Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Iron Sky: The Coming Race | La recensione del film di Timo Vuorensola

4/10 su 93 voti. Titolo originale: Iron Sky: The Coming Race, uscita: 25-01-2019. Budget: $21,000,000. Regista: Timo Vuorensola.

Iron Sky: The Coming Race | La recensione del film di Timo Vuorensola

25/05/2019 recensione film di William Maga

A 7 anni dall'imprevedibile successo del primo film, il regista finlandese ci riprova, privilegiando però un budget che garantisca la buona resa degli effetti speciali a una sceneggiatura in grado di divertire e lasciare un segno

Iron Sky The Coming Race film 2019

Il finlandese Timo Vuorensola nel 2005 stupì il mondo con Star Wreck: In the Pirkinning, simpatico omaggio alle varie incarnazioni di Star Trek che venne diffuso gratuitamente su Internet e che ottenne un vasto passaparola favorevole, soprattutto grazie ai suoi straordinari effetti speciali realizzati dal regista stesso e da alcuni amici sul computer di casa. Da lì, l’allora 26enne ha poi realizzato il suo primo lungometraggio professionale, Iron Sky, nel 2012, che, allo stesso modo, ha ottenuto un analogo benevolo passaparola dopo che Timo Vuorensola aveva costruito online una chiassosa ed entusiasta community di fan che potesse spingere il film alla distribuzione nei cinema (tanto che è arrivato in sala perfino in Italia).

Iron Sky The Coming Race film posterLo stesso Iron Sky: The Coming Race era in preparazione già dal 2012. Riporta in effetti un copyright del 2015, ma lo possiamo vedere solo adesso, quasi a metà del 2019. Questo dettaglio potrebbe anche dirci qualcosa sia su come il regista si sia concentrato sulle rifinitura dei fondamentali effetti speciali, che sulle difficoltà – non inimmaginabili – di ottenere i finanziamenti necessari a ultimarlo (il budget dichiarato è di 21 milioni di dollari) e / o trovare gli accordi di distribuzione internazionale dalla Finlandia. In ogni caso, tutti questi rimandi hanno reso il sequel attesissimo. E le immagini promozionali e poi il trailer diffusi nei mesi scorsi con gerarchi nazisti a dorso di dinosauri al centro della Terra non hanno fatto che ammantarlo ulteriormente di un alone di stracult preventivo.

L’anno è il 2047. A seguito di una guerra nucleare sulla Terra, i sopravvissuti vivono su Neomenia, l’ex base lunare nazista ora governata da Renate Richter (Julia Dietze), ma le risorse si stanno assottigliando. Sono tutti sorpresi dall’arrivo di un’astronave sgangherata dalla Russia costruita e pilotata da Sasha (Vladimir Burlakov). La figlia di Renate, Obi Washington (Lara Rossi), trova nascosto l’ex Fuhrer Wolfgang Kortzfleischer (Udo Kier) a bordo della nave, il quale le rivela che è della specie delle lucertole del Vril, razza atterrata sulla Terra al tempo dei dinosauri. A differenza della sua gente però, ha sviluppato un interesse per le scimmie prima che il Vril cercasse rifugio nel nucleo cavo della Terra con l’avvicinarsi della cometa che ha cancellato i dinosauri. Dà quindi a Obi un campione della sostanza verde con cui la ragazza è in grado di rigenerare miracolosamente Renate, malata da tempo. Kortzfleischer dà poi indicazioni ad Obi su dove trovare altro Vril e poter così salvare Neomenia. Appropriatasi dell’astronave di Sasha, che decide di seguirla assieme ad alcuni seguaci del gruppo religioso dei Jobsisti, Obi si dirige verso il centro vuoto della Terra. Lì dovrà rubare il Santo Graal, il nucleo energetico che alimenta la civiltà Vril.

In sostanza, come preventivabile, Iron Sky: The Coming Race è una miscela assolutamente folle e delirante di intuizioni. Timo Vuorensola getta nel frullatore della sceneggiatura un compendio di idee prese di peso dal romanzo La razza ventura di Edward Bulwer-Lytton e dalle blaterazioni del teorico delle cospirazioni David Icke, giornalista e scrittore britannico che parla di individui mutaforma alieni (che lui chiama Arconti, che sono poi dei rettiliani …) che si sarebbero infiltrati chissà quando nelle ristrette élite del potere terrestri e starebbero controllando segretamente la storia dell’umanità. L’uomo non fa riferimenti nei suoi scritti però alla Terra Cava (sebbene creda che la Luna sia vuota …). Il regista finlandese si è chiaramente divertito con questo materiale, come testimonia il flashback durante la spiegazione di Udo Kier in cui vediamo gli alieni arrivare sul nostro pianeta durante il periodo dei dinosauri, il suo interesse per le scimmie – che chiama “Adamo ed Eva” – e i dinosauri che si nutrono di verde Vril sottoterra mentre il meteorite che avrebbe generato il cratere Chicxulub si avvicina. Di gran lunga l’aspetto più divertente e ridicolo dell’intero film è la scena clou in cui l’equivalente a base di Vril di Adolf Hitler (anch’esso interpretato da Udo Kier) invade la base lunare in groppa a un T-Rex che ruggisce, sottotitolato in tedesco, “Seig heil, motherfuckers!“.

Iron Sky The Coming Race filmCome nel primo capitolo, Timo Vuorensola dimostra ancora di possedere un senso della satira tanto ampio quanto greve. C’è una nuova comparsata di Stephanie Paul nei panni della presidente degli Stati Uniti Sarah Palin (che si rivela essere una rettiliana), col regista che non perde l’occasione di inserire lo slogan “Make Earth Great Again” per prendere in giro il motto della campagna 2016 di Donald Trump. E non viene risparmiata nemmeno la religione, con la presenza di una setta di Jobsisti sulla base lunare, fondata ovviamente sull’adorazione dell’iPhone (a un certo punto, uno dei devoti viene fatto brillare per aver fatto il proibitissimo jailbreak del suo cellulare). Più avanti in Iron Sky: The Coming Race, incontriamo addirittura una versione rettiliana di Steve Jobs, che assieme al collega Adolf Hitler versione lucertola divora alcuni adepti. Ciliegina sulla torta, Timo Vuorensola getta nella mischia anche una blasfema Ultima cena di Leonardo Da Vinci, ma invece degli apostoli opta per una delegazione di ‘super villain, composta da Mao, Stalin, Osama bin Laden, Idi Amin, Kim Jong-un, Caligola, Vladimir Putin, Il Papa, Margaret Thatcher e Mark Zuckerberg.

Proprio come le righe precedenti, Iron Sky: The Coming Race è un guazzabuglio di idee sulla carta divertenti senza alcun raccordo. Il che lascia la sensazione che il giovane regista farebbe meglio ad affidarsi a un gruppo di co-sceneggiatori più attenti e meticolosi (nonostante tra essi ci sia anche la pluripremiata sceneggiatrice di fantascienza finlandese Johanna Sinisalo). Il risultato complessivo finisce infatti per sembrare momenti di umorismo e scenografie random che sono stati inclusi nel montaggio perché Timo Vuorensola li ha trovati divertenti e non ha voluto tagliarli. I Jobsist sono un perfetto esempio di ciò – non hanno alcuno scopo reale ai fini della trama, se non di satireggiare sul defunto fondatore della Apple e su chi ne compra i prodotti tecnologici.

iron sky the coming race filmAllo stesso modo, gran parte della prima metà di Iron Sky: The Coming Race ha così poco a che fare con la premessa dei nazisti sulla Luna del predecessore che spesso ci si chiede se si stia davvero guardando un seguito oppure qualcos’altro. Ancor di più, l’affascinante idea della Terra Cava è scarsamente integrata nel film, ma soprattutto è una grande delusione: in sostanza i protagonisti si recano lì, i Jobsisti vengono catturati e mangiati, Lara Rossi si impossessa di un magico cristallo (aka McGuffin) che è lì solo per portare avanti la storia, c’è un inseguimento tra dinosauri e poi si torna tutti a casa.

La più grande frustrazione di Iron Sky: The Coming Race arriva però forse dal reparto degli effetti speciali, specie se paragonati a quelli delle due prove precedenti, più caserecci ma anche inventivi. Qui il budget aiuta a raggiungere un risultato prevedibilmente buono, ma raramente raggiunge vette capaci di lasciare un segno tangibile nei ricordi di chi guarda. Non ci sono memorabili scene madri (a parte quella del Tirannosauro, peraltro già spoilerata nei trailer), come ad esempio erano stati la flottiglia di zeppelin spaziali o le esplosioni di pezzi di Luna. Persino il potenziale della sequenza che coinvolge una corsa di dinosauri e un salto attraverso un burrone – che, per inciso, ricorda Van Helsing – viene grandemente diluito dalla musica comica che la accompagna.

In definitiva, Timo Vuorensola è probabilmente stato sopraffatto dall’ansia da prestazione, finendo per consegnare ai suoi fan un prodotto tutta apparenza e poca sostanza, molto meno divertente del previsto, annacquato da dialoghi insulsi e personaggi che mai diventano interessanti e da una trama convulsa. Peccato.

In attesa di capire se il terzo capitolo, Iron Sky – The Ark, sarà quello della riscossa, di seguito trovate il full trailer originale di Iron Sky: The Coming Race:

Udo Kier
Julia Dietze
Lloyd Kaufman
Stephanie Paul
Kari Ketonen
Tero Kaukomaa
Dalan Musson
Tom Green
Edward Judge
Martin Swabey
george miller
Sci-Fi & Fantasy

George Miller su Three Thousand Years of Longing: “Sarà l’opposto di Mad Max; presto le riprese”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista australiano rivela qualche dettaglio sul suo prossimo progetto, un film dal genere indefinito con Tilda Swinton e Idris Elba

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer e data di uscita per Mulan: Gong Li è una strega malvagia nel wuxia Disney

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Jet Li e Donnie Yen nella rivisitazione 'dal vero' del Classico animato del 1998, che vede protagonista la combattiva Yifei Liu (ma non Mushu ...)

Leggi
breach film 2020 John Suits (2)
Sci-Fi & Fantasy

Breach: immagini e trama per il fanta-horror con Bruce Willis e Thomas Jane

di Redazione Il Cineocchio

Ci sarà anche Rachel Nichols nello spazio profondo del film diretto da John Suits

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Monolith | La recensione del film di Ivan Silvestrini

di Alessandro Gamma

Nel drama sci-fi del regista italiano la fantascienza è un mero spunto per narrare la tragedia interiore di una madre immatura

Leggi
la storia infinita film falkor
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | La Storia Infinita: quando il film è odiato dall’autore del libro da cui è tratto

di William Maga

Ripercorriamo la vicenda dietro al clamoroso successo del classico del 1984 diretto da Wolfgang Petersen, criticato aspramente da Michael Ende per gli stravolgimenti e il suo essere troppo superficiale

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Sette minuti dopo la mezzanotte | Recensione del film fantasy di Juan Antonio Bayona

di Alessandro Gamma

Il regista spagnolo confeziona uno dei rari film che affrontano i misteri dell'infanzia senza soccombere alla sdolcinatezza spinta, grazie anche all'ottima prova dell'esordiente Lewis MacDougall

Leggi
A Holiday Reunion cortometraggio sequel E.T. l'extra-terrestre
Sci-Fi & Fantasy

Cortometraggio | A Holiday Reunion è il sequel di E.T. l’extra-terrestre, con Henry Thomas

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 37 anni, il regista Lance Acord fa incontrare nuovamente il tenero alieno dai grandi occhi e un cresciuto Elliott

Leggi
edward fulrong 2019
Sci-Fi & Fantasy

Edward Furlong su Terminator – Destino Oscuro: “Mi rode molto per il mio ruolo limitato”

di Redazione Il Cineocchio

Lo storico interprete di John Connor ha raccontato la sua brevissima esperienza sul set del film di Tim Miller, spiegando le ragioni di ciò che lo ha maggiormente deluso (e non sono le stesse dei fan ...)

Leggi
onward film pixar 2020
Sci-Fi & Fantasy

Trailer e trama per Onward: elfi e creature magiche nel fantasy della Pixar

di Redazione Il Cineocchio

Tra i doppiatori originale del film diretto da Dan Scanlon troveremo anche Tom Holland e Chris Pratt

Leggi
Godzilla II King Of The Monsters film
Sci-Fi & Fantasy

Godzilla II: King Of The Monsters | La recensione del film di Michael Dougherty

di William Maga

Il regista spreca l'enorme potenziale a disposizione, scegliendo una trama in cui abbondano i cliché, l'oscurità e la verbosità piuttosto che puntare tutto sugli scontri tra i mostri e la devastazione cieca

Leggi
final space serie stagione 2 netflix
Sci-Fi & Fantasy

Final Space (stagione 2) | Recensione dei 13 episodi della serie animata (su Netflix)

di Sabrina Crivelli

Lo show avventuroso creato da Olan Rogers e David Sacks non solo riconferma l'irresistibile verve narrativa e il black humor che l'han reso una delle sorprese del 2018, ma addirittura rilancia in grande stile

Leggi
terminator-destino-oscuro-film-set
Sci-Fi & Fantasy

Tim Miller sul flop di Terminator – Destino Oscuro: “Colpa di James Cameron e delle sue ingerenze”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha parlato dei problemi della lavorazione del film con Linda Hamilton e Arnold Schwarzenegger, addossando al produttore 65enne i magri risultati al botteghino

Leggi
mortale serie netflix 2019
Sci-Fi & Fantasy

Mortale | Recensione della serie fanta-horror francese di Netflix (stagione 1)

di William Maga

Carl Malapa, Nemo Schiffman e Manon Bresch sono i protagonisti di un teen drama intriso di voodoo incompiuto, che a spunti interessanti contrappone personaggi antipatici e vicoli ciechi di sceneggiatura

Leggi
Timecrimes film Nacho Vigalondo
Sci-Fi & Fantasy

Timecrimes | La recensione del film di Nacho Vigalondo

di William Maga

Nel 2007, il regista e sceneggiatore spagnolo esordisce con un'opera che mescola abilmente slasher e fantascienza, per un risultato tanto inquietante quanto irresistibile

Leggi
pinocchio film garrone 2019
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Pinocchio: Matteo Garrone ci guida nel Paese dei balocchi

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti della trasposizione delle celebra favola di Carlo Collodi ci sono Roberto Benigni, Rocco Papaleo, Gigi Proietti e Marcello Fonte

Leggi
Il primo Natale

Il primo Natale

12-12-2019

Black Christmas

Black Christmas

12-12-2019

Nancy

Nancy

12-12-2019

Che fine ha fatto Bernadette?

Che fine ha fatto Bernadette?

12-12-2019

Lontano lontano

Lontano lontano

05-12-2019

L'immortale

L'immortale

05-12-2019

Qualcosa di meraviglioso

Qualcosa di meraviglioso

05-12-2019

I passi leggeri

I passi leggeri

05-12-2019

Cena con delitto - Knives Out

Cena con delitto - Knives Out

05-12-2019

RECENSIONE

Il paradiso probabilmente

Il paradiso probabilmente

05-12-2019

L'Inganno perfetto

L'Inganno perfetto

05-12-2019

Western Stars

Western Stars

02-12-2019

I figli del mare

I figli del mare

02-12-2019

RECENSIONE

Shooting the Mafia

Shooting the Mafia

01-12-2019

Nati 2 volte

Nati 2 volte

28-11-2019

A Tor Bella Monaca non piove mai

A Tor Bella Monaca non piove mai

28-11-2019

Il peccato - Il furore di Michelangelo

Il peccato - Il furore di Michelangelo

28-11-2019

Un giorno di pioggia a New York

Un giorno di pioggia a New York

28-11-2019

Midway

Midway

27-11-2019

RECENSIONE

Frozen II - Il segreto di Arendelle

Frozen II - Il segreto di Arendelle

27-11-2019