Home » Cinema » Azione & Avventura » Uwe Boll: “La Warner deve cambiare titolo al suo Rampage, lede la mia immagine e confonde gli spettatori”

Uwe Boll: “La Warner deve cambiare titolo al suo Rampage, lede la mia immagine e confonde gli spettatori”

30/03/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista tedesco si è scagliato contro la major e l'adattamento con Dwayne Johnson del noto videogioco anni '80

Dopo aver attaccato poco tempo fa Paul Thomas Anderson, reo di aver copiato – a suo modo di vedere – Bloodrayne per il poster di Il Filo Nascosto, Uwe Boll, il regista tedesco dietro ad alcuni degli adattamenti di videogiochi peggiori di sempre come House of the Dead e Alone in the Dark, si è ora scagliato con veemenza contro l’imminente adattamento cinematografico diretto da Brad Peyton ad opera della Warner Bros. del videogioco Rampage (in Italia uscirà col titolo Rampage – Furia Animale) che vedrà protagonista Dwayne Johnson, al punto da voler portare avanti una causa legale.

Sostanzialmente, Uwe Boll si è arrabbiato perché il film utilizza lo stesso titolo di una misconosciuta pellicola da lui stesso girata nel 2009 (uscita per il mercato home video anche dalle nostre parti). Questa nel dettaglio la sua spiegazione:

Viviamo ora in un mondo in cui i Film Indipendenti sono morti e i grandi giocatori del settore soltanto stanno facendo tutti i soldi. Che poi utilizzino marchi e idee sviluppati da serie consolidate come il mio Rampage per fare ancora più soldi, è ingiusto ma tipico. Il nuovo film di Rampage renderà più piccolo il mio brand e le entrate che potrei ottenere in futuro con i miei film di Rampage e in più confonderà anche il pubblico!

Voglio che i tizi della Warner cambino il titolo, soprattutto perché il nuovo film non ha nulla a che fare con Rampage e sembra più simile a Jumanji 2 ed è una di quelle tipiche stron*ate di popcorn movie, che gli studios usano ancora per fare il lavaggio del cervello all’America! Quel tipo di film alla Transformers o gli Avangers stanno aiutando il complesso industriale militare in America a vincere e fanno eleggere a Presidente degli Stati Uniti ritardati come Donald Trump, che direbbe che la Terra è piatta non appena pensassero di poter trarre qualche beneficio da ciò! 

Parole abbastanza deliranti evidentemente … Forse Uwe Boll non è consapevole del fatto che questo nuovo film con Dwayne Johnson si basi su un videogioco uscito prima del suo film Rampage, oltretutto con tre creature gigantesche che si scatenano per le strade di una città, senza contare che è difficile realizzare un film basato su un classico molto conosciuto in tutto il mondo chiamato proprio Rampage e poi non intitolarlo Rampage.

Per chi non lo sapesse invece, la pellicola del regista tedesco vedeva al centro della trama Bill, un ragazzo 23enne che un giorno decide di spaccare la solita quotidianità senza stimoli con un atto eclatante. Utilizzando Internet per i rifornimenti si procura così armi e un completo integrale di kevlar per assicurarsi che il mondo finalmente parli di lui, grazie al massacro che sta per compiere.

Di seguito i tweet di Boll:

Fonte: Twitter

alan moore
Azione & Avventura

Alan Moore: “Cinecomic grotteschi e pericolosi; Adam West il miglior Batman”

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore e sceneggiatore inglese torna a criticare l'industria hollywoodiana e il concetto di supereroi pensati per un pubblico di maggiorenni; poi dice la sua sul Joker di Todd Phillips

Leggi
Azione & Avventura

Full trailer per Suburra, stagione 3: si prospetta un finale sanguinoso per la serie Netflix

di Redazione Il Cineocchio

La guerra per il potere a Roma raggiunge il suo apice violento per Aureliano, Spadino e Amedeo Cinaglia

Leggi
Hello world - Haro Warudo 3
Azione & Avventura

Hello World | La recensione del film animato di Tomohiko Ito (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista della serie Erased dirige una teen romance standard e derivativa, che pur vanta alcuni buoni guizzi sci-fi

Leggi
Azione & Avventura

Mandibules | La recensione del film di Quentin Dupieux (Sitges 53)

di William Maga

Gregoire Ludig, David Marsais e Adèle Exarchopoulos sono gli stralunati protagonisti di una commedia on the road che vede al centro di tutto una mosca gigante

Leggi