Home » Cinema » Azione & Avventura » Recensione | L’Isola dei Cani di Wes Anderson

7/10 su 1947 voti. Titolo originale: Isle of Dogs, uscita: 23-03-2018. Budget: $62,770,198. Regista: Wes Anderson.

Recensione | L’Isola dei Cani di Wes Anderson

28/02/2018 recensione di William Maga

Il regista americano ritorna alla stop-motion per un coming of age 'giapponese' bello alla vista e stratificato nei suoi significati più o meno superficiali

Tornando all’animazione in stop-motion che ha reso Fantastic Mr. Fox del 2009 un successo tanto amato, l’ultima fatica di Wes Anderson è una vera delizia per gli amanti dei cani e del cinema più in generale. Summa del suo stile, L’isola dei Cani (Isle of Dogs) è quel tipo di film che solo un regista come lui poteva realizzare. Pellicola d’apertura della Berlinale 2018, sta facendo ulteriormente parlare di sé per essersi aggiudicata il prezioso Orso d’argento.

Wes Anderson inizia il film con una sorta di ‘mito della creazione’, raccontando attraverso un arazzo il grande scontro avvenuto tra i cani e le autorità amanti dei gatti, e dell’unico ragazzo che ha lottato per salvare i migliori amici dell’uomo. Una narrazione veloce e arguta, che lascia intuire come potrebbe apparire una storia delle origini di un supereroe affidata al regista di Houston. Saltiamo quindi 20 anni nel futuro, dove tutti i cani sono gravemente malati, una situazione che spinge il demagogo Sindaco Kobayashi (Kunichi Nomura) della città di Megasaki a bandirli dall’area metropolitana e segregarli in un’isola desolata, chiamata Trash Island. Tuttavia, suo nipote, un ragazzino di nome Atari (Koyu Rankin), è determinato a riprendersi il suo adorato cane, Spots (Liev Schreiber), e – sfidando la legge – sorvola l’isola, finendo per schiantarcisi. Lì, si imbatte in un variegato gruppo di cani malconci – Chief (Bryan Cranston), Rex (Edward Norton), Boss (Bill Murray), Duke (Jeff Goldblum) e King (Bob Balaban) – che decidono di aiutarlo nel suo viaggio alla ricerca dell’amico.

La tecnica a passo uno è perfetta per Anderson, in quanto gli consente di controllare ogni aspetto della sua creazione. Come facile intuire, non c’è una sola inquadratura sprecata qui – ciascuna è utilizzata per far avanzare la trama, mostrare qualcosa di nuovo, o sviluppare un personaggio. Distribuendo le sue consuete panoramiche rapide, le carrellate e la composizioni accuratissime, il filmmaker riafferma – prendere o lasciare – il suo status di artista americano tra i più riconoscibili e raffinati. I cani stessi sono resi in modo sorprendentemente tattile, sembrando vivi mentre il loro pelo si muove col vento. E sono ideali per lo stile del regista, perché i loro volti sono completamente simmetrici, caratteristica che gli permette di fissare dritto il fuoco della macchina da presa. Come i precedenti film di Anderson, L’Isola dei Cani è intriso di storia cinematografica ed è stato realizzato come un sentito omaggio al cinema giapponese, anche se il primo paragone potrebbe essere coi lavori della Laika o della Aardman Animations. Sebbene ci siano alcuni primi piani alla Yasujirō Ozu e alcuni temi musicali composti da Alexandre Desplat (con gli iconici taiko) – e i poster promozionali -rimandino direttamente ai classici di Akira Kurosawa (come palesato candidamente da Anderson stesso), il rimando forse più nascosto in bella vista è quello ad Hayao Miyazaki.

Come nei migliori titoli del maestro dell’animazione nipponica, qui trovano spazio il silenzio e la contemplazione, brevi spaccati che vengono costantemente utilizzati per rendere questo mondo davvero unico. Con il precedente lavoro, Grand Budapest Hotel (2014), Anderson aveva già dimostrato di essere un esperto nella creazione di mondi fantastici, e con L’Isola dei Cani è riuscito sicuramente a immaginare uno degli universi animati più affascinanti dai tempi di Il Castello Errante di Howl (2004). Dopo aver ambientato film in luoghi così diversi come l’India, l’Europa centrale e il Giappone, nessuno potrà immaginare ora dove si potrà spingere nei prossimi anni, magari sulla Luna!

In definitiva, la raffigurazione che fa questo lungometraggio della cultura e del cinema nipponici è rispettosa e amorevole (merito anche dei production designer Adam Stockhausen e Paul Harrod), ricorrendo alla fantasia della stop-motion per rendere freschi e divertenti cliché spesso abusati come quelli degli incontri di Sumo. La storia poi aggira i possibili ostacoli dovuti alla traduzione dei dialoghi in un modo unico (almeno nella versione originale), mettendo subito lo spettatore a conoscenza che la trama generale sarà tradotta attraverso gli interpreti, mentre i latrati dei cani stessi saranno doppiati in inglese, con la voce di Atari che invece rimane non doppiata e incomprensibile. Di conseguenza, L’Isola dei Cani dovrebbe avere un forte appeal incrociato e trovare una buona accoglienza anche nei mercati dell’Estremo Oriente. Come sappiamo, specialmente gli ultimi film di Wes Anderson erano stati caratterizzati soprattutto da una grande attenzione per la trama, a volte più preoccupati delle meccaniche narrative che della costruzione dei protagonisti.

Anche questa volta, essendoci sul campo parecchi giocatori, alcuni spunti restano in sospeso – tra cui le sottotrame romantiche – e forse avrebbero potutiti essere costruiti un po’ di più. Le attrici femminili di supporto come Scarlett Johansson (Nutmeg) e Tilda Swinton (L’Oracolo) sono piuttosto sottoutilizzate, rendendo il coming of age una sorta di avventura per soli maschi. Nondimeno però, Greta Gerwig (Tracy) spicca nei panni della bionda studentessa gaijin fervente attivista e Frances McDormand fa un brillante lavoro come traduttrice delle conferenze stampa ufficiali del sindaco, prestandosi a divertenti digressioni davanti alla telecamera. Facilmente, l’arco migliore del film appartiene a  Chief, un randagio che non è mai stato bravo nel fare ciò che gli veniva detto. Dimostra che i cani sono violenti soltanto quando non sono trattati benevolmente, e che la loro reazione avversa è in genere una risposta diretta alla paura. Quando si tratta un cane nel modo giusto, questo diventa infinitamente adorabile, rendendolo specchio dell’umanità. Attraverso la parabola di Chief, L’Isola dei Cani trova il suo amorevole cuore e il film offre la sua scena migliore e più straziante.

Naturalmente, a un livello meno fanciullesco, nella raffigurazione di un’intera specie (razza?) emarginata e spedita senza fronzoli su un’isola lontana e inospitale, questa pellicola si apre a svariate e non troppo celate letture allegoriche. Senza contare i riferimenti a totalitarismo, anti-intellettualismo e (non) libertà di stampa. Ciò che non fa è legarle a un qualsiasi – ovvio – evento politico attuale, mantenendo così la sua aria di assolutezza e atemporalità. Il messaggio più urgente è semplice, e piacerà a grandi e piccini: trattate gli animali con gentilezza e difendete ciò in cui credete, anche quando siete soli contro tutti.

Niente di rivoluzionario, ma che funziona bene grazie alla sua presentazione idiosincratica. Nonostante la facciata, che molti detrattori più o meno giustamente attaccano, Wes Anderson è un cineasta molto umano. Sempre alla ricerca del Bene nelle persone – o nei cani in questo caso (non è chiaro invece cosa pensi dei gatti …) -, le sue opere si scagliano contro la crudeltà dell’uomo, rendendolo una delle voci più importanti del panorama hollywoodiano contemporaneo.

Di seguito il trailer italiano di L’Isola dei Cani, che uscirà nei nostri cinema solo il 17 maggio:

Bryan Cranston
Bill Murray
Jeff Goldblum
Edward Norton
Bob Balaban
F. Murray Abraham
Tilda Swinton
Scarlett Johansson
Kunichi Nomura
Harvey Keitel
Greta Gerwig
Courtney B. Vance
Akira Ito
Akira Takayama
Koyu Rankin
Frances McDormand
Liev Schreiber
Yoko Ono
Fisher Stevens
Mari Natsuki
Yojiro Noda
Frank Wood
Ken Watanabe
Kara Hayward
Anjelica Huston
Roman Coppola
Nijiro Murakami
Kiyotaka Mizukoshi
Satoshi Yamazaki
Gen Ueda
Takayuki Yamada
Kozue Akimoto
Shota Matsuda
Ryuhei Matsuda
Jun Takahashi
Luli Shioi
Erica Dorn
Chinami Narikawa
Jake Ryan
Elaiza Ikeda
Ikunosuke
Taichi Kodama
Karin Okoso
Edward Bursch
Chris Benz
Alex Orman
J. Wurster
Ryuhei Nakadai
Shin Mononobe
Toy Story 4 (2019) film
Azione & Avventura

Toy Story 4 | La recensione del quarto film della saga, diretto da Josh Cooley

di William Maga

Il regista firma un nuovo capitolo maturo eppure familiare, un sequel di cui non ci eravamo resi conto di avere bisogno

Leggi
Richard Attenborough in Jurassic Park (1993)
Azione & Avventura

Jurassic Park (1993): uno storyboard rivela la cruda fine di John Hammond scartata

di Redazione Il Cineocchio

I piani originari per il personaggio interpretato da Richard Attenborough nel classico di Steven Spielberg erano ben diversi

Leggi
the boys serie amazon 2019
Azione & Avventura

Full trailer per The Boys: imprecazioni, splatter e dark humor per i ‘supereroi’ della serie Amazon

di Redazione Il Cineocchio

Simon Pegg e Karl Urban tra i protagonisti dello show originale che porta sul piccolo schermo in tutto il suo dissacrante splendore il fumetto di Garth Ennis e Darick Robertson

Leggi
Date Masamune statua
Azione & Avventura

Netflix prepara Age of Samurai: Battle for Japan, docu-serie sul daimyō Date Masamune

di Redazione Il Cineocchio

Presto gli abbonati conosceranno la vera storia del temibile e illuminato 'drago con un occhio solo'

Leggi
Rambo II - La vendetta (1985) film
Azione & Avventura

Recensione Story | Rambo 2 – La vendetta di George Pan Cosmatos

di William Maga

A tre anni dal primo capitolo, Sylvester Stallone veniva catapultato in Vietnam in un film che - con un attacco frontale - illustrava sul grande schermo la teoria della 'coltellata alla schiena' ai soldati americani

Leggi
comicsfest oliver onions movieland 2019
Azione & Avventura

Reportage ComicsFest 2019 | Due giorni tra fumetti, Oliver Onions e Movieland

di Sabrina Crivelli

Il resoconto della nostra visita alla rinnovata manifestazione tenutasi nel castello di Villafranca di Verona, del concerto dello storico duo e dell'avventurosa visita al parco dove le attrazioni si ispirano al mondo del cinema

Leggi
Forest Whitaker in Ghost Dog
Azione & Avventura

Jim Jarmusch: “Lavoro con RZA sulla serie TV di Ghost Dog”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del film del 1999 ha rivelato il suo coinvolgimento nel progetto, parlando anche della possibilità di occuparsi della regia

Leggi
Russell Crowe e Sven-Ole Thorsen in Il Gladiatore (2000)
Azione & Avventura

Il Gladiatore 2: il film procede con Ridley Scott; dettagli sull’ambientazione

di Redazione Il Cineocchio

I produttori Walter F. Parkes e Laurie MacDonald hanno anche rivelato il nome dello sceneggiatore chiamato a scrivere il seguito del fortunatissimo lungometraggio del 2000 con Russell Crowe

Leggi
Emmett J. Scanlan lobo tv
Azione & Avventura

Lobo: si fa la serie TV dedicata al mercenario DC; sarà lo spin-off di Krypton

di Redazione Il Cineocchio

Mentre il film della Warner Bros. è ancora nel limbo, SyFy annuncia i dettagli del prossimo show, dedicato interamente allo sboccato cacciatore di taglie intergalattico

Leggi
Stellone Escape Plan The Extractors (2019)
Azione & Avventura

Trailer red band per Escape Plan 3: L’ultima sfida, l’evasione è una questione personale per Sylvester Stallone

di Redazione Il Cineocchio

Nel terzo capitolo della saga action, diretto da John Herzfeld, la star imbastirà una nuova evasione impossibile con Dave Bautista, per salvare l'amata Jaimie King

Leggi
oliver onions villafranca verona 2019
Azione & Avventura

Intervista | Maurizio De Angelis (Oliver Onions): “Oggi non è più divertente fare le colonne sonore”

di Alessandro Gamma

Il musicista, nuovamente in tour per l'Europa col fratello Guido, ci ha parlato di come siano cambiati i tempi, del perché non ha mai scritto nessun pezzo per un film horror e quali sono i tre temi musicali recenti che ha adorato

Leggi
Arnold Schwarzenegger e John Milius in Conan il barbaro (1982)
Azione & Avventura

Tra le pieghe del tempo | John Milius nel 1982 su Conan: “Ispirato da Akira Kurosawa, Miyamoto Musashi e Gengis Khan”

di Redazione Il Cineocchio

Promuovendo il film, il regista e il protagonista Arnold Schwarzenegger parlavano del loro approccio al personaggio, decisamente meno superficiale di quanto sembrasse

Leggi
Azione & Avventura

The Kid | La recensione del western con Chris Pratt e Ethan Hawke

di William Maga

Vincent D'Onofrio torna alla regia per un western che racconta malinconicamente la due facce di una leggenda

Leggi
Scott Adkins e Nick Moran in Avengement (2019)
Azione & Avventura

Avengement | La recensione dell’action crime con Scott Adkins

di Francesco Chello

L'attore britannico picchia come un dannato nel film di Jesse V. Johnson, dimostrando ancora una volta di meritarsi un posto tra i big del genere

Leggi
Domino brian de palma film
Azione & Avventura

Trailer italiano e data di uscita per Domino di Brian De Palma

di Redazione Il Cineocchio

Nel crime thriller del regista 78enne girato in Europa ci sono Nikolaj Coster-Waldau, Guy Pearce e Carice van Houten

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019

Shelter: Addio all'Eden

Shelter: Addio all'Eden

14-06-2019

Il grande salto

Il grande salto

13-06-2019

Soledad

Soledad

13-06-2019

I morti non muoiono

I morti non muoiono

13-06-2019

RECENSIONE

Climax

Climax

13-06-2019

RECENSIONE

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

13-06-2019

Beautiful Boy

Beautiful Boy

13-06-2019

Dicktatorship - Fallo e basta!

Dicktatorship - Fallo e basta!

10-06-2019