Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione Venezia 75 | I fratelli Sisters di Jacques Audiard

7/10 su 717 voti. Titolo originale: The Sisters Brothers, uscita: 19-09-2018. Regista: Jacques Audiard.

Recensione Venezia 75 | I fratelli Sisters di Jacques Audiard

12/09/2018 recensione di William Maga

Il regista francese si cimenta con il genere western, scegliendo Joaquin Phoenix, John C. Reilly, Riz Ahmed e JakeGyllenhaal come protagonisti del suo ritratto dell'America in agrodolce, sospeso tra il peso del passato e l'utopia di un futuro impossibile

John C. Reilly and Joaquin Phoenix in The Sisters Brothers (2018)

Presentare Jacques Audiard non dovrebbe essere necessario, in quanto la sua filmografia parla già sufficientemente per lui. Dopo la Palma d’Oro vinta a sorpresa nel 2015 con Dheepan – Una nuova vita, torna ora sulle scene con I fratelli Sisters (The Sisters Brothers), un progetto che fa registrare diversi primati. Si tratta infatti del primo film in lingua inglese per il regista francese, infarcito di star americane, ma è segna anche la prima collaborazione con il direttore della fotografia belga Benoit Debie (fedelissimo di Gaspar Noé). Già sulla carta quindi, le premesse di questo adattamento per il grande schermo del romanzo storico Arrivano i Sister di Patrick deWitt erano sufficienti a solleticare la curiosità e suscitare grandi aspettative. E se qualcuno in Francia si aspettava di vederlo presentato a Cannes, è stata la Mostra del Cinema di Venezia a concedergli gli onori della prima mondiale, inserendolo nel concorso principale e lasciando intendere che la produzione, con questa scelta, stia puntando seriamente agli Oscar.

Notte fonda. Avvolto nell’oscurità totale, un uomo urla e, subito dopo, alcuni spari esplodono nell’aria. Lo scambio di proiettili avviene tra quelli che stanno all’interno di una casa e gli uomini che la stanno attaccando per qualche ragione. Lo schermo è nero, illuminato soltanto dai lampi delle pistole. Una sequenza sublime, già iconica e che soprattutto dichiara subito il tono impresso a I fratelli Sisters. Difficile non prevedere che l’incontro tra Jacques Audiard e Benoit Debie avrebbe fatto scintille, e fin dall’inizio i due decidono infatti di mettere bene in chiaro il livello tecnico della pellicola che andremo a guardare, che è naturalmente altissimo, asciutto ma aggraziato.

Dopo la sparatoria, i due fratelli del titolo si divertono a contare il numero di persone uccise da ciascuno. Uno ha chiaramente il sopravvento sull’altro. Spaccone, più violento, capace di estrarre la sua Colt più rapidamente. Il suo nome è Charlie (Joaquin Phoenix) e, contrariamente a quanto si potrebbe pensare, è il più giovane. Il maggiore, Eli (John C. Reilly), ha una buona reputazione, che Charlie non ha. E’ anche più meditativo e intende in un futuro non troppo lontano mollare questa faticosa vita da killer a pagamento. Sono stati incaricati dal Commodoro (Rutger Hauer) di trovare un cercatore d’oro, il chimico Hermann Warm Kermit (Riz Ahmed), che avrebbe messo a punto una tecnica infallibile per trovare con poco sforzo il prezioso minerale nei corsi d’acqua della California. Ad aiutarli nell’impresa c’è un investigatore privato, John Morris (Jake Gyllenhaal), incaricato di trovarlo e di farselo amico senza destare sospetti, in attesa che i fratelli li raggiungano e carpiscano – in qualunque modo – le informazioni e la formula ‘magica’ da riportare al loro capo.

Essendo un western, ci si potrebbero / dovrebbero immaginare uomini silenziosi, tormentati dal peso della violenza che sono in qualche modo obbligati ad elargire quotidianamente in quelle terre selvagge. Invece no. Da una parte abbiamo Charlie ed Eli Sisters, che sono loquaci, discutono dei loro obiettivi, del loro passato e, di fatto, dell’opposta visione della loro esistenza. All’altra estremità del percorso c’è invece il duo formato da Morris e Kermit, che contamina la storia di utopie socialiste prima del tempo. Questa è la storia raccontata, in un primo momento focalizzata su un rapporto fraterno con le relative tenerezze e le difficoltà, che si evolve verso un’inaspettata alternativa di vita per dei personaggi che non hanno mai conosciuto altro che violenza, tramandata dal padre (manesco e alcolizzato) ai figli.

È in questo polveroso solco che, con noncuranza, Jacques Audiard tratteggia il suo ritratto dell’America (antica e moderna), quella abitata da bambini che pensano sia sempre la mattina di Natale e che prendono ciò che vogliono perché possono, senza preoccuparsi delle conseguenze. La missione è un pretesto per far evolvere i protagonisti. Ognuno di loro dovrà mettere in discussione le sue idee, i suoi pensieri, la propria sensibilità. È un percorso progressivo, ma inizia dal primo minuto di I fratelli Sisters. I quattro a un certo punto inevitabilmente si incontrano, ed è lì che deflagra lo sconvolgimento definitivo delle loro esistenze. Chi si aspettasse qualcosa alla fratelli Coen o alla Quentin Tarantino potrebbe rimanere deluso. Le sparatorie e le risse non mancano, così come una certa dose di umorismo e specialmente di cinismo. Audiard però fa crescere la tensione e l’impulso di scoprire cosa accadrà, prima di restituire al pubblico un piatto che riserva una pietanza differente. Non si tratta di colpi di scena in senso stretto, quanto più di una struttura narrativa perfettamente architettata. Anche la descrizione e l’utilizzo dei paesaggi attraversati, tra distese, pianure e montagne è funzionale allo stato d’animo dei suoi personaggi.

Allo stesso modo Kermit è fondamentale, in quanto intende convincere Morris del valore assoluto del concetto di condivisione, di una società scevra di brutalità, dove le uccisioni non sono necessarie. Anche lui ha però estremo bisogno dell’oro per poter concretizzare il suo sogno. Così, per trovarlo più velocemente – e in modo più efficiente rispetto a picconi e setacci -, veicola un doloroso promemoria del concetto di produttività inculcato dal capitalismo selvaggio che caratterizza da sempre gli Stati Uniti: inquinerà i corsi d’acqua intatti e vedrà la sua stessa pelle abrasa dall’intruglio miracoloso. Dietro a queste piccole storie intime, si nasconde quindi un dipinto – visto da un europeo – dell’America del passato e del presente. Spingersi sempre più lontano e cercare di impiegare le migliori tecniche possibili, indipendentemente dalla sventura di chi ti sta intorno e dal forse irreversibile impatto sull’ambiente circostante. Il dettaglio sui pesci e sulla fauna del bosco morti è assai esplicito in questo senso.

Ma i fratelli Sisters sono allo stesso tempo l’esempio che anche i cuori più corrotti potrebbe un giorno cambiare, questa è la vera utopia del regista francese. La sequenza finale, che è un clamoroso – e forse non condivisibile – ritorno alle origini pure e semplici, quando tutto il resto è andato in malora, è ancora più sconvolgente. I piani sono pensati in modo tale che includano in sé stessi il passare del tempo, come ad esempio avveniva in A Ghost Story – Storia di un fantasma di David Lowery o in Professione: reporter di Michelangelo Antonioni, e tutto finisce avvolto da una rassicurante dolcezza.

Di seguito il trailer originale di I fratelli Sisters:

Azione & Avventura

Trailer esteso per Watchmen (la serie): un esercito di Rorschach è sul punto di scatenare il caos

di Redazione Il Cineocchio

Nello show originale supervisionato da Damon Lindelof, che ci riporta nell'universo distopico creato da Alan Moore oltre 30 anni fa, troviamo Jeremy Irons e Don Johnson

Leggi
Sylvester stallone rambo 1982
Azione & Avventura

Dossier | Rambo Saga: First Blood, tutto inizia nel 1982 (Parte I)

di Francesco Chello

Oltre 35 anni fa, Sylvester Stallone portava nei cinema il primo film dedicato a un altro eroe problematico, un reietto con cui empatizzare simbolo delle ferite lasciate aperte dalla guerra del Vietnam

Leggi
Jesus Rolls – Quintana è tornato film 2019
Azione & Avventura

Data di uscita e immagini per Jesus Rolls – Quintana è tornato, spin-off di Il Grande Lebowski

di Redazione Il Cineocchio

A 20 anni dal film dei fratelli Coen, John Turturro riprende il suo personaggio, circondandosi di star del calibro di Susan Sarandon e Christopher Walken

Leggi
Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Matthew Modine e Arliss Howard in Full Metal Jacket (1987)
Azione & Avventura

Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

di William Maga

Nel 1987, il regista raccontava in modo lucidissimo e scioccante le brutalità della guerra (non solo del Vietnam)

Leggi
Babyteeth film 2019 shannon Murphy
Azione & Avventura

Babyteeth | La recensione del film d’esordio di Shannon Murphy (Venezia 76)

di Teresa Scarale

A metà fra Beverly Hills 90210 e Colpa delle stelle, l'opera prima della regista australiana è il diminutivo di un film. Un ritrito drammino adolescenziale dai colorini pastello e dalla fotografia slavata, suddiviso in rosei capitoletti come fossero post di Instagram

Leggi
rutger hauer furia cieca
Azione & Avventura

Wanted, Furia Cieca, Sotto Massima Sorveglianza: Rutger Hauer in tre film solo all’apparenza minori

di Francesco Chello

Ripercorriamo tre titoli spesso dimenticati - o comunque non abbastanza celebrati - interpretati dall'attore olandese a cavallo tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, ricchi di spunti interessanti

Leggi
first love film miike 2019
Azione & Avventura

Full trailer per First Love, thriller surreale di Takashi Miike tra yakuza e boxe

di Redazione Il Cineocchio

L'ultima fatica del prolifico regista giapponese vede protagonisti Masataka Kubota, Jun Murakami e Shôta Sometani

Leggi
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 8: Il marciapiede sinistro di Via Veneto

di Giovanni Mottola

Al Lido è tempo di documentari sul nostro bel cinema che fu. Si parte con Mondo Sexy e si finisce con Life as a B movie: Piero Vivarelli. Non c'è tempo per Chiara Ferragni

Leggi
Antonio Banderas e Gary Oldman in The Laundromat (2019)
Azione & Avventura

The Laundromat | La recensione del film di Steven Soderbergh sui Panama Papers (Venezia 76)

di William Maga

Il regista firma per Netflix un lungometraggio che affronta con leggerezza - forse eccessiva - la 'più grande fuga di notizie della storia', facendo leva su un cast d'eccezione che vanta Meryl Streep, Gary Oldman e Antonio Banderas

Leggi
weathering with you film 2019
Azione & Avventura

Trailer e data d’uscita per Weathering With You, il nuovo film di Makoto Shinkai che gioca col meteo

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il successo di Your Name del 2017, il regista giapponese torna sulle scene con una nuova storia dai contorni fantastici che coinvolge due adolescenti

Leggi
Joaquin Phoenix in Joker (2019) film
Azione & Avventura

Joker | La recensione del film di Todd Phillips sul pagliaccio principe del crimine (Venezia 76)

di William Maga

Il regista abbandona i trascorsi comici per un'opera problematica e ambigua, lontanissima da qualsiasi cinecomic e sorretta da un'interpretazione memorabile di Joaquin Phoenix

Leggi
Bad Boys for Life film will smith
Azione & Avventura

Trailer per Bad Boys for Life: Will Smith e Martin Lawrence di nuovo insieme contro il crimine di Miami

di Redazione Il Cineocchio

I due attori si ritrovano dopo 15 anni per il terzo e ultimo capitolo della saga, diretto a quattro mani da Adil El Arbi e Bilall Fallah

Leggi
muro ippoliti venezia 76
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 7: Il muro delle critiche piange, Julie Andrews foriera di aneddoti

di Giovanni Mottola

L'attrice 83enne racconta raggiante alcuni simpatici episodi della sua lunga carriera; intorno, non brillano About Endlessness di Roy Andersson e Guest Of Honour di Atom Egoyan

Leggi
ema pablo larrain film
Azione & Avventura

Ema | La recensione del film di Pablo Larraín (Venezia 76)

di Teresa Scarale

Il regista cileno si conferma una delle cineprese più solide del cinema contemporaneo, capace di padroneggiare effetti visivi à la Gaspar Noé (ma senza 'effetto nausea') e storie dal sapore almodovariano, ma prive del retrogusto amaro della sconfitta

Leggi
venezia 76 2019
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 6: Pochi fan per Yonfan (e per Rami Malek), tanti per Martin Eden

di Giovanni Mottola

L'animazione di No. 7 Cherry Lane non lascia il segno, al contrario del film con Luca Marinelli. Intanto Julie Andrews ritira il Leone d'Oro alla carriera

Leggi
Selfie di famiglia

Selfie di famiglia

19-09-2019

Burning - L'amore brucia

Burning - L'amore brucia

19-09-2019

Eat Local - A cena con i vampiri

Eat Local - A cena con i vampiri

19-09-2019

RECENSIONE

C’era una volta a... Hollywood

C’era una volta a... Hollywood

18-09-2019

RECENSIONE

Chiara Ferragni - Unposted

Chiara Ferragni - Unposted

17-09-2019

Tutta un'altra vita

Tutta un'altra vita

12-09-2019

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

12-09-2019

Grandi bugie tra amici

Grandi bugie tra amici

12-09-2019

E poi c'è Katherine

E poi c'è Katherine

12-09-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

12-09-2019

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

12-09-2019

Apollo 11

Apollo 11

09-09-2019

Mio fratello rincorre i dinosauri

Mio fratello rincorre i dinosauri

05-09-2019

La fattoria dei nostri sogni

La fattoria dei nostri sogni

05-09-2019

It - Capitolo due

It - Capitolo due

05-09-2019

RECENSIONE

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

05-09-2019

Martin Eden

Martin Eden

04-09-2019