Home » TV » Azione & Avventura » Xena – Principessa Guerriera: online la sceneggiatura del reboot cancellato nel 2016

Titolo originale: Xena: Warrior Princess , uscita: 04-09-1995. Stagioni: 7.

Xena – Principessa Guerriera: online la sceneggiatura del reboot cancellato nel 2016

29/10/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Dopo due anni, lo sceneggiatore Javier Grillo-Marxuach ha acconsentito alla diffusione delle pagine da lui scritte per l'episodio pilota della nuova serie, che mai vedrà la luce e che avrebbe apportato sostanziali cambiamenti alla storia conosciuta

Se ricordate, nel 2016 erano emersi i piani per un clamoroso reboot televisivo di Xena – Principessa Guerriera per la NBC. I produttori esecutivi della serie originale Rob Tapert e Sam Raimi erano stati coinvolti nel progetto, con Javier Grillo-Marxuach (Lost) invitato a occuparsi della sceneggiatura.

La serie avrebbe previsto un nuovo cast di attori (niente Lucy Lawless e Renée O’Connor) e avrebbe riesaminato parti dei miti, dei personaggi e del mondo di Xena, cambiando anche alcuni elementi per adattarli a una trama maggiormente serializzata dell’originale. Il progetto dopo lunghi tira e molla è stato però cancellato definitivamente lo scorso anno, una notizia che ha probabilmente fatto tirare un sospiro di sollievo a molti.

Ebbene, lo script pensato per l’episodio pilota è stata ora resa disponibile online – in modo legale – per la lettura di tutti, quindi, se siete curiosi di sapere come sarebbe stato questo reboot, cliccate per poter leggere la sceneggiatura completa.

Nelle sue 61 pagine, la sceneggiatura offre una storia delle origini per Xena e, come potete immaginare, apporta alcune modifiche anche coraggiose alla storia che tutti conosciamo. Uno dei cambiamenti più importanti è senza dubbio l’aver trasformato Hercules in un cattivo invece di un eroe!

In ogni caso, non sapremo mai come sarebbe stata la trasposizione sul piccolo schermo, con buona pace di Hollywood.

Di seguito la sigla d’apertura originale di Xena – Principessa Guerriera:

Fonte: Facebook