Home » Cinema » Horror & Thriller » Diario da Venezia 76 | Giorno 9, ovvero la recensione di Boia, maschere e segreti di Steve Della Casa

6,5/10 su 10 voti. Titolo originale: Boia, maschere e segreti: l’horror italiano degli anni sessanta, uscita: 05-09-2019. Regista: Steve Della Casa.

Diario da Venezia 76 | Giorno 9, ovvero la recensione di Boia, maschere e segreti di Steve Della Casa

06/09/2019 recensione di Giovanni Mottola

Parliamo del documentario dedicato al cinema horror italiano degli anni Sessanta, ma riserviamo uno spazietto anche all'anteprima di ZeroZeroZero, la serie crime diretta da Stefano Sollima che adatta il romanzo di Roberto Saviano

L’approfondimento sul cinema di genere alla Mostra del Cinema di Venezia 2019 ha avuto una coda grazie al documentario Boia, maschere e segreti: l’horror italiano degli anni Sessanta, realizzato dal critico Steve Della Casa. A differenza delle altre opere viste in questi ultimi giorni, la presente sceglie di dare uno spazio molto maggiore ad estratti significativi dalle opere inerenti al tema, limitando le spiegazioni e i commenti. Il genere trasse la propria origine dal successo ottenuto in Gran Bretagna dai film gotici di Terence Fisher, prodotti a basso costo e destinati al mercato internazionale. Il primo film italiano del genere fu I vampiri di Riccardo Freda, del 1957. Si rivelò un disastro dal punto di vista commerciale e lo stesso regista ricorda che gli spettatori, vedendo il suo nome associato a un film horror, si guardavano bene dal recarsi in sala perché non consideravano credibile che un italiano si cimentasse nel genere. Il nostro Paese era caratterizzato da un elemento che al tempo stesso lo rendeva il meno e il più adatto alla realizzazione di film horror: il cattolicesimo. Del concetto fornì mirabile sintesi Honorè de Balzac ne L’elisir di lunga vita: “Questa adorata Italia, dove la religione è perversione e la perversione è religione”. Da un lato, proprio la castità ufficiale dei costumi spingeva a sentirsi attratti dalla trasgressione; dall’altro, la presenza della Chiesa rendeva il genere osteggiato e inevitabilmente di nicchia, a causa delle esplicitazioni di perversioni come il sadomasochismo o l’omosessualità maschile e femminile, per arrivare fino alla necrofilia.

Boia maschere e segreti di Steve Della Casa posterSi ricorreva quindi a un trucco, realizzando i film in una doppia versione: castigata per il mercato interno e più spinta per quello straniero. Riccardo Freda sarebbe stato presto rivalutato – nel documentario si vede Bertrand Tavernier dichiarare la propria ammirazione per lui – e al suo fianco, anche in senso lavorativo dal momento che da lui imparò i trucchi del mestiere, si affermò Mario Bava, il cui primo film da regista, La maschera del demonio del 1960, fu anche il primo horror italiano a ottenere successo. Da quel momento iniziò ufficialmente questo filone, d’imitazione perché ripreso dalla tradizione inglese ma al tempo stesso reso originale dalla maestria tecnica di questi nostri autori. La penuria di fondi aguzzò il loro ingegno, fino a renderli eccezionali nella creazione di effetti speciali attraverso strumenti da poche lire: ghiaccio secco per dare l’idea del fumo o giochi di luci attraverso l’uso di specchi. Anche il grandissimo Carlo Rambaldi, tre volte premio Oscar per gli effetti di King Kong, Alien ed E.T., si fece le ossa su questi set costruendo mostri e ragni giganti in modo estremamente artigianale. Sempre nell’ottica del risparmio, si girava in castelli o in case private adattate alla bisogna nella zona di Roma, per evitare di pagare indennità di trasferta agli attori.

Ben presto la forza di questi lavori minori e il valore dei loro autori furono sdoganati anche presso i colleghi. Un regista come Camillo Mastrocinque, fino a quel momento dedito a commedie (tra cui alcune delle migliori di Totò come Totò, Peppino e la malafemmena o La banda degli onesti), dopo un primo omaggio al genere nel film I motorizzati girò due horror: La cripta e l’incubo (1964) e Un angelo per satana (1966). Quando Pupi Avati dovette realizzare il finale di Bordella, dove un uomo completamente fasciato di garze doveva levarsi le bende dal viso e far vedere che sotto non vi era la testa, nessuno riusciva a creare questo effetto. Così chiese aiuto a Mario Bava che glielo realizzò in un’ora. Ormai il genere aveva preso piede: negli anni Sessanta in Italia si girarono circa quaranta film horror. Bava riuscì ad avere sul set de I tre volti della paura persino il grande Boris Karloff, il che diede alle produzioni italiane un definitivo bollino di qualità. Pur essendo inglese, l’icona italiana del genere divenne Barbara Steele, grazie a un volto affascinante e inquietante al tempo stesso; ma anche altri attori, come per esempio Walter Brandi, si specializzarono in film horror. Dalla metà degli anni Sessanta, quando ormai il pubblico era “maturo” per il genere, l’horror cominciò gradualmente a passare da cinema in costume a cinema contemporaneo. Vi furono esempi di sperimentazioni ibride, come E Dio disse a Caino di Antonio Margheriti, dove gli elementi di horror e fantastico si fondono con quelli western. Si cominciò ad inserire l’ironia e l’elemento parodistico negli sviluppi delle trame. E si fece ricorso persino a fenomeni artistici come la Pop Art presente in La morte ha fatto l’uovo di Giulio Questi.

zerozerozero serie tv sollimaBoia, maschere e segreti: l’horror italiano degli anni Sessanta non può che terminare con una dichiarazione di colui che di questo cinema è indubbiamente figlio, cioè Dario Argento, il quale esprime la sua grande ammirazione per Bava e afferma di essere stato influenzato dallo stile del suo Sei donne per l’assassino al momento di realizzare L’uccello dalle piume di cristallo. Il bel lavoro di Steve Della Casa si chiude così, nonostante per ammissione dello stesso autore si sarebbe potuto andare avanti per molte altre ore.

Di fronte a quanto riuscissero a fare con due lire Mario Bava e Riccardo Freda, viene la tentazione di considerare uno spreco di risorse i capitali utilizzati da Cattleya per produrre la serie di Stefano Sollima (SuburraZeroZeroZero tratta dall’omonimo libro di Roberto Saviano, che verrà trasmessa prossimamente da Sky, Canal+ e Amazon. Il produttore Riccardo Tozzi ha dichiarato che è costata “più di moltissimo” e non stentiamo a crederlo: gli 8 episodi di cui si compone sono state girate in tre continenti (Europa, America e Africa) e in sei lingue (inglese, spagnolo, italiano, francese, wolof e arabo) e hanno richiesto un anno di riprese. Alla Mostra del Cinema di Venezia sono state presentate in anteprima le prime due e, pur non potendo dare un giudizio completo su una visione parziale, bisogna da subito dire che il prodotto non delude, anche se resta qualche perplessità sull’utilizzo di un tale dispiegamento di mezzi per spiegare al pubblico che nel mondo gira la cocaina e chi la smercia è sempre più potente. Per quanto ben fatta, questa serie rischia di finire confusa con le tante che ormai trattano il tema. Per il bravissimo regista Stefano Sollima, comunque, ci auguriamo che le cose vadano per il meglio. Un po’ meno per Roberto Saviano, perché nel vedere due ali di folla che, alla stregua di quel che si fa con i divi dello spettacolo, l’hanno acclamato una prima volta al termine della sua passerella sul tappeto rosso e una seconda al suo ingresso in sala, il pensiero è inevitabilmente corso alla lucidità del siciliano Leonardo Sciascia quando coniò il termine di “professionisti dell’antimafia”.

Di seguito il trailer di Boia, maschere e segreti e più sotto il teaser trailer internazionale di ZeroZeroZero:

Rebecca Romijn in Satanic Panic (2019)
Horror & Thriller

Satanic Panic | La recensione del film horror con Rebecca Romijn

di William Maga

La regista Chelsea Stardust torna sulle scene con un'opera che prova a fondere con fortune alterne satanismo e umorismo, poggiandosi su personaggi di contorno riusciti ed efficaci effetti pratici

Leggi
Virginie Efira in Benedetta (2020) blessed virgin
Horror & Thriller

Poster e trama per Blessed Virgin, dramma erotico in costume di Paul Verhoeven

di Redazione Il Cineocchio

Il nuovo film del controverso regista 81enne si ispira alla vita della suora lesbica Benedetta Carlini, vissuta nel XVII secolo; nel cast anche Charlotte Rampling

Leggi
The Reckoning film marshall poster
Horror & Thriller

The Reckoning: prima immagine e trama per il film di streghe di Neil Marshall

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Hellboy è pronto a portare sugli schermi un horror in costume ambientato durante la grande pestilenza del XVII secolo in Inghilterra

Leggi
castle rock serie 2 lizzie caplan
Horror & Thriller

Teaser per Castle Rock stagione 2: Lizzy Caplan porta Misery nella serie di Hulu

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice è una giovane Annie Wilkes di passaggio nella cittadina che racconta il multiverso orrorifico creato da Stephen King

Leggi
countdown film horror 2019
Horror & Thriller

Trailer per Countdown: una App ci dice quando è il momento di morire

di Redazione Il Cineocchio

C'è il regista Justin Dec dietro al concept che rielabora l'ineluttabilità del tragico destino di un gruppo di ragazzi

Leggi
Hai Paura del Buio Are You Afraid of the Dark serie 2019
Horror & Thriller

Trailer per Hai Paura del Buio?, nuova miniserie che rilancia il Club di Mezzanotte

di Redazione Il Cineocchio

Nickelodeon e il regista Dean Israelite aggiornano le avventure horror per ragazzi rese popolarissime dallo show degli anni '90

Leggi
Cera-una-volta-a...-Hollywood-2019-leonardo-dicaprio-brad-pitt-film
Horror & Thriller

C’era una volta … a Hollywood | La recensione del nono film di Quentin Tarantino

di William Maga

Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie sono i protagonisti di un'ode sognante a un'epoca d'oro finita per sempre, ma anche alla potenza del cinema e agli uomini che lavorano lontano dai riflettori

Leggi
Horror & Thriller

L’Ombra dello Scorpione (serie TV): svelati gli interpreti di Randall Flagg e Madre Abagail

di Redazione Il Cineocchio

Ufficializzati anche altri quattro membri del cast del nuovo adattamento per il piccolo schermo del celebre romanzo di Stephen King

Leggi
night hunter film alexandra daddario
Horror & Thriller

Night Hunter | La recensione del thriller con Alexandra Daddario e Henry Cavill

di Sabrina Crivelli

L'inglese David Raymond esordisce alla regia con un deludente e sconclusionato film di serial killer immotivatamente R-Rated, appesantito da una coppia di protagonisti non particolarmente emotiva o espressiva

Leggi
the gallows - act 2 film 2019
Horror & Thriller

Trailer per The Gallows – Act II: l’Impiccato tormenta una vlogger curiosa

di Redazione Il Cineocchio

I registi Travis Cluff e Chris Lofing riportano sulle scene il boogeyman che li aveva lanciati nel mondo dell'horror quattro anni fa

Leggi
escape room trilogy blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Escape Room (The Game) – Escape from Marwin – Escape Room (2017)

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni dei tre horror incentrati sui tentativi disperati dei protagonisti di uscire da una o più stanze prima che il tempo scada e la morte li raggiunga inesorabile

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Dead of Night: l’apocalisse zombi viaggia live su Snapchat

di Redazione Il Cineocchio

Lo show originale horror prodotto da Timur Bekmambetov intende esplorare nuove possibilità per il genere

Leggi
gwen film William McGregor
Horror & Thriller

Gwen | La recensione del folk horror di William McGregor

di Sabrina Crivelli

Maxine Peake e Eleanor Worthington-Cox sono le protagoniste di un cupo dramma famigliare dalle derive soprannaturali ambientato nelle campagne del Galles del XIX secolo

Leggi
Dublin Murders serie 2019
Horror & Thriller

Trailer per Dublin Murders: l’Irlanda sconvolta da un omicidio rituale nella serie crime di Starz

di Redazione Il Cineocchio

Killian Scott e Sarah Greene sono i due detective incaricati delle complicate indagini nello show che adatta due romanzi thriller della scrittrice Tana French

Leggi
woh serie india IT tv clown
Horror & Thriller

Woh: (ri)scopriamo la serie TV indiana del 1998 ispirata a IT di Stephen King

di Redazione Il Cineocchio

A quasi 10 anni dalla miniserie con Tim Curry, arrivava sulla liberale Zee TV uno dei prodotti più bizzarri prodotti da quelle parti, un rip-off insolito e non privo di interesse

Leggi
Selfie di famiglia

Selfie di famiglia

19-09-2019

Burning - L'amore brucia

Burning - L'amore brucia

19-09-2019

Eat Local - A cena con i vampiri

Eat Local - A cena con i vampiri

19-09-2019

RECENSIONE

C’era una volta a... Hollywood

C’era una volta a... Hollywood

18-09-2019

RECENSIONE

Chiara Ferragni - Unposted

Chiara Ferragni - Unposted

17-09-2019

Tutta un'altra vita

Tutta un'altra vita

12-09-2019

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

12-09-2019

Grandi bugie tra amici

Grandi bugie tra amici

12-09-2019

E poi c'è Katherine

E poi c'è Katherine

12-09-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

12-09-2019

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

12-09-2019

Apollo 11

Apollo 11

09-09-2019