Home » Cinema » Azione & Avventura » La Favorita: il significato del finale del revenge melò di Yorgos Lanthimos

Titolo originale: The Favourite, uscita: 23-11-2018. Budget: $15,000,000. Regista: Yorgos Lanthimos.

La Favorita: il significato del finale del revenge melò di Yorgos Lanthimos

20/01/2019 news di Redazione Il Cineocchio

Proviamo a capire perchè i minuti conclusivi del film in costume con Emma Stone, Rachel Weisz e Olivia Colman siano tanto concreti quanto deprimenti e sconfortanti

Emma Stone e Olivia Colman in La Favorita (2018)

Se avete visto The Favourite – La Favorita (la nostra recensione da Venezia 75), probabilmente sarete rimasti pensierosi per qualche minuto dopo l’inquietante e bizzarra scena finale – dopotutto, non sarebbe un ‘tipico’ film di Yorgos Lanthimos se si uscisse dalla sala senza sentirsi un po’ confusi e depressi. A differenza delle sue opere precedenti però, questa presenta una delle conclusioni più concrete, che tuttavia è ugualmente sconfortante.

la favorita lanthimos 2018La Favorita è sostanzialmente una revenge comedy deliziosamente perversa strutturata intorno alla figura della regina Anna (Olivia Colman) e alle sue relazioni con la sua migliore amica Sarah (Rachel Weisz), duchessa di Marlborough, e la di lei cugina Abigail (Emma Stone), ragazza che è passata dalla vita nella nobiltà alla povertà assoluta. Ma Abigail non ha intenzione di rimanere una semplice sguattera come le altre, così, quando arriva al castello in cerca di lavoro, inizia immediatamente a infilarsi nei cuori e nei letti dei ranghi più alti, spezzando indelebilmente la relazione tra Sarah e la regina.

Chi ha già familiarità con lui, sa che il regista greco è solito scrivere finali spiazzanti e che non incontreranno il favore di tutti, come quelli di Dogtooth (Kynodontas) o di The Lobster, oppure disturbanti come quello di Il sacrificio del cervo sacro (The Killing of a Sacred Deer). Eppure la conclusione di La Favorita è diversa, affermandosi come la sua più completa e ben architettata. Sebbene sia, naturalmente, ancora ambigua. È anche una delle più crudeli, ma non nel senso più brutale e primitivo del termine, quanto per il riferimento alla spietatezza del destino che punisce i nostri sogni. Un senso di tristezza e amarezza che cresce lentamente e non se ne va più.

Soffermandoci quindi sui minuti finali del film, che forse richiedono una spiegazione più precisa, la regina Anna vede finalmente Abigail per quello che è sempre stata, un’arrivista sadica ed egoista. Assaporando i lussi della sua nuova vita come ‘la favorita’ della sovrana, un lieve sorriso malato le attraversa il viso e calpesta con lo stivale uno degli amati coniglietti di Anne. È pura, genuina crudeltà. Il coniglio grida e urina sul pavimento, mentre Abigail continua a schiacciarlo, ridacchiando tra sé e sé. Ma il pianto degli animaletti indifesi attirano l’attenzione di Anna, che comprende come la sua “amica” sia un mostro a tutti gli effetti.

Rachel Weisz, Yorgos Lanthimos e James Smith in La Favorita (2018)La regina chiama allora Abigail a massaggiare le sue gambe agonizzanti, come ha già fatto molte altre volte prima, ma ora è diverso. Quello che è sempre stato un atto sensuale e spesso erotico diventa qualcosa di oscuro e miserabile; un cupo gioco di potere. Anna mette le sue dita tra i capelli di Abigail e li tira, spingendo la sua testa verso il basso in un atto di dominio e punizione. E mentre Abigail si siede lì ai suoi piedi con una smorfia sul volto, l’immagine dei conigli inizia a prendere il sopravvento sullo schermo, tre immagini sovrapposte: i volti di Abigail e Anna, contemporaneamente miserabili e sofferenti, e i conigli di Anne che saltellano, piccoli e soffici ricordi del suo dolore, che lentamente prendono il sopravvento su tutto.

Si tratta di un momento strano per porre fine a La Favorita, e come in precedenza, c’è un momento di panico quando si realizza che il film terminerà proprio in questo modo, poco prima che i titoli di coda effettivamente partano. Come detto, diversamente da The Lobster o Il Sacrificio del Cervo Sacro, il finale è tuttavia piuttosto esplicito e chiaro. Tutte e tre le donne sono ora bloccate nel loro personale inferno.

Abigail, che è sfuggita a un matrimonio orribile e una vita di sottomissione sessuale è adesso schiava di un altro padrone. Potrebbe pure non essere più in mezzo ai maniaci e non dovrà guardare uomini indesiderati mentre si masturbano guardandola, ma la sua vita nel lusso dipende dal favore della regina e rimane così intrappolata nella sottomissione; ancora rinchiusa nel suo labirinto di servitù sessuale.

Rachel Weisz e Olivia Colman in La Favorita (2018)Allo stesso modo il destino di Sarah la lascia intrappolata nel suo incubo. La donna che si è presa cura della regina e del paese sopra ogni altra cosa, viene esiliata da entrambi. Sarah era disposta a sacrificare addirittura il marito in guerra se fosse stato quello il prezzo necessario, ha amato letteralmente la usa sovrana per la maggior parte della vita, e ora è estromessa da ogni cosa. Il suo inferno sta nella sua assenza da quelle stanze reali.

Per quanto riguarda infine Anna, la sua salute sta rapidamente degenerando ed è più o meno indifesa senza le severe missive di Sarah da seguire. Sarah era severa, ma sempre con amore. Non avrebbe lasciato che la regina mangiasse dei dolci, per paura che le facessero male allo stomaco. Lasciata a sé stessa, Anna si abbandona così a una torta, vomitando tra un morso e l’altro. Lasciata alle cure di Aibigail, la regina chiede cosa succederebbe se si addormentasse nel suo bagno di fango e scivolasse al di sotto della superficie. “Immagina che sia cioccolata calda”, le risponde Abigail. Stare con Abigail significa affogare e soffocare nelle tue indulgenze. Senza Sarah che si prenda cura di lei, Anna resta davvero senza nessuno che la ami, solamente i suoi conigli – le controfigure della sua vera felicità – e la manifestazione stessa del suo trauma e del dolore prende allora il controllo dello schermo, fino a quando si moltiplicano e sono tutto ciò che rimane.

Di seguito il full trailer italiano di La Favorita, nei nostri cinema dal 24 gennaio:

Fonte: Collider

Emma Stone
Rachel Weisz
Olivia Colman
Nicholas Hoult
Joe Alwyn
Jenny Rainsford
James Smith
Carolyn Saint-Pé
Mark Gatiss
Tim Ingall
birds of prey film margot 2020
Azione & Avventura

Birds of Prey | La recensione del film di Cathy Yan: Harley Quinn torna a far danni

di William Maga

Margot Robbie torna sulle scene per un irriverente racconto di emancipazione femminista, che non bada granché alla sostanza e intrattiene con un buon ritmo e un'onesta dose di violenza fumettesca

Leggi
James Marsden sonic il film 2020 macchina
Azione & Avventura

Sonic | La recensione del film live action di Jeff Fowler con Jim Carrey

di William Maga

Il noto porcospino blu della SEGA arriva sul grande schermo dopo una gestazione travagliata per un adattamento ben poco inventivo e originale, salvato in parte dall'interprete in gran forma del Dott. Robotnik

Leggi
bad boys for life film 2020
Azione & Avventura

Bad Boys for Life | La recensione: Will Smith e Martin Lawrence ancora insieme per il terzo film

di William Maga

Adil El Arbi e Bilall Fallah prendono il posto di Michael Bay in cabina di regia per un sequel che gioca sul sicuro, rispolverando la vecchia coppia di detective per un'indagine che privilegia il tipico trambusto sfrenato a una possibile riflessione sulla saga

Leggi
grosso guaio a chinatown film 1986
Azione & Avventura

Riflessione | Grosso guaio a Chinatown di John Carpenter: da flop a cult

di Redazione Il Cineocchio

Vediamo come, nonostante una campagna pubblicitaria sbagliata, critiche negative e flop al botteghino, il fanta-action del 1986 con Kurt Russell e Kim Cattrall è divenuto uno dei film più amati e citati del regista

Leggi
uncharted 3 videogame
Azione & Avventura

Tom Holland sul film di Uncharted: “Sarà una storia delle origini pre videogiochi; un bene per tutti”

di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del rimandatissimo adattamento ha aggiornato sullo spirito del progetto, che sarà diretto da Ruben Fleischer

Leggi
Lontano lontano

Lontano lontano

20-02-2020

La mia banda suona il pop

La mia banda suona il pop

20-02-2020

Criminali come noi

Criminali come noi

20-02-2020

L'hotel degli amori smarriti

L'hotel degli amori smarriti

20-02-2020

Cattive acque

Cattive acque

20-02-2020

Cats

Cats

20-02-2020

Il richiamo della foresta

Il richiamo della foresta

20-02-2020

Era mio figlio

Era mio figlio

20-02-2020

Bad Boys for Life

Bad Boys for Life

20-02-2020

RECENSIONE

Lunar City

Lunar City

17-02-2020

Fabrizio De André & PFM - Il concerto ritrovato

Fabrizio De André & PFM - Il concerto ritrovato

17-02-2020

Les Confins du monde

Les Confins du monde

14-02-2020

Gli anni più belli

Gli anni più belli

13-02-2020

Alla mia piccola Sama

Alla mia piccola Sama

13-02-2020

Il lago delle oche selvatiche

Il lago delle oche selvatiche

13-02-2020

RECENSIONE

Fantasy Island

Fantasy Island

13-02-2020

RECENSIONE

Sonic - Il film

Sonic - Il film

13-02-2020

RECENSIONE

Memorie di un assassino

Memorie di un assassino

13-02-2020

RECENSIONE