Home » Cinema » Azione & Avventura » [recensione Sitges 50] L’immortale – Blade of the Immortal di Takashi Miike

6/10 su 212 voti. Titolo originale: 無限の住人, uscita: 29-04-2017. Regista: Takashi Miike.

[recensione Sitges 50] L’immortale – Blade of the Immortal di Takashi Miike

19/10/2017 recensione film di Alessandro Gamma

Il 100° film del regista giapponese è un adattamento live action del manga di Hiroaki Samura tanto affascinante nella ricostruzione visiva quanto anestetizzante nel reiterare le stesse dinamiche

Il prolifico regista giapponese Takashi Miike qualche anno fa era riuscito a spiazzare i suoi fan infilando nel suo curriculum due film drammatici sui samurai come 13 Assassini e Hara-Kiri: Death of a Samurai, sorprendentemente più misurati e ‘autoriali’ rispetto a opere che l’hanno reso celebre come Ichi The Killer o Audition. Ora, dopo essere passato dal Fantastic Fest, L’Immortale (Blade of the ImmortalMugen no jūnin), 100° film di Miike e adattamento live action dell’omonimo manga di Hiroaki Samura (uscito in Italia come L’Immortale appunto) è passato pure da Sitges, lasciando però l’amaro in bocca.

blade of the immortal miike posterTakuya Kimura interpreta Manji, un samurai tormentato dal sangue che ha sulle mani, che tuttavia non può trovare la pace nella morte a causa di una stregoneria che guarisce ogni sua ferita e mantiene il suo cuore pulsante. Vive isolato dal mondo e si è lasciato le battaglie alle spalle. Questo almeno fino a quando una ragazza di nome Rina (Hana Sugisaki) si presenta alla sua porta con una storia straziante e una grande sete di vendetta. Rina supplica Manji di aiutarla a uccidere la banda che ha assassinato i suoi genitori. Spronato dai rimpianti del suo passato, il samurai eterno decide quindi di impugnare la sua katana e utilizzarla per ammucchiare pile di cadaveri e far scorrere fiumi di sangue.

Per il pubblico occidentale – o comunque per quello poco avvezzo al materiale odi partenza -, il film potrebbe essere riassunto come un incrocio tra Logan Il Grinta. E proprio come Wolverine e Rooster Cogburn, Manji è un tipo burbero, che inizialmente rifiuta di farsi coinvolgere nel piano dell’indifesa ma determinata giovane, che gli offre una possibilità di riscatto e forse addirittura l’agognata morte. Il volto e il corpo segnati da profonde cicatrici, la testa pesante e disillusa, Kimura appare immediatamente come una figura tragica subito riconoscibile e con la quale empatizzare malgrado le sue urla e gli sguardi torvi. A portar luce e speranza nella sua oscurità e disperazione è la Sugisaki, una visione di giovinezza che possiede una forza più dolorosa e ferma dei piccoli pugnali che Rina prova a utilizzare per difendersi.

Forse però, proprio perché questa strana coppia è un archetipo assai familiare, il fiato di L’Immortale si fa presto molto corto. Le pulsioni emotive sono prevedibili e ripetitive, con Rina che agisce impulsivamente, costringendo Manji a correre in suo aiuto. Al di là di questo, questa soluzione non sortisce altro effetto se non di farci prendere quam primum le distanze dal personaggio della ragazza, che non attraversa alcuna evoluzione, gettandosi sempre a capofitto nella mischia, senza però dimostrare la minima crescita personale, nè come guerriera nè intimamente. Invece, strilla per Manji, grida per la sua vendetta, alza i toni contro i nemici. In risposta, lo spettatore vuole solo abbassare il volume.

Con una relazione centrale tanto stagnante, si guarda pertanto ai personaggi di supporto per cercare eccitazione, specie per il cattivo principale, Anotsu Kagehisa (Sôta Fukushi). Miike ricrea con dedizione i costumi, le armi e le acconciature distintive del manga, soffiando vita in ogni presentazione con riprese sognanti e monologhi avvolgenti, che si incuneano imprevedibilmente all’interno di scontri violentissimi. I 50 anni passati da solo hanno apparentemente arrugginito un po’ la mano di Manji. Il guerriero che nella sequenza di apertura – girata in conturbante bianco e nero – fa strage di un’orda armata fino ai denti, viene ora seriamente sfregiato in ogni scontro, e spesso lasciato stordito o bloccato abbastanza a lungo perché l’avversario di turno abbia il tempo per declamare una storia strappalacrime. Non c’è alcuna eleganza però in questo. L’azione si blocca per una funesta backstory, poi i personaggi escono di scena all’improvviso, chiaro segnale che naturalmente li rivedremo più avanti, secondo modalità assolutamente artificiose.

blade immortal miikeUn intreccio semplice che viene reso inutilmente elaborato da questa decisione è letale per il ritmo, dilatando all’infinito il film. Per provare a rinvigorire l’entusiasmo, è necessario quindi ignorare tale aspetto e lasciarsi cullare dal delirio visivo delle lunghe scene di combattimento ordite da Miike, che non sono certo poche. Il loro montaggio è tuttavia erratico, scavalcando la linea dell’azione, confondendo smembramenti e colpi di vitale importanza. E con due ore e venti minuti di durata, Miike non sembra essere consapevole di quando sia il momento di darci un taglio. Al contrario, i duelli si trascinano ancora e ancora, anestetizzanti.

Il sangue viene versato a fiumi e i corpi si accumulano a decine, ma mentre Manji affetta chiunque gli si pari davanti uno dopo l’altro, l’esaltazione iniziale lascia il posto alla grossolana routine. Ogni colpo che penetra nel petto, ogni grugnito di dolore, ogni nuova guarigione di una ferita, è meno efficiente dei precedenti. E poi arrivano altri guerrieri ululanti e sbruffoni che chiaramente vengono abbattuti rapidamente come manichini. Ancora una volta Rini cerca di aiutare, ma sempre in modo sconsiderato, e così inevitabilmente fallisce di nuovo. E ancora una volta verrà salvata. Ancora una mugugnerà il soccorso della sua guardia del corpo a pagamento mentre lui è intento a scatenare geyser di sangue e sembrare stanco di questo mondo.

Alla fine non ci si può non chiedere come mai Miike non abbia dedicato la stessa attenzione riservata ai costumi anche ai risvolti della trama. Forse è per questo motivo che il film sembra un adattamento tanto dedicato quanto impreciso. Se da un lato è infatti impreziosito da scene d’azione in cui i costumi colorati e i movimenti sinuosi giocano un ruolo primario, Blade of the Immortal è però dall’altro tronfio e indulgente. Magari la sua eccessivamente generosa attenzione per i monologhi, per i salvataggi e per gli scontri armati sarà apprezzata dagli appassionati del materiale primigenio, o anche da coloro che non ne hanno mai abbastanza di samurai e del regista giapponese. Tutti gli altri, quasi sicuramente passeranno da uno stato di curiosità alla noia, sentendosi soffocati e ansiosi di fuggire lontano dall’immortale Manji.

Di seguito il trailer integrale e senza censure (sottotitolato) di L’Immortale:

Chiaki Kuriyama
Kazuki Kitamura
Erika Toda
Takuya Kimura
Tsutomu Yamazaki
Min Tanaka
Sota Fukushi
Ebizo Ichikawa
Hayato Ichihara
Shinnosuke Mitsushima
Hana Sugisaki
Ken Kaneko
Y?ko Yamamoto
Renji Ishibashi
Shun Sugata
Masayuki Deai
Seizô Fukumoto
Yoshiyuki Yamaguchi
Masanobu Katsumura
Shima Ohnishi
Takuma Otoo
Yoshiie Akihito
Toru Iwasu
Sei Matobu
Wataru Ichinose
Yusuke Sugiyama
john rambo stallone 1982
Azione & Avventura

Sylvester Stallone su Rambo: “Un prequel alla saga? Certo, vi dico di cosa parlerebbe”

di Redazione Il Cineocchio

L'attore, dopo aver chiuso il cerchio della maturità del personaggio con Last Blood, vorrebbe ora tornare alle sue origini, quando il Vietnam non era ancora all'orizzonte

Leggi
Azione & Avventura

Rambo – Last Blood | La recensione del quinto film della saga con Sylvester Stallone

di William Maga

La star 73enne torna a interpretare il tormentato veterano sotto la guida del regista Adrian Grunberg, in un nuovo capitolo dal messaggio controverso che preferisce la brutale exploitation all'esplorazione dei tormenti interiori dell'eroe

Leggi
Sasha Luss in Anna (2019)
Azione & Avventura

Anna | La recensione del film di Luc Besson con la killer Sasha Luss

di William Maga

Il regista francese torna alle origini, provando ad aggiornare dopo oltre 25 anni il sottogenere che lo ha reso celebre, ma il risultato è un film poco plausibile o originale, che punta tutto sulla bellezza della sua protagonista

Leggi
stallone rambo 2 la vendetta film
Azione & Avventura

Dossier | Rambo Saga: La vendetta cala implacabile nel 1985 (Parte II)

di Francesco Chello

A tre anni dal primo capitolo, Sylvester Stallone torna nei cinema con un film che lo riporta nell'inferno del Vietnam, diretto da un George P. Cosmatos che trasforma il personaggio in un'icona

Leggi
Raising Dion serie netflix 2019
Azione & Avventura

Trailer per Dion: Michael B. Jordan muore e lascia un figlio coi superpoteri nella serie Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Il colosso dello streaming porta sul piccolo schermo l'omonimo fumetto thriller avventuroso del 2015 di Dennis Liu

Leggi
BIRDS OF PREY film margot robbie
Azione & Avventura

Teaser e poster per Birds of Prey: Harley Quinn è la paladina pazzerella di Gotham City

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Mary Elizabeth Winstead e Ewan McGregor al fianco di Margot Robbie nel nuovo film della DC diretto da Cathy Yan

Leggi
l'immortale serie amazon 2019 anime
Azione & Avventura

Trailer per L’Immortale: Manji fa un bagno di sangue nella serie animata di Amazon

di Redazione Il Cineocchio

A un paio d'anni dal film di Takashi Miike, il popolare e violentissimo manga di Hiroaki Samura arriva sul piccolo schermo

Leggi
cobra stallone 1986 film
Azione & Avventura

Sylvester Stallone su Cobra: “La serie TV è nelle mani di Robert Rodriguez”

di Redazione Il Cineocchio

La star del film del 1986 ha confermato che il progetto di riportare sul piccolo schermo Marion Cobretti è ancora caldissimo

Leggi
Azione & Avventura

Danny Trejo su Machete Kills in Space: “Lo giro io stesso se nessuno si decide a farlo”

di Redazione Il Cineocchio

L'attore 75enne è tornato a parlare del rimandatissimo film, mostrandosi assolutamente intenzionato a realizzarlo

Leggi
Jurassic World Battle at Big Rock cortometraggio
Azione & Avventura

Cortometraggio | Jurassic World – Battle at Big Rock: notte di terrore al campeggio in balìa dell’Allosauro

di Redazione Il Cineocchio

André Holland e Natalie Martinez sotto attacco negli 8 minuti diretti da Colin Trevorrow che ci rivelano cos'è successo dopo gli eventi di Il Regno Distrutto

Leggi
Azione & Avventura

Trailer esteso per Watchmen (la serie): un esercito di Rorschach è sul punto di scatenare il caos

di Redazione Il Cineocchio

Nello show originale supervisionato da Damon Lindelof, che ci riporta nell'universo distopico creato da Alan Moore oltre 30 anni fa, troviamo Jeremy Irons e Don Johnson

Leggi
Sylvester stallone rambo 1982
Azione & Avventura

Dossier | Rambo Saga: First Blood, tutto inizia nel 1982 (Parte I)

di Francesco Chello

Oltre 35 anni fa, Sylvester Stallone portava nei cinema il primo film dedicato a un altro eroe problematico, un reietto con cui empatizzare simbolo delle ferite lasciate aperte dalla guerra del Vietnam

Leggi
Jesus Rolls – Quintana è tornato film 2019
Azione & Avventura

Data di uscita e immagini per Jesus Rolls – Quintana è tornato, spin-off di Il Grande Lebowski

di Redazione Il Cineocchio

A 20 anni dal film dei fratelli Coen, John Turturro riprende il suo personaggio, circondandosi di star del calibro di Susan Sarandon e Christopher Walken

Leggi
Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Matthew Modine e Arliss Howard in Full Metal Jacket (1987)
Azione & Avventura

Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

di William Maga

Nel 1987, il regista raccontava in modo lucidissimo e scioccante le brutalità della guerra (non solo del Vietnam)

Leggi
Babyteeth film 2019 shannon Murphy
Azione & Avventura

Babyteeth | La recensione del film d’esordio di Shannon Murphy (Venezia 76)

di Teresa Scarale

A metà fra Beverly Hills 90210 e Colpa delle stelle, l'opera prima della regista australiana è il diminutivo di un film. Un ritrito drammino adolescenziale dai colorini pastello e dalla fotografia slavata, suddiviso in rosei capitoletti come fossero post di Instagram

Leggi
Vivere

Vivere

26-09-2019

Rambo: Last Blood

Rambo: Last Blood

26-09-2019

RECENSIONE

Yesterday

Yesterday

26-09-2019

Dora e la città perduta

Dora e la città perduta

26-09-2019

Tolkien

Tolkien

26-09-2019

RECENSIONE

Shaun, vita da pecora - Farmageddon

Shaun, vita da pecora - Farmageddon

26-09-2019

Ad Astra

Ad Astra

26-09-2019

RECENSIONE

Lou von Salomé

Lou von Salomé

26-09-2019

Of Fathers And Sons - Die Kinder des Kalifats

Of Fathers And Sons - Die Kinder des Kalifats

24-09-2019

Diego Maradona

Diego Maradona

23-09-2019

Доброе сердце

Доброе сердце

21-09-2019

Il colpo del cane

Il colpo del cane

19-09-2019

I migliori anni della nostra vita

I migliori anni della nostra vita

19-09-2019

Selfie di famiglia

Selfie di famiglia

19-09-2019

Burning - L'amore brucia

Burning - L'amore brucia

19-09-2019

RECENSIONE

Eat Local - A cena coi vampiri

Eat Local - A cena coi vampiri

19-09-2019

RECENSIONE

C’era una volta a... Hollywood

C’era una volta a... Hollywood

18-09-2019

RECENSIONE

Chiara Ferragni - Unposted

Chiara Ferragni - Unposted

17-09-2019

May the exquisite scheme be only for her

May the exquisite scheme be only for her

15-09-2019

Tutta un'altra vita

Tutta un'altra vita

12-09-2019

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

12-09-2019

Grandi bugie tra amici

Grandi bugie tra amici

12-09-2019

E poi c'è Katherine

E poi c'è Katherine

12-09-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

12-09-2019

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

12-09-2019