Home » Cinema » Horror & Thriller » La Llorona – Le Lacrime del Male | La recensione del film (SXSW 2019)

5/10 su 1251 voti. Titolo originale: The Curse of La Llorona , uscita: 17-04-2019. Budget: $9,000,000. Regista: Michael Chaves.

La Llorona – Le Lacrime del Male | La recensione del film (SXSW 2019)

18/03/2019 recensione film di Sabrina Crivelli

Michael Chaves debutta al lungometraggio con l'ennesimo spin-off di The Conjuring, variazione minima su stilemi collaudatissimi che annienta il potenziale della leggenda alla sua base

La Llorona - Le lacrime del male

Pressoché sconosciuto e con all’attivo solo qualche cortometraggio – ultimo dei quali The Maiden del 2016 – il regista Michael Chaves ha esordito in grande stile al recente SXSW di Austin con La Llorona – Le Lacrime del Male (The Curse of La Llorona), guadagnandosi a sorpresa – non era infatti ancora stato ufficializzato – un posto d’onore all’interno del prolifico franchise legato a Conjuring, a cui il film di ricollega direttamente grazie alla presenza di padre Perez (Tony Amendola), già apparso in Annabelle di John R. Leonetti nel 2014.

LA LLORONA - LE LACRIME DEL MALE film posterL’horror, che all’apparenza sembrerebbe tangere solo marginalmente il più ampio universo cinematografico (il Conjurverse) nato dall’ingegno di James Wan (qui in veste di produttore / supervisore), ad una più approfondita analisi riutilizza invece pedissequamente gli stilemi fondamentali e collaudatissimi che abbiamo nel bene o nel male imparato a conoscere negli ultimi anni, tanto da farci provare la sensazione di trovarci davanti all’ennesimo prodotto teso meramente all’incasso facile e privo di qualsivoglia estro creativo che provi a spingersi oltre, piuttosto che a un’opera che si sforzi di dire qualcosa di diverso. I nomi coinvolti potranno pure cambiare, ma la sostanza è la stessa e, se per esperimento prendessimo un qualsiasi altro spin-off della saga demoniaca e sostituissimo i suoi protagonisti con quelli di La Llorona – Le Lacrime del Male, sarebbe ben difficile accorgersi della differenza.

Anzitutto c’è il canovaccio ormai ampiamente rodato. Siamo negli anni ’70 e Anna Tate-Garcia (Linda Cardellini) è una donna che deve crescere da sola due ragazzini (in questo caso perché è vedova, fatto che costituisce una lieve variazione del nucleo famigliare in The Conjuring – Il caso Enfield o in Sinister 2). Assistente sociale che si barcamena tra il proprio lavoro e la propria famiglia in difficoltà, nel momento in cui cerca di aiutare la messicana Patricia Alvarez (Patricia Velasquez) – che come lei è un genitore single che attraversa un periodo difficile – e risolvere al meglio un caso di abuso domestico, si ritrova a scontrarsi con qualcosa di sovrannaturale: la Llorona. Lo spirito maligno – noto nel folklore popolare del Centro e Sud America – inizia infatti a dare la caccia ai giovanissimi figli della protagonista, Chris (Roman Christou) e Samantha (Jaynee-Lynne Kinchen), con intenzioni tutt’altro che benevole. Così, la donna è costretta a una pericolosa battaglia contro il Male (esattamente come negli altri titoli della serie), aiutata questa volta da un curadero – l’ex prete Rafael Olvera (Raymond Cruz), capace di potenti riti sciamanici.

La Llorona - Le lacrime del male - 1Anche superficialmente, le dinamiche, il nuovo boogeyman e l’ambientazione sono decisamente derivativi, seppur ‘rinnovati’ dalla ‘mano di vernice folkloristica’ (potremmo dire immediatamente riconoscibili per i fan, se ciò può essere rassicurante …), ma ad aggravare la situazione ci si mettono gli stereotipi culturali che banalizzano l’intrigante leggenda alla base. Da un lato abbiamo quindi la ricetta già sperimentata sovente che prevede una sventurata famiglia alle prese con una demoniaca presenza che insidia le mura domestiche e chi vi abita, che si vede così costretto all’aiuto esterno di un ‘esorcista’ che la sa lunga. L’unica differenza è che in questo caso si tratta di un officiante sui generis in versione ispanico-sciamanica, il curandero appunto, ma pur sempre dotato di croce in legno sacro, di acqua santa e di litanie varie di matrice cattolica. Dall’altro, viene preso l’affascinante patrimonio vernacolare messicano per semplificarlo all’osso, confinando a un posticcio preambolo di qualche minuto – e poco altro – la complessa e tragica figura della ‘Donna che piange’, che secondo tradizione affogò i due figli in un impeto di rabbia e gelosia per il tradimento del marito per poi essere divorata per l’eternità dal rimorso, vagando in cerca di bambini che prendessero il posto dei suoi (per approfondire la tradizione, vi consigliamo di leggere il nostro dossier a riguardo).

D’altronde, l’entità al centro di molte leggende che pervadono tutta l’America Latina diviene un mero spauracchio, una maschera grottesca che ricorda da vicino la suora vista nel recente The Nun – La vocazione del Male (la fantasia dei titolisti italiani spesso lascia basiti) con il make-up degli occhi colato lungo il viso e un abito da sposa invece di quello talare. Omologo di uno spaventapasseri cinematografico, assolutamente ridicolo è poi il procedimento con cui perseguita le vittime: se il suo obiettivo è ben chiaro, ossia l’affogamento dell’infante da lei prima maledetto con un marchio sul braccio, la modalità con cui lo persegue è quantomeno farraginosa. Basandoci sulla logica (meglio di no …), non c’è motivo alcuno per cui la Llorona non possa sin da principio trascinare le sue giovani prede al più vicino bacino d’acqua; eppure, per ragioni ineffabili, si limita a comparire di colpo (modalità jumpscare sparato a cannone nelle casse: ON) alle spalle dello sventurato di turno per farlo (e farci) sobbalzare, e poi svanire nel nulla per la timidezza.

La Llorona - Le lacrime del male - 2Insomma, più che una vera minaccia, il boogeyman incarna un veicolo per conseguire salti sulla sedia ‘comandati’ dello spettatore, altro marchio di fabbrica della saga. E non è tutto: vengono ripresi molti degli escamotage già da James Wan testati per suscitare paura, tra cui scricchiolii, porte chiuse che vibrano sotto i colpi di una misteriosa forza, luci che saltano o sfarfalleggiano, sussurrii ecc. Nel complesso, la tensione non è mai supportata da un crescendo ben costruito attraverso la narrazione, l’atmosfera o la messa in scena, ma è circoscritta a una serie di sussulti sporadici e a qualche effetto speciale già visto, come corpi che fluttuano, gente scaraventa qua e là – senza particolari danni fisici … – o specchi che si rompono e oggetti che si muovono da soli (siamo comunque in territorio Rated-R). A concludere il tutto, gli affezionatissimi Joseph Bishara alle musiche e Michael Burgess alla fotografia si adeguano ancora una volta alla situazione, portando a casa il compitino basico senza puntare a strafare (sia mai che qualcuno dubiti che non sia un film del Conjurverse!).

In definitiva, La Llorona – Le Lacrime del Malesi rivela uno spin-off mediocre, capace di titillare gli oltranzisti e forse soltanto chi non ha mai sentito la leggenda all’origine. Di certo non è un grande biglietto da visita per Michael Chaves, che dirigerà The Conjuring 3 proprio al posto di James Wan.

Di seguito il full trailer italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di La Llorona – Le Lacrime del Male, che arriverà nei nostri cinema il 17 aprile:

il silenzio dei prosciutti film 1994 ezio greggio
Horror & Thriller

Dossier | Il Silenzio dei Prosciutti di Ezio Greggio: un’operazione unica (e nebulosa)

di William Maga

Nel 1994 il comico televisivo esordiva alla regia di una parodia horror spalleggiato dall'amico Mel Brooks e Roger Corman, un film scombinato e infarcito dei grandi nomi. Ricostruiamone la genesi.

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray 4K UHD (Variant) | Benvenuti a Zombieland di Ruben Fleischer

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizione limitata italiana in 500 copie della horror comedy con Woody Harrelson ed Emma Stone del 2009

Leggi
relic film 2020 robyn
Horror & Thriller

Relic | La recensione del film horror di Natalie Erika James con Emily Mortimer

di William Maga

Ci sono anche Bella Heathcote e Robyn Niven nell'esordio della regista australiana, opera intimista e 'diversamente' spaventosa

Leggi
Horror & Thriller

Lin Shaye su Insidious 5: “Non credo si farà; ho chiuso con la saga”

di Redazione Il Cineocchio

La 76enne attrice si è mostrata molto meno positiva che in passato riguarda al possibile nuovo capitolo

Leggi
scarface pacino film de palma
Horror & Thriller

Luca Guadagnino su Scarface: “Vi spiego perché lo faccio e perché sarà diverso dagli altri due film”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista prova a ribattere alle critiche, raccontando come mai la sua storia non sarà un semplice remake

Leggi