Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] Il Gioco di Gerald di Mike Flanagan

6/10 su 1652 voti. Titolo originale: Gerald's Game, uscita: 19-09-2017. Regista: Mike Flanagan.

[recensione] Il Gioco di Gerald di Mike Flanagan

30/09/2017 di William Maga

Carla Gugino e Bruce Greenwood sono i protagonisti del film di Netflix che riesce nel difficile compito di omaggiare e al tempo stesso elevarsi dal materiale orrorifico di partenza scritto da Stephen King

L’esperienza dovrebbe insegnare che ogni adattamento di un’opera di Stephen King è decisamente complicato, nonostante la sua prosa sia di lapalissiana chiarezza. È uno scrittore la cui visione del mondo spesso si scontra con le sue intenzioni idealistiche, ma la purezza di tale intento può essere trasformata in qualcosa di appagante nelle giuste mani cinematografiche. E si dà il caso che questo capiti con Il Gioco di Gerald (Gerald’s Game), thriller da camera del 1992 diretto ora per conto di Netflix dal regista Mike Flanagan (già al lavoro con il colosso dello streaming per il ben poco riuscito slasher Hush). Combinando molti dei feticci gutturali del romanziere (e andando persino a inserire un riferimento a La Torre Nera), Flanagan non solo riesce qui nell’intento di imprigionare in una pellicola minimalista la quintessenza del Re del brivido, ma anche a interrogarsi sulle conseguenze morali di una violenza sessuale.

geralds-game-posterJessie (Carla Gugino) e suo marito Gerald (Bruce Greenwood) si dirigono verso la loro isolata baita vicina a un lago nel Maine, per cercare di riaccendere la fiamma della passione nel loro matrimonio allo sbando. Un’ora dopo il loro arrivo, Jessie scivola dentro una sottoveste di seta comprata per l’occasione, mentre l’uomo ingurgita una pillola di Viagra poco prima di ammanettarla saldamente al letto e stringerle una mano intorno alla gola. A quanto pare i due non erano riusciti ad avere rapporti per lungo tempo, fino a quando l’uomo non ha ritrovato vigore per caso, intuendo che sesso violento e fantasie di stupro erano in grado di aiutarlo meglio di qualsiasi farmaco. Jessie però gli resiste, e mentre i due discutono del possibile divorzio, Gerald si tocca il petto e si contorce in una smorfia per un attacco di cuore improvviso, lasciando la novella vedova legata alla testata. Non sembra esserci possibilità di fuga e non c’è anima viva per chilometri intorno, salvo un cane randagio che ben presto fa capolino nella stanza attirato dall’odore del sangue di Gerald.

Chi ha letto il libro saprà già tutto, ma per gli altri è importante sottolineare ancora che il fulcro attorno cui ruota tutta la vicenda è proprio la violenza sessuale e il dover fare i conti con i suoi postumi. Alla maniera di Stephen King. Lo scrittore non è mai stato un narratore particolarmente sottile e Flanagan abbraccia il suo direttissimo approccio all’argomento mentre Jessie sprofonda lentamente nella follia allucinatoria, con la sua propria psiche che prende vita per interrogarla non soltanto sulla sua relazione con Gerald, ma anche su un traumatico avvenimento del passato che ha visto coinvolto suo padre (Henry Thomas, già al lavoro col regista in Ouija – L’origine del male ma qui in un ruolo decisamente sovversivo per lui). Una volta che anche Gerald si rialza dal mondo dei morti e i tre (la Jessie ancora viva, la Jessie immaginaria e il redivivo Gerald) iniziano una requisitoria morale sulla natura stessa del concetto di consenso, sulle difficoltà matrimoniali e sugli shock del passato in grado di instradare le scelte attuali dei partner, la pellicola non molla mai lo scabroso materiale cartaceo di partenza.

gioco di gerald netflixEd è proprio questo il segnale che attesta Il Gioco di Gerald tra i migliori adattamenti di King mai fatti: permette ai personaggi di prendere vita come il Re li ha immaginati, ma riconosce al contempo anche che quanto alcune delle sue scelte fossero testardamente troppo strane tranciandole dal copione, lasciando che gli attori prendano quelle problematiche scelte personali e le trasmutino nelle sfumature etiche tendenti al grigio che ogni essere umano possiede. È un gran bell’esempio di cinema che trascende saggiamente la pagina inchiostrata, utilizzando gli strumenti messi a disposizione dal differente medium per attuare una metamorfosi in qualcosa di più alto e immanente (in questo caso, bastino le trasformazioni della Gugino e di Greenwood sotto la guida di un regista in totale controllo delle sue capacità). Nel frattempo, Flanagan non dimentica mai di star girando una pellicola dal sapore horror, sconvolgendo lo spettatore con un cane – additato addirittura come Cujo da Gerald – che non disdegna il sapore della carne umana e da una vivida manifestazione della Morte stessa (il famigerato “Space Cowboy” del romanzo, qui Moonlight Man, interpretato dal gigante di Twin Peaks Carel Struycken), che viene a far visita a Jessie invitandola ad entrare nell’Aldilà. Si tratta di un delicato equilibrio tra critica riflessiva e fedeltà, senza sacrificare però mai l’una per l’altra.

C’è naturalmente una certa teatralità nel modo in cui Flanagan mette in scena questa sceneggiatura ambientata – per lo più – in una sola location, dove angeli e demoni si fronteggiano proprio davanti agli occhi provati di Jessie. Il direttore della fotografia Michael Fimognari (Oculus) gestisce al meglio questo spazio, mantenendolo intimo senza mai renderlo visivamente oppressivo. Anche grazie all’accorto lavoro di montaggio non sembra mai di assistere a una pièce, ma piuttosto al preciso lavoro di un artigiano del genere, quale Flanagan ormai è a tutti gli effetti (anche qui il budget è stato molto contenuto). Quando nella mischia vengono infine gettati i trasognanti flashback (che si svolgono durante un’eclisse solare rosso fuoco, che riporta alla mente Dolores Claiborne, pubblicato a distanza ravvicinata, nel 1993) e l’unica sequenza davvero gore, Il Gioco di Gerald si realizza pienamente come gioiellino del terrore misurato, che si prende il tempo necessario per far sì che gli attori possano lavorare al meglio per definire i rispettivi complicati individui.

il gioco di gerald netflixChi non ha letto il romanzo potrà forse avere qualche problema con il bizzarro finale – raccontato praticamente parola per parola senza particolari distinzioni dal romanzo -, che sposta decisamente il focus su qualcosa di inaspettato e che stride pure con il resto della vicenda raccontata fino a lì. Come i suoi fan sanno bene però, King raramente riesce a concludere le sue storie in modo soddisfacente e Il gioco di Gerald non fa eccezione. L’epilogo scritto a mano tuttavia è una buca perdonabile sulla strada lunga 103′ del film, perché il messaggio trasmesso è sia tematicamente squillante che teneramente soffocante. E’ un’opera sul confronto personale verso il proprio dolore e gli abusi e sul trarre forza psicologica dalle ferite che quelli hanno lasciato dentro, mentre si cerca di raggiungere altri individui che hanno subìto simili traumi facendo sapere loro che non sono soli. Con le sue immagini graficamente crude, i monologhi ai limiti del razionale e le ferite auto-inflitte, Il Gioco di Gerald è alla fine una storia sulla speranza – la speranza che non tutto sia perduto in seguito a un abuso indimenticabile. Jessie in questo senso è la manifestazione del recupero della femminilità, un manifesto contro il rifiuto del silenzio forzato in nome dell’amore e della devozione ciechi.

Non si trattava certo della trasposizione più semplice tra gli scritti di King a disposizione, ma Flanagan è riuscito nella rara operazioni di realizzare un film dell’orrore che funziona sia a livello psicologico che a livello viscerale. Qualcosa che filmamker ben più affermati di lui non sono riusciti a fare.

Di seguito il trailer originale di Il Gioco di Gerald, a catalogo dal 29 settembre:

Henry Thomas
Kate Siegel
Carla Gugino
Bruce Greenwood
Carel Struycken
Chiara Aurelia
Kimberly Battista
Brad Spiers
Jon Arthur
John Ceallach
Tony Beard
Gwendolyn Mulamba
Bill Riales
Tom Glynn
Natalie Roers
Nikia Reynolds
Stu Cookson
Ben Pronsky
Chuck Borden
Joseph Chadwick Kinney
Adalyn Jones
Bryce Harper
James Flanagan
Dori Lumpkin
Mike McGill
Charles Dube
Randall Archer e Erin Way in The Collection (2012)
Horror & Thriller

The Collected: poster per il terzo film della saga slasher del ‘Collezionista’

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 7 anni di silenzio, il protagonista Josh Stewart conferma l'arrivo dell'atteso sequel, scritto e diretto ancora una volta da Marcus Dunstan

Leggi
jinn serie netflix
Horror & Thriller

Jinn: full trailer per la serie Netflix ispirata al folklore arabo

di Redazione Il Cineocchio

C'è il giovane regista libanese Mir-Jean Bou Chaaya dietro alla prima produzione originale mediorientale

Leggi
Horror & Thriller

C’era una volta a Hollywood: full trailer metacinematografico e data di uscita in Italia

di Redazione Il Cineocchio

Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie sono tra i protagonisti del crime thriller di Quentin Tarantino, che ricostruisce gli ultimi momenti dell'età dell'oro della Los Angeles di fine anni '60, con l'ombra di Charles Manson sullo sfondo

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di True Fiction, un esperimento usa il terrore come fonte per un romanzo horror

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Braden Croft torna sulle scene con un horror thriller che capovolge le dinamiche di Misery non deve morire

Leggi
Horror & Thriller

Recensione story | Cannibal Love – Mangiata Viva di Claire Denis

di Sabrina Crivelli

Ripercorriamo lo scioccante film del 2001 della regista francese con protagonista Vincent Gallo, in cui sesso e cannibalismo si compenetrano indissolubilmente

Leggi
Vincent Price il grande inquisitore
Horror & Thriller

John Hillcoat: “Dirigo il remake di Il Grande Inquisitore, Nicolas W. Refn produce”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo quattro anni di silenzio, riparte di slancio il progetto che porterà al cinema un nuovo adattamento del controverso romanzo di Ronald Bassett già trasposto da Michael Reeves nel 1968

Leggi
brightburn l'angelo del male film
Horror & Thriller

13 cose da sapere su L’Angelo del Male – Brightburn di David Yarovesky

di Redazione Il Cineocchio

Curiosità e aneddoti sulla lavorazione dell'horror coi supereroi prodotto da James Gunn e interpretato da Elizabeth Banks

Leggi
L'Angelo del Male - Brightburn film
Horror & Thriller

L’Angelo del Male – Brightburn | La recensione del mash-up tra horror e cinecomic

di Sabrina Crivelli

Ci sono David Yarovesky alla regia e James Gunn in produzione dietro al film che mescola splatter e superpoteri pescando a piene mani da Il presagio e da Superman, ma il risultato soddisfa meno di quanto si vorrebbe

Leggi
climax Gaspar Noé film
Horror & Thriller

Poster e trailer italiani per Climax, thriller ‘in acido’ di Gaspar Noé

di Redazione Il Cineocchio

A un anno dalla presentazione in anteprima al Festival di Cannes, l'ultima fatica del controverso regista franco-argentino con Sofia Boutella arriva finalmente nei nostri cinema

Leggi
Désirée Giorgetti Sky Sharks (2)
Horror & Thriller

Intervista esclusiva | Désirée Giorgetti ci parla di Sky Sharks

di Alessandro Gamma

L'attrice italiana ci racconta la sua esperienza sul set del folle fanta-horror diretto da Mark Fehs, in cui ci sono anche Tony Todd, Cary-Hiroyuki Tagawa e Robert LaSardo

Leggi
nancy drew serie the cw Kennedy McMann
Horror & Thriller

Trailer per Nancy Drew, serie che rilancia in TV le indagini soprannaturali della giovane detective

di Redazione Il Cineocchio

Ha il volto dell'esordiente Kennedy McMann la protagonista delle nuove storie del personaggio creato dalla scrittrice Mildred Augustine Wirt Benson

Leggi
brightburn film 2019
Horror & Thriller

UPDATE | L’Angelo del Male – Brightburn censurato in Italia: le 2 scene tagliate

di Redazione Il Cineocchio

Nell'horror coi superpoteri prodotto da James Gunn e diretto da David Yarovesky manca circa 1 minuto di momenti splatter

Leggi
Wrong Turn 6 Last Resort (2014)
Horror & Thriller

Wrong Turn 7: trama ufficiale e protagonista del nuovo sequel

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 5 anni di pausa, la saga slasher riparte sotto la guida del regista Mike P. Nelson

Leggi
billy saw film
Horror & Thriller

Saw: data di uscita per lo spin-off; soggetto di Chris Rock, regia di Darren Lynn Bousman

di Redazione Il Cineocchio

La Lionsgate riapre a sorpresa i giochi, coinvolgendo nel progetto anche il 'papà' della fortunata saga horror James Wan

Leggi
john carpenter masters of horror
Horror & Thriller

John Carpenter: “Hollywood produce solo horror dall’incasso sicuro; ho chiuso coi film a basso budget”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista 71enne, fermo dal 2010, ha parlato di come è cambiata l'industria e di cosa lo convincerebbe a tornare dietro alla telecamera

Leggi
Takara - La Notte che ho nuotato

Takara - La Notte che ho nuotato

23-05-2019

Polaroid

Polaroid

23-05-2019

RECENSIONE

Aladdin

Aladdin

22-05-2019

Alive in France

Alive in France

19-05-2019

Dolor y gloria

Dolor y gloria

17-05-2019

Mò vi mento - Lira di Achille

Mò vi mento - Lira di Achille

16-05-2019

Bangla

Bangla

16-05-2019

Unfriended: Dark Web

Unfriended: Dark Web

16-05-2019

RECENSIONE

Quando eravamo fratelli

Quando eravamo fratelli

16-05-2019

John Wick 3 – Parabellum

John Wick 3 – Parabellum

16-05-2019

RECENSIONE

Attenti a quelle due

Attenti a quelle due

16-05-2019

5 centimetri al secondo

5 centimetri al secondo

13-05-2019

RECENSIONE