confezionato una toccante opera d’animazione con il cuore nel posto giusto.

toy story 4 poster itaSe dobbiamo fare dei confronti con i suoi predecessori, allora Toy Story 4 è meno traumatico di Toy Story 3, funzionando come un malinconico epilogo della serie che tuttavia deve fare i salti mortali per bilanciare l’intenzione di dar spazio a troppi personaggi (dove molti dei favoriti del pubblico sono ridotti a semplici apparizioni di pochi secondi) e di seguire almeno tre linee narrative che tendono ad andare in direzioni differenti. In ogni caso, in un’era cinematica come quella che stiamo vivendo in cui la qualità e l’attenzione per i dettagli sembrano mosche bianche, si tratta di cavilli in un film pienamente soddisfacente.

Attingendo alle poetiche relazioni vissute in Toy Story 1 e 2, se i primi due capitoli possono essere riconosciuti come una disamina delle relazioni tra i giocattoli e i loro proprietari, Toy Story 4 riflette sulla ‘crisi esistenziale’ della saga. Concedendosi il permesso di esplorare una “scatola dei giocattoli più grande” (per così dire …) con nuove ambientazioni e luoghi, espande profondamente il suo concept ora, chiedendosi cosa significhi essere un giocattolo.

Gli appassionati di fantascienza si divertiranno nel ritrovare allegorie in stile Westworld sull’essere stati ‘costruiti’ per uno scopo, la filosofia della “voce interiore” e la genesi della creazione. Non è diverso dalle frequenti battute fatte sull’altro amato franchise della Pixar Cars (noto anche come “chi ha fabbricato quelle macchine?”), ma l’introduzione di Forky (doppiato nella versione originale da Tony Hale, in Italia da Luca Laurenti), un utensile di plastica nevrotico, ansioso e infantile, solleverà simili domande sulla sua natura senziente.

Quasi sicuramente, molti dei lettori saranno stati bambini nel lontano 1995, anno di uscita di Toy Story – Il mondo dei giocattoli, ma per chiunque fosse cresciuto insieme al franchise, quella magia e quei sentimenti sono ancora – fortunatamente – presenti. Ci sentiamo subito di nuovo ragazzini, contenti di abbracciare l’ampia opportunità di incontrare vecchi amici, ma senza la sensazione di essere davanti all’ennesimo prodotto pensato esclusivamente per spillarci soldi facili dalle tasche.

Toy Story 4 (2019)Questa sensazione viene catturata con Woody (Tom Hanks / Angelo Maggi), un veterano che per pura lealtà e desiderio di rendere felice un bambino, si ritrova improvvisamente ad essere un estraneo. Degradato e incapace di adattarsi agli interessi in evoluzione della piccola Bonnie (Madeleine McGraw / Rossella Brescia), se le sue scene d’apertura ci dicono qualcosa della sua ostinazione nostalgica è che il tempo inevitabilmente raggiunge tutti noi.

Oltre alla solita attitudine della Pixar all’eccellenza nelle animazioni (dimostrata dai fondali, dai cieli e dal realismo di un gatto), proprio il riconoscimento della crescita e di ‘chiudere’ un cerchio sono i più grandi punti di forza di Toy Story 4. Fa ancora largamente affidamento su situazioni familiari, ma la serie ha sempre avuto questo rapporto impeccabile tra le sue tematiche per gli adulti e l’umorismo a misura di bambino, e questo nonostante il meccanismo ripetitivo del “giocattoli perduti che devono ritrovare la via di casa”. Tuttavia, quest’ultimo capitolo si appoggia pesantemente su considerazioni riguardanti le figure paterne, l’autostima, le insicurezze, la paura e l’identità, che lo distanziano dai tre precedenti nei toni. E per quanto questo possa sembrare diverso, è molto più auto consapevole di quanto si possa pensare, e il fatto che l’arco narrativo di Woody diventi presto l’obiettivo principale in mezzo alle varie sottotrame occasionali e sconnesse, fornisce quella giustificazione convincente all’aver realizzato un quarto film.

Toy Story 4 film 2019Per quanto straziante possa sembrare (e di occasioni per commuoversi sul finale ce ne sono), la capacità della Pixar di esplorare gli aspetti più cupi delle sue storie non va sottovalutata. Abbiamo visto questi personaggi combattere con la mortalità, le false manie di grandezza e la famiglia che è facile dimenticare quanto siano umane queste lotte. Che sia la paura di Woody, gli impulsi suicidi di Forky e la sua persistente volontà di gettarsi nell’immondizia o persino l’esilarante Duke Caboom (Keanu Reeves / Corrado Guzzanti) che non si sente all’altezza delle aspettative create dalla pubblicità di cui un tempo era stato protagonista, è il profondo desiderio di provare e ricevere amore che muove le emozioni in Toy Story 4.

Non appagati di sedersi sui fasti del passato, persino sui ‘cattivi’ si interviene analogamente. Continuando sulla strada intrapresa con Sid, Stinky Pete e Lotso, diamo per scontato il sottile impatto di Gabby Gabby (Christina Hendricks), una bambola parlante che ha tutte le terrificanti caratteristiche di quella presente nell’episodio La bambola vivente della serie Ai Confini della Realtà del 1963. Trascendendo oltre la tradizione di un personaggio che è malvagio per ‘il puro gusto di esserlo’, la sua storia è piena di una simile ricerca dell’amore come pure di sofferenza e rifiuti, avvolti nella luccicante confezione della ricerca della perfezione estetica e culturale.

Toy Story 4 film pixar 2019Dove troviamo energia in Toy Story 4, questo slancio arriva dai suoi nuovi personaggi. Colmi di fascino e di sicurezza (che meriterebbero ben più minutaggio di quello concesso loro), Bunny (Jordan Peele) e Ducky (Keegan-Michael Key) regalano infatti molte risate con il loro frizzante umorismo. Dove invece c’è speranza, la fragile Bo Peep (Annie Potts) è soggetta a un gradito aggiornamento. Fiera della propria indipendenza ed emancipazione, la spiegazione della sua scomparsa e la rinnovata prospettiva femminista riflettono bene le possibilità di ciò che un cambiamento può rappresentare.

In definitiva, Toy Story 4 potrebbe pur non essere il sequel che abbiamo richiesto: il franchise era già perfetto così com’era, eppure, in qualche modo, la Pixar è riuscita a imboccare un percorso sentimentale che chiude rispettosamente la porta su una fase e apre un portone su un’altra. Comunque, se questo sarà il capitolo finale (e tutto sommato speriamo sia così), allora il film di Josh Cooley funziona incredibilmente bene, dimostrando che c’è ancora vita in questi giocattoli, e una volta che sarete giunti a patti con la sua risoluzione emotiva, finirà per essere un’opera di cui non vi eravate resi conto di aver bisogno.

Ah, non andate via appena partono i titoli di coda.

Di seguito il full trailer italiano e internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Toy Story 4, nei nostri cinema dal 26 giugno:

Tom Hanks
Patricia Arquette
Tim Allen
Laurie Metcalf
Joan Cusack
Annie Potts
Jeff Garlin
Bonnie Hunt
Don Rickles
Jodi Benson
fabrizio de tommaso - calibro acrilico wow
Azione & Avventura

Esclusivo | Fabrizio De Tommaso ci presenta la mostra ‘Calibro Acrilico’ (intervista allo Spazio WOW)

di Alessandro Gamma

Abbiamo fatto quattro chiacchiere col giovane copertinista di Morgan Lost, facendo un po' il punto della sua carriera in occasione della sua prima mostra personale

Leggi
Spenser Confidential film netflix 2020
Azione & Avventura

Trailer per Spenser Confidential: Mark Wahlberg ritrova Peter Berg nel poliziesco di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Winston Duke e Post Malone tra i protagonisti della buddy comedy R-Rated ispirata al romanzo Robert B. Parker's Wonderland

Leggi
What Did Jack Do davi lynch corto 2020
City of Crime film 2020
Azione & Avventura

City of Crime (21 Bridges) | La recensione del film di Brian Kirk

di William Maga

Chadwick Boseman, Stephan James e Taylor Kitsch sono i protagonisti di un action thriller 'vecchia scuola' senza troppi fronzoli, che privilegia l'azione all'approfondimento psicologio

Leggi
Jeremy Irons in Watchmen (2019) serie
mortal kombat film 1995
Azione & Avventura

Dossier | Mortal Kombat di Paul W. S. Anderson: l’adattamento definitivo di un videogioco

di Sabrina Crivelli

Ridicolo, datato, improvvisato, il film del 1995 con Christopher Lambert resta una delle versioni 'dal vivo' più divertenti e memorabili del sottogenere

Leggi
Sam Rockwell, Taika Waititi e Roman Griffin Davis in Jojo Rabbit (2019)
Azione & Avventura

Jojo Rabbit | La recensione del film di – e con – Taika Waititi che fa satira sul nazismo

di William Maga

Il filmmaker neozelandese porta in scena una tragicommedia dell'assurdo, che mette gustosamente alla berlina il nazismo e la sua ideologia coinvolgendo nell'operazione Scarlett Johansson e Sam Rockwell

Leggi
1917 film sam mendes
Azione & Avventura

1917 | La recensione del film Sam Mendes che ci porta dietro le linee nemiche

di William Maga

Dean-Charles Chapman e George MacKay sono i protagonisti di un prodigio della tecnica registica, capace di riscrivere le regole di un genere consolidatissimo come quello dei 'war movie'

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per Guns Akimbo: Daniel Radcliffe ha pistole imbullonate alla mani

di Redazione Il Cineocchio

Nell'ipercinetico action splatter diretto da Jason Lei Howden c'è anche la psicopatica Samara Weaving

Leggi
cold blood film 2019 jean reno
Azione & Avventura

Cold Blood – Senza Pace | La recensione del thriller di Frédéric Petitjean con Jean Reno

di William Maga

Il 71enne attore francese è lo sconsolato protagonista di un esordio alla regia modesto, intriso di cliché e confuso

Leggi
Azione & Avventura

Hammamet | La recensione del film di Gianni Amelio su Bettino Craxi

di Giovanni Mottola

Un'opera incerta, che non trova buon amalgama tra realtà e fantasia. L'interpretazione da Oscar di Pierfrancesco Favino è però sufficiente da sola a riscattarlo, restituendo la statura non solo al 'Presidente', ma di un'intera classe politica molto superiore a quella attuale.

Leggi
bloodshot film 2020 vin diesel
Azione & Avventura

Nuovo trailer per Bloodshot: le nanotecnologie rendono Vin Diesel un soldato invincibile

di Redazione Il Cineocchio

L'antieroe dei fumetti della Valiant creato nel 1992 arriva al cinema in versione R-Rated, con Guy Pearce ed Eiza González

Leggi
black widow film 2020
Azione & Avventura

Special look trailer per Black Widow: Taskmaster si scatena contro la famiglia Romanoff

di Redazione Il Cineocchio

Nel cinecomic solista diretto da Cate Shortland, a combattere al fianco di Scarlett Johansson troveremo Florence Pugh, Rachel Weisz e David Harbour

Leggi
morbius film 2020
Azione & Avventura

Trailer e data d’uscita per Birds of Prey: polvere bianca e Black Mask per Harley Quinn

di Redazione Il Cineocchio

Margot Robbie se la dovrà vedere col cattivissimo Ewan McGregor nel nuovo film della DC diretto da Cathy Yan

Leggi
ARTASERSE

ARTASERSE

24-01-2020

In the Trap - Nella trappola

In the Trap - Nella trappola

23-01-2020

Figli

Figli

23-01-2020

1917

1917

23-01-2020

RECENSIONE

Just Charlie - Diventa chi sei

Just Charlie - Diventa chi sei

23-01-2020

Herzog incontra Gorbaciov

Herzog incontra Gorbaciov

19-01-2020

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

Me contro Te: Il film - La vendetta del Signor S

17-01-2020

Dolittle

Dolittle

17-01-2020

Jojo Rabbit

Jojo Rabbit

16-01-2020

RECENSIONE

The Lodge

The Lodge

16-01-2020

RECENSIONE

Richard Jewell

Richard Jewell

16-01-2020

Show Me the Picture: The Story of Jim Marshall

Show Me the Picture: The Story of Jim Marshall

14-01-2020