Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | Hostile di Mathieu Turi

5/10 su 85 voti. Titolo originale: Hostile, uscita: 08-03-2018. Regista: Mathieu Turi.

Recensione | Hostile di Mathieu Turi

16/05/2018 recensione di William Maga

Brittany Ashworth è la combattiva protagonista di un horror post-apocalittico dai valori produttivi sorprendenti, ma azzoppato da flashback che rompono la tensione

I mondi post-apocalittici sono ormai diventati un punto fermo del cinema e della televisione. Nel tempo abbiamo visto quasi tutte le possibili storie raccontabili all’interno di questo sottogenere del cinema fanta-horror, ma il regista francese Mathieu Turi – qui all’esordio, sotto la supervisione di Xavier Gens – prova comunque a imbastire con lo scarso budget a disposizione qualcosa di abbastanza fresco e inedito con Hostile, che curiosamente finisce però per ricordare molto l’altrettanto recente It Stains the Sands Red – Deserto Rosso Sangue di Colin Minihan (la nostra recensione).

A un certo punto nel prossimo futuro, e in seguito a una pandemia che non ha lasciato scampo alla razza umana, una ragazza di nome Juliette (Brittany Ashworth) vaga per un desolato deserto a bordo di un vecchio e malconcio furgone alla ricerca di provviste e carburante. In una stazione di servizio deserta, evita per un pelo qualcosa di grosso e apparentemente molto pericoloso che si trova al piano superiore. Lungo la strada, una fotografia che la vede al fianco di un uomo sorridente volo improvvisamente fuori dal finestrino. Lei tenta automaticamente di afferrarla, sterzando bruscamente e finendo per ribaltarsi,  rimanendo incosciente. Quando riprende i sensi, scopre di avere una frattura scomposta a una gamba, che la sua pistola è finita lontana da lei e soprattutto che è calata la notte. Poi sopraggiungono i rumori dall’esterno – sembrerebbe la creatura che ha quasi incontrato alla stazione di servizio. Mentre lotta per superare il dolore e trovare una via di fuga, Juliette ritorna con la mente alla sua vita prima dell’apocalisse: la sua dipendenza dall’eroina, il suo amore (Gregory Fitoussi) e l’inizio della fine.

A prima vista, uno dei punti forti di Hostile è la prova attoriale della praticamente assoluta protagonista Ashworth (The Crucifixion) nei panni di Juliette. C’è però una piuttosto evidente differenza qualitativa nella sua performance tra il presente (aka il futuro) e i flashback, con repentini e scostanti cambi di ritmo non proprio convincenti e anzi spesso controproducenti. Se è infatti da un lato assolutamente apprezzabile il lavoro fisico svolto dall’attrice, che, proprio a causa del precoce infortunio deve lottare con l’handicap per il resto del film poiché il pericolo si nasconde dietro ogni angolo e quindi il dolore, i grugniti e la frustrazione appaiono solidi, dall’altro molti aspetti della sua vita precedente, su tutti il primo incontro con Jack, suonano terribilmente approssimativi. Gregory Fitoussi (World War Z) svolge il compitino con sufficiente devozione, visto il poco che la sceneggiatura gli mette a disposizione per caratterizzare il suo Jack, funzionando come oggetto amoroso attraente e sicuro di sé, una sorta di Christian Grey esperto di arte. Questo rende piuttosto difficile accettare la connessione tra i due protagonisti, visto che la chimica tra i due non è esattamente poderosa. E anche se i momenti finali della pellicola sono effettivamente intriganti (grazie a una inaspettata delicatezza), manca una forte componente emotiva precedente in grado di intrigare lo spettatore. Javier Botet (La Madre, IT) è invece una sorta di mostruoso terzo incomodo, interpretando ancora una volta con la solita professionalità – e una tonnellata di make-up – una creatura dinoccolata e spaventosa che vaga senza una ragione precisa in quelle lande polverose in cerca di prede umane.

Come detto, l’intrigante – almeno sulla carta – struttura di Hostile è sì utile a garantire al pubblico importanti informazioni su Juliette, ma uccide anche completamente la tensione. Nel presente la situazione è angosciante e claustrofobica, ma nel passato il film flirta con il melodramma da soap opera. La conclusione, quasi spiazzante, arriva quindi scarica di potenziale, non solo per la costruzione incerta, ma anche per i molti punti oscuri che vengono lasciati tali. I flashback si svolgono nell’attuale New York City – tuttavia la vicenda è ambientata in una zona desertica. Dove siamo? Perchè siamo lontani dalla Grande Mela? Allo stesso modo, non viene mai fornita alcuna spiegazione – a parte la menzione a un certo punto di un attacco terroristico con armi chimiche – del perchè ci siano degli strani mutanti che vagano bradi, alimentandosi degli esseri umani rimasti. E quanto tempo è passato dallo scoppio della pandemia (poco, a giudicare dallo scarso invecchiamento di Juliette)? Quesiti troppo importanti a cui Mathieu Turi non sembra dare peso, privilegiando il debole lato sentimentale, ai quali tuttavia avrebbe giovato una qualche forma di risposta.

D’altro canto, i valori di produzione messi sul piatto sono indiscutibili. Se la stazione di servizio è ricostruita sapientemente, donando al contesto un’aria degna di Mad Max (o di Codice Genesi), nelle scene in città non si è andati al risparmio, sia per quanto riguarda gli ambienti – pubblici e privati – che nelle affollate strade, scelta che conferisce autenticità alla narrazione e che sicuramente aiuta a entrare nelle vite dei personaggi per donare loro un contesto credibile. Ma, ancora una volta, questi sprazzi non sono il pezzo forte, anche se è evidente lo sforzo per renderli tali. Vale infine la pena di sottolineare almeno un paio di errori di continuity evidenti – quando sono così ovvi almeno. Se il primo riguarda un controcampo completamente sballato, il secondo riguarda il posizionamento della pistola di Juliette nel corso di una scena di lotta fondamentale – con l’arma improvvisamente a portata di mano della nostra eroina quando invece non sarebbe fisicamente possibile in base a dove era finita in precedenza. Un grosso problema, visto che la pistola gioca un ruolo fondamentale in tutto Hostile … Minuzie forse, o magari fastidiose sviste. Per concludere, va precisato che, sebbene non si tratti del classico horror che si affida agli odiosi jumpscare per terrorizzare gli spettatori, c’è almeno un momento di puro terrore che coglierà molti di sorpresa.

In definitiva, Hostile ha decisamente molti meriti per essere un’opera prima, e proprio per questo si può pure sorvolare su qualche incertezza di gioventù.

Di seguito il trailer originale:

Javier Botet
Brittany Ashworth
Grégory Fitoussi
Jay Benedict
David Gasman
Carl Garrison
Richard Meiman
Mohamed Aroussi
Laura D'Arista Adam
Aton
Horror & Thriller

Robert Eggers su The Witch: “A causa del film, la Polonia mi considerò persona non gradita”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha rivelato che la promozione un po' troppo blasfema del folk horror del 2015 scatenò un grosso malinteso con le autorità locali

Leggi
critters attack film 2019
Horror & Thriller

Critters Attack! | La recensione del quinto film della saga diretto da Bobby Miller

di William Maga

C'è anche il cammeo di Dee Wallace nella lettera d'amore straight-to-video che riporta sullo schermo i terribili extraroditori dopo quasi 30 anni di assenza

Leggi
Serenity - L'isola dell'inganno film 2019
Horror & Thriller

Serenity – L’isola dell’inganno | La recensione del film con Matthew McConaughey e Anne Hathaway

di Giovanni Mottola

Steven Knight gira un thriller 'marinaresco' che fa acqua da tutte le parti: più che di meta-cinema, trattasi di cinema a metà

Leggi
it - capitolo 2 pennywise film
Horror & Thriller

Trailer finale per IT Capitolo Due: i ‘perdenti’ tornano a Derry per il confronto decisivo con Pennywise

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà agli adulti James McAvoy, Jessica Chastain e Bill Hader sconfiggere una volta per tutte il clown danzante nella seconda parte dell'horror diretto da Andrés Muschietti

Leggi
Frankie Muniz in The Black String (2018) film
Mindhunter stagione 2 manson
Horror & Thriller

Mindhunter stagione 2: data di uscita e 10 immagini (c’è anche Charles Manson)

di Redazione Il Cineocchio

Nei nuovi episodi della serie Netflix, Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv si ritroveranno faccia a faccia con altri famosissimi serial killer

Leggi
Florence Pugh in Midsommar (2019)
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: esaminiamo la simbologia (rune, riti, dipinti) del folk horror di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Spiegazione e vademecum dell'iconografia e dell'immaginario celati in bella vista nel film con Florence Pugh

Leggi
adoration film du welz
Horror & Thriller

Poster e trama per Adoration, il nuovo thriller di Fabrice du Welz

di Redazione Il Cineocchio

A 15 anni da Calvaire, il regista belga chiude la sua 'trilogia delle Ardenne'

Leggi
feedback film Pedro C. Alonso
Horror & Thriller

Trailer per Feedback: la vita di Eddie Marsan viene distrutta in diretta radiofonica

di Redazione Il Cineocchio

C'è la mano di Jaume Collet-Serra dietro all'esordio nell'horror del regista spagnolo Pedro C. Alonso, a cui han preso parte anche Paul Anderson e Ivana Baquero

Leggi
Isabelle Grill in Midsommar (2019) film ari aster
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: guida all’interpretazione del film di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di dare una spiegazione razionale e ragionata a ciò che accade, prima e sul finale, nel folk horror con Florence Pugh

Leggi
Florence Pugh in Midsommar (2019) film
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: Ari Aster chiarisce alcuni punti poco chiari

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore del folk horror con Florence Pugh ha personalmente precisato alcuni passaggi che potrebbero aver generato disorientamento negli spettatori

Leggi
Midsommar (2019) ari aster film
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati | La recensione del sabba di Ari Aster

di Raffaele Picchio

Al secondo film, il regista di Hereditary prosegue nel suo cammino rituale giocando a carte scoperte e alzando ulteriormente le ambizioni, uscendone comunque a testa alta con un'opera respingente ma affascinante, grottesca e complessa che non accetta mezze posizioni

Leggi
night hunter film
Horror & Thriller

Trailer per Night Hunter: Henry Cavill e Alexandra Daddario sulle tracce di un serial killer con personalità multipla

di Redazione Il Cineocchio

L'inglese David Raymond esordisce in regia con un thriller che vede protagonisti anche Ben Kingsley e Nathan Fillion

Leggi
casa vera the conjuring Harrisville, Rhode Island
Horror & Thriller

The Conjuring: la casa infestata indagata dai Warren sarà presto visitabile

di Redazione Il Cineocchio

I nuovi proprietari della fattoria stregata resa celebre dall'horror di James Wan stanno provvedendo ai restauri e contano di aprirla al pubblico entro fine anno, confermando che succedono ancora fatti inspiegabili al suo interno

Leggi
let her out night watchmen blu-ray ita
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Let Her Out + The Night Watchmen

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del body horror diretto da Cody Calahan e della dark comedy coi clown vampiri di Mitchell Altieri

Leggi
Passpartù: Operazione Doppiozero

Passpartù: Operazione Doppiozero

18-07-2019

Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Il mangiatore di pietre

Il mangiatore di pietre

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

RECENSIONE

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

RECENSIONE

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE