Home » Cinema » Horror & Thriller » 25 cose da sapere su Halloween di David Gordon Green

Titolo originale: Halloween , uscita: 18-10-2018. Budget: $10,000,000. Regista: David Gordon Green.

25 cose da sapere su Halloween di David Gordon Green

23/10/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Curiosità e aneddoti sulla lavorazione del sequel diretto del classico di John Carpenter del 1978, in cui Jamie Lee Curtis affronta una volta per tutte (?) la sua nemesi Michael Myers

A 16 anni da Halloween – La resurrezione, Jamie Lee Curtis è tornata a interpretare l’iconico ruolo di Laurie Strode in Halloween (la nostra recensione), dove dovrà affrontare in un attesissimo – da lei e dai fan – scontro finale Michael Myers, la figura mascherata che l’ha perseguitata sin da quando è a malapena sfuggita alla sua follia omicida una notte di quarant’anni prima. John Carpenter è produttore esecutivo e anche consulente creativo del nuovo film, per il quale ha unito le forze con Jason Blum della Blumhouse (Scappa – Get Out, Split, La Notte del Giudizio). Alla regia c’è David Gordon Green (Stronger – Io Sono Più Forte), mentre della sceneggiatura si sono occupati Danny McBride (Eastbound & Down) e Jeff Fradley (Vice Principals), che hanno realizzato insieme una storia che segna un nuovo percorso sulla traccia del film del 1978, di cui è un seguito diretto.

Tra i protagonisti del film troviamo anche Judy Greer (Jurassic World, Ant-Man) nei panni di Karen, la figlia di Laurie che le è stata portata via da bambina e che continua a passare dalla paranoia alla simpatia per la madre; Andi Matichak, che interpreta Allyson, figlia adolescente di Karen che sta cercando di superare la spaccatura tra la madre e la nonna; Will Patton (Armageddon – Giudizio Finale), che è l’agente Hawkins, un giovane poliziotto la notte in cui Michael Myers fu preso in custodia 40 anni prima e Jim Courtney (Cuori Ribelli), che dà volto e corpo a Michael Myers, con Nick Castle (Halloween – La Notte delle Streghe) che appare in un cameo nei panni dell’Ombra.

Di seguito, nelle 25 cose da sapere, scoprite curiosità e aneddoti sulla lavorazione di Halloween:

1) Jason Blum ha promesso a John Carpenter che non sarebbero andati avanti col progetto – che ha potuto contare su un budget di 10 milioni di dollari – fino a quando lui non fosse stato convinto sia del regista che della sceneggiatura che stavano sviluppando.

2) In questa rilettura, Michael Myers è stato catturato alla fine di Halloween – La Notte delle Streghe e lui e Laurie Strode non sono fratello e sorella.

3) David Gordon Green ha diretto il figlioccio di Jamie Lee Curtis, Jake Gyllenhaal, nel film Stronger – Io Sono Più Forte e l’attore si era trovato particolarmente a suo agio sul set. La protagonista ha ricordato: “Jake mi ha mandato un SMS, dicendomi che il suo amico David voleva parlarmi di qualcosa circa Halloween. Jake mi ha poi raccontato che la sua era stata la migliore esperienza creativa che avesse mai avuto e che si era sentito più libero con David che con chiunque altro.”

4) Il regista ha rivelato: “Nick Castle ci ha dato istruzioni su piccoli dettagli: il modo in cui Michael Myers gira la testa o la inclina per osservare un’uccisione, o come si siede formando un angolo di 90 gradi, ma senza usare le mani”.

5) Ciò che Green ha apprezzato molto nel modo di interpretare il personaggio da parte di Jim Courtney, era l’interesse dell’attore nel proporre l’Ombra con una fisicità neutrale e capacità quasi da operaio. “Abbiamo esaminato della documentazione sui felini selvatici: leopardi, ghepardi, animali che non pensano a nulla che non sia ciò che è sul loro cammino. Esistono microscopici incentivi che spostano la loro attenzione da un obiettivo a un altro, ma si tratta sempre di predatori e prede. Abbiamo quindi raffigurato Michael Myers come un essere di pura furia, ma senza emozioni.”

6) I 28 giorni di riprese sono stati fatti a Charleston, nel Sud Carolina.

7) Quando aveva un dubbio, il make-up designer premio Oscar Christopher Nelson ha tratto ispirazione dalle decisioni creative prese da Tommy Wallace, lo scenografo di John Carpenter nel primo film: “Tommy ha realizzato la maschera in maniera molto semplice, ma era il modo in cui si adattava a Nick Castle e il modo in cui lui si muoveva che influiva sul suo aspetto finale. Non potresti mai, mai ricreare quel volto, quel vuoto, quella tragedia, la sensazione che provi quando guardi la maschera per la prima volta.”

8) Nelson e Green volevano che Courtney con la maschera apparisse diverso in ogni inquadratura in cui veniva ripreso. Volevano che la maschera cambiasse continuamente mantenendo però una forma tragica e paurosa. Considerando che sono passati quattro decenni da quando Michael Myers l’ha indossata per l’ultima volta, il team ha dovuto tenere conto del modo in cui il lattice avrebbe cambiato forma dopo una conservazione così lunga nel deposito delle prove: “Ho studiato maschere in lattice vecchie di 40 anni e come si sono decomposte. Il lattice si indebolisce e si corruga, si deforma e si assottiglia. Ho tenuto conto di tutto questo, pur cercando di mantenere l’espressione e la forma dell’originale.”

9) Durante tutta la produzione era importante per David Gordon Green che ci fossero degli incontri regolari con il cast, anche solo per un caffè, uno spuntino o un pranzo, in cui la troupe poteva conversare in mezzo alle scene come fossero a casa loro: “A volte facevamo delle letture del copione e facevamo degli aggiustamenti, altre volte discutevamo dell’essenza di ciò che stavamo cercando di ottenere in una scena. In genere dopo un paio di prove nei giorni di produzione, ci saremmo tornati sopra per vedere come funzionavano le cose nell’ambiente, nei costumi e sul campo, per poi fare delle modifiche anche radicali.”

10) John Carpenter, che ha composto la colonna sonora di Halloween 2018 insieme ai collaboratori Cody Carpenter e Daniel Davies (coi quali ha pubblicato tre album da solista), ha spiegato così il processo per creare le musiche: “Il primo passo che abbiamo fatto con lo spartito, io, mio figlio e il mio figlioccio, è stato il MIDI. Abbiamo preso il MIDI della partitura originale in modo che potessimo lavorare sulle note e la sensazione di allora. Abbiamo applicato tutti i più nuovi suoni di synth, per aggiornarlo e farlo sembrare diverso dall’originale. Poi abbiamo iniziato con il logo Universal e abbiamo iniziato a inserire la musica. La musica è improvvisazione per me, su un paio di cose abbiamo lavorato e pianificato in realtà, ma quello che si vede sullo schermo è per lo più improvvisato.”

11) Il film è un seguito diretto di Halloween del 1978, ignorando gli 8 sequel e i due remake di Rob Zombie che sono arrivati dopo.

12) Per il ruolo di Laurie sono state considerate anche Lucy Hale ed Emma Roberts.

13) Inizialmente, si era pensato di girare Halloween back-to-back con un sequel, ma David Gordon Green ci ha ripensato, aspettando prima di vedere la risposta dei fan al primo film.

14) Jamie Lee Curtis vanta ora – a pari merito con Donald Pleasence – il maggior numero di apparizioni nei capitoli della saga, cinque.

15) Durante la visione in lingua originale, a un certo punto su un televisore si può ascoltare un giornalista che descrive gli eventi del film originale come “gli omicidi della baby sitter” (‘the babysitter murders’), ce originariamente era il titolo scelto da John Carpenter per Halloween (1978).

16) Anche P.J. Soles, che qui interpreta un’insegnante, ha partecipato all’Halloween del 1978.

17) Nella camera da letto del ragazzino c’è una lanterna magica con raffigurato un clown con un coltello. E’ un riferimento al primo omicidio del film originale.

18) La stazione di servizio è quasi una replica esatta della stazione di servizio che appare in modo prominente in Halloween 4: Il ritorno di Michael Myers (1988).

19) Alcuni dei titoli di lavorazione erano “Halloween Returns”, “Halloween H40: 40 Years Later” e “Uncle Orange.”

20) Quando Oscar (Drew Scheid) vede Michael, lo chiama Mr. Elrod. In Halloween II, le azioni di Michael vengono scambiate proprio per quelle di Mr Elrod.

21) Una chiamata radio proveniente dalla frequenza della polizia menziona “disturbi al 707 di Meridian“, un omaggio al vero indirizzo originario della casa di Michael Myers ad Halloween (1978) prima che fosse spostato di alcuni isolati.

22) Il film trasmesso in TV quando Vicky (Virginia Gardner) porta Julian (Jibrail Nantambu) a letto è Repo Man (1984).

23) Negli Stati Uniti e nel Regno Unito, Halloween è uscito nei cinema il giorno in cui è nato Michael Myers, ovvero il 19 ottobre.

24) I primi teaser poster promozionali mostravano Jamie Lee Curtis con lo stesso taglio di capelli che aveva avuto nei capitoli precedenti, tra cui Halloween H20.

25) Questo film rappresenta solo il terzo distribuito dalla Universal Pictures, dopo Halloween II – Il signore della morte (1981) e Halloween III – Il signore della notte (1982).

Di seguito il secondo trailer italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) di Halloween, nei cinema italiani dal 25 ottobre:

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su Halloween:

Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi
12 hour shift angela bettis film
Horror & Thriller

12 Hour Shift | La recensione del film horror di Brea Grant (Sitges 53)

di William Maga

Angela Bettis e David Arquette sono i protagonisti di una dark comedy dell'assurdo spruzzata di sangue e maldestrità

Leggi