Home » Cinema » Horror & Thriller » Intervista esclusiva | James O’Barr su Il Corvo, dallo script ‘strano’ di Nick Cave alle scene felici di Eric e Shelly nel reboot cancellato

Intervista esclusiva | James O’Barr su Il Corvo, dallo script ‘strano’ di Nick Cave alle scene felici di Eric e Shelly nel reboot cancellato

09/11/2018 news di Alessandro Gamma

Abbiamo incontrato faccia a faccia il fumettista americano, parlando del film che avrebbe dovuto dirigere Corin Hardy, del grande fan Jason Momoa e dell'avidità di Hollywood

james o'barr jason momoa corvo

Dopo averlo incontrato ‘da lontano’ durante la conferenza stampa a Lucca Comics & Games 2018, abbiamo avuto la possibilità di una chiacchierata molto ‘più intima’ con James O’Barr a Milano, presso la libreria RED la Feltrinelli di Porta Romana, dove, accompagnato da Chiara Bautista, Werther Dell’Edera e Micol Beltramini, ha presentato al pubblico l’edizione definitiva de Il Corvo e il volume Il Corvo: Memento Mori Omnibus, editi da Edizioni BD.

Nel corso dell’intervista, col fumettista americano 58enne abbiamo soprattutto approfondito il progetto recentemente naufragato del reboot cinematografico de Il Corvo – The Crow e della vociferata sceneggiatura scritta dal cantante Nick Cave per un eventuale nuovo film della saga.

Può dirmi qualcosa in più sulla sceneggiatura che ha scritto per il reboot di Il Corvo che avrebbe dovuto essere diretto da Corin Hardy?

E’ uno script molto più fedele al fumetto rispetto a quello usato per il film di Alex Proyas del 1994. Non che quella versione sia da disprezzare sia chiaro, ma all’epoca hanno potuto contare su un budget piuttosto piccolo [23 milioni di dollari] e su poco tempo per realizzarlo. Dovettero scendere a parecchi compromessi. Col reboot abbiamo avuto invece l’occasione di fare un adattamento de Il Corvo assai più vicino, esattamente da pagina 1 in avanti. Una sorta di re immaginazione.

In merito alla maggiore fedeltà al fumetto, cosa avremmo visto di ‘nuovo’ nel film?

L’aspetto che mi ha sempre deluso della pellicola del 1994 è che non furono inserite abbastanza scene in cui si vedono Eric e Shelly felici … sulla loro relazione prima della tragedia. Questo fu dovuto soprattutto alla morte prematura di Brandon Lee, perchè molte di quelle sequenze avrebbero dovuto effettivamente essere girate negli ultimi giorni di lavorazione. E naturalmente Alex Proyas non avrebbe potuto girarle con una controfigura. Nel girato definitivo abbiamo così solo brevi flash di questa felicità. Quindi, nel reboot avremmo avuto la possibilità di rimediare, favorendo ulteriormente la possibilità di comprendere a fondo il senso di perdita.

A Lucca ha anticipato che alcuni momenti del film sarebbero stati in bianco e nero, in contrasto con altri più vividi

Si, l’idea era di farne quasi un film arthouse, con la technicolor e guardando ai film sporchi degli anni ’70 come Taxi Driver … non certo tutto frizzi e lazzi come i film di supereroi! Il budget comunque sarebbe stato circa 4 volte superiore a quello del primo film [circa 100 milioni di dollari quindi].

L’ha sorpresa la scelta di Jason Momoa per il ruolo del protagonista Eric Draven?

All’inizio non ero molto convinto. Ma poi l’ho incontrato di persona, avrebbe accettato di perdere oltre 20 kg per le riprese, smagrirsi, tagliarsi i capelli nel modo giusto … Si è dimostrato entusiasta del progetto e lui stesso è un grande fan del mio fumetto e mi ha confermato che quello di Eric era il ruolo che sognava di interpretare da quando era un ragazzino.

Come mai si è fermato il film?

Io, Corin Hardy e Jason eravamo molto motivati e abbiamo lavorato sodo sul progetto. Il grosso problema c’è stato dietro le quinte … Fondamentalmente i vari produttori han cominciato a farsi causa a vicenda per ingordigia … per accaparrarsi percentuali maggiori sugli incassi del film. Perchè quando Jason Momoa ha firmato ed è salito a bordo, tutti quanti hanno capito che Il Corvo avrebbe incassato molti soldi e così tutti han cominciato a dire di voler cambiare i rispettivi contratti. Quindi, finchè queste beghe legali non saranno risolte, il reboot resterà in pausa. In ogni caso penso che prima o poi si farà … La Sony ci ha investito già troppi soldi per gettar via tutto quanto e perdere l’occasione di guadagnarci.

A che punto eravate con la produzione del reboot?

La sceneggiatura era pronta, alcuni dei set erano già stati costruiti … Penso che mancassero un paio di settimane all’inizio effettivo delle riprese. Il problema ora è che molti degli attori coinvolti non possono stare fermi per molto tempo, devono passare subito al successivo film … Solo Jason ha detto che parteciperà in ogni caso e in qualsiasi momento.

Ho letto che Nick Cave avrebbe scritto una sceneggiatura per una sua versione de Il Corvo. Lei ha avuto modo di leggerla o di parlarne direttamente con lui?

Si, confermo che Nick ha scritto una sua versione della sceneggiatura. Si trattava di un buon ‘script alla Nick Cave’ [nel suo CV figura ad esempio Lawless di John Hillcoat], ma a mio parere non era un film di Il Corvo. Non aveva davvero nulla a che fare con le tematiche basilari del fumetto. Era una sceneggiatura valida e pure sperimentale, ma non si adattava affatto a Il Corvo. Si trattava di un’idea davvero strana … Non c’era un personaggio centrale … Si partiva dal Medioevo, col protagonista che veniva ucciso e si reincarnava … Erano quasi cinque piccoli film … Non era prevista una star … Avrebbe forse potuto funzionare come serie TV, ma certo non come un film de Il Corvo. Conosco Nick dagli anni ’80, ma non ne abbiamo più davvero parlato dopo la prima volta [il 2010]. Nessun rancore comunque!

So che lei non parla volentieri dei sequel de Il Corvo arrivati negli anni, ma perchè a suo parere non hanno saputo replicare il successo del primo?

Sono stati fatti fondamentalmente per la mera avidità di Hollywood. Io non ci ho avuto niente a che fare, non c’era motivo per far parte di qualcosa che avrebbe soltanto cercato di scimmiottare quello che avevano fatto Brandon Lee e Alex Proyas. Mi hanno ovviamente contattato per pagarmi, visto che detengo ancora i diritti, ma non ho voluto io per primo essere coinvolto nella fase di scrittura, non avevo nient’altro da dire. Hanno cercato di trasformarlo in un franchise alla James Bond e non è per quello che ho creato il personaggio. Pensa che non ho nemmeno mai visto il terzo e il quarto film …

Di seguito il trailer originale di Il Corvo:

run hide fight film 2020 isabel may
Horror & Thriller

Run Hide Fight | La recensione del film di Kyle Rankin (Venezia 77)

di Alessandro Gamma

La giovanissima Isabel May è la final girl - accanto a Thomas Jane e Radha Mitchell - di un action movie controverso, che affronta il tema sensibile delle sparatorie nelle scuole USA con l'eccessiva frivolezza del genere

Leggi
german angst film 2015
Horror & Thriller

Recensione story | German Angst di J. Buttgereit, M. Kosakowski e A. Marschall

di Antonio Salfa

Il film tedesco a episodi del 2015 si rivela un magico scrigno visivo estremo fatto di brutalità, sesso e piante fin troppo magiche

Leggi
la babysitter killer queen film 2020 netflix
Horror & Thriller

La Babysitter: Killer Queen | La recensione del film di McG (sequel di Netflix)

di Marco Tedesco

Judah Lewis deve vedersela coi redivivi Robbie Amell e Bella Thorne in un secondo capitolo per nulla ispirato, ma pieno di sangue

Leggi
books of blood film hulu 2020
Horror & Thriller

Teaser trailer per Books of Blood, film di Hulu che dà vita ai Libri di Sangue di Clive Barker

di Redazione Il Cineocchio

C'è Brannon Braga alla regia dell'adattamento, che conterrà anche del materiale originale

Leggi
the elephant man film 1980
Horror & Thriller

Trailer per The Elephant Man: il film di Lynch nei cinema italiani restaurato (la data)

di Redazione Il Cineocchio

A 40 anni esatti dall'uscita, una grande opportunità per vedere il classico con Anthony Hopkins e John Hurt in tutto il suo splendore

Leggi