Home » Cinema » Horror & Thriller » The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

6,5/10 su 10 voti. Titolo originale: The Toll , uscita: 03-09-2020. Regista: Michael Nader.

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

15/10/2020 recensione film di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

The toll main

Il ride sharing suscita, forse anche solo inconsciamente, pensieri sinistri, una sensazione di pericolo. Chi sarà davvero il mio autista di Uber? E se fosse un malintenzionato a caccia della sua prossima vittima? Pervasa da simili paure, Cami (Jordan Hayes), la protagonista di The Toll di Michael Nader, sale così sulla macchina di Spencer (Max Topplin). Infatti, a raccogliere la ragazza sarebbe dovuto venire il padre, da cui lei è in visita, ma il suo volo aereo ha avuto un notevole ritardo ed è atterrato nel mezzo della notte. Se poi Cami è già di per sé angosciata dalla situazione, a peggiorare il tutto ci si mette la sua destinazione, un ranch nel bel mezzo del nulla. Non solo, il suo driver ha qualcosa di inquietante. Non si tratta di ciò che dice, ma del modo in cui lo fa.

THE TOLL POSTERSpencer inizia a fare conversazione e, come prima cosa, da perfetto stalker, sottolinea quanto gli piaccia la foto del profilo di lei. All’inizio di The Toll, peraltro, lo abbiamo visto scorrere sulla App del servizio diversi possibili clienti e scegliere accuratamente, e un po’ morbosamente, proprio lei (con tanto di mimica ‘da maniaco’). Tuttavia, questo Cami non lo sa, ma prova lo stesso una sensazione di disagio. Ancor peggio, emerge che lui è un cacciatore specializzato nell’uso di arco e frecce e, alla domanda della passeggera su che tipo di animali preferisca, l’uomo asserisce “Cervi … umani …” per poi ridere e dire che è uno scherzo. Insomma, la percezione che Spencer costituisca una minaccia non è poi tanto immotivata. Quindi è comprensibile che, quando lui imbocca una stradina poco segnalata che si addentra in mezzo ai boschi alle 3.00 di notte, Cami sia parecchio preoccupata.

L’inizio di The Toll ci induce a pensare a un serial killer a caccia della sua prossima sprovveduta preda, ma non è così, o almeno non del tutto. Michael Nader (al suo debutto alla regia di un lungometraggio) ci porta infatti sapientemente – e più volte – a credere che Spencer sia un predatore – a partire dal preambolo in macchina -, e tale dubbio persiste in effetti lungo l’intera storia. Eppure, da un certo momento in poi, il centro del discorso e la minaccia principale cambiano esponenzialmente.

Da thriller psicologico, The Toll diventa allora d’improvviso un horror paranormale, e questo secondo livello narrativo è decisamente meno convincente del primo.

Da un lato, difatti, la tensione continua a essere costruita sul sospetto. Cami intravvede innumerevoli indizi di colpevolezza, ma ogni volta questi vengono smentiti, o quantomeno sono spiegabili in maniera più o meno logica. Spencer, da parte sua, è decisamente singolare, ma non per forza pericoloso. Lui stesso ammette che le sue capacità relazionali sono scarsissime e, per questo motivo, risulta strano, a tratti inquietante. Le sue azioni, però, fanno pensare che sia, al contrario, un bravo ragazzo. Quando, dunque, la macchina si spegne nel mezzo del nulla, su una strada secondaria e salta il GPS, inizialmente Cami sospetta l’abbia fatto apposta, ma poi una delle sinistre presenze entrano in scena.

THE TOLL 2Dall’altro, siamo proiettati in un bosco spettrale alla Blair Witch Project da cui è impossibile scappare (il nostro speciale sulla leggenda della strega che ha ispirato il primo film). Al suo interno abita il ‘Toll Man’ del titolo, che imprigiona in uno spazio parallelo i due protagonisti e, come il nome (‘toll’) suggerisce, richiede un tributo / pedaggio. Per ottenere ciò che vuole, la misteriosa creatura, che intravvediamo solo in sfuggenti apparizioni, crea in Cami e Spencer la solita gamma di allucinazioni basate su ricordi e sulle loro paure più profonde. Le leve emotive sono sempre le medesime: un trauma, una questione irrisolta e una sinistra capanna in mezzo al nulla… nulla, insomma, che non abbiamo già visto in horror come The Ritual di David Bruckner (la nostra recensione), con cui The Toll tra l’altro condivide anche l’ambientazione boschiva.

Le entità fantasmatiche (il creature design non è particolarmente innovativo o visionario, ma comunque efficace) e diversi jumpscare fanno innegabilmente il loro lavoro nel far sobbalzare lo spettatore durante gli 80 minuti complessivi. Inoltre, nonostante lo sviluppo sia concentrato sui due protagonisti, il ritmo è mantenuto alto e non ci sono mai momenti di eccessiva stagnazione, complici le continue apparizioni (di persone fisiche e non) che scandiscono lo sviluppo e portano avanti il racconto. Certo, alcune di queste, come una vecchia col trattore che fornisce pure uno spiegone, sono improbabili e al limite del grottesco, ma in linea di massima l’impalcatura generale regge.

Ciò si deve al vero punto di forza di The Toll: il gioco psicologico incentrato sull’ambiguità di Spencer, la duplice psicologia del quale Max Topplin riesce perfettamente a rendere. Anche quando veniamo proiettati in una realtà parallela, la natura dell’uomo viene continuamente messa in discussione. Addirittura, lo stesso Toll Man usa i timori che Cami ha nei suoi confronti per confonderla … o forse sta solo cercando di ‘ammonirla’?

Insomma, il susseguirsi di colpi di scena e il continuo generare aspettative poi prontamente disattese basandosi su note dinamiche di genere divengono il motore pulsante di quello che altrimenti sarebbe stato il solito horror paranormale con il boogeyman di turno. E non è comunque poco.

Di seguito trovate il trailer ufficiale di The Toll:

 

Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi