Home » Cinema » Horror & Thriller » Jeff Goldblum: “So perchè La Mosca mi ha trasformato in uno strano sex symbol”

Titolo originale: The Fly , uscita: 15-08-1986. Budget: $15,000,000. Regista: David Cronenberg.

Jeff Goldblum: “So perchè La Mosca mi ha trasformato in uno strano sex symbol”

14/03/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del film diretto da David Cronenberg nel 1986 ha ricordato anche le difficoltà legate alle sessioni di trucco

Jeff Goldblum la mosca 1986

Forse non tutti ricordano che Jeff Goldblum ha fatto il suo debutto nel mondo del cinema nel 1974 nel seminale Giustiziere della Notte di Michael Winner, dove era uno dei teppisti, ma è probabilmente la sua interpretazione di Seth Brundle in La Mosca (The Fly) di David Cronenberg nel 1986 ad averlo lanciato nell’olimpo delle star di Hollywood.

È anche il ruolo che ha trasformato Goldblum in un eccentrico sex symbol di sorta ed è proprio questo curioso aspetto ad essere emerso in una nuova intervista. L’attore ha ricordato, provando a capire i motivi che hanno suscitato tale reazione nel pubblico femminile:

A quel tempo avevo capelli lunghi e fluenti … Se qualcosa è attraente, o almeno lo è per me, è qualcuno che è appassionato e interessato nei confronti di qualcosa, e focalizzato su qualcosa, e che possiede anche un po’ di intelligenza. E quel personaggio [Seth Brundle] dovrebbe essere una specie di primo della classe. Quindi, sapete, forse è stato considerato interessante per questo motivo

Ha poi proseguito:

E naturalmente, una volta che mescolavo il mio DNA con quello della mosca, acquisivo un grande potere, reazioni tumultuose e una sessualità … una sessualità spenta e febbricitante.

Jeff Goldblum ha anche riflettuto sul successo di La Mosca e dei suoi effetti speciali pratici, che hanno fruttato un premio Oscar:

Chris Walas ha vinto l’Oscar per il make-up del film, sì. E Stephan Dupuis, per cinque ore, mi faceva sedere su una sedia da dentista e applicava quel trucco. E poi un’altra ora dopo che avevamo finito … Sapete, strofinare e strofinare … per toglierlo. Mi ritrovavo un po’ stretto in questo costume  … un costume di gomma … quindi sembravo un bambino … deforme. E poi le protesi. Non è stata la cosa più comoda del mondo, ma non è stata così male. È stata una cosa divertente da fare.

Senza dubbio una trasformazione memorabile richiede qualche piccolo sacrificio.

Fonte: Yahoo

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su The Fly:

Resident Evil Infinite Darkness film netflix leon
Horror & Thriller

Trailer per Resident Evil: Infinite Darkness, nuovo film animato della saga (per Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

A tre anni da Vendetta, Leon e Claire saranno al centro di un'altra terribile missione

Leggi
The Postcard Killings film 2020
Horror & Thriller

The Postcard Killings | La recensione del film Danis Tanovic (su Amazon Prime)

di William Maga

Jeffrey Dean Morgan e Famke Janssen sono i protagonisti di un thriller che sciupa le buone prove del cast e la fotografia con un regia pochissimo ispirata e una sceneggiatura colabrodo

Leggi
The Call (2020) film bell shaye
sam neill il seme della follia
Horror & Thriller

Riflessione | Il Seme della Follia di John Carpenter: un lovecraftiano monito all’umanità

di Sirio Alessio Giuliani

Nel 1994, il regista realizzava il suo film-manifesto, uno spietato e ironico ritratto della società contemporanea (attualissimo ancora oggi) in cui l’orrore cosmico di H. P. Lovecraft incontrava le atmosfere del surrealismo

Leggi
Harvey Stephens il presagio 1976
Horror & Thriller

Il Presagio (1976): com’è nata la scena finale col diabolico Damien che sorride

di Redazione Il Cineocchio

È il regista Richard Donner a raccontare come lavorò col piccolo Harvey Stephens per ottenere quello scioccante risultato

Leggi