Home » Cinema » Horror & Thriller » Dossier | The Rocky Horror Picture Show: le ‘Easter Egg’ nascoste letteralmente sul set

Titolo originale: The Rocky Horror Picture Show , uscita: 14-08-1975. Budget: $1,200,000. Regista: Jim Sharman.

Dossier | The Rocky Horror Picture Show: le ‘Easter Egg’ nascoste letteralmente sul set

30/09/2020 news di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo la storia delle 'uova pasquali' dimenticate per davvero sul set del film del 1975

The Rocky Horror Picture Show film

Siamo ormai piuttosto avvezzi al termine ‘Easter Egg‘ per descrivere indizi nascosti o strizzatine d’occhio intelligenti dirette al pubblico che vengono sepolte – più o meno in bella vista – dai loro creatori nei film, nei videogiochi e nelle serie televisive.

Tuttavia, il celebre The Rocky Horror Picture Show di Jim Sharman del 1975 è probabilmente l’unico titolo in circolazione che ha letteralmente delle ‘uova di Pasqua’ nascoste al suo interno.

The Rocky Horror Picture Show riff-raff filmQualcuno si è spinto addirittura ad affermare che il termine ‘Easter Egg’ derivi proprio da qui, ma sappiamo invece che fu coniato da Steve Wright per la Atari, nel 1980, dopo che quello celato nel videogame Adventure fu scoperto (un episodio raccontato di recente anche nel film Ready Player One di Steven Spielberg).

In ogni caso, dice che un giorno il cast e la troupe di The Rocky Horror Picture Show abbiano organizzato sul set una vera e propria caccia al tesoro – o meglio, una ‘caccia alle uova’ – per passare un po’ il tempo e svagarsi, ma che alcune di queste uova vennero nascoste un po’ troppo bene, tanto che non vennero mai trovate prima del nuovo ciak.

Così, quando ripartirono le riprese del film, nessuno finì per immaginare che sarebbero in qualche modo potute finire effettivamente inquadrate, essendo ‘invisibili’. Questa storia è stata a lungo considerata una sorta di ‘leggenda metropolitana’, se non che alcuni spettatori dalla vista aguzza hanno scovato almeno tre delle uova ‘dimenticate’.

Volete sapere in che punto guardare quando rivedrete per l’ennesima volta The Rocky Horror Picture Show?

Ebbene, la più facile da trovare è quella situata sotto il trono di Frank-N-Furter (alias Tim Curry) e il momento preciso in cui si può agilmente scorgere è quando Riff Raff (Richard O’Brien) è seduto lì con le gambe incrociate. Guardando tra le gambe della sedia, vedrete l’uovo adagiato proprio al centro.

Un’altra è al posto di una delle luci nella stanza principale del castello, mentre la terzo può essere visto quando il gruppo sale sull’ascensore per andare al laboratorio di Frank-N-Furter.

Di seguito la leggendaria scena del Time Warp di The Rocky Horror Picture Show:

Altre notizie su The Rocky Horror Picture Show:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi