Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Prospect | La recensione del film rétro sci-fi di Zeek Earl e Chris Caldwell

6/10 su 286 voti. Titolo originale: Prospect , uscita: 02-10-2018. Regista: Zeek Earl.

Prospect | La recensione del film rétro sci-fi di Zeek Earl e Chris Caldwell

19/10/2018 recensione film di William Maga

Pedro Pascal e la giovane Sophie Thatcher sono la strana coppia al centro di un film di fantascienza dal sapore western, girato con pochi soldi e molto talento

Il film di debutto di Chris Caldwell e Zeek Earl, Prospect – che adatta il loro omonimo e premiatissimo cortometraggio del 2013 – racchiude in sé molti elementi. È una narrazione lo-fi, retro-futuristica. È la storia di una ragazzina arrabbiata e frustrata che si ritrova a crescere molto più in fretta del previsto e che deve trovare la sua vera forza. Ed è una saga western a combustione lenta e moralmente ambigua su due improbabili partner mai sicuri di potersi fidare l’una dell’altro, ma che potrebbero non avere altra scelta. Solo che, al posto dei cappelli da cowboy, indossano tute e caschi spaziali e, invece di aride praterie, vagano per una luna aliena verdeggiante e ammantata di spore tossiche per l’uomo definita ‘la Frontiera’, dove vagano novelli cercatori d’oro e cacciatori di teste. Un preambolo certo piuttosto promettente e intrigante (immaginate un mix tra Il Cavaliere Pallido e Il mio nemico).

Un padre (Jay Duplass, Landline) e sua figlia adolescente, Cee (Sophie Thatcher, la serie The Exorcist), atterrano su una remota luna boscosa (ma non è Endor …) per una pericolosa missione lampo volta a estrarre una preziosissima e introvabile gemma aliena (che si rivela in sostanza una sorta di MacGuffin). Una volta lì, si imbattono loro malgrado in Ezra (Pedro Pascal, Il Trono di Spade), un altro cercatore professionista con intenzioni ben poco pacifiche e un gigantesco aiutante muto e armato. In breve la situazione precipita e le motivazioni e l’affidabilità di ciascuno verranno messe alla prova, mentre la strada verso la navicella che potrebbe riportare tutti a casa si fa sempre più irta di pericoli, tra afflati di avidità e un ambiente tanto selvaggio quanto tossico in cui nessuno vuole rimanere bloccato per sempre.

Prospect è certamente uno di quei casi simbolo in cui da un budget ai limiti dell’irrisorio si riesce a tirare fuori qualcosa di ben oltre le pretese, facendo affidamento sul concept e sull’ingegnosità piuttosto che sui dollari e su effetti speciali di supposto impatto visivo. I set inventivi e naturali, i costumi (ai limiti dell’improvvisato assemblando materiali trovati in una discarica) e il design generale della produzione riportano dritti a un’epoca precedente del cinema di fantascienza. Girato all’interno del rigoglioso Olympic National Park nello stato di Washington con luci sospese e sognanti, le piante sempreverdi, le enormi felci, i muschi e il fogliamo denso e rigoglioso contribuiscono a dipingere un quadro ugualmente familiare e extraterrestre. Quasi ogni elemento appare dicotomicamente sia credibile che fantastico. E questa sensazione si estende anche alla costruzione di quello specifico mondo.

La sceneggiatura di Zeek Earl e Chris Caldwell offre moltissimi spunti, ma in un ambito limitato. I due non cercano infatti di travolgere di informazioni e spiegazioni lo spettatore. Invece, si limitano a fornire soltanto dettagli specifici e ci dicono il poco che dobbiamo conoscere. Accennano a più grandi vedute. Siamo consapevoli che ci sia un mondo vasto e complesso là fuori, ma mentre annuiscono in quella direzione, forniscono uno sguardo concentrato su di una  piccola fetta di quell’universo che sarebbe tutto da esplorare. Ciò che fanno appare ingannevolmente semplice, ma si tratta di una mossa piuttosto complessa e impressionante. In ogni caso, pur importanti che siano la costruzione di nuovi mondi e la floridezza generale – e Prospect è un film visivamente bello da guardare, merito anche della fotografia, curata da Zeek Earl stesso (e talvolta delle musiche) -, sono le performance principali a spiccare.

La praticamente debuttante Sophie Thatcher brilla nei panni del personaggio più forte e autentico della pellicola: ritrae con disinvoltura sia una adolescente frustrata verso il padre che un secondo in comando capace e affidabile in una missione nello spazio profondo. Deve crescere quindi in fretta quando le cose vanno a rotoli, e ci riesce, ma non senza rischiose cadute e battute d’arresto lungo il percorso. Attraverso questo suo personalissimo coming-of-age, la giovane attrice si comporta in modo naturale e sfumato, un’impresa non facile considerando che passa la maggior parte dei 100′ di durata dentro a un’ingombrante tuta e si trova a recitare da dietro una visiera in vetro.

D’altro canto, Pedro Pascal, è ormai diventato garanzia di qualità. In un anomalo survival buddy movie, insieme sprigionano un’eccellente chimica sullo schermo, il che è importante, in quanto Prospect è in gran parte un gioco a due in cui sono letteralmente (col)legati insieme per gran parte del minutaggio. Con un fascino da briccone, il luccichio intrigante nei suoi occhi e la propensione a discorsi melliflui, Ezra si fa strada con l’affabulazione e le chiacchiere stordenti attraverso i feroci abitanti del luogo e una difficile situazione dopo l’altra, senza che Cee o lo spettatore siano mai completamente certi delle sue reali intenzioni o affidabilità.

Imbevuto di irresistibile fascino sinistro e di arguzia, l’attore sembra divertirsi un mondo a interpretare l’ambiguo desperado. Bisogna dire che Prospect avrebbe potuto addentrarsi maggiormente nel rapporto tra Cee ed Ezra: non esplora infatti mai completamente l’interessante dinamica tra pseudo padre e figlia che viene a crearsi. Se la posta in gioco è alta a livello pratico – i due devono sopravvivere agli scontri con diversi antagonisti, arraffare ciò che possono e andarsene da questa roccia il prima possibile -, quella emotiva lascia un po’ a desiderare. Una certa mancanza di investimento sentimentale in tal senso rimane forse la più grande debolezza del film. Ha diverse sequenze emozionanti (persino una ai limiti dell’horror …), e i personaggi che stuzzicano la curiosità, ma manca un gancio più profondo.

Sci-fi eccentrico, idiosincratico, Prospect possiede in definitiva un senso di riverenza ambiziosa verso il genere nonostante le risorse limitate. Trasportato da interpretazioni all’altezza e da grandi idee, questo è di sicuro un promettente biglietto da visita per Chris Caldwell e Zeek Earl.

Di seguito il full trailer di Prospect, che verrà distribuito in alcuni cinema americani il prossimo 2 novembre, mentre più sotto c’è il corto originale:

eva green 300 - L'alba di un impero (2014)
Sci-Fi & Fantasy

30 cose da sapere sull’attrice Eva Green

di Redazione Il Cineocchio

Tutto ciò che dovete conoscere sull'interprete di origini francesi

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Damon Lindelof su Lost: “Previste 3 stagioni; le ABC fece di testa sua. Vi racconto come andarono le cose”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore racconta i contrasti coi vertici della rete e i motivi per i quali la popolare serie peggiorò a vista d'occhio dopo il terzo ciclo di episodi

Leggi
navigator film 1986 disney
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Navigator di Randal Kleiser: viaggiando nello spaziotempo dei sentimenti

di William Maga

Nel 1986 il giovane Joey Cramer era il protagonista di un'avventura sci-fi poco apprezzata al tempo, ma capace di diventare un classico

Leggi
cursed serie netflix 2020
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Cursed (serie Netflix): Nimue sovverte i ruoli del ciclo arturiano

di Redazione Il Cineocchio

Katherine Langford è la futura Dama del Lago nella trasposizione del romanzo fantasy di Tom Wheeler e Frank Miller

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Metropolis (2001): la città retrofuturista e la I.A. secondo Tezuka e Ōtomo

di Sabrina Crivelli

I creatori di Akira e di Astro Boy riscrivevano il capolavoro espressionista di Fritz Lang del 1927 rendendone alla perfezione la visionaria configurazione urbana e trasformandola in una distonia robotica per la regia di Rintaro

Leggi