Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » Westworld 3: il finale di stagione spiegato da Jonathan Nolan e Lisa Joy

Titolo originale: Westworld , uscita: 02-10-2016. Stagioni: 4.

Westworld 3: il finale di stagione spiegato da Jonathan Nolan e Lisa Joy

10/05/2020 news di Redazione Il Cineocchio

Dalle azioni di Dolores ai piani di Rehoboam, i due showrunner della serie HBO raccontano un po' di retroscena della resa dei conti vista nel season finale, Crisis Theory

westworld Crisis Theory Rehoboam serie 2020

Il finale della stagione 3 di Westworld – Dove tutto è concesso è stato trasmesso da pochi giorni e, come sempre nel caso della serie HBO, ha lasciato gli spettatori spiazzati e con molto domande a cui trovare una risposta. La rete ha già ordinato una quarta stagione, quindi i fan possono riposare tranquillamente sapendo che molti, molti cliffhanger saranno risolti prima o poi. Inoltre, gli showrunner Jonathan Nolan e Lisa Joy hanno riferito di avere un piano per realizzare sei stagioni dello show, il che significa che siamo solamente a metà strada della storia.

In ogni caso, proprio come nella recente Devs di Alex Garland (la recensione), l’episodio finale della terza stagione di Westworld, intitolato Crisis Theory, è certamente andato al sodo del conflitto tematico centrale della serie: esiste il libero arbitrio?

Questa domanda è stata posta ai ‘padroni di casa’ nelle stagioni 1 e 2, quando Dolores (Evan Rachel Wood) ha cercato di staccare i suoi amici dai loro loop. Ma, quando Dolores e Co. si sono scatenati nel mondo reale nella season 3, quella domanda portante è stata posta agli essere umani. In effetti, abbiamo appreso in questa stagione che questo mondo è controllato dagli algoritmi di una gigantesco Intelligenza Artificiale chiamato Rehoboam, un sistema che predice ogni possibile scenario e ha messo l’umanità sulla rotta ‘giusta’ per il suo miglior futuro possibile. Almeno così siamo stati portati a credere.

westworld Crisis Theory serie 2020In un nuovo video del dietro le quinte, Jonathan Nolan e Lisa Joy hanno fatto un po’ di chiarezza, fornendo qualche spiegazione su alcuni punti della storia, con la seconda che fa notare come in questa stagione di Westworld abbiano voluto gettare una ‘occhiata’ sugli umani:

In questa stagione abbiamo voluto distogliere lo sguardo da come una I.A. potrebbe essere simile agli umani e rivolgerlo su come gli esseri umani sono abbastanza simili a una I.A.

In effetti, il nuovo amico umano di Dolores, Caleb (Aaron Paul), era bloccato nel suo stesso loop creato da Rehoboam, ma a quanto scopriamo, l’uomo è uno dei tanti che il Rehoboam ritiene un “outlier” – qualcuno che non può essere ‘previsto’. Serac (Vincent Cassel) e Rehoboam organizzano così un piano per rimuovere questi ‘valori’ anomali dall’equazione invece di consentire loro di far deragliare l’algoritmo.

Jonathan Nolan ha spiegato:

La data science può dirci moltissimo su chi siamo. Il problema – ovviamente – è che non puoi davvero prevedere tutti i diversi pezzi di un puzzle. Supponiamo che il 99% della razza umana sia facilmente prevedibile. Ciò lascia ancora diversi milioni di persone che sono più difficili da prevedere. Conosciamo tutti gente così. Persone che non si adattano. Cosa facciamo con quelle persone?

Lisa Joy continua, sostenendo che Rehoboam toglie il libero arbitrio dall’equazione:

Rehoboam deve eliminare questi valori anomali dall’equazione. Le conseguenze sono devastanti. Potresti avere un ordine, ma a quale costo? Una volta spogliato del libero arbitrio, a che serve il tempo che abbiamo? Le scelte che stai facendo non hanno peso perché sono state tutte predeterminate.

Da qui, dunque, il piano di sacrificio personale di Dolores per salvare gli umani dai loro loop. La ragazza è però in qualche modo contrastata da Halores (Tessa Thompson), che ha iniziato come una copia di Dolores stessa ma il cui personale trauma ha influito sulla sua visione dell’umanità, che è persino più dura di quella di Dolores.

westworld Crisis Theory dolores serie 2020Jonathan Nolan e Lisa Joy non parlano molto del personaggi di Halores, ma il primo rivela come questo particolare spunto della trama è stato ispirato da Albert Einstein:

L’impostazione essenziale per ognuno degli esperimenti di pensiero di Albert Einstein sulla relatività è sempre stata radicata nei gemelli. Prendi due duplicati della stessa persona, fai fare loro esperienze diverse, e ne escono sottilmente – o non così sottilmente – alterati … Hanno iniziato nello stesso posto, finiscono con una visione molto diversa del mondo.

Entro la fine dell’episodio, Halores ha il controllo del suo host William (Ed Harris) e di centinaia di macchine che creano nuovi host. Lisa Joy spiega che William era il veicolo perfetto attraverso il quale Halores avrebbe potuto attuare il suo piano:

L’uomo che ha faticato sotto il peso dei suoi impulsi più oscuri è libero da loro, ma Hale ha dei piani per lui. Chi meglio dell‘Uomo in Nero per controllare e fare da burattinaio?

Il finale della Stagione 3 di Westworld riserva una rivelazione anche per Bernard (Jeffrey Wright), poiché è stato inviato da Dolores a un indirizzo che non conosceva, che si è rivelato essere quello della vedova reale di Arnold, Lauren (ossia Gina Torres), ora 70enne e affetta da demenza. I due hanno un toccante dialogo sul il figlio morto di Arnold e Lauren, Charlie, e Lisa Joy racconta che questa scena aveva lo scopo di chiudere la “pietra angolare” di Bernard, in modo che lui potesse andare avanti:

È un momento di resa dei conti ed emancipazione. Lei gli dona la libertà di lasciarsi alle spalle il passato e lo incoraggia a essere libero.

Dolores, nel frattempo, sostanzialmente si sacrifica per poter chiudere Rehoboam. Mentre Serac sta cercando nella sua mente la chiave della “Oltre Valle” che lui crede sia nella sua testa, Rehoboam inizia a cancellare i suoi ricordi. Denise Thé, che ha co-scritto Crisis Theory, afferma che questo atto ha una brutale risonanza per Dolores come personaggio:

westworld Crisis Theory bernard serie 2020Abbiamo parlato molto della tristezza e del dolore del tipo di tortura che Dolores avrebbe dovuto sopportare. Quando ha iniziato a svegliarsi, è stato con l’acquisizione dei suoi ricordi. Spogliarla di ciò che l’ha portato al suo risveglio sembra la peggiore tortura che tu possa infliggerle.

Questo è davvero un addio alla Dolores che hanno imperversato nelle ultime tre stagioni, con Evan Rachel Wood che ha aggiunto che è stato molto triste dire addio “a questa versione di Dolores“.

Denise Thé rivela, tuttavia, che l’arco di Dolores è completo in qualche modo, quando dice a Maeve nei suoi ultimi momenti di concentrarsi sulla bellezza delle cose:

Come personaggio, ha finalmente completato il suo viaggio, perché è arrivata al momento in cui può dire “Tra tutte queste cose mi aggrappo alle cose buone“. Forse, se lo avesse detto nella Stagione 1 o Stagione 2 di Westoworld, avremmo pensato che era una dichiarazione ingenua. Ma qui la percepiamo per il cuore che lei ha davvero.

Per quanto riguarda le scene post credits dell’episodio finale, William è sicuramente stato imbrogliato così da diventare un burattino di Dolores, e Denise Thé conferma che la scena in cui Bernard si risveglia nella stanza del motel dopo essere entrato nella “Oltre Valle”, si svolge dopo che “è passato molto tempo,” quindi vedremo come andrà a finire nella Stagione 4 della serie.

Lisa Joy conclude il video del behind the scenes riflettendo su come Westworld si lega tematicamente alla nostra stessa umanità:

Tutti razionalizziamo le nostre azioni in diversi modi. Tutti hanno rimpianti, hanno lamentele, hanno pezzi di se stessi che non si adattano perfettamente al mondo. La vita è una serie di scelte su a quali parti della tua programmazione dai voce e su quali parti della tua programmazione invece neghi

Di seguito il video del dietro le quinte del season finale della stagione 3 di Westworld:

Fonte: YouTube

The Head serie amazon 2020
Sci-Fi & Fantasy

The Head: trailer e data di uscita (su Amazon) per la serie fanta-horror ambientata al Polo Sud

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono i fratelli Àlex e David Pastor dietro alla sceneggiatura della co-produzione tra Spagna e Giappone. che vede tra i protagonisti John Lynch

Leggi
ritorno al futuro 1985 doc
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Ritorno al Futuro (1985): scopriamo la prima sceneggiatura del film, diversissima da quella vista al cinema

di Redazione Il Cineocchio

I clamorosi dettagli dello script sono stati rivelati dall'attore Jon Cryer, che nel 1984 partecipò ai provini per il ruolo di Marty McFly

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

High Life: trailer italiano e data di uscita per il film sci-fi con Robert Pattinson e Mia Goth

di Redazione Il Cineocchio

Nel film di fantascienza - e primo in lingua inglese - della regista Claire Denis c'è anche Juliette Binoche

Leggi
the witcher serie netflix geralt
Sci-Fi & Fantasy

The Witcher: Blood Origin, trama e dettagli per la miniserie prequel (su Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore Andrzej Sapkowski è direttamente coinvolto nella realizzazione dello show, che espanderà l'universo collegato a Geralt di Rivia

Leggi
japan sinks 2020 serie netflix anime
Sci-Fi & Fantasy

Japan Sinks: 2020 | La recensione della serie animata di Masaaki Yuasa (su Netflix)

di William Maga

C'è il regista di Devilman Crybaby dietro alla trasposizione - aggiornata - del romanzo catastrofico Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973, un'opera quanto mai attuale, in grado di far riflettere e commuovere

Leggi