Home » Cinema » Horror & Thriller » La Vedova Winchester | La recensione del film horror di Michael e Peter Spierig

5/10 su 1197 voti. Titolo originale: Winchester , uscita: 02-02-2018. Budget: $3,500,000. Regista: Peter Spierig.

La Vedova Winchester | La recensione del film horror di Michael e Peter Spierig

22/03/2020 recensione film di William Maga

Helen Mirren è la sottoimpiegata protagonista di una storia che getta al vento gli spunti interessanti da cui prende il via per divenire l'ennesima ghost story prevedibile e sciapa

Come si fa a prendere una storia vera decisamente intrigante e trasformala in qualcosa di completamente prevedibile e privo di fascino? Date uno sguardo – se proprio avete un paio d’ore libere – a La Vedova Winchester (Winchester) per scoprire la risposta a questa domanda. Il film si basato su un personaggio davvero esistito – Sarah Pardee Winchester, l’erede della Winchester Repeating Arms Company. Si dice che la donna credesse che le anime infuriate e rancorose delle persone uccise dai fucili prodotti dall’azienda del marito infestassero la sua villa di San José, California, e che abbai trascorso ben 38 anni della sua vita aggiungendo nuove stanze e piani alla struttura per accontentare e contenere quegli spiriti. Una premessa senza dubbio curiosa, che sorprendentemente non era ancora stata sfruttata da Hollywood.

Il premio Oscar Helen Mirren interpreta Sarah, mentre Jason Clarke (Everest) è Eric Price, un medico con problemi di alcolismo e assuefatto al laudano che viene chiamato a intervenire per valutare la salute mentale della padrona di casa al fine di accertare se sia ancora in grado di intendere e volere e continuare così a gestire la lucrosa azienda di famiglia. Price viene immediatamente informato che la villa è “come un labirinto”, con stanze illogicamente adiacenti l’una con l’altra, passaggi nascosti nelle pareti e scale che non portano da nessuna parte. All’inizio, non è sicuro se Lady Winchester sia una miliardaria eccentrica oppure pazza. Dopo aver assistito a fenomeni paranormali inspiegabili, tra cui l’apparente possessione di Henry (Finn Scicluna-O’Prey), il figlio minore della nipote di Sarah, Marion Marriot (Sarah Snook), stabilisce però che potrebbe essere perfettamente sana di mente. Ma è proprio qui che si manifesta  un particolare fantasma che ha un conto molto personale da regolare con la vedova …

Ci sono due elementi profondamente avvincenti in questa storia, forse sconosciuta ai più dalle nostre parti: Sarah Winchester e la sua immensa magione. La Vedova Winchester sceglie tuttavia sciaguratamente di puntare i riflettori sul dottore – personaggio completamente fittizio – e sul giovane Henry. Una decisione che conduce a una buona dose di jump scares dozzinali e ampiamente prevedibili per chiunque abbia visto più di un horror in vita sua – specchi che si spostano, porte di armadi che si aprono … -, che trasportano direttamente il film in territori ampiamente cinematografici e quindi ben poco associabili a qualcosa che dovrebbe invece sembrare essere successo per davvero. Un approccio più psicanalitico / clinico a Sarah sarebbe stato in realtà ben più terrificante.

Se i racconti tramandati sono veri, vorrebbe dire quindi che questa donna era così devastata dal senso di colpa per il dolore e la morte che i fucili della sua famiglia avevano – e continuavano – provocato al punto da arrivare a credere che gli spiriti dei defunti si presentassero alla sua porta quotidianamente per tormentarla. Sarebbe bello sapere come / quando sia nata questa convinzione e come abbia influito sulla sua psiche (considerando anche che il ruolo è stato sapientemente affidato alla Mirren, mica a un’attrice poco dotata o incapace di affrontare certi compiti ricchi di sfumature …). Invece, il film viene raccontato dal punto di vista di Price (ovvero lo spettatore che come lui arriva per la prima volta nella casa), mentre gradualmente – me nemmeno troppo – arriva a pensare che i fantasmi potrebbero essere reali, occupandosi parallelamente anche di tragedia personale che lo ha segnato.

Su questi presupposti, ci si aspetterebbe molto più spazio riservato alla villa. Quello che i due registi Michael e Peter Spierig (Saw: Legacy, Predestination) avevano qui per le mani, tra passaggi segreti e oltre un centinaio di stanze dalla funzione e dall’architettura bizzarre, è un’ambientazione unica per un film, ma La Vedova Winchester ne approfitta a malapena. Cosa potrebbe essere più inquietante e terrificante della ‘nascita’ di una persona che perde la ragione più o meno improvvisamente? Per la maggior parte dei 100′ di durata, ci viene offerto però soltanto un barlume della struttura, una soluzione allo stesso tempo frustrante e insoddisfacente.

Non si può fare a meno di provare la sensazione che la pellicola sarebbe stata molto più avvincente se avesse reso la casa un personaggio a sé stante vero e proprio piuttosto che una mera location. Gli Spierig non sono infatti in grado di dare un senso della strana geografia della casa: possono mostrarci una scala che non porta da nessuna parte, ma non ci fanno sentire claustrofobici o intrappolati, come invece dovremmo. Vediamo personaggi secondari che reagiscono in modo incoerente alla stranezza della Winchester e della magione: uno dei lacchè della donna (un avvocato? un maggiordomo?) prende in giro Price sull’esistenza dei fantasmi, salvo diventare un minuto dopo serissimo e spaventato da una campana che suona a mezzanotte tutte le sere, come se quell’ora avesse un significato speciale … Ci crede o no negli spiriti?

Senza contare che a un certo momento La Vedova Winchester sembra suggerire che il potentissimo e arrabbiatissimo poltergeist  – il vero villain – sia addirittura in qualche modo responsabile del grande terremoto di San Francisco del 1906. Questo sembrerebbe infatti l’unico motivo per aver scelto di ambientare in questo preciso momento storico la vicenda, e tuttavia non ci viene dato alcun motivo per credere che questi spiriti possano avere simili poteri. Spettri di schiavi neri e di nativi americani – persone che avrebbero ottime ragioni per odiare i fucili Winchester! – appaiono solo sullo sfondo, senza voce e senza impatto sulla trama; atrocità storiche ridotte a mero condimento. Anche la possibile malattia mentale è ridotta al minimo, rimandata a un’interpretazione medievale sull’essere perseguitati dagli spiriti. Anche il dolore e il senso di colpa sono riproposti come letteralmente dei fantasmi e non come complesse risposte umane a traumi e tragedie.

Il cast principale avrebbe meritato certo ben altro e il fatto che la loro presenza possa a malapena elevare questo horror è un’indicazione di quanto sia priva di ispirazione l’intera impresa. Non è colpa di Helen Mirren, il cui interessa della sceneggiatura per il suo personaggio non va oltre al farla vagare come uno spettro pallido e di nero vestito per creare un po’ di atmosfera. Non è colpa di Jason Clarke, che lo script rende tanto sfumato che non si riesce a capire se quello che vediamo all’inizio sia lo stesso Price che vediamo alla fine. E non è certo colpa di Sarah Snook, che verrà ricordata per il più imbarazzante discorso sulla maternità probabilmente mai visto sul grande schermo.

In definitiva, La Vedova Winchester è quel tipo di pellicola tanto mediocre da generare dispiacere per l’occasione persa. La storia alla base garantirebbe un film straordinario, ma non è questo il caso. Nonostante la presenza di fantasmi, l’horror non è probabilmente il genere giusto per raccontarla. La Mirren in uno studio drammatico di Sarah Winchester? Questo sarebbe magnifico. Gli Spierig hanno iniziato la loro carriera nel mondo del cinema nel migliore dei modi, con l’inventivo zombie movie Undead nel 2003, proseguendo con l’altrettanto ingegnoso Daybreakers nel 2010. Ora hanno infilato l’orrendo Saw: Legacy e questo …

Questo è ciò che accade quasi sempre quando i registi di pellicole low budget ma interessanti vengono risucchiati dal sistema Hollywood. Perché scegliere questi filmmaker se poi non si lascia loro la libertà di essere sé stessi? Meglio a questo punto il documentario di 30′ del 1963 raccontato da Lillian Gish.

Di seguito il full trailer italiano di La vedova Winchester:

il silenzio dei prosciutti film 1994 ezio greggio
Horror & Thriller

Dossier | Il Silenzio dei Prosciutti di Ezio Greggio: un’operazione unica (e nebulosa)

di William Maga

Nel 1994 il comico televisivo esordiva alla regia di una parodia horror spalleggiato dall'amico Mel Brooks e da Roger Corman, un film scombinato e infarcito dei grandi nomi. Ricostruiamone la genesi.

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray 4K UHD (Variant) | Benvenuti a Zombieland di Ruben Fleischer

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizione limitata italiana in 500 copie della horror comedy con Woody Harrelson ed Emma Stone del 2009

Leggi
relic film 2020 robyn
Horror & Thriller

Relic | La recensione del film horror di Natalie Erika James con Emily Mortimer

di William Maga

Ci sono anche Bella Heathcote e Robyn Niven nell'esordio della regista australiana, opera intimista e 'diversamente' spaventosa

Leggi
Horror & Thriller

Lin Shaye su Insidious 5: “Non credo si farà; ho chiuso con la saga”

di Redazione Il Cineocchio

La 76enne attrice si è mostrata molto meno positiva che in passato riguarda al possibile nuovo capitolo

Leggi
scarface pacino film de palma
Horror & Thriller

Luca Guadagnino su Scarface: “Vi spiego perché lo faccio e perché sarà diverso dagli altri due film”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista prova a ribattere alle critiche, raccontando come mai la sua storia non sarà un semplice remake

Leggi