Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » 26 cose da sapere su Macchine Mortali di Christian Rivers

Titolo originale: Mortal Engines, uscita: 27-11-2018. Budget: $100,000,000. Regista: Christian Rivers.

26 cose da sapere su Macchine Mortali di Christian Rivers

12/12/2018 cose da sapere di Redazione Il Cineocchio

Curiosità e aneddoti sulla lavorazione dell'adattamento cinematografico scritto e prodotto da Peter Jackson ispirato alla serie di libri fantasy di Philip Reeve

macchine mortali 2018 film

Universal Pictures e MRC portano nei cinema Macchine Mortali (la nostra recensione), avventura fantasy diretta dall’artista degli effetti visivi premio Oscar Christian Rivers (King Kong), che si basa sulla premiata serie di libri di Philip Reeve (Mortal Engines). Della sceneggiatura si sono occupati i vincitori di tre premi Oscar per Lo Hobbit e Il Signore degli Anelli Fran Walsh, Philippa Boyens e Peter Jackson, mentre gli effetti visivi sono stati creati da un team della Weta Digital.

macchine mortali posterQuesta la trama ufficiale:

Centinaia di anni dopo che la nostra civiltà è stata distrutta da un cataclisma, una misteriosa e giovane donna, Hester Shaw (Hera Hilmar), rappresenta l’unica che può fermare Londra – ora divenuta una gigantesca città predatrice in movimento – dal divorare tutto ciò che incontra sul suo cammino. Spietata e strenuamente guidata dal ricordo della madre, Hester unisce le sue forze a quelle di Tom Natsworthy (Robert Sheehan), un reietto londinese, e di Anna Fang (Jihae), una pericolosa fuorilegge sulla cui testa pende una taglia.

Nel cast ci sono anche Hugo Weaving (Matrix), interprete di Thaddeus Valentine, un potente londinese con una visione discutibile del futuro e Stephen Lang (Avatar), nei panni di Shrike.

Se volete scoprire curiosità e aneddoti sulla lavorazione del film, non vi resta che leggere le seguenti 26 cose da sapere su Macchine Mortali:

1) Peter Jackson, Fran Walsh e Philippa Boyens sono stati contattati da Deborah Forte, presidente di Scholastic Media e produttrice di Macchine Mortali, già nel lontano 2005 per pensare a una trasposizione cinematografica.

2) La Wingnut Films di Peter Jackson ha opzionato la proprietà, per poi iniziare la pre-produzione di Macchine Mortali in Nuova Zelanda nel 2008, ma il progetto è stato messo in secondo piano per diversi anni, in quanto Jackson e i suoi colleghi erano impegnati nella realizzazione della trilogia di Lo Hobbit.

3) Venticinque anni prima, Christian Rivers aveva inviato a Peter Jackson una lettera come fan, con allegati dei disegni di draghi e una richiesta di lavoro. Il regista ne era rimasto colpito e lo aveva assunto. Il primo incarico di Rivers è stato lo storyboard del primo lungometraggio di Jackson, Fuori di testa. Hanno poi continuato a lavorare insieme, al passo con l’evoluzione di entrambe le loro carriere. Rivers alla fine ha vinto un Oscar per i Migliori Effetti Visivi di King Kong del 2005.

4) In questo mondo futuristico, gli accenti rappresentavano una fonte cruciale di informazioni sui personaggi. Quasi tutti i 50 ruoli con dialoghi hanno richiesto che gli attori modificassero o cambiassero completamente i loro accenti nativi. Per supervisionare questo processo i realizzatori hanno reclutato l’insegnante dialettale inglese Jan Haydn Rowles (Il trono di spade).

5) Il nastro mandato dall’attrice islandese Hera Hilmar (An Ordinary Man, Anna Karenina) per l’audizione è stato così forte che i realizzatori, dopo una telefonata su Skype, l’hanno scelta senza incontrarla di persona. “Hera mi ricorda Ingrid Bergman“, ha detto Philippa la Boyens.

Robert Sheehan, Hera Hilmar e Leifur Sigurdarson in Macchine Mortali (2018)6) All’inizio del film, Hester è rimasta sola per mesi nelle terre desolate. Hera Hilmar ha voluto indagare e approfondire quel senso di isolamento. “Cerco di immedesimarmi più possibile con il personaggio che devo interpretare”, dice la Hilmar. “Sento il bisogno di immergermi a 360 gradi nella nuova realtà. Per Hester, sono andata in zone remote che ho trovato in Nuova Zelanda e ho provato ad immaginare come sarebbe stato non avere nessuno su cui fare affidamento, vivendo nella ferocia della natura selvaggia e disabitata, e come sopravvivere, sia fisicamente che mentalmente”.

7) Per la sua interpretazione, Stephen Lang si è ispirato agli uccelli rapaci. “Ho osservato la pazienza di questi uccelli, e il modo in cui si appollaiano. Volevo adottare una posizione fisica a riposo per Shrike, che non è quella di un essere umano. Quando lavora, è sempre appollaiato. È stato un modo per creare una differenza, apporre una firma”.

8) Stephen Lang ha anche studiato la mantide e cigni, ma è stata una clip su YouTube del ballerino Rudolf Nureyev ne Il lago dei cigni che ha contribuito a impostare la fisicità di Shrike. “Quando Nureyev si muove, le sue braccia sono ferme, e questo non è umano. Quando camminiamo, le contrapponiamo. Nureyev tiene le braccia indietro e sembra un uccello piegato. È incredibilmente elegante e c’è anche qualcosa di leggermente robotico, che è insito nell’idea di questo personaggio”.

macchine mortali 20189) Trovare la giusta voce di Shrike in Macchine Mortali è stata un’ulteriore sfida. “Ogni volta che Shrike parla nel libro, è in lettere maiuscole”, ha detto Lang. “La sua voce è descritta come il rumore delle dita su una lavagna, che va bene in un libro ma non in un film”. Per aiutare Lang a produrre e riflettere la voce di Shrike sul set, il reparto sonoro ha realizzato quel che è poi divenuto noto come “Stalker Talker”. Questa invenzione era essenzialmente un microfono che amplificava e distorceva un input vocale, e includeva un auricolare in modo che Lang potesse facilmente sentire la sua voce. Ma Lang non ha lasciato che questo dispositivo si limitasse alla riproduzione delle parole. Si è impegnato a produrre la voce più “Shrike” possibile. “Abbiamo dovuto trasformarla in qualcosa che si potesse ascoltare chiaramente”, ha confermato l’attore. “È pneumatica, elettrica e ha una qualità simile alla meccanica”.

10) Quasi 1.000 persone hanno lavorato al film nel corso delle riprese, di cui il 98% erano neozelandesi.

11) Con una tradizionale cerimonia Maori conosciuta come ‘pōwhiri’, il cast e la troupe sono stati accolti negli Stone Street Studios poco prima delle riprese, dai locali Iwi, incluso un impressionante gruppo di giovani artisti kapa haka. “È stata una cerimonia potente e commovente”, ha detto Hera Hilmar. “Essere accolti nella società in un modo così intimo e personale come il pōwhiri è un privilegio. Si dice che allontani gli spiriti maligni e unisca il visitatore e l’ospite in amicizia e pace. Evidentemente porta buona fortuna al lavoro”.

macchine mortali 2018 hugo weaving12) Nel libro, il periodo di tempo della storia di Macchine Mortali è intenzionalmente vago. Per il film, tuttavia, i realizzatori hanno deciso di ancorare la storia in una linea temporale più concreta. Nel film quindi, la Guerra dei Sessanta Minuti avviene circa 100 anni nel nostro futuro – nel 2118 – e il film è ambientato più o meno 1600 anni dopo, intorno al 3718.

13) Il mondo del libro di Philip Reeve ha un’estetica steampunk vittoriana, e inizialmente nel 2008 durante le prime fasi di sviluppo del film, i realizzatori lo hanno seguito; ma tornati sul progetto anni dopo, in seguito alla trilogia di Lo Hobbit, hanno ritenuto che lo steampunk fosse diventato un luogo comune nella cultura popolare, e così hanno deciso di evolvere e ampliare la portata del design.

14) In tutto, sono stati creati oltre 70 set per Macchine Mortali. Alcuni erano del tutto pratici e completi, mentre altri erano più piccoli con sezioni supportate da uno schermo verde. Nessun set era interamente digitale, dice Rivers, perché volevamo assicurarci che il cast avesse sempre “almeno un pezzo di scenografia pratico, qualcosa che gli attori potevano toccare e su cui basarsi”.

15) Sebbene il set della Jenny Haniver, l’aeronave rossa costruita da Anna Fang, sia stato montato su una base di movimento, gran parte del movimento stesso è stato ottenuto utilizzando tecniche cinematografiche relativamente vecchio stile. I tecnici degli effetti speciali hanno infatti tirato manualmente le corde per creare la sensazione di movimento. Durante le fasi di maggiore turbolenza, grandi ventilatori sono stati puntati direttamente sulle facce degli attori.

macchine mortali 2018 Jihae16) Per progettare Airhaven, che fluttua tra i 5.000 e i 10.000 piedi di altezza nel cielo, il dipartimento artistico ha modellato la città in 3D, utilizzando un programma all’avanguardia chiamato HoloLens Holographic, una tecnologia a realtà mista. “La Realtà Aumentata è fantastica quando si tratta di visualizzare strutture totalmente impossibili”, ha dichiarato Ra Vincent. “I caschi offrivano agli artisti l’opportunità di sperimentare i loro disegni e i set su larga scala. Non tutti possono navigare in un modello in 3D, ma tutti possono indossare gli occhiali e navigare in un ologramma“.

17) Guidato da Bob Buck, il reparto costumi al massimo della sua attività, contava di 110 membri. “Per la sezione chiamata ‘le budella’ di Londra abbiamo acquistato vestiti di seconda mano, smontati e ricuciti insieme in modo errato”, ha affermato Buck. “Se si guardano da vicino, si notano parecchie imperfezioni”. “Durante la produzione, avevamo 24 ore per fare sembrare qualcosa vecchio di decenni. Abbiamo provato a levigare, bruciare con una fiamma ossidrica, spazzolare a secco e poi cospargere di fango e sporcizia. Ogni dettaglio conta quando effettui l’usura. Potrebbe non apparire chiaramente nella telecamera, ma anche solo strappare una calza per rendere qualcuno più povero, fa parte del personaggio”.

18) “Man mano che vai in alto, le cose diventano più strutturali”, ha detto Bob Buck. “L’abbigliamento del livello superiore riflette la Carnaby Street degli anni ’60. Da lì abbiamo iniziato a generare l’estetica del film”.

macchine mortali 2018 hera hilmar19) La maggior parte della storia ha luogo in soli 4 giorni.

20) Come parte della sua preparazione per il ruolo, Leila George D’Onofrio ha preso lezioni di cucito – un hobby a cui presumibilmente il suo personaggio potrebbe essere interessata.

21) Per Hester, la sua cicatrice facciale è stato motivo di interesse sin dall’inizio del processo, in cui il progettista di protesi Gino Acevedo (Lo Hobbit, King Kong) ha lavorato su vari fronti usando uno strumento di scultura digitale in 3D chiamato Zbrush. Una volta che Hera Hilmar è stata scelta, il processo si è evoluto partendo da un calco della sua testa.

22) Per creare un senso di movimento all’interno della città stessa, il dipartimento di layout ha assemblato 113 sezioni artigianali di Londra, che hanno chiamato le ‘ninfee’. Ogni ninfea aveva una configurazione di animazione indipendente, quindi poteva essere animata singolarmente.

23) Per comunicare il senso del movimento nello spazio, gli artisti hanno utilizzato tecniche come l’attenta applicazione del motion-blur (una sfocatura in scia di movimento) e l’aggiunta di nuvole sottili e nebbiose nell’aria all’interno e intorno alla città, segnali visivi familiari nella vita reale.

24) La colonna sonora è stata composta dal compositore Tom Holkenborg, aka Junkie XL (Deadpool, Tomb Raider 2018).

macchine mortali film Shrike25) Shrike ha il suo sound singolare, che combina uomo e macchina. “Christian Rivers voleva che Shrike avesse un battito cardiaco”, ha detto il sound designer Dave Whitehead. “Voleva che fosse una macchina eterna”. Per realizzare ciò, il sound editor ha registrato una serie di suoni di battiti cardiaci diversi, che vanno da un minuscolo tamburo di metallo a un meccanismo di orologeria. Alla fine, circa 20 componenti sono stati riuniti per fare un battito cardiaco. Whitehead ha poi adattato il battito del cuore a questo mondo, con la riproduzione degli elementi attraverso un oggetto metallico, tramite un piccolo altoparlante che risuonava in uno spazio reale. Riguardo ai suoni dei piedi di Shrike, Whitehead ha afferrato un paio di portabottiglie di metallo e un vecchio microfono metallico da casa. Li ha poi sbattuti su una griglia metallica, e sul cemento.

26) Le riprese principali si sono svolte in 86 giorni a Wellington, nei primi mesi del 2017. Il film è stato girato in 10 diversi teatri di posa di tre strutture, tra cui gli Stone Street Studios e Avalon Studios oltre a tre location in esterni di Wellington.

Di seguito il trailer italiano di Macchine Mortali, nei nostri cinema dal 13 dicembre:

richard stanley l'isola perduta 1996 set
Sci-Fi & Fantasy

Intervista esclusiva | Richard Stanley su L’Isola del Dottor Moreau: “Preparo una serie TV di 6 ore”

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 20 anni dal doloroso licenziamento dal film con Marlon Brando, l'ostinato regista sudafricano è pronto a riappropriarsi del mastodontico progetto, spostando sul piccolo schermo il suo adattamento

Leggi
richard stanley sitges 2019
Sci-Fi & Fantasy

Intervista esclusiva | Richard Stanley su Malware: “Un film che terrorizza i produttori, ma è il mio script migliore”

di Alessandro Gamma

Il regista sudafricano, riemerso da un esilio lungo 20 anni, ci ha svelato qualche dettaglio della trama del suo prossimo progetto, che tratterà di santeria e del culto della Santa Muerte

Leggi
Doom Annihilation (2019) film
Sci-Fi & Fantasy

Doom: Annihilation | La recensione del film fanta-horror di Tony Giglio

di William Maga

A oltre 10 anni dal primo deludente tentativo cinematografico, il regista prova a rendere giustizia alla popolare saga di videogiochi, fallendo miseramente su tutta la linea

Leggi
Angelina Jolie maleficent signora del male film
Sci-Fi & Fantasy

Maleficent – Signora del Male | La recensione del film di Joachim Rønning

di Teresa Scarale

Lo zigomo elevato e tagliente della carismatica Angelina Jolie non basta a risollevare le sorti di un sequel bizzarro e grottesco. Sorta di incrocio caricaturale fra 'Indovina chi viene a cena' e 'La guerra dei Roses', con scimmiottamenti da 'Il Trono di Spade', serve unicamente da palcoscenico allo splendore di Michelle Pfeiffer, una cattiva la cui luminosità oscura senza troppo sforzo le scialbe smorfie di Elle Fanning e del principino.

Leggi
terminator 35° anniversario + robocop vivo o morto 2
Sci-Fi & Fantasy

Recensione fumetto | Terminator 35° Anniversario + RoboCop – Vivo o Morto vol. 2

di Redazione Il Cineocchio

Se, da un lato, Saldapress porta a conclusione la storia in 12 capitoli che ci riporta nel terribile mondo futuristico in cui opera il cyborg poliziotto, dall'altro celebra il compleanno del film di James Cameron del 1984 con due racconti brevi realizzati prima del sequel cinematografico ufficiale

Leggi
Blu-ray ita Beyond Skyline - A. I. Rising - The Head Hunter
Sci-Fi & Fantasy

Recensione Blu-ray | Beyond Skyline – A. I. Rising – The Head Hunter

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni dell'invasione aliena con Frank Grillo e Iko Uwais, del film sci-fi con la pornostar Stoya e del fantasy medievale diretto da Jordan Downey

Leggi
vivarium film 2019 lorcan finnegan
Sci-Fi & Fantasy

Vivarium | La recensione del film di Lorcan Finnegan con Jesse Eisenberg (Sitges 52)

di William Maga

L'opera seconda del regista, in cui troviamo anche Imogen Poots, è una brillante riflessione sulla vacuità dell'esistenza umana che dimostra di aver assimilato al meglio gli insegnamenti di Ai Confini della Realtà

Leggi
dov'è il mio corpo film clapin netflix
Sci-Fi & Fantasy

Dov’è il mio corpo? | La recensione del film animato di Jérémy Clapin (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La tragedia dell'essere e dell'esistere di un arto tagliato commuovono nel meraviglioso esordio alla regia del francese Jérémy Clapin, distribuito in esclusiva da Netflix

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

La Forma dell’Acqua | La recensione del film di Guillermo del Toro con Sally Hawkins

di Redazione Il Cineocchio

Sally Hawkins è la principessa della nuova favola dark, tanto impeccabile quanto prevedibile, del regista messicano

Leggi
Memory The Origins of Alien documentario 2019
Sci-Fi & Fantasy

Memory: The Origins Of Alien | La recensione del documentario di Alexandre O. Philippe (Sitges 52)

di Claudio Porta

Il regista scava nelle origini del seminale film di Ridley Scott del 1979, ripescando dagli archivi documenti inediti su H. R. Giger e Dan O’Bannon e avvalendosi di nuove interviste

Leggi
la guerra dei mondi bbc serie 2019
Sci-Fi & Fantasy

La Guerra dei Mondi | Recensione della serie limitata BBC; H. G. Wells si fa melò (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La rete britannica adatta il classico del 1897 secondo le giuste coordinate spaziotemporali, ma quella con Robert Carlyle ed Eleanor Tomlinson è una rielaborazione troppo libera, che aggiunge dal nulla nuove 'pagine' mai scritte e che sacrifica l'azione spettacolare in favore del romanticismo

Leggi
Daybreak (2019) serie netflix
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Daybreak, la serie Netflix con Matthew Broderick che si fa beffe del postatomico

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Brad Peyton adatta per il piccolo schermo il fumetto indipendente di Brian Ralph, che dà una nuova lettura adolescenziale e divertita delle atmosfere alla Mad Max

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Devs, la serie thriller sci-fi di Alex Garland

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Ex-Machina e Annientamento è pronto per il salto sul piccolo schermo con uno show originale che vede protagonisti Sonoya Mizuno e Nick Offerman

Leggi
la guerra dei mondi minieserie HBO 2019
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per La Guerra dei Mondi: i Tripodi devastano Londra nella miniserie TV della BBC

di Redazione Il Cineocchio

Il classico di H.G. Wells è stato adattato per il piccolo schermo in una versione che per la prima volta opta per l'originale ambientazione britannica di inizio '900

Leggi
will smith gemini man film
Sci-Fi & Fantasy

Gemini Man | La recensione del film di Ang Lee con Will Smith e Clive Owen

di William Maga

Il regista cinese alza l'asticella del perfezionismo digitale girando un action sci-fi iperrealistico e immersivo, che abbaglia lo spettatore cercando di distoglierlo dalla pochezza della sceneggiatura

Leggi
ARTASERSE

ARTASERSE

25-10-2019

Tutto il mio folle amore

Tutto il mio folle amore

24-10-2019

One Piece: Stampede - Il film

One Piece: Stampede - Il film

24-10-2019

Finché morte non ci separi

Finché morte non ci separi

24-10-2019

RECENSIONE

Downton Abbey

Downton Abbey

24-10-2019

Scary Stories to Tell in the Dark

Scary Stories to Tell in the Dark

24-10-2019

L'uomo senza gravità

L'uomo senza gravità

21-10-2019

Ermitage - Il Potere dell’arte

Ermitage - Il Potere dell’arte

21-10-2019

Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

18-10-2019

The Panama Papers

The Panama Papers

18-10-2019

Se mi vuoi bene

Se mi vuoi bene

17-10-2019

Il mio profilo migliore

Il mio profilo migliore

17-10-2019

Yuli - Danza e libertà

Yuli - Danza e libertà

17-10-2019

Grazie a dio

Grazie a dio

17-10-2019

The Kill Team

The Kill Team

17-10-2019

A proposito di Rose

A proposito di Rose

17-10-2019

Il cardellino

Il cardellino

17-10-2019

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

17-10-2019

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

17-10-2019

Maleficent: Signora del male

Maleficent: Signora del male

17-10-2019

RECENSIONE

Weathering With You - La ragazza del tempo

Weathering With You - La ragazza del tempo

14-10-2019

RECENSIONE

Brave ragazze

Brave ragazze

10-10-2019

Searching Eva

Searching Eva

10-10-2019

La scomparsa di mia madre

La scomparsa di mia madre

10-10-2019

Le verità

Le verità

10-10-2019

RECENSIONE

Hole - L'abisso

Hole - L'abisso

10-10-2019

RECENSIONE

Non succede, ma se succede...

Non succede, ma se succede...

10-10-2019

Gemini Man

Gemini Man

10-10-2019

RECENSIONE

A spasso col panda

A spasso col panda

10-10-2019