Home » Cinema » Horror & Thriller » Mulholland Drive di David Lynch | Guida all’interpretazione

7/10 su 3897 voti. Titolo originale: Mulholland Drive , uscita: 08-09-2001. Budget: $15,000,000. Regista: David Lynch.

Mulholland Drive di David Lynch | Guida all’interpretazione

06/08/2018 recensione film di Edoardo Romanella

Esploriamo e proviamo a ricostruire i significati nascosti dell'oscuro capolavoro del 2001 con Naomi Watts e Laura Harring

Mulholland Drive Lynch (2001)

Mulholland Drive del 2001 è – ad oggi – il penultimo film girato da David Lynch, osannato da critica e pubblico e recentemente eletto dalla BBC (British Broadcasting Corporation) come “il miglior film del XXI secolo”. Visto il regista, è inutile ribadire che sia un’opera dall’innegabile fascino, che entra di diritto – almeno per chi scrive – tra i massimi esponenti della storia del cinema. Il fatto che sia un capolavoro non vuol comunque dire che sia adatto a tutti i palati, come d’altronde vale per la maggior parte delle opere di Lynch, anche in virtù dell’essere destrutturata e non immediatamente decifrabile, dai molteplici significati nascosti e dal forte valore simbolico (come prima era stato pure per Eraserhead – La mente che cancella del 1977 e per Strade Perdute del 1997). Per quanto riguarda la trama, quindi, sarò costretto solo a farne qualche veloce accenno, vista la complessità degli eventi e la costruzione dell’intero impianto, poi si procederà con una classica ‘spiegazione’. Qui siamo veramente a un punto estremo per quanto riguarda l’associazione e la dissociazione delle immagini (anche se il fondo – o l’apice – verrà toccato nel 2006, con INLAND EMPIRE – L’impero della mente).

Rita, una bellissima donna dai capelli neri, è l’unica superstite di un incidente automobilistico avvenuto sulla Mulholland Drive, una nota strada di Los Angeles. L’impatto le ha fatto perdere la memoria, così, completamente disorientata, si introduce in un appartamento, abitato da Betty Elms, una giovane attrice giunta dal Canada in cerca di successo a Hollywood.

Per facilitare la comprensione del film è fondamentale elencare gli eventi nell’ordine temporale in cui avvengono realmente: Diane Selwyn (una straordinaria Naomi Watts) è un’attrice di talento ignorata dal mondo del cinema, riuscita ad approdare a Hollywood grazie alla vittoria in una gara di Jitterbug (la scena iniziale con i ballerini di swing). Nonostante le sue capacità, riesce tuttavia a ottenere solo piccole parti qua e là procuratele da Camilla Rhodes (Laura Harring), conosciuta sul set di un film e con la quale ha intrecciato una specie di relazione amorosa. Tuttavia, ciò che per Diane è una storia seria, per Camilla risulta essere solo un giochetto, qualcosa che ha iniziato per combattere la noia, e di cui ora si è stufata. A un certo punto quindi, essendosi anche fidanzata con Adam Kesher (Justin Theroux), il regista della pellicola -alla quale attualmente entrambe stanno lavorando (The Sylvia North Story), decide di troncare questa pseudo-relazione con la donna. Diane è ovviamente contraria alla cosa, ed è arrabbiata, mentre l’altra, al contrario, sembra ridere di lei, in uno scherno che tocca il culmine a una cena a casa del filmmaker, alla quale è presente anche tutto il resto del cast. L’abitazione è situata proprio sulla Mulholland Drive. Queste prese in giro fanno così sprofondare Diane nella sofferenza e nell’odio più totali, al punto che decide di far uccidere Camilla, rivolgendosi a un killer (non proprio professionista).

Dopo i fatti sopra elencati, dobbiamo fare riferimento al breve frammento girato dopo la scena iniziale (sempre quella delle persone che ballano): la sera stessa dell’ingaggio del sicario, la nostra attrice torna a casa (forse ubriaca, ma non è importante) e crolla addormentata sul letto … da qui comincia il sogno. E’ a questo punto che si manifesta il vero genio di David Lynch, autore anche della sceneggiatura: si passa alla pura associazione di immagini, sia per quanto riguarda i personaggi, che per i loro nomi. Nel proprio inconscio, Diane crede di chiamarsi Betty, un nome visto sulla targhetta di una cameriera nel bar dove si è incontrata con il killer. Mulholland Drive è la strada nella quale Camilla ha un incidente sulla limousine, proprio nel punto in cui la nostra attrice era scesa dal taxi per poi dirigersi alla cena a casa del regista, e a causa di questo incidente ha perso la memoria.

Fin da subito possiamo capire che lei è in pericolo, poiché degli uomini la stanno cercando per ucciderla (degli italo-americani appartenenti alla mafia), e già da qui possiamo percepire la volontà di Diane di far soffrire la sua ex amante, così come pure il regista che glie l’ha “sottratta”, anch’egli vittima degli stessi uomini (capeggiati da un tizio vestito da cowboy), che gli impongono di dare la parte della protagonista del suo nuovo film a una ragazza scelta da loro e che a lui non va a genio. Oltre a ciò, la punizione per Adam si evince anche da altri piccoli episodi, come il tradimento della moglie. Nel sogno Betty è un’attrice dotata e talentuosa (come nella realtà del resto), arrivata ad Hollywood da poco, che alloggia nell’appartamento di sua zia Ruth (Maya Bond), la quale è dovuta partire (ed è lì che trova Camilla ferita alla testa e priva di memoria). Nella realtà zia Ruth è però morta, e anche da questo particolare traspare la volontà della protagonista, il suo forte desiderio di non aver perso per sempre una persona cara, che invece vorrebbe semplicemente partita per qualche tempo.

Come detto, ogni personaggio che si vedrà in scena è dettato dall’associazione di immagini con la realtà: la ragazza scelta come protagonista del film, il cowboy a capo dalla gang malavitosa, l’amministratrice della palazzina dove si trova l’appartamento della zia Ruth (un’anziana di nome Coco, interpretata da Ann Miller, che nella ‘realtà’ è la madre di Adam Kesher), l’uomo terrorizzato nella tavola calda (Patrick Fischler), la cameriera dello stesso locale, il maldestro assassino (un dettaglio importante, perché forse Diane si è pentita di averlo ingaggiato), i fratelli Luigi e Vincenzo Castigliani (Angelo Badalamenti e Dan Hedaya), ovvero tutte persone incontrate nella vita reale, alcune alla cena con gli altri attori, altre nel locale dove Betty/Diane incontra il killer, altre ancora perchè vicine di casa. Un elemento dal forte valore simbolico è la chiave blu, il simbolo dei nuovi problemi della donna.

Si, perché nella realtà questa è il segno che l’assassinio della sua ex amante è stato compiuto, e infatti la troverà al risveglio sul tavolino del suo appartamento. La scatola blu che apre non contiene nulla nel ‘mondo reale’, è solo nel sogno che acquista valore allegorico (si trova nella borsa di Camilla): contiene la pazzia e la disperazione della nostra protagonista. Se la scatola si apre, allora Camilla è stata uccisa. Il misterioso teatro chiamato Club Silencio poi è un altro importante elemento dal forte valore simbolico: rappresenta la costante paura della morte, l’angoscia di essere soli, il timore che dopo la fine potrebbe non esserci niente (Betty/Diane ha già perso per sempre sua zia, e ora potrebbe aver perso anche Camilla). Non c’è nessuna banda, eppure si sente una musica suonare, una musica che potrebbe tuttavia essere solamente un’illusione.

Un’altra importante figura che rimanda ad ‘altro’ è quella del ‘mostro’ che si nasconde dietro l’angolo, una creatura da cui l’uomo al ristorante è terrorizzato (e anche lo spettatore!). Nella realtà, quell’essere è soltanto un povero senzatetto (Bonnie Aaronsil nostro speciale sull’attrice), lercio e affamato, che si è stabilito da quelle parti e che trova in un sacchetto di carta la scatola blu. E’ puramente lo stato d’animo di Diane a farlo apparire come un mostro nel sogno, simbolo del Male. Il culmine della vicenda arriva tuttavia quando Diane viene svegliata dalla vicina che deve riprendersi alcune cose (si sono scambiate gli appartamenti).

Dopo avergliele restituite lei la liquida in fretta, e quando chiude la porta si volta verso il tavolo: la chiave blu è lì, ovvero Camilla è stata uccisa. La ragazza è distrutta, si dispera, le sembra perfino di rivederla lì e di rivivere i loro ricordi comuni (è da qui che veniamo a conoscenza della realtà dei fatti), ma è solamente un inganno, nessuno può riportarla in vita. Per il dolore impazzisce e così vediamo la coppia di vecchietti che all’inizio di Mulholland Drive era appena atterrata a Hollywood ‘uscire’ dalla scatola blu raccolta dal barbone (i due simboleggiano la pazzia di Diane), arrivare a casa sua e cominciare e terrorizzarla. Ma essi esistono solo nella sua mente. Così, affinchè il dolore finisca, Diane prende la pistola e si spara in bocca, suicidandosi (se ricordate, quando nel sogno lei e Camilla vanno alla ricerca di una certa Diane Selwyn la trovano senza vita, putrefatta e irriconoscibile sul letto nella sua stanza: Diane Selwyn non è altro che il suo vero nome dimenticato, quindi la donna vede il proprio cadavere, avendo così un’immagine premonitrice di ciò che sarebbe accaduto).

Morte, fine di tutte le sofferenze.

Quello firmato da David Lynch è in definitiva un film straordinario, un’opera dall’atmosfera malata, a tratti davvero oscura, e a tratti perfino comica, nella quale tutti gli attori coinvolti offrono prestazioni superbe, dove la potenza evocativa delle immagini parla da sé: lo spettatore viene calato in un mondo onirico in cui la tecnica di ripresa raggiunge il sublime e una spiegazione in fondo non è così importante. Tra tutti i titoli della filmografia del regista di Missoula, questo è forse quello che più si avvicina alla vera natura del sogno, per destrutturazione, per associazioni di immagini, per potenza evocativa, per onirismo, con pochi altri esempi nella storia del cinema che riescono a superarla in questo senso. Su due piedi, mi viene in mente un regista in particolare, Richard Linklater, in quello che rimane un capolavoro immortale: Waking Life del 2001. Ma ci sarà tempo per parlarvene.

Di seguito il trailer di Mulholland Drive:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi