Home » Cinema » Horror & Thriller » Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: Ari Aster chiarisce alcuni punti oscuri del film

Titolo originale: Midsommar , uscita: 03-07-2019. Budget: $9,000,000. Regista: Ari Aster.

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: Ari Aster chiarisce alcuni punti oscuri del film

16/07/2019 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore del folk horror con Florence Pugh ha personalmente precisato alcuni passaggi che potrebbero aver generato disorientamento negli spettatori

Florence Pugh in Midsommar (2019) film

In Midsommar – Il Villaggio dei Dannati di Ari Aster (la recensione) un gruppo di ragazzi americani si reca in Svezia per prendere parte a un favoloso festival bucolico di mezza estate. Come sottolinea la trama ufficiale, quello che inizia come un soggiorno idilliaco si trasforma rapidamente in una competizione sempre più violenta e bizzarra per mezzo di un culto pagano.

Nel corso di un AMA via Reddit, il regista ha risposto ad alcune domande interessanti sul film, fornendo una spiegazione precisa su alcuni un po’ oscuri del folk horror.

Seguono SPOILER

Come apprendiamo durante la visione di Midsommar – Il Villaggio dei Dannati, alcune delle attività della festività si svolgono ogni anno, ma il lungometraggio documenta anche una cerimonia molto più strana che si svolge solo ogni 90 anni. Ari Aster ha dovuto specificare:

Midsommar (2019) ari aster filmL’ultimo rituale del film è quello che succede ogni 90 anni. Il resto è la normale routine annuale.  

È interessante notare che il regista – e sceneggiatore – ha sottolineato che Midsommar – Il Villaggio dei Dannati  si conclude prima della celebrazione stessa:

Viene suggerito che ci siano altri giorni di festeggiamenti da vedere. Il film non copre tutti i 9 giorni.

In altre parole, non abbiamo visto * tutto * quello che c’è da vedere (forse qualcosa verrà aggiunto nella ‘extended cut‘ su cui Ari Aster sta lavorando e che porterà il minutaggio a 3 ore complessive, con l’aggiunta quindi di circa 40 minuti di girato inedito).

Un’altra domanda che ha assillato alcuni spettatori vedendo Midsommar – Il Villaggio dei Dannati è chi sia l’uomo che uccide brutalmente Josh (William Jackson Harper) mentre indossa una maschera di pelle umana di Marc (Will Poulter) nello stile del Leatherface di Non Aprite Quella Porta:

L’uomo che indossa la pelle di Mark è Ulf.

Ulf (Henrik Norlén), per chi no lo ricorda, è l’abitante del villaggio che si arrabbia quando Mark orina sull’albero sacro dei suoi antenati.

Per una più approfondita interpretazione / spiegazione del film vi rimandiamo al nostro speciale.

Per raccapezzarvi nella intricata simbologia, vi rimandiamo invece a un altro approfondimento.

Di seguito il trailer italiano e quello internazionale di Midsommar – Il Villaggio dei Dannati (con le voci originali), nei nostri cinema dal 25 luglio:

Fonte: Reddit

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su Midsommar:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi