Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Michael Caine: “Vi spiego il finale di Inception, in accordo con Christopher Nolan”

Titolo originale: Inception , uscita: 15-07-2010. Budget: $160,000,000. Regista: Christopher Nolan.

Michael Caine: “Vi spiego il finale di Inception, in accordo con Christopher Nolan”

16/08/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del thriller onirico del 2010 ha candidamente messo fine ad anni di elucubrazioni dei fan, rivelando che lui per primo chiese spiegazioni all'epoca

Michael Caine ha sentito nel tempo alcune voci riguardo l’interpretazione del finale di Inception e a 8 anni dall’uscita nelle sale del film ha deciso ora di mettere un po’ di chiarezza una volta per tutte.

L’ineffabile thriller onirico diretto nel 2010 da Christopher Nolan vedeva al centro della vicenda Dom Cobb (Leonardo Di Caprio), il migliore in assoluto sulla piazza nella pericolosa arte dell’estrazione, ovvero il furto di importanti segreti dal profondo subconscio durante lo stato onirico della vittima, cui veniva offerta la chance di redimersi impiantando un’idea anziché toglierla. Alla fine del film, il pubblico rimaneva però con un piccolo grande punto interrogativo (aka la trottola …) circa il trionfale ritorno del protagonista negli Stati Uniti – se fosse davvero tornato dalla sua famiglia senza la necessità di fuggire ancora, o se invece fosse rimasto intrappolato all’interno di un sogno.

È interessante che una blockbuster da 820 milioni di dollari al botteghino mondiale si concluda in una maniera così intrigante, e lo stesso regista ha sempre sostenuto che la scena in questione debba essere tanto ambigua, così che ogni spettatore tragga le sue personali conclusioni, ma Michael Caine, che interpretava Miles, il mentore e suocero di Cobb, ha pensato bene di rivelare candidamente come bisogna leggere il tutto nel corso di una nuova intervista:

Quando ebbi in mano la sceneggiatura di Inception, rimasi un po’ perplesso dopo averla letta, così dissi a Christopher Nolan: ‘Non capisco dove sia il sogno’. Gli spiegai: ‘Quando c’è il sogno e quando invece siamo nella realtà?‘ Lui mi rispose: ‘Beh, quando ci sei tu nella scena, quella è la realtà.’ Quindi sentite qui – se ci sono, è la realtà. Se non ci sono, è un sogno. 

Come in molti ricorderanno, dato che Caine condivide lo schermo con Leonardo DiCaprio alla fine del film, Cobb ha quindi davvero superato la sfida.

Delusi della spiegazione? Soddisfatti? Combacia con l’idea che vi eravate fatti?

Di seguito intanto vi riproponiamo la scena finale di Inception:

Fonte: TI

eva green 300 - L'alba di un impero (2014)
Sci-Fi & Fantasy

30 cose da sapere sull’attrice Eva Green

di Redazione Il Cineocchio

Tutto ciò che dovete conoscere sull'interprete di origini francesi

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Damon Lindelof su Lost: “Previste 3 stagioni; le ABC fece di testa sua. Vi racconto come andarono le cose”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore racconta i contrasti coi vertici della rete e i motivi per i quali la popolare serie peggiorò a vista d'occhio dopo il terzo ciclo di episodi

Leggi
navigator film 1986 disney
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Navigator di Randal Kleiser: viaggiando nello spaziotempo dei sentimenti

di William Maga

Nel 1986 il giovane Joey Cramer era il protagonista di un'avventura sci-fi poco apprezzata al tempo, ma capace di diventare un classico

Leggi
cursed serie netflix 2020
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Cursed (serie Netflix): Nimue sovverte i ruoli del ciclo arturiano

di Redazione Il Cineocchio

Katherine Langford è la futura Dama del Lago nella trasposizione del romanzo fantasy di Tom Wheeler e Frank Miller

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Metropolis (2001): la città retrofuturista e la I.A. secondo Tezuka e Ōtomo

di Sabrina Crivelli

I creatori di Akira e di Astro Boy riscrivevano il capolavoro espressionista di Fritz Lang del 1927 rendendone alla perfezione la visionaria configurazione urbana e trasformandola in una distonia robotica per la regia di Rintaro

Leggi