Home » TV » Horror & Thriller » Kingdom (stagione 1) | La recensione della serie coreana di Netflix con gli zombi

8/10 su 128 voti. Titolo originale: ??, uscita: 25-01-2019. Regista: Kim Seong-hun. Stagioni: 3.

Kingdom (stagione 1) | La recensione della serie coreana di Netflix con gli zombi

31/01/2019 recensione serie tv di Sabrina Crivelli

Il regista Kim Seong-hun riesce nel non semplice compito di dirigere un perfetto connubio tra intricato dramma in costume e horror coi non morti

Kingdom serie Netflix

Kingdom (Hangul: 킹덤; RR: Kingdeom) adattamento per il piccolo schermo del webcomic The Kingdom of the Gods creato da Kim Eun-hee e disegnato da Yang Kyung-il, nonché seconda produzione originale Netflix coreana, è approdato da poco sulla piattaforma streaming (dal 25 gennaio), e ci ha affascinati e tenuti col fiato sospeso per tutti i suoi 6 episodi, proiettandoci in un antico regno scosso da fame, intrighi di palazzo e … zombi.

kingdom serie netflix posterSceneggiata da Kim Eun-hee (Signal) e diretta Kim Seong-hun (Tunnel) (la nostra intervista esclusiva al regista), è ambientata nella Corea imperiale durante la dinastia Joseon. Il sovrano si è gravemente ammalato di un misterioso male, nessuno può avvicinarsi a parte pochi eletti per volere della sua giovane moglie, la regina Cho (Kim Hye-jun) (che è in stato avanzato di gravidanza) e del primo ministro Jo Hak-joo (Ryu Seung-ryong). Nemmeno al principe ereditario, Lee Chang (Ju Ji-hoon), viene concesso di vedere il padre, fatto che suscita in lui non pochi sospetti e preoccupazioni. Intanto, alcuni manifesti diffondono la voce che il monarca sia morto e al contempo a corte iniziano a verificarsi fatti sinistri.

Per riuscire a comprendere cosa stia davvero succedendo, Lee Chang, accompagnato dal fido Mu-yeong (Kim Sang-ho), decide di partire verso sud, alla volta di Jiyulheon, dove sembra nascondersi il medico reale, unico a sapere forse la verità. Tuttavia, arrivati a destinazione, i due incontrano dell’infermiera Seo-bi (Bae Doo-na), da cui scoprono che è esplosa una terrificante pandemia, i cui infetti tornano come zombie durante la notte e divorano chiunque incrocino lungo la loro strada. Da cosa sarà nata questa letale epidemia? Sarà collegata con quanto avviene a palazzo? Il principe – insieme ai suoi compagni d’avventure- intraprenderà un viaggio per svelare ogni mistero, rivelare i piani malvagi di  Jo Hak-joo e della regina e riconquistare il trono che gli spetta.

kingdom serie netflixPuò un dramma coreano in costume coesistere con uno zombie movie senza risultare ridicolo? Se dalla lontana terra asiatica sono giunti da qualche anno a questa parte diversi horror incentrati sui non morti decisamente entusiasmanti, primo tra tutti l’ottimo Train to Busan di Yeon Sang-ho (la nostra recensione), l’esperimento di collocare il filone in un diverso periodo storico è indubbiamente rischioso, se non altro poiché in tal caso è necessario armonizzare elementi e convenzioni narrative appartenenti a tipologie filmiche molto differenti. Eppure, questa ibridazione è perfettamente riuscita in Kingdom: da un lato possiamo infatti apprezzare alcuni tratti tipici del film storico, come i dettagliati costumi, le ricostruzioni lussureggianti degli ambienti cortigiani, come quelle più misere delle case contadine e – sopra ogni cosa – una trama costellata di intrighi politici, macchinazioni, scontri a spada, ma anche con armi da fuoco (siamo plausibilmente già in periodo sei-settecentesco, dacché viene citata la sconfitta e ritirata dei giapponesi).

Dall’altro, gli assalti dei famelici appestati e redivivi, che come un’onda anomala invadono le strette stradine fangose, accrescono sapientemente il livello di tensione. Inoltre, se la scelta degli abiti di scena, dell’aristocrazia come del popolo, ha un certo impatto visivo, non è da meno il make-up prostetico utilizzato per i cadaveri rianimati, macilenti al punto giusto. Gli effetti pratici, che prevedono la resa meticolosa di intestini fuoriusciti, dita mozzate, carni strappate a morsi e teste tagliate di netto, sono un ulteriore pregio, insieme alla coreografia e ai movimenti di macchina che catturano le scene collettive, con tanto di attacchi in massa, inseguimenti e scontri vari (come quello in apertura dell’episodio 4). Indubbiamente, il sostanzioso budget a disposizione (circa 1.78 milioni di dollari milioni per episodio) ha permesso di raggiungere una qualità non indifferente su tutti i fronti.

Doona Bae in Kingdom (2019) NetflixNon si tratta tuttavia solo di estetica e narrazione. Altro elemento davvero interessante è il sottotesto sociologico che a latere si accompagna agli eventi principali. La zombificazione è effetto della fame e della povertà del popolo. Sin dal secondo episodio di Kingdom emerge proprio questa terribile verità. I potenti, indifferenti alle vicissitudini di chi governano, sono sovente tratteggiati come spietati arrampicatori disposti a tutto, come nel caso della regina Cho e di Jo Hak-joo, oppure hanno contorni satireschi, ridicoli e insieme agghiaccianti nella loro stolida e disarmante inadeguatezza, come del neoeletto magistrato Cho Beom-pal (Seung-ryong Ryu) e del suo seguito, che di fronte a una crisi collettiva si limita a chiudere le porte delle fortificazioni e a lasciare tutti fuori, oppure a scappare su una nave.

All’opposto, i sudditi, cenciosi e affamati, cercano come possono di sopravvivere, arrivando perfino al cannibalismo, anche prima della trasformazione. Dettaglio interessante, vi è una netta opposizione cromatica a caratterizzare i diversi strati sociali e gli ambienti in cui vivono, la predominanza di colori accesi quali il porpora, l’oro e i toni dei blu e dei viola denotano l’aristocrazia, mentre gli ocra, i grigi e il bianco sporco i sudditi, creando un’immediata opposizione tra opulenza degli uni, e miseria degli altri anche a livello coloristico, tonale.

Proprio come paladino dei deboli, emerge il principe ereditario che, in un forzato percorso di formazione all’esterno della sua gabbia dorata, si ritrova a scontrarsi con la realtà, comprende appieno l’importanza del suo ruolo e trova una nuova forza di affrontare le insidie molteplici che lo aspettano. Nel delineare la parabola interiore del personaggio, più che discreta è la performance di Ju Ji-hoon, che unisce un portamento reale all’alternanza tra momenti di vacillamento e altri di grande autorevolezza e sicurezza.

Kim Hye-jun, rende perfettamente l’indole algida della regina, dai cui freddi occhi traspare ogni tanto un istante di terrore, d’incertezza, subito taciuti, affiancata dal crudele e impassibile Jo Hak-joo, che Ryu Seung-ryong incarna altrettanto bene. Poi ci sono le incursioni delle spalle semi-comiche, il grottesco Cho Beom-pal interpretato dal vivace Seung-ryong Ryu, e il coraggioso e insieme ridicolo Mu-yeong, incarnato da Kim Sang-ho, i cui due personaggi indulgono però forse eccessivamente nel farsesco, almeno in certi passaggi; ovvia è la loro funzione di stemperare la tensione, ma a volte risultano stridenti.

In definitiva, Kingdom è una serie che riesce a coinvolgere e che si guarda tutta d’un fiato fino all’epilogo aperto, in un cliffhanger che lascia un po’ basiti, ma che ci porta di sicuro a desiderare di vedere quanto prima gli episodi della seconda stagione (la cui produzione inizierà a giorni).

Di seguito il trailer internazionale:

Bae Doo-na
Ju Ji-hoon
Ryu Seung-ryong
Kim Sang-ho
Huh Joon-ho
Kim Sung-kyu
Jun Suk-ho
Kim Hye-jun
Jung Suk-won
Jin Sun-kyu
28 settimane dopo imogen
Horror & Thriller

Imogen Poots su 28 Mesi Dopo: “Pronta a partecipare; è stato il mio primo amore”

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice del primo sequel del 2007 sarebbe entusiasta di prender parte al nuovo film, e ha spiegato le ragioni della sua affezione al franchise

Leggi
La morte ti fa bella film goldie
Horror & Thriller

Recensione story | La morte di fa bella di Robert Zemeckis

di William Maga

Nel 1992, il regista si affidava a Goldie Hawn, Meryl Streep e Bruce Willis, per girare una commedia horror intrisa di echi faustiani che faceva satira sul mondo del cinema hollywoodiano

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Skin Walker: Udo Kier perde la pazienza e impugna un martello

di Redazione Il Cineocchio

L'attore 75enne tra i protagonisti dell'horror psicologico dalle atmosfere anni '70 diretto dall'esordiente da Christian Neuman

Leggi
The Wretched film 2020
Horror & Thriller

Trailer per The Wretched: una strega millenaria cancella le vite di una famigliola

di Redazione Il Cineocchio

Brett e Drew Pierce tornano sulle scene con un horror che strizza l'occhio al classico Ammazzavampiri

Leggi
A Nun's Curse film 2020