Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Recensione | Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni di Lasse Hallström e Joe Johnston

6/10 su 975 voti. Titolo originale: The Nutcracker and the Four Realms, uscita: 26-10-2018. Budget: $120,000,000. Regista: Joe Johnston.

Recensione | Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni di Lasse Hallström e Joe Johnston

09/11/2018 recensione di William Maga

Mackenzie Foy e Keira Knightley sono al centro di una reinvenzione solo vagamente legata ai classici di Hoffmann e Čajkovskij, manierista e poco ispirata

Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni (The Nutcracker and the Four Realms) non si basa sul celebre racconto del 1816 di E. T. A. Hoffmann, Lo schiaccianoci e il Re dei topi, già reso famosissimo nel XIX secolo dal meraviglioso balletto orchestrato da Pëtr Il’ič Čajkovskij coreografato da Marius Petipa e Lev Ivanov. Non è nemmeno “ispirato da” nessuna di tali opere, e, in un certo senso, va bene così, visto che la storia è facilmente reperibile nelle librerie e che chiunque voglia vedere il balletto può trovarlo probabilmente in cartellone più o meno in ogni grande città verso il periodo natalizio.

La sceneggiatura del film – ultimo arrivato degli adattamenti live action in casa Disney dopo La Bella e la Bestia e Il Libro della Giungla – è stata scritta dagli sconosciuti Ashleigh Powell e Tom McCarthy, arriva nei cinema con il marchio “suggerita da” sia il racconto che il balletto. Di tutti i modi per implicare una sorta di prestigio in ciò che si sta promuovendo, questo è certamente tra quelli che generano la quantità minima di fiducia. Forse sono stati i massicci reshooting – i crediti di regia più o meno equamente sono ripartiti tra Lasse Hallström (Hachiko – Il tuo migliore amico), che ha girato la prima ‘versione’, e Joe Johnston (Jumanji) – o forse lo script è sempre stato tanto confuso e superficiale, fatto sta che il risultato è piuttosto insoddisfacente. Anziché riportarci indietro nel tempo a un elegante ed estroso periodo storico, questo “Schiaccianoci” porta piuttosto alla mente i primi anni dei 2010, quando il successo di Alice in Wonderland di Tim Burton portò al fiorire di una serie di personaggi fiabeschi che, armati di spada, si mettevano con risultati alterni in marcia per la guerra contro orde di creature in CGI.

Nel momento in cui soldati di stagno alti 2 metri attaccano una donna robot alta 10 la cui gonna è un grande tendone da circo, tutta la parvenza di umanità o di empatia ha già abbandonato il film, ma l’anima e i caldi sentimenti che ci si aspetterebbe di trovare almeno qua e là iniziano a lasciare la nave già molto presto. L’inizio di Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni è abbastanza promettente: la giovane Clara (Mackenzie Foy, Interstellar) si nasconde in soffitta studiando fisica e costruendo trappole per topi alla Rube Goldberg come modo per affrontare il grande dolore per la recente morte della madre. Alla vigilia di Natale, il suo aristocratico padre in lutto (Matthew Macfadyen, Funeral Party) dà ai suoi tre figli i regali che la mamma aveva lasciato per loro; Clara riceve una sorta di uovo Fabergé in argento che però non può essere aperto senza una speciale chiave, che però nessuna sa dove sia.

Quella stessa sera, a un gran ballo, Clara è costretta a uscire dalla sua dimora per recarsi da Drosselmeyer (Morgan Freeman, Seven), l’uomo che ha costruito tale criptico aggeggio. Più tardi quella notte, Drosselmeyer organizza per tutti i bambini presenti una sorta di caccia al regalo, in cui ciascuno deve seguire il filo col suo nome per trovare il corrispettivo dono in giro per il vasto palazzo; il filo di Clara la porta tuttavia in un’altra dimensione, dove incontra il soldato del titolo (Maxamillian Hofgartner) e apprende che sua madre è stata regina di quattro reami, ciascuno governato ora dalla dolce e rosea Fata Confetto (Keira Knightley), da Hawthorne (Eugenio Derbez), ricoperto di fiori, dal gelido Shiver (Richard E. Grant) e da Madre Cicogna (Helen Mirren), con quest’ultima che sembrerebbe aver scatenato una guerra con gli altri tre reami vicini per una qualche ragione. Tocca quindi alla giovane protagonista provare a risolvere la situazione e portare la pace.

Lasse Hallström e Joe Johnston spendono una fetta considerevole del minutaggio (circa 100′) cercando di spiegare la premessa stessa del film. C’è un gigantesco macchinario costruito dalla madre di Clara che può letteralmente portare in vita i giocattoli, ma che può anche trasformare le persone in giocattoli. Fata Confetto dimostra – senza alcun motivo se non quello di spiegare come Clara possa sperimentare il suo avventuroso e magico coming-of-age e tornare in tempo alla festa di Drosselmeyer prima che qualcuno si accorga della sua assenza prolungata – che il tempo si muove molto più rapidamente nei Quattro Regni che sulla Terra (e visto quanto si tenga a parlare di curiose nozioni di fisica qua e là, forse avrebbero dovuto puntare su Albert Einstein per fare da cicerone in questo bizzarro mondo).

Clara fa così prima un velocissimo tour dei diversi reami (uno fatto di dolci, uno di fiori, uno di ghiaccio e neve), che ha limitato scopo se non quello di concedere il giusto tributo al lavoro della costumista Jenny Beavan, quindi la narrazione si prende una pausa con l’arrivo sul palco – letteralmente – di Misty Copeland (che rivedremo anche sui titoli di coda in un balletto completamente gratuito e che appare quanto mai inserito a forza per ricollegarsi all’immaginario collettivo) che interpreta la madre di Clara in uno spettacolo di ballo alla Scarpette rosse che dovrebbe spiegare la storia dei Quattro Regni ma ce non ci fa capire se la donna abbia in effetti creato questo mondo, lo abbia solo scoperto, o cos’altro esattamente.

Assistendo a questo riuscito intermezzo, si vorrebbe quasi che la nota ballerina americana proseguisse nella performance, o addirittura che recitasse direttamente in un adattamento più letterale del balletto. Il suo contributo è naturalmente impeccabile (ma anche i danzatori vestiti da topi non sono da meno) e fin troppo breve, ma ha la possibilità di risplendere e di riportare un’atmosfera adeguata al contesto, al fianco del direttore d’orchestra Gustavo Dudamel, la cui silhouette e quella della sua orchestra vengono ripresi in una sorta di omaggio a Fantasia (non si tratta comunque dell’unica citazione quasi sicura: Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni si apre con il volo vertiginoso e assolutamente in CGI di una civetta attraverso i tetti della Londra vittoriana, così chiaramente in animazione che potrebbe provenire direttamente dal non proprio riuscitissimo A Christmas Carol in motion capture di Robert Zemeckis, che oltretutto è datato 2009 …). Il tema dell’ “adolescente umano che entra in una terra magica e impara cose che lo faranno crescere superando i suoi timori” è un cliché – o un topos se preferite – che è stato alla base già di un’infinità di storie in precedenza, da Il mago di Oz a Le cronache di Narnia. Ma non si tratta affatto di un’impostazione infallibile, anzi, particolarmente quando il luogo delle meraviglie in questione non assume mai un vero e proprio senso in relazione alla narrazione o quando lo script ha almeno un buco logico enorme (quasi sicuramente pure per un bambino, evidente target ufficiale qui) che consentirebbe a Clara di capire subito e semplicemente chi è buono e chi è cattivo (oltre che farle prendere la chiave tanto agognata).

Ci sono alcune scene – tutte quelle ambientate nella terra di Madre Cicogna (l’innominabile ‘regno dei divertimenti’) – che vorrebbero essere ai limiti dell’horror, tra giostre arrugginite e abbandonate, nebbie, clown ‘matrioska’ che non parlano (l’effetto speciale migliore della pellicola, per distacco) e ‘Re dei topi’ dal corpo composto da centinai di topini che si muovono minacciosi per foreste di alberi morti. Un grande potenziale che fa venire in mente i sani brividi di classici come Ritorno a OZLa Storia Fantastica o addirittura l’invisibile Babes in Toyland (i bei tempi in cui con effetti pratici ‘rozzi’ e senza CGI si creavano momenti inquietanti e memorabili …), che naturalmente viene sprecato malamente per la poca convinzione.

In più di una occasione viene da pensare cosa avrebbero saputo ricavarne registi come Terry Gilliam o persino Tarsem Singh (che pure si è cimentato con Biancaneve nel 2012). Inoltre, come possono i Quattro Regni apparire magici quando la Londra dove vive Clara è palesemente a sua volta già un posto da fiaba? In più, non aiuta per niente che i personaggi principali siano appena abbozzati. Keira Knightley può almeno contare su un paio di momenti divertenti nei panni di una fatina svampita e spumeggiante, un ruolo sicuramente lontano dalle sue solite donne ispirate a capolavori letterari e molto più seriose e drammatiche. Lo stesso non si può però proprio dire di Eugenio Derbez e Richard E. Grant, auspicabili spalle comiche che tuttavia la sceneggiatura non mette nelle condizioni di dire nulla di divertente, confidando che i loro colorati e insoliti costumi e trucco facciano tutto il lavoro.

In definitiva, Lo Schiaccianoci e i Quattro Regni è una reinvenzione poco ispirata di una storia che avrebbe meritato ben miglior sorte – anche solo musicalmente -, che si rivolge a un pubblico di giovanissime (si, soprattutto signorine) senza grosse necessità di spaventi o di approfondimento al di sotto della facciata, in cerca solo di qualche bell’abito, make-up curato e una protagonista che alla fine capisce quello che deve senza grossi patimenti. Per tutti gli altri, il consiglio è di andare alla prima occasione in teatro.

Di seguito il trailer italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) del film, nei nostri cinema dal 31 ottobre:

luna nera serie netflix ita
Sci-Fi & Fantasy

Luna Nera: immagini, trama e protagonisti della serie Netflix italiana sulla stregoneria

di Redazione Il Cineocchio

Rivelati anche il numero di episodi e le tre registe dello show fantasy femminista prodotto dal colosso dello streaming in collaborazione con Fandango

Leggi
The Predator (2018) film shane black
Sci-Fi & Fantasy

Fred Dekker su The Predator: “Vi racconto il finale originale bocciato da Hollywood; una sequenza action radicale”

di Redazione Il Cineocchio

Il co-sceneggiatore del pasticciato film diretto da Shane Black ha rivelato i retroscena sul cambiamento dello script nel terzo atto, spiegando la sua idea iniziale e l'ingerenza dei piani alti dello studio

Leggi
robocop 2 3 2014 fumetto
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | RoboCop saga (Parte 2): i sequel al cinema, i serial in live action e i fumetti

di Redazione Il Cineocchio

Continua il nostro viaggio nella saga crossmediale ultradecennale dedicata al super-poliziotto di Detroit, tra successi e passi falsi

Leggi
aliens robocop saldapress
Sci-Fi & Fantasy

Recensione fumetto | Aliens – Grandi Maestri vol. 2 + RoboCop – Vivo o Morto vol. 1

di Redazione Il Cineocchio

Saldapress continua nell'operazione di riscoperta di preziose storie legate all'universo degli Xenomorfi, affiancando ora quelle del paladino della Detroit del futuro, con un racconto che è il sequel diretto al primo film del 1987

Leggi
paradise hills film 2019 milla
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Paradise Hills: Emma Roberts prigioniera della scuola ‘da favola’ di Milla Jovovich

di Redazione Il Cineocchio

Nel cast del fanta-thriller che segna l'esordio alla regia della spagnola Alice Waddington ci sono anche Eiza Gonzalez e Awkwafina

Leggi
Karl Urban e Olivia Thirlby in Dredd (2012)
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Dredd – Il giudice dell’apocalisse: dopo 7 anni arriva in Italia il film con Karl Urban

di Redazione Il Cineocchio

Finalmente i fan italiani del personaggio potranno godersi l'adattamento del 2012 firmato da Pete Travis e Alex Garland in cui ci sono anche Olivia Thirlby e Lena Headey

Leggi
another life serie netflix Katee Sackhoff
Natalia Dyer, Caleb McLaughlin, Sadie Sink, Millie Bobby Brown, Finn Wolfhard, Charlie Heaton e Noah Schnapp in Stranger Things 3
Sci-Fi & Fantasy

Stranger Things stagione 3 | La recensione (ep. 1-8): si cresce, si cita, si cambia

di Sabrina Crivelli

Tra rimandi più o meno espliciti, grandi amori e nuovi pericoli, Millie Bobby Brown e gli altri abitanti di Hawkins affrontano un capitolo di passaggio, familiare ma comunque appassionante

Leggi
Maleficent – Signora del Male film
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Maleficent – Signora del Male: Malefica scatena la sua furia sulla Brughiera

di Redazione Il Cineocchio

Nel sequel diretto da Joachim Rønning accanto ad Angelina Jolie ci sarà ancora una volta l'innocente Elle Fanning

Leggi
robocop saga film videogames tv
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | RoboCop saga (Parte 1): i film, le serie TV, i cartoni animati e i videogiochi

di Sabrina Crivelli

Nel 1987, il regista Paul Verhoeven faceva conoscere al mondo in un'opera controversa il tutore della legge cibernetico, dando il la a una progenie che ha spesso rinnegato le idee del capostipite

Leggi
mulan film disney 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser e poster per Mulan: Jet Li e Donnie Yen nel wuxia live action della Disney

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche Gong Li nella rivisitazione 'dal vero' del Classico animato del 1998, che vede protagonista la combattiva Yifei Liu (ma non Mushu ...)

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Jeremy Renner su Hellboy: “Dissi no a un ruolo nel film del 2004 di Guillermo del Toro”

di Redazione Il Cineocchio

No, questa volta, non si tratta di un'altra parte scartata avventatamente da Will Smith

Leggi
orbital era film katsuhiro otomo poster
Sci-Fi & Fantasy

Katsuhiro Otomo: “Giro Orbital Era (concept, teaser e trama) e rifaccio Akira, stavolta completo”

di Redazione Il Cineocchio

A 15 anni dall'ultima regia, l'autore giapponese 65enne ha annunciato in un colpo solo i due clamorosi progetti

Leggi
kurt russell 1997 fuga da new york set
Sci-Fi & Fantasy

Tra le pieghe del tempo | Kurt Russell nel 1999: “Sogno un film con Jena Plissken e Mad Max”

di Redazione Il Cineocchio

In una lettera 'a cuore aperto', l'attore esprimeva la sua gratitudine verso John Carpenter e l'amatissimo personaggio interpretato in due film, augurandosi il clamoroso crossover

Leggi
pinocchio garrone 2019 film
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Pinocchio: Matteo Garrone rilegge il classico di Carlo Collodi

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti della nuova trasposizione ci sono Roberto Benigni, Rocco Papaleo, Gigi Proietti e Marcello Fonte

Leggi
Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

RECENSIONE

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE