Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » [recensione] Your Name di Makoto Shinkai

8/10 su 4667 voti. Titolo originale: 君の名は。, uscita: 26-08-2016. Regista: Makoto Shinkai.

[recensione] Your Name di Makoto Shinkai

31/12/2016 recensione film di Alessandro Gamma

Il regista giapponese si addentra nuovamente nelle tematiche che gli sono più care, realizzando la più grandiosa delle sue opere d'animazione

Makoto Shinkai, astro nascente dell’animazione giapponese i cui cui film strazianti e iper-saturi sposano la delicata bellezza di Hayao Miyazaki con la malinconia quotidiana di Yasujiro Ozu, ha sempre gravitato intorno a storie che parlano della distanza tra le persone.

La sua spettacolare opera d’esordio di 22 minuti, un progetto fatto in casa dal titolo Voices of a Distant Star, illustrava lucidamente la preoccupazione del regista per tale distanza e come l’immediatezza della comunicazione moderna ha avuto l’effetto perverso di rendere chiarissimo il nostro isolamento gli uni dagli altri. A tutti gli effetti un anime più convincente (e molto più compatto) precursore di Interstellar, il corto del 2002 metteva in scena una cotta delle scuole superiori dilatata per tutto l’arco di una guerra intergalattica – il ragazzo rimane sulla Terra mentre la ragazza va a combattere gli alieni nello spazio più profondo, ma i loro sentimenti reciproci vengono ben presto stravolti dalla crudeltà della relatività del tempo.

your-name-shinkai-posterQuesto cortometraggio non ha soltanto lanciato la carriera di Shinkai, ma ha anche anticipato le ossessioni che lo avrebbero definito. Che fossero adolescenti infatuati che si muovono ai lati opposti del Giappone (5 cm per second) o una ragazza che si imbarca in un viaggio nella terra dei morti (Viaggio verso Agartha), ciascuno della mezza dozzina di film che Shinkai ha realizzato nei successivi 14 anni si è concentrato su giovani consumati dal dolore della separazione. Ragazzi come Mitsuha, la studentessa di una piccola città al centro di Your Name (君の名は。), che non ha ancora dormito con nessuno ma già vede il mondo come una sorta di sogno condiviso.

La portata del lavoro di Shinkai può essere aumentata un po’ da quando ha fatto Voices of a Distant Star con un Power Mac G4 in casa sua – in aggiunta al buzz da Oscar che ha seguito il premio ricevuto come miglior film d’animazione dell’anno ai Critics Association Awards di Los Angeles, e Your Name è sulla buona strada per diventare il più grande incasso animato di tutti i tempi -, ma è ancora alla ricerca di un modo per riempire i vuoti tra i suoi personaggi.

Ad oggi, questa è la pellicola più vasta di Shinkai (meno epica di alcune altre, ma più espansa), e se pochissimi animatori al mondo sono in grado di realizzare qualcosa di così intelligente o emotivamente vivido, una tela più grande raramente rende più facile trovare ciò che si sta cercando. Basato sull’omonimo romanzo scritto dal regista stesso e riformulando le solite fissazioni attraverso la lente della storia del Giappone, Your Name è un’esperienza inclassificabile, che inizia come un riff ormonale alla Quel pazzo Venerdì, mutando in una versione apocalittica di Il Ritratto di Jennie e riuscendo in qualche modo a sovrapporci allo stesso tempo una storia di scambio di genere del 12° secolo al trauma ancora ben vivo di terremoto e tsunami del Tōhoku del 2011. Se solo non fosse così complesso come sembra …

your-name-shinkai-filmStanca della sua vita nella città lacustre di Itomori, Mitsuha vorrebbe invece poter essere un bel ragazzo di Tokyo (che il film non metta in discussione questo aspetto è uno dei motivi del suo fascino). Taki è un ragazzo, e vive a Tokyo, ma è difficile valutare l’avvenenza di un adolescente animato che sembra definito più dalla sua goffaggine che da qualsiasi altra cosa. Un giorno, a seguito di un evento celeste (il passaggio di una cometa), i due estranei scambiano temporaneamente i loro corpi – ne segue naturalmente un auto-esame piuttosto imbarazzante.

Dato che questo fenomeno continua ad accadere regolarmente e i due lontani liceali presto capiscono cosa sta succedendo, cominciano a lasciarsi messaggi l’uno per l’altra (scrivendoli sulle braccia) e immischiandosi nelle rispettive vite amorose. E’ solo una questione di tempo prima che Taki e Mitsuha pensino a incontrarsi, ma sembrano sempre perdersi, come per un errore di percezione della profondità. Sciocchino ma foderato di tristezza, il filato insolitamente frivolo di Shinkai è intrecciato come i fili di kumihimo al santuario scintoista di Itomori fino a quando, senza preavviso, Taki viene ripiombato di nuovo nel suo corpo, lasciandolo a chiedersi cosa sia successo a quella ragazza che lo conosceva così bene dentro e fuori.

Your Name è dipendente da una serie di rivelazioni sismiche, ma che non piegano così tanto la trama quanto invece la depressurizzano. Improvvisamente, tutta la malinconia che Shinkai aveva tenuto ai margini si precipita verso il centro, come acqua che irrompe attraverso un oblò in frantumi. Dopo un primo tempo elegantemente strutturato che intreccia disparate voci fuori campo e utilizza moltissimi intelligenti espedienti visivi per illustrare i modi in cui vite disparate possono risuonare le une attraverso le altre, la letteralità degli ultimi 60 minuti dell’opera si rivela troppo costrittiva per le idee di Shinkai (e non aiuta che si incagli nel meno interessante dei suoi protagonisti adolescenti).

your-name-makoto-shinkai-animeNon che i vostri occhi ne verranno toccati in qualche modo però. Se le marcate animazioni dei protagonisti sembrano una concessione rispetto ai disegni più freddi dei precedenti lavori di Shinkai, qui si rimane a bocca aperta per un singolo fotogramma a caso più che in tutto Frozen. E Your Name diventa solamente più splendente mano a mano che si fa più grandioso, quando ogni viaggio solitario in treno e i tramonti pervinca luccicano del bagliore agrodolce del rimpianto. Come tutte le pellicole di Shinkai, la ricchezza della luce inonda tutto ciò che tocca con una tonalità di nostalgia così suggestiva che la trama mette solo un freno alle cose (e c’è n’è molta di trama qui). Guardare questi colori sanguinare tra le vite divergenti di Taki e Mitsuha è tutto ciò che vi serve per apprezzare la bellezza di essere insieme in questo mondo, e la tragedia di come questa stessa bellezza sembri sempre scivolare via tra le dita. Anche Shinkai ha lottato trattenerla, ma è sempre almeno un po’ sorprendente vederlo provarci.

Di seguito il trailer italiano di Your Name, che arriverà nei nostri cinema il 23, 24 e 25 gennaio 2017:

Mone Kamishiraishi
Shimazaki Nobunaga
Etsuko Ichihara
Tani Kanon
Aoi Yuki
Kaito Ishikawa
Ryou Narita
Ryunosuke Kamiki
Kazuhiko Inoue
Masami Nagasawa
Masaki Terasoma
Sayaka Ohara
Kana Hanazawa
Klaus I segreti del Natale film netflix
Sci-Fi & Fantasy

Klaus: I segreti del Natale | La recensione del film animato di Sergio Pablos (su Netflix)

di William Maga

Il regista spagnolo, dopo anni di gavetta nei migliori studi, firma il suo primo lungometraggio, una storia delle origini splendidamente disegnata a mano che mescola sapientemente buoni sentimenti e magia delle feste

Leggi
Frank Miller Robocop - Edizione Definitiva saldapress
Sci-Fi & Fantasy

Recensione fumetto | Frank Miller RoboCop – Edizione Definitiva

di Redazione Il Cineocchio

Saldapress raccoglie in un unico mastodontico volume le due storie originariamente scritte dall'autore alla fine degli anni '80 per i due sequel cinematografici, poi scartate per l'eccessiva violenza

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Apocalittici e doppi: il lascito di Philip K. Dick

di William Maga

Nei racconti dello scrittore scomparso nel 1982 l'uomo vive in un presente già devastato dal futuro. Dai replicanti di Blade Runner ai ricordi di Atto di forza: nessun eroe, solo 'duplicati'

Leggi
sam neill punto di non ritorno
Sci-Fi & Fantasy

Video | Sam Neill su Punto di Non Ritorno: “Film diverso da quello che girammo; infernali le 8 ore di trucco”

di Alessandro Gamma

Il protagonista del film di Paul W.S. Anderson del 1997 ha parlato della director's cut 'impossibile del fanta-horror e delle difficoltà patite sul set

Leggi
Emma Roberts in Paradise Hills (2019) film
Sci-Fi & Fantasy

Paradise Hills | Recensione del film con Emma Roberts e Milla Jovovich (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La regista spagnola Alice Waddington esordisce con un fanta-thriller che affascina molto nella curatissima estetica, preoccupandosi pochissimo della sostanza della sceneggiatura

Leggi
the tomorrow war film 2020
Sci-Fi & Fantasy

The Tomorrow War: Chris Pratt soldato contro gli alieni nella prima immagine; la trama

di Redazione Il Cineocchio

Ci saranno Yvonne Strahovski e J.K. Simmons al fianco dell'attore nell'action sci-fi diretto da Chris McKay

Leggi
tony wolf spazio wow milano
Sci-Fi & Fantasy

Video | Visita alla mostra ‘Lupus in fabula’ dedicata a Tony Wolf (Spazio WOW)

di Alessandro Gamma

Un viaggio tra le oltre 100 coloratissime - e dettagliatissime - illustrazioni dell'artista, alla (ri)scoperta del 'misterioso' e prolificissimo Antonio Lupatelli

Leggi
Cappella di Bethléem, dove i gargoyle sono Gremlins e Goldrake (5)
Sci-Fi & Fantasy

Il ‘non’ mistero della cappella di Bethléem, dove tra i gargoyle ci sono i Gremlins e Goldrake

di Redazione Il Cineocchio

Il curioso caso dell'edificio sacro situato nella regione della Loira Atlantica, in Francia, dove tra i pinnacoli fanno capolino anche insospettabili mostri della cultura pop cinematografica e televisiva

Leggi
Karl Urban in Dredd (2012) film
Sci-Fi & Fantasy

Rivisti Oggi | Dredd – Il Giudice dell’Apocalisse di Pete Travis (o Alex Garland?)

di Francesco Chello

Dopo 7 anni di 'oblio', il film con Karl Urban nei panni del poliziotto più severo e temuto di Mega-City One trova finalmente una distribuzione italiana

Leggi
l'orrore di dunwich h. p. lovecraft libro
Sci-Fi & Fantasy

Elijah Wood: “Faccio il film di L’orrore di Dunwich; penso a una trilogia su H. P. Lovecraft”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo Il colore venuto dallo spazio, il regista Richard Stanley potrebbe dirigere anche il nuovo ambizioso progetto

Leggi
color out of space film stanley
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Color Out of Space: Nicolas Cage vittima dell’ineffabile colore venuto dallo spazio

di Redazione Il Cineocchio

Richard Stanley torna in regia dopo una lunghissima assenza per adattare il noto racconto fanta-horror del 1927 di H. P. Lovecraft

Leggi
terminator destino oscuro linda hamilton film
Sci-Fi & Fantasy

Tim Miller sul ruolo di John Connor in Destino Oscuro: “Vi spiego quella decisione; due ottimi motivi”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista parla della controversa scena di apertura del sesto capitolo della saga di Terminator, raccontando quanto fosse necessaria per la trama e per Sarah

Leggi
tenet film nolan 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Tenet: spionaggio e viaggi nel tempo nel film di Christopher Nolan

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti del misteriosissimo progetto da 225 milioni di dollari ci sono John David Washington, Robert Pattinson, Michael Caine e Kenneth Branagh

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

La La Land | La recensione del film di Damien Chazelle

di Teresa Scarale

Emma Stone e Ryan Gosling sono i protagonisti di una struggente storia d'amore a tempo di jazz. E le stelle di Los Angeles stanno a guardare

Leggi
His Dark Materials queste oscure materie serie HBO 2019
Sci-Fi & Fantasy

Trailer preview per Queste Oscure Materie: James McAvoy alle prese coi daimon nella serie HBO

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Dafne Keen, Lin-Manuel Miranda e Ruth Wilson nell'adattamento TV della trilogia fantasy scritta da Philip Pullman

Leggi
Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE