Home » Cinema » Azione & Avventura » Dolceroma | La recensione: il metacinema agrodolce di Fabio Resinaro

6/10 su 45 voti. Titolo originale: DolceRoma , uscita: 04-04-2019. Regista: Fabio Resinaro.

Dolceroma | La recensione: il metacinema agrodolce di Fabio Resinaro

02/04/2019 recensione film di William Maga

Il diabolico Luca Barbareschi è il cattivo maestro di vita dell'ingenuo Lorenzo Richelmy in un film che mescola stili e linguaggi riflettendo sarcasticamente anche sull'industria cinematografica italiana

dolceroma film Lorenzo Richelmy 2019

Era dai tempi del sottovalutato film di Boris (2011), punto d’arrivo dell’omonima sottovalutatissima – e avanguardistica – serie creata da Luca Manzi e Carlo Mazzotta (in onda per tre stagione tra il 2007 e il 2010), che non si provava a riflettere satiricamente sul nostro sistema produttivo cinematografico ‘all’amatriciana’. Nel mentre, in questi anni sono fioriti serial sulla criminalità organizzata come le apprezzate Gomorra e Suburra (e relativi lungometraggi) e pellicole caustico-grottesche come La Grande Bellezza di Paolo Sorrentino. E sembrano proprio questi i modelli principali cui il regista – e sceneggiatore, su un soggetto scritto con Fausto Brizzi che si ispira liberamente al libro di Dormiremo da vecchi di Pino Corrias – Fabio Resinaro (reduce dai fasti di Mine del 2016) ha guardato per bacchettare dall’interno le dinamiche di quel mondo di cui ormai fa parte, ibridandoli con elementi del cinema action e thriller tipicamente più internazionali, in un gioco che – evidentemente – richiama alla mente le operazioni solitamente appannaggio di Quentin Tarantino oppure, se guardiamo nel sottobosco indipendente di casa nostra, di Roberto D’Antona (pensiamo al recente Fino all’Inferno).

dolceroma film posterLa storia segue Andrea Serrano (Lorenzo Richelmy), giovane scrittore milanese sfigato e in cerca di uno scopo nella vita che sbarca il lunario in attesa del successo lavando cadaveri in un obitorio. Un giorno, un importante produttore cinematografico romano, Oscar Martello (Luca Barbareschi), lo ingaggia perché è rimasto impressionato dal suo primo libro (o dalla sua copertina …) e ha deciso che lo trasformerà in un film di successo, dal titolo Non finisce qui. Trasferitosi nella Capitale in fretta e furia, Andrea viene però travolto dagli eventi, trovandosi a collaborare con un regista incompetente e borioso (Luca Vecchi), che gira un’opera disastrosa che potrebbe rivelarsi la fine della carriera per tutti quanti i soggetti coinvolti.

La tribolata protagonista Jacaranda Ponti (Valentina Bellè), Oscar Martello, la sua apicoltrice e aristocratica moglie Helga (Claudia Gerini) e il distributore Remo Golia (Armando De Razza), sono quindi tutti molto preoccupati, ma a salvare la situazione ci si mette proprio Andrea. Il ragazzo, assieme al produttore, concepisce un piano diabolico: far credere che Jacaranda sia stata rapita dalla camorra, contraria all’uscita dello ‘scomodo’ Non finisce qui, così che i media diano risonanza alla notizia amplificando la pubblicità gratuita per il film e creando curiosità nel pubblico. Un’idea convincente, che tuttavia non tiene conto del fiuto dell’ispettore di Polizia Raul Ventura (Francesco Montanari) e di una serie a catena di eventi imprevisti (o forse no …) che incrineranno la perfetta strategia.

Come anticipato, almeno per i primi due atti Dolceroma è una sorta di rimprovero ‘scontato’ (nel senso che descrive una situazione che tutti immaginano sia davvero così) a un’industria romacentrica che pensa esclusivamente al profitto e agli incassi (o al possibile flop finanziario …), fregandosene dei sentimenti e della qualità artistica e corrompendo tutti quelli che vi si avvicinano con le intenzioni più pure e disincantate. Ci troviamo così davanti a un conciliabolo di individui gretti, che ‘fanno il contrario di quello che dicono e non dicono mai quello che pensano davvero‘, in un peccaminoso e inevitabile turbinio di falsità reiterate, amicizie di convenienza e gente che guarda dall’altra parte per non perdere lo status sociale che condannano a una consapevole dannazione eterna, ma che sembrano essere l’unica via fattibile per il successo e la realizzazione dei sogni.

dolceroma film Luca barbareschi 2019È in questo apparente contesto metacinematografico di fondo allora che Luca Barbareschi si ritaglia sapientemente un ruolo da protagonista proprio nei panni di un faustiano produttore (ruolo che riveste peraltro davvero qui con la sua Casanova Multimedia) emerso dalla strada grazie ai soldi della consorte e ora in cerca di un sé più giovane e affamato da plasmare / traviare a sua immagine e somiglianza. Tra l’altro, lo stratagemma del rapimento finto sembra proprio essere un consapevole omaggio, fatto da chi l’ha vissuta personalmente, alla geniale strategia usata nel 1980 dal regista Ruggero Deodato (la nostra intervista esclusiva) per promuovere il suo ‘scandaloso’ Cannibal Holocaust, che gli costò addirittura una denuncia e una grossa multa.

Fabio Resinaro alterna generi e archetipi sforzandosi di elevare il suo film oltre l’aspetto da action comedy bizzarra garantito dal trailer, raccontando la traiettoria ascendente (o discendente?) di un personaggio che non è quello che sembra, spiazzando lo spettatore coi colpi di scena di un terzo atto virato al noir spionistico puro in cui si tirano le fila della parabola, ma guidandoci a una conclusione soltanto parzialmente intuibile in anticipo e interpretabile come tutt’altro che rassicurante ed edificante, specie perché i lidi della comicità a quel punto sono stati abbandonati già da tempo.

dolceroma film resinaro 2019Fatte queste premesse, va sottolineato che – un po’ sorprendentemente – lo stesso Fabio Resinaro ha dichiarato che Dolceroma “non ha nessuna intenzione di essere una critica” all’establishment. Un’affermazione che risuona in contraddizione con quanto si vede sullo schermo per buona parte dei 105 minuti del film (finale e scena mid-credits inclusi), sia per i dialoghi e la battute che prendono in giro apertamente un certo modo di fare fiction e cinema (si pensi all’ ‘impossibile’ sequenza action sotto la pioggia, di notte, che rimanda apertamente a Tomb Raider), sia per l’utilizzo di certi attori in ruoli e situazioni ben precisi e palesemente sarcastici o ironici. Abbiamo così il ‘Libanese’ di Romanzo Criminale che diventa uno sbirro indefesso che pare uscito da un poliziottesco degli anni ’70, un laido Armando De Razza ricalcato sul Diego Lopez della sopracitata Boris, un tris di camorristi degni di Ammore e malavita e una generosa Claudia Gerini che si cimenta nella versione alternativa del bagno di John Wick 2 (ma stavolta si concede nuda fronte e retro). Il tutto condito con le note, reiterate e beffarde, di Brucia Roma di Antonello Venditti e di Vivere senza malinconia di Tito Schipa. Manca solo la religione, lasciata – probabilmente volutamente – fuori.

Insomma, se lo ‘svezzamento’ alle crudeltà del mondo del lavoro (e della vita) di Andrea da parte di Oscar guida effettivamente la narrazione (su cui si innesta un’immancabile sottotrama latamente amorosa), è la declinazione a un contesto metafilmico a garantire quel plus di interesse – a quanto pare non del tutto voluto … – a Dolceroma che nessun combattimento con le katane in mezzo a un incendio in CGI potrebbe altrimenti mai eguagliare.

Di seguito il trailer originale di Dolceroma, nei cinema dal 4 aprile:

accerchiato film van damme
Azione & Avventura

La recensione concisa | Accerchiato di Robert Harmon

di Marco Tedesco

Nel 1993, Jean-Claude Van Damme e Rosanna Arquette erano al centro di un action drama dal sapore curiosamente western

Leggi
mark hamill luke episodio 8 star wars
Azione & Avventura

34 cose da sapere su Mark Hamill

di Redazione Il Cineocchio

Curiosità e aneddoti sulla vita pubblica e privata dell'attore, storico volto della saga di Star Wars ma anche doppiatore e molto altro

Leggi
fumio demura e pat morita karate kid
Azione & Avventura

Dossier | Fumio Demura, il ‘vero’ Mr. Miyagi della saga di Karate Kid (ed è nei film!)

di Marco Tedesco

Il maestro di arti marziali giapponese, classe 1938, è al centro di alcuni gustosi retroscena presentati in un documentario dedicato alla saga con Noriyuki "Pat" Morita e Ralph Macchio

Leggi
big octopus film 2020 cina
logan lucky soderbergh film
Azione & Avventura

La Truffa dei Logan | La recensione del film di Steven Soderbergh

di William Maga

Daniel Craig, Channing Tatum, Adam Driver sono i protagonisti di un heist movie dissacrante e rocambolesco che sovverte i canoni della trilogia Ocean's

Leggi