Home » Cinema » Horror & Thriller » 25 cose da sapere su Il Tunnel dell’Orrore di Tobe Hooper

Titolo originale: The Funhouse , uscita: 13-03-1981. Regista: Tobe Hooper.

25 cose da sapere su Il Tunnel dell’Orrore di Tobe Hooper

01/08/2018 cose da sapere di Redazione Il Cineocchio

Aneddoti e curiosità sulla lavorazione dell'horror del 1981 con Elizabeth Berridge e Miles Chapin

Uscito nei cinema nel 1981, Il Tunnel dell’Orrore (The Funhouse o Carnival of Terror) rappresenta il quarto film girato da Tobe Hooper (Non aprite quella porta) e vede tra i protagonisti Cooper Huckabee, Miles Chapin, Largo Woodruff ed Elizabeth Berridge.

Questa la trama ufficiale:

Amy, Buzz, Richie e Liz sono quattro amici in cerca di una serata all’insegna del divertimento. Di nascosto restano all’interno di un luna park dopo l’orario di chiusura. Non sanno però che lì si cela un orrendo segreto; il figlio del padrone è un essere deforme che durante la notte semina morte e terrore. Il luna park si trasforma così ben presto per loro in un labirinto senza via di scampo.

Scopriamo allora insieme di seguito aneddoti e curiosità nelle 25 cose da sapere su Il Tunnel dell’Orrore.

1) Dean R. Koontz ha scritto una novelizzazione della sceneggiatura sotto lo pseudonimo di Owen West. Il libro contiene molti retroscena aggiunti dallo scrittore. Per questo motivo, e per il fatto che il libro sia stato pubblicato prima del film a causa di un ritardo nella post-produzione, si crede erroneamente che il lungometraggio sia basato sul romanzo, e non viceversa.

2) Steven Spielberg chiese a Tobe Hooper di dirigere E.T. – L’extra-terrestre (1982), ma questi rifiutò perché era impegnato proprio su Il Tunnel dell’Orrore. I due avrebbero finito comunque per lavorare insieme su Poltergeist – Demoniache presenze (1982).

3) Tobe Hooper venne a un certo punto quasi colpito da un ingranaggio volante, ma venne salvato da una comparsa che si ruppe un braccio nel gesto.

4) Le ragazze che ballano discinte in uno dei tendoni erano delle vere spogliarelliste del posto (ovvero Miami, in Florida).

5) Si verificò un incidente durante le riprese, quando una delle attrazioni del Luna Park con a bordo diversi passeggeri venne lasciata in funzione per 20/30 minuti. La giostra, che aveva diverse braccia da piovra che giravano con dei carrellini rotanti agganciati, normalmente stava in funziona solo per circa quattro minuti a giro. I cercatori di brividi vomitarono e urlarono per davvero mentre la corsa venne fatta proseguire ben oltre il suo tempo limite. Una volta fermatisi, i passeggeri non riuscivano infatti a camminare, ritrovandosi con tutta la muscolatura scombussolata. Vennero quindi chiamate delle ambulanze, ma nessuno rimase gravemente ferito.

6) Il Tunnel dell’Orrore venne girato a Miami a causa delle leggi sul lavoro minorile meno severe presenti sulla costa orientale. La maggior parte del cast era infatti costituita da attori piuttosto giovani.

7) L’attore Kevin Conway accettò di partecipare alle riprese a condizione che potesse interpretare tutti e tre gli imbonitori (dello strip show, del freak show e del Luna Park).

8) Il piano originale prevedeva che l’artista degli effetti speciali Rob Bottin interpretasse personalmente il mostro, prima che Tobe Hooper assistesse a un’esibizione del mimo Wayne Doba, che successivamente ottenne il ruolo. Degli effetti speciali si occupò in vece Rick Baker.

9) Il regista volle Andrew Laszlo come suo direttore della fotografia perché gli era piaciuto molto come aveva gestito I guerrieri della notte di Walter Hill (1979).

10) Kevin Conway inventò anche un certo numero di battute di suo pungo, inclusa quella sull’incolpare delle morti i “locali”.

11) Alcuni oggetti di scena (come l’ammiccante manichino da ventriloquo) che si vedono nella camera da letto di Joey erano di proprietà di Shari Lewis – all’epoca famosa per Lamb Chop – e fu possibili ottenerli perché il co-produttore esecutivo Mace Neufeld era un suo buon amico.

12) Tobe Hooper ha riutilizzato alcuni degli oggetti di scena di Il Tunnel dell’Orrore quando ha diretto il video musicale di Dancing With Myself di Billy Idol.

13) La sequenza di apertura è un omaggio sia Psyco di Alfred Hitchcock( 1960) che ad Halloween – La notte delle streghe di John Carpenter (1978).

14) La gru industriale utilizzata per le riprese aeree poteva elevarsi più in alto della ruota panoramica che si vede nel parco di divertimenti. La gru era davvero gigantesca. Aveva tre sezioni che potevano estendersi ognuna per cinquanta piedi (oltre 15 metri). Andrew Laszlo ne voleva una su ogni set in cui lavorava.

15) Secondo Kevin Conway, Tobe Hooper fu un grande “drogato di Coca-Cola” durante la produzione di Il Tunnel dell’Orrore. Pare che il regista consumasse non meno di 12 lattine di Coca-Cola al giorno.

16) Tobe Hooper venne morso da un ragno eremita marrone nel corso delle riprese.

17) Durante la produzione, il regista entrò in possesso di un certo numero di vecchi giocattoli meccanici e ad orologeria che vennero poi utilizzato come oggetti di scena.

18) Fu un’idea di Tobe Hooper di girare il film formato Panavision anamorfico.

19) Come detto, il mostro venne interpretato da Wayne Doba, un ballerino di tip tap professionista ed ex mimo che fece qui il suo debutto cinematografico. Il suo unico altro importante ruolo cinematografico fu Octavio il Clown in Scarface (1983), anch’esso girato nella zona di Miami.

20) I reshooting di alcune scene durarono quattro giorni a causa di alcuni rulli che andarono perduti in seguito a una guerra tra autotrasportatori locali. Tobe Hooper disse che le riprese di Il Tunnel dell’Orrore si svolsero a Miami / Florida all’epoca di Scarface (1983).

21) La donna in sovrappeso in animatronic che ride alla fine del film è un riferimento al detto americano “It ain’t over till the fat lady sings” (‘Non è finita finché la cicciona non ha cantato’, con probabile riferimento all’Opera).

22) In un’intervista presente tra gli extra di un DVD di Il Tunnel dell’Orrore, il regista afferma che la maschera indossata da una delle creature era una maschera di Frankenstein. Hooper dice che fu scelta perché gli Universal Studios – de che tenevano il copyright sull’immagine del mostro classico sin dal 1931 – volevano omaggiarlo.

23) La sequenza di apertura venne filmata dopo che le riprese principali del film erano già state completate.

24) Kevin Conway, Mace Neufeld e Cooper Huckabee lavorarono ancora insieme nel 1993 in Gettysburg di Ronald F. Maxwell.

25) Il film The Last House su Dead End Street di Roger Watkins (1977) aveva The Fun House come titolo alternativo.

Di seguito il trailer di Il Tunnel dell’Orrore:

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su The Funhouse:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi