Home » Cinema » Horror & Thriller » Spieghiamo Madre! e il suo finale (con l’approvazione di Darren Aronofsky)

Titolo originale: mother!, uscita: 13-09-2017. Budget: $30,000,000. Regista: Darren Aronofsky.

Spieghiamo Madre! e il suo finale (con l’approvazione di Darren Aronofsky)

26/09/2017 news di Redazione Il Cineocchio

Chi sono davvero i personaggi di Jennifer Lawrence e Javier Bardem e cosa rappresentano?

Fin dalla prima proiezione alla Mostra del Cinema di Venezia, Madre! (mother!) di Darren Aronofsky (la nostra recensione) è apparso come un film controverso, capace di spaccare in due critica e pubblico, non tanto per le interpretazioni dei protagonisti Jennifer Lawrence e Javier Bardem, quanto per la mezz’ora finale, probabilmente troppo stratifica e poco riuscita per essere pienamente goduta da tutti come il regista aveva invece auspicato.

madre! locandinaProprio su questi caotici avvenimenti vogliamo soffermarci e sul significato più generale del film. SPOILER ALERT. Dopo il “diluvio” (cioè la rottura del lavandino), il personaggio della Lawrence – senza nome – rimane incinta e lei e il poeta vivono un’esistenza pacifica dopo aver esiliato gli “intrusi”. Una volta che il poeta finisce però il suo nuovo poema, un’orda di sconosciuti ripiomba nella casa, acclamandolo con lodi e acclamazioni. Il nuovo poema qui un’analogia al Nuovo Testamento della Bibbia e Madre! a questo punto scorre rapidamente attraverso un “greatest hits” dell’esistenza dell’umanità, concentrandosi principalmente su guerra, violenza e sulla creazione della religione.

Quando finalmente giunge il momento per la Lawrence di far nascere il loro bambino, lei e il poeta si ritirano nel suo ufficio al piano superiore, che è fondamentalmente il Giardino dell’Eden / Paradiso. La madre partorisce, ma rifiuta di lasciare che il poeta prenda il bambino e lo porti in mezzo agli spettatori adoranti al piano inferiore. Purtroppo, poiché la privazione del sonno ha alla fine la meglio su di lei, il poeta le strappa il bambino dalle braccia e lo dà alla gente. Il bambino, in questo caso, è Gesù Cristo. Coloro che hanno familiarità con il Nuovo Testamento sanno cosa sarebbe venuto dopo: il poeta dà il suo bambino alla gente, che poi lo uccide. La madre è sconvolta, addirittura impietrita quando le persone iniziano a mangiare il bambino mentre piangono (ovvero consumare il corpo di Cristo come nella Comunione, durante la quale si ricorda appunto il sacrificio del figlio di Dio per i nostri peccati).

madre! aronofsky filmLa madre viene calpestata e picchiata ferocemente, quasi fino a ucciderla, prima che riesca a divincolarsi. Il parallelo è qui con l’umanità che uccide il pianeta (cioè Madre Natura) e mentre stiamo sempre più sperimentando il cambiamento climatico, Madre Natura reagisce e si ribella. Il personaggio della Lawrence urla di terrore, scuotendo le fondamenta della casa (cioè la Terra), prima di correre verso lo scantinato, dove scatena del tutto la sua ira. Non a caso, un bidone di cherosene come sua arma (ossia l’industria del combustibile fossile) e dà fuoco a tutto, uccidendo così l’intera l’umanità.

Il poeta, essendo Dio / creatore e quindi immortale, sopravvive e porta la madre gravemente ustionata al piano di sopra. Lei protesta, chiedendogli di fermarsi, ma lui procede, aprendole il ​​petto ed estraendo un altro cristallo uguale a quello che i personaggi di Ed Harris e Michelle Pfeiffer (ovvero Adamo ed Eva, i cui figli Domhnall e Brian Gleeson sono evidentemente specchio di Caino e Abele) avevano infranto tempo prima [metafora del ‘frutto proibito’ da non toccare]. È qui che il cupo finale si presenta in tutto il suo potenziale, in quanto scopriamo che la Madre della Lawrence altro non era se non semplicemente una delle tante ‘Terre’ che Dio ha creato. La Madre della Lawrence lo supplica di smettere, avvertendo che l’umanità continuerà a fare quello che ha fatto per sempre: rivoltarsi contro il suo Creatore, contro sé stessa e naturalmente contro la Terra. Ma lui si sforza di creare ancora una volta e così prende il cristallo nella stanza al piano superiore, lo pone nel suo piedistallo e la casa si ‘ripristina’ e una nuovissima Madre si sveglia nel letto, ignara di essere la prossima iterazione del ciclo.

madre aronofskiUn po’ a sorpresa, e diversamente da altri registi, Aronofsky non ha avuto problemi a discutere della sua idea, dichiarando apertamente che si tratta proprio di un’interpretazione diretta della Bibbia:

Ci sono elementi completamente biblici che mi hanno sorpreso – alcune persone li hanno colti immediatamente, altre non ne hanno avuto idea, e penso dipenda esclusivamente dal modo in cui siano state educate. La struttura per il film è stata la Bibbia, utilizzandola come un modo per discutere di come gli esseri umani hanno vissuto qui sulla Terra. Ma doveva essere anche ambigua, perché non è una storia, è qualcosa di più strutturale. Molte persone non stanno guardando il quadro completo, ci sono molte piccole cose ed Easter Eggs e su come le cose si collegano tra di loro, e penso che sia parte del divertimento di eviscerare il film. Ho iniziato con le tematiche, l’allegoria; ho voluto raccontare la storia di Madre Natura dal suo punto di vista. Mi sono anche reso conto che renderla una persona che si occupa della sua casa e che si occupa del suo uomo creava un legame, che c’era una connessione. Quindi, questo è il tema da cui sono partito, ho scritto la storia, che è diventata una storia molto umana su questa coppia che viene invasa da queste orde. E poi mentre giri un film ritorni sempre a quei temi originari e inizi a capire: ‘Bene, come posso esprimere questa cosa visivamente e acusticamente con tutti i diversi strumenti che ho a disposizione come regista?’ Quindi è qualcosa di circolare più o meno.

madre aronofskyAnche la Lawrence ha spiegato direttamente di cosa parla il film:

Rappresenta la violenza e il tormento della Madre Terra. Non è per tutti. È un film duro da guardare. Ma è importante per la gente capisca l’allegoria che abbiamo inteso. Che sappiano che io rappresento la Madre Terra e che Javier, il poeta, rappresenta una forma di Dio, un creatore; Michelle Pfeiffer è una Eva per l’Adamo di Ed Harris, ci sono Caino e Abele e l’ambientazione a volte richiama il Giardino dell’Eden.

Soddisfatti?

Di seguito il full trailer in italiano e in inglese di Madre!, nei cinema italiani dal 28 settembre:

Fonte: Collider

Jennifer Lawrence
Domhnall Gleeson
Javier Bardem
Michelle Pfeiffer
Ed Harris
Cristina Rosato
Patricia Summersett
Jovan Adepo
Brian Gleeson
Alain Chanoine
Xiao Sun
Marcia Jean Kurtz
Mercedes Leggett
Hamza Haq
Gregg Bello
Stanley B. Herman
Sabrina Campilii
Amanda Chiu
Eric Davis
Raphael Grosz-Harvey
Emily Hampshire
Abraham Aronofsky
Luis Oliva
Stephanie Ng Wan
Stephen McHattie
Ambrosio De Luca
Arthur Holden
Henry Kwok
Alexander Bisping
Koumba Ball
Robert Higden
Elizabeth Neale
Scott Humphrey
Anton Koval
Carolyn Fe
Pierre Simpson
Mylene Savoie
Gitz Crazyboy
Shaun O'Hagan
Mizinga Mwinga
Genti Bejko
Andreas Apergis
Julianne Jain
Julien Irwin Dupuy
Bronwen Mantel
Amanda Warren
Mason Franklin
Laurence Leboeuf
Sarah-Jeanne Labrosse
Deena Aziz
Chloë Bellande
Adam Bernett
Izabela D?browska
Bineyam Girma
Hamza Haq
Oliver Koomsatira
Vitali Makarov
Danny MAlin
Serge Martineau
Fred Nguyen
Daniela Sandiford
Xiao Sun
Nathaly Thibault
Melissa Toussaint
Kristen Wiig
Kimberly Laferriere
leatherface non aprite quella porta 1974
Horror & Thriller

Non Aprite Quella Porta: Fede Alvarez produce il reboot; c’è lo sceneggiatore

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 8 film nell'arco di 45 anni, Leatherface e la sua motosega sono ancora lontani dalla pensione

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per V Wars, serie Netflix coi vampiri e Ian Somerhalder

di Redazione Il Cineocchio

Il primo tomo della saga fanta-horror scritta da Jonathan Maberry arriva sul piccolo schermo dopo una discreta attesa

Leggi
zombieland doppio colpo film Zoey Deutch
Horror & Thriller

Ruben Fleischer: “Sogno lo spin-off di Zombieland con Zoey Deutch”

di Redazione Il Cineocchio

La svampita Madison ha fatto breccia nel cuore del regista e degli spettatori

Leggi
L'inquilino del terzo piano (1976) Isabelle Adjani e Roman Polanski
Horror & Thriller

Recensione story | L’inquilino del terzo piano di Roman Polanski

di William Maga

Nel 1976 il filmmaker dirigeva - e interpretava, accanto a Isabelle Adjani e Melvyn Douglas - un thriller psicologico capace di serpeggiare negli anfratti della paranoia e negli anditi dell'assurdo

Leggi
la bambola assassina 2019 + the field guide to evil bluray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | La Bambola Assassina (2019) + The Field Guide to Evil

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del reboot diretto da Lars Klevberg con Aubrey Plaza e dell'antologia a tema folk horror con registi di mezzo mondo

Leggi
Creatures film 2020
Horror & Thriller

Poster e trama per Creatures, horror natalizio con mostri artigianali

di Redazione Il Cineocchio

A curare gli effetti pratici del film di Tony Jopia ci saranno gli esperti già dietro alla serie Dark Crystal: la resistenza

Leggi
bill murray zombieland 2
Horror & Thriller

Zombieland – Doppio Colpo: nella prima sceneggiatura la reunion dei 4 storici Ghosbusters

di Redazione Il Cineocchio

Gli altri acchiappafantasmi Dan Aykroyd, Harold Ramis ed Ernie Hudson avrebbero dovuto incontrare Bill Murray nel sequel diretto da Ruben Fleischer, ma le condizioni sono poi cambiate

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per The Confession Killer, docu-serie di Netflix sul controverso omicida Henry Lee Lucas

di Redazione Il Cineocchio

I registi Robert Kenner e Taki Oldham ripercorrono le vicende giudiziarie del notissimo omicida seriale, scavando tra contraddizioni e falle del sistema giudiziario americano

Leggi
Horror & Thriller

Ted Bundy – Fascino criminale | La recensione del film di Joe Berlinger con Zac Efron

di Sabrina Crivelli

Joe Berlinger prende una storia nota e portata al cinema già in tutte le salse provando a darne un'inedita - e improbabile - chiave di lettura fallendo su tutta la linea, non aiutato dagli interpreti (tra cui Lily Collins e John Malkovich)

Leggi
Robert Englund in Nightmare dal profondo della notte film (1984)
Horror & Thriller

Recensione story | Nightmare – Dal profondo della notte di Wes Craven

di Sabrina Crivelli

Nel 1984, il regista sconvolgeva per sempre il sonno - e i sogni - di milioni di appassionati, girando il capostipite di una longeva saga horror incentrata sul boogeyman Freddy Krueger, incarnato con maestria da Robert Englund

Leggi
sono solo fantasmi film 2019
Horror & Thriller

Sono Solo Fantasmi | La recensione del film di – e con – Christian De Sica

di Alessandro Gamma

Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi sono i comprimari di un'opera che sotto il becero velo del fu cinepanettone nasconde un inaspettato omaggio alla figura paterna di Vittorio De Sica

Leggi
Horror & Thriller

Motherless Brooklyn – I Segreti di una città | Recensione del film noir di – e con – Edward Norton

di William Maga

La star 50enne porta al cinema l'adattamento del romanzo di Jonathan Lethem, mantenendosi estremamente ligio agli stilemi del genere noir e catalizzando su di se tutta l'attenzione

Leggi
Horror & Thriller

Dove la terra trema | Recensione del film di Wash Westmoreland con Alicia Vikander (su Netflix)

di William Maga

Il regista dirige l'adattamento del romanzo di Susanna Jones, optando per uno 'studio del personaggio' piuttosto che su un thriller ossessivo in senso classico

Leggi
countdown film horror 2019
Horror & Thriller

Countdown | Recensione del film horror di Justin Dec con la App che predice l’ora della morte

di William Maga

Il regista pesca da Final Destination e da The Ring per costruire una malandata opera derivativa PG-13 che spaventa poco e diverte meno

Leggi
Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE