Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Recensione | Fahrenheit 451 di Ramin Bahrani

5/10 su 387 voti. Titolo originale: Fahrenheit 451, uscita: 12-05-2018. Regista: Ramin Bahrani.

Recensione | Fahrenheit 451 di Ramin Bahrani

21/05/2018 recensione di Sabrina Crivelli

L'adattamento per la TV della HBO liberamente ispirato al capolavoro di Ray Bradbury non solo ne deturpa brutalmente la memoria involgarendone il messaggio, ma è anche un pessimo film di per sé

Nel lontano 1953 veniva pubblicato uno degli indiscutibili capolavori della fantascienza, Fahrenheit 451 di Ray Bradbury, che delineava con algida visionarietà una civiltà distopica, in cui i libri, fonte di inauspicabile travaglio interiore e infelicità per l’uomo, erano banditi. A eliminarne l’esistenza erano dei peculiari pompieri, o meglio la “milizia del fuoco” (in originale “Fireman”, come s’intitolava il racconto breve del medesimo autore da cui il romanzo discendeva), non più dediti a spegnere incendi, ma ad appiccarne, dando alle fiamme i pericolosi volumi che inducevano i cittadini a ‘pensare’. Il protagonista, uno di questi, in un momento di debolezza – o di curiosità -, apriva uno di tali oggetti proibiti e la sua vita cambiava per sempre, portandolo a perdere l’apatica moglie, la carriera e a fuggire infine in mezzo ai boschi, dove un gruppo di reietti, veri e propri uomini / libro, avevano appreso una delle pietre miliari della letteratura mondiale e ne erano divenuti il tramite per le generazioni future.

Chiunque abbia letto e amato il libro si domanderà disgustato perché voler vituperare un così esimio titolo, Fahrenheit 451, indelebile nel patrimonio del sapere umano, con un omonimo adattamento per la TV di cui si dovrebbe solo avere vergogna, peraltro presentato in pompa magna fuori concorso al recente Festival di Cannes. Non sempre difatti, un tributo a un’opera di grande statura è un complimento, in questo caso più che altro è un atto di pura blasfemia, un sacrilegio di ignoranza inaudita che dovrebbe essere censurato per pubblico decoro. Coloro che, come chi scrive, sono cresciuti nella timorosa venerazione per il bradburiano Fahrenheit 451 quale ineguagliabile inno al libero pensiero che eleva l’umano ingegno al di sopra del ferino, nel vedere l’abominio adattato e diretto dallo scellerato avente nome Ramin Bahrani (Amir Naderi è suo complice nell’aver steso la sceneggiatura), sentiranno una forte fitta al cuore, man mano che il minutaggio avanza, sconvolti di quanto si possa deturpare le immagini e i pensieri di quel testo quasi sacro per taluni. Certo, si tratta di un film TV della HBO, ma questa non è certo una scusante sufficiente.

Patiamo però con ordine, da alcuni dettagli della trama del nuovo Fahrenheit 451. Perdonate gli spoiler qua e là, non c’è comunque nulla che rovini la visione più dell’insita bruttezza del film stesso. Guy Montag (Michael B. Jordan) è un rampante giovane pompiere per cui il capitano Beatty (Michael Shannon), suo diretto superiore, ha una palese preferenza; anzi si sente addirittura per il ragazzo, orfano dalla tenera età, una figura paterna. I due sono ferventi sostenitori della distruzione di ogni libro, non solo in forma fisica, ma anche digitale, quale origine di pericolose idee rivoluzionarie che come un morbo si diffondono e fiaccano l’anima  stessa della società (viene fatto il paragone con le zanzare e la malaria …). La teoria sottostante è dipanata in uno spiegone a prova di deficiente, giusto a scopo semplificatorio per l’uso di un pubblico reputato al di sotto del limite minimo di comprendonio.

Comunque sia, in una delle loro numerose spedizioni s’imbattono ad un certo punto in una anziana signora. Ricordate la scena commovente e indimenticabile della donna / libro dello splendido adattamento di ad opera di François Truffaut del 1966? Ebbene, il passaggio è il medesimo, ma il risultato è imparagonabile! Non induciamo però oltre nel lamentare la banalizzazione di una delle immagini più memorabili della storia del cinema (come se fare scempio della letteratura non bastasse …). Preso a mero spunto spettacolare e a escamotage per procedere con la – infelice – narrazione, tale momento nodale è anche quello in cui per la prima volta Montag  viene a contatto con un volume vero e proprio, anzi, con un’intera biblioteca! Preso quindi dalla curiosità (o così parrebbe), salva dall’imminente falò le Memorie dal sottosuolo di Fëdor Dostoevskij.

Ovviamente, la lettura dell’insidioso romanzo e l’influenza di una fascinosa versione dark di Clarisse incarnata da Sofia Boutella, una sorta di rivoluzionaria, nonché informatrice della Milizia del fuoco, che vive ai margini della società e smercia pericoloso materiale culturale quando può portano alla perdizione del prima imperturbabile Montag. Rimembrate in Fahrenheit 451 l’adorabile ragazza che per la sua diversità veniva emarginata e costretta a scappare, o ancor più la figura commovente nel delicato ritratto che ne forniva Julie Christie, maestrina che i suoi crudeli alunni guardavano con dispetto, causando in lei un palpabile dolore? Bene, scordatevi tutto ciò che è stato, perché nella trasposizione di Ramin Bahrani non è rimasta la minima traccia di quella delicatezza. Ciò non implica però che non si indulga in un tono patetico, a certi tratti eroico. La solita epopea del buon ribelle, tanto di moda di questi tempi, prende il posto di quella meticolosa e disarmante indagine sociologica, che non forniva un semplicistico mantra ad uso delle folle in cerca del prossimo vacuo blockbuster, ma quel senso di inquietudine e smarrimento di cui la buona fantascienza è sempre portatrice.

Siamo quindi a meno di un terzo dello svolgimento e il giudizio, sebbene negativo visto il qualunquismo con cui la fonte libresca viene (mal) trattato, è ancora piuttosto indulgente. Poi c’è la funesta svolta in cui viene abbandonata la falsariga dell’esistente, benché imbarbarito, per la libera fantasia del duo di sceneggiatori … Da questo punto è uno sfacelo, anche senza fare paragoni con vette assai lontane. Si susseguono scempiaggini, piani di diffusione culturale che prevedono portentosi volatili, piccoli geni e marchingegni tecnologici da rubare in missioni pericolosissime, fino a raggiungere l’apoteosi del grottesco con sequenze in cui il protagonista brucia evocativamente la sua immagine proiettata su uno schermo. E sì, tanto per essere originali, ci sono i soliti schermi futuristi con tanto di video sui grattacieli della città alla Blade Runner, con un tocco d’estro in più visto che appaiono le varie emoticon in diretta in base ai voti della folla! Poi ci sono le sparatorie, le fughe e gli inseguimenti pirotecnici. Insomma un action alla buona che vagamente ricorda un libro … Come si chiamava quel libro … ? A sì, Fahrenheit 451! Ma chi l’ha mai letto!

In conclusione, rimane solo un quesito: perché intestardirsi a derubare il titolo di un opera tanto eccelsa per un prodotto che, a essere indulgenti, non c’entra nulla con l’originale bradburiano? Perché non chiamarlo con qualche altro nome, non so, The Final Book Hero o Cultural Terminator? Insomma, non sarebbe stato meglio lasciar perdere i classici del passato e proporre qualcosa di nuovo, che attraesse le masse e non deturpasse magari nel farlo la tradizione letteraria?

Di seguito trovate il trailer ufficiale:

Michael B. Jordan
Michael Shannon
Sofia Boutella
Lilly Singh
Saad Siddiqui
Daniel Zolghadri
Andy McQueen
Jane Moffat
Grace Lynn Kung
Martin Donovan
Keir Dullea
Joanne Boland
Joe Pingue
Dylan Taylor
Drew Nelson
Tim Post
Lynne Griffin
David Tompa
Michelle Roy
Raoul Bhaneja
Daniel Alfredo Ojeda
Marissa Kate Wilson
Chris Gleason
Joe Vercillo
Jake Teel
Scott Edgecombe
Cindy Katz
Mayko Nguyen
Katherine Cullen
Edsson Morales
Chad Camilleri
Khandi Alexander
Jordan Baker
Nathanial Buzzanga-Silveira
Charlotte Flint
Luke Flint
Aaron Davies
Jordan Baker
Malakai Fox
Marni Hogg
Alison Smiley
Laura Thorne
Warren Belle
Daniel Gravelle
Andrew Gillies
Joanne Boland
Glenn Kelly
Peter Schindelhauer
Zachary Wiseman
Alexander Yarwood
Duane Murray
Ted Whittall
Alex Spencer
Ted Dykstra
Sean Jones
Keliyah Ogiamien
Brett Kingswell
Sci-Fi & Fantasy

Kin | Recensione del pasticciato film sci-fi con James Franco e Dennis Quaid

di William Maga

I fratelli australiani Jonathan e Josh Baker debuttano al cinema con la versione lunga di un precedente cortometraggio, mescolando toni e intuizioni poco felici

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Nezha, the devil is coming, film animato cinese col record di incassi in patria

di Redazione Il Cineocchio

C'è l'esordiente Yu Yang dietro al clamoroso successo dell'opera, ispirata a un romanzo che parla del folklore locale

Leggi
Sul globo d'argento 1988 film
Sci-Fi & Fantasy

Recensione story | Sul globo d’argento di Andrzej Zulawski

di Pietro Russo

Riscopriamo il complesso film di fantascienza censurato dal regime polacco e quasi completamente distrutto che ha visto la luce solo nel 1988

Leggi
The Dark Crystal Age of Resistance (2)
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per la serie Dark Crystal: la Resistenza, solo una debole speranza per il mondo di Thra

di Redazione Il Cineocchio

C'è Netflix dietro al prequel originale del rivoluzionario fantasy di Frank Oz e Jim Henson del 1982, che potrà contare su un cast di doppiatori all star

Leggi
robocop 1987 film
Sci-Fi & Fantasy

Neill Blomkamp: “Ho chiuso con RoboCop Returns; faccio un horror”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista sudafricano a sorpresa si tira fuori dall'ambizioso progetto, spiegandone i motivi con un tweet

Leggi
nel fantastico mondo di oz 1985 film fairuza balk
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Nel fantastico mondo di OZ: quando la Disney sfornava cupe fiabe live action

di Sabrina Crivelli

Nel 1985 usciva il sequel apocrifo diretto da Walter Murch al classico del 1939, un insuccesso al botteghino che ha saputo guadagnarsi in VHS lo status di cult, regalando bellissimi incubi a una generazione di ragazzini

Leggi
carnival row serie amazon 2019
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Carnival Row: Orlando Bloom e Cara Delevingne legati da un amore pericoloso nella serie fantasy

di Redazione Il Cineocchio

Dopo anni di tira e molla e rinvii, lo show originale dai toni dark degli Amazon Studios ambientato in epoca vittoriana è finalmente pronto a debuttare

Leggi
stay puft man ghostbusters
Sci-Fi & Fantasy

Ghostbusters 3: le foto dal set anticipano il ritorno dello Stay Puft Man?

di Redazione Il Cineocchio

Nelle immagini del nuovo film diretto da Jason Reitman intravvediamo anche Paul Rudd e un'ammaccatissima Ecto-1

Leggi
ultraman
Sci-Fi & Fantasy

Shin Ultraman: Hideaki Anno e Shinji Higuchi insieme per un film sul supereroe

di Redazione Il Cineocchio

I due registi di Shin Godzilla tornano a collaborare per il nuovo film live action dedicato al celebre paladino giapponese

Leggi
Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne
Sci-Fi & Fantasy

Il Trono di Spade? Solo un “muto spettatore” dell’ira di Drogon, che vuole bruciare il mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il copione recentemente diffuso online mette in nuova luce uno dei passaggi più intensi del finale della serie HBO

Leggi
Kin James Franco 2019
Sci-Fi & Fantasy

Trailer e data di uscita per Kin, sci-fi thriller con James Franco e Dennis Quaid

di Redazione Il Cineocchio

I fratelli Jonathan e Josh Baker sviluppano per il grande schermo un loro cortometraggio, in cui troviamo anche Zoe Kravitz e Carrie Coon

Leggi
Dungeons & Dragons
Sci-Fi & Fantasy

Dungeons & Dragons: Jonathan Goldstein e John Francis Daley dirigeranno il film

di Redazione Il Cineocchio

Non è invece trapelata alcuna indiscrezione sulla trama e sul cast del nuovo adattamento per il grande schermo del celebre gioco di ruolo fantasy

Leggi
Rutger Hauer- Giochi di morte principale
Sci-Fi & Fantasy

Giochi di Morte e Detective Stone: due piccoli classici con Rutger Hauer da riscoprire

di Francesco Chello

Ricordiamo l'attore olandese pescando due film 'minori' della sua sottovalutata cinematografia

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Stranger Things: i Duffer rivelano in un video tutti i film citati nelle 3 stagioni

di Redazione Il Cineocchio

Da La cosa ad Aliens, da I Goonies a Risky Business, il duo dietro alla serie Netflix ci svela i molteplici riferimenti cinematografici

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Mike Mignola su Hellboy 3: “Guillermo del Toro voleva farne un fumetto, ma mi opposi”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il flop di The Golden Army, il 'papà' di Red si oppose fermamente all'idea del regista messicano su come concludere almeno su carta la sua trilogia

Leggi
Il signor Diavolo

Il signor Diavolo

22-08-2019

RECENSIONE

La rivincita delle sfigate

La rivincita delle sfigate

22-08-2019

Charlie Says

Charlie Says

22-08-2019

RECENSIONE

Il re leone

Il re leone

21-08-2019

The Nest (Il nido)

The Nest (Il nido)

15-08-2019

RECENSIONE

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

15-08-2019

Crawl - Intrappolati

Crawl - Intrappolati

15-08-2019

RECENSIONE

Kin

Kin

15-08-2019

RECENSIONE