Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Recensione | Annientamento di Alex Garland

6/10 su 4706 voti. Titolo originale: Annihilation, uscita: 22-02-2018. Budget: $40,000,000. Regista: Alex Garland.

Recensione | Annientamento di Alex Garland

12/03/2018 recensione di William Maga

Distribuito in esclusiva da Netflix, il film con Natalie Portman e Oscar Isaac adatta ben poco fedelmente il romanzo sci-fi di Jeff VanderMeer, ma si apre a riflessioni profonde sulla natura umana

Prendendo solo spunto dall’omonimo romanzo di fantascienza scritto da Jeff VanderMeer, primo di una trilogia, Annientamento (Annihilation) ufficialmente è il secondo film diretto da Alex Garland, già dietro al notevole Ex Machina del 2014. In realtà, come rivelato clamorosamente dall’attore Karl Urban pochi giorni fa, il regista inglese avrebbe invece praticamente diretto anche Dredd del 2012, pellicola che teoricamente lo aveva visto solo alla sceneggiatura.

In ogni caso, nell’adattamento che dalle nostre parti non passa dai cinema come negli Stati Uniti ma finisce dritto su NetflixNatalie Portman interpreta Lena, una professoressa, biologa ed ex soldatessa il cui marito, Kane (Oscar Isaac), è scomparso in azione in circostanze molto misteriose. Quando l’uomo ricompare però a casa inaspettatamente, Lena viene risucchiata in una rete di segreti che ruotano attorno a qualcosa chiamato Shimmer (letteralmente ‘Bagliore’ o Area X).

Un meteorite si è infatti schiantato sulla Terra alla base di un faro creando una sorta di enorme cupola che si sta espandendo e che starebbe minacciando addirittura la vita del pianeta, inglobando tutto ciò che incontra. Droni, sonde, animali e squadre tattiche inviate all’interno per scoprire qualcosa in merito alla sua natura hanno fallito miseramente. Lena, presa dai sensi di colpa, si offre così volontaria per una nuova missione, questa volta di sole donne (Gina Rodriguez, Tuva Novotny, Tessa Thompson e Jennifer Jason Leigh). Una volta dentro però, la realtà sarà ben diversa da quella che avrebbe potuto immaginare.

Seguono moderati SPOILER. In apparenza, e dai trailer mostrati, potrebbe sembrare che Annientamento sia il solito film sci-fi senza pretese, con qualche mostro ben piazzato, una trama trita e infiniti riferimenti a opere precedenti. E in effetti Alex Garland lo ha pianificato in modo che possa essere sicuramente apprezzato anche a questo livello, strizzando l’occhio a classici come Alien, Predator, La Cosa, Punto di Non ritornoL’invasione degli Ultracorpi. Guardando più in profondità tuttavia, ci si accorge che la sua sceneggiatura è ben più stratificata e ricca di dettagli da cogliere. I prodotti artistici di alto livello hanno sempre significati nascosti e più profondi, che aspettano soltanto di essere decodificati. Provando a darne un’interpretazione schietta, il film parla fondamentalmente di cambiamento e di crescita.

Il meteorite, l’idea di qualcosa di extraterrestre, i mutamenti nel mondo causati dal Bagliore, sono tutti elementi secondari rispetto ai personaggi che entrano nel suo crogiolo e alle lotte – molto umane – che ivi affrontano. Si potrebbe pensare che si tratti di una missione suicida, ma la verità è che la realtà è ben più complicata di così. In una scena particolarmente toccante, la dottoressa Ventress (Jennifer Jason Leigh) e Lena hanno una conversazione sulla natura dell’autodistruzione e su come l’autodistruzione stessa sia un processo naturale e in che modo l’autodistruzione e il suicidio si escludano vicendevolmente. Lena, in qualità di biologa, fino a qual momento aveva parlato di come l’autodistruzione delle cellule nel processo di scissione conduca a una nuova vita. Ogni personaggio che entra nell’Area X ha a quanto si deduce intrapreso il sentiero dell’autodistruzione e non ha pertanto niente da perdere.

Questa ordalia è estremamente metaforica. Tutti quanti stanno cercando un modo per rinascere in qualcosa di nuovo, qualcosa che si adatti a loro mentre cercano nuove vite. Alcuni finiscono nell’oblio della morte, dove l’autodistruzione li conduce troppo oltre il limite. Altri, come la Josie Radek di Tessa Thompson, prendono la loro abitudine di infliggersi tagli per sentirsi vivi e si trasformano in un’entità biologica impossibile da riconoscere come umana, ma ugualmente trovano una nuova vita.

La Ventress partecipa alla spedizione dopo aver scoperto di avere il cancro, sapendo bene che pur non essendo coscientemente autodistruttiva, il suo corpo lo sarà a prescindere dalla sua volontà. Se c’è qualcosa che può forse curarlo, è al di là di quella ignota barriera di luce colorata. Ricorda molto i filosofi dell’antichità in questo comportamento, che venivano a patti con la propria morte scegliendo il momento in cui sarebbe venuta a far loro visita. Anche attraverso questo passaggio si trasforma in qualcos’altro e Lena stessa vede una sé stessa speculare in questa nuova entità superiore (o comunque altra).

Il punto cruciale della storia sta però nel cambiamento che Lena e Kane devono attraversare per rimanere insieme come partner. In uno dei flashback su cui si rimbalza Annientamento, viene rivelato che il comportamento autodistruttivo di Lena ha inizio sotto forma di relazione con un collega sposato. Poi questo malessere passa a Kane che, nella sua gelosia, si propone per una missione volontaria nella Zona X. Lui passa attraverso un battesimo del fuoco, letteralmente e figurativamente, e ne esce come un uomo cambiato.

Per far sì ché Lena lo segua, lei deve cambiare altrettanto drasticamente, e questo è ciò che motiva la donna ad attraversare il Bagliore. La necessità di cambiare, per diventare una nuova persona. Prendere il DNA della sua personalità e farlo brillare tramite il prisma che è il Bagliore e suddividerlo nei frammenti migliori e più forti di sé stessa. Nel corso del suo calvario, il personaggio di Natalie Portman assume gli attributi di alcune delle sue compagne, sia fisicamente (come il tatuaggio sull’avambraccio, che tra l’altro è un uroboro, simbolo di infinito e rinascita) che psicologicamente, ma riesce ad emergerne alla fine più forte. Questa tematica affiora dalla presenza di bicchieri con l’acqua in diversi momenti della pellicola. Nella sua prima vera scena assieme a Kane, Lena gli porta un bicchiere d’acqua e vediamo le loro mani unirsi attraverso la distorsione del vetro. Lei si ritrae subito non appena si rende conto di non riconoscere affatto l’uomo che ha di fronte e le mani di lui vengono inquadrate da sole in quella rifrazione.

Prende un sorso e dalle labbra gli cola del sangue che finisce nell’acqua. Più tardi, mentre Lena racconta la sua versione dei fatti a chi la sta interrogando, un bicchiere d’acqua si trova sul tavolo, ma lei non beve fino proprio alla fine. Qui non c’è presenza di sangue. E quando mette le sue mani in posizione di riposo, attraverso il vetro vediamo proprio la sua mano e, più specificamente, la sua fede nuziale. Ha vissuto la propria personale crescita ed è ora pronta a incontrare di nuovo suo marito come qualcuno che conosce(va), piuttosto che come un estraneo. Quando i due si abbracciano alla fine del film, entrambi sono consci di aver intrapreso un viaggio importantissimo e il luccichio del fuoco che hanno attraversato è ancora nei loro occhi a dimostrarlo (c’è chi invece potrebbe pensare a qualcosa di più inquietante e vicino alla pellicola di John Carpenter del 1982 …). In ogni caso, qualunque cosa abbiano dovuto affrontare prima, tutto quel comportamento autodistruttivo, li ha resi le persone che sono ora. E, presumibilmente, sono migliori per questo. Insieme.

Annientamento, almeno per chi scrive, nel suo profondo parla quindi di crescita, di evoluzione e di perdono. E quando tematiche universali si combinano con la fotografia di Rob Hardy (già al lavoro su Ex Machina), mondi alieni – ma terrestri – accuratamente progettati, la tensione di un film horror (i jumpscare e qualche dettaglio inaspettatamente splatter non mancano, senza contare le bizzarre e raccapriccianti creature che fanno spesso capolino), le sporadiche e stranianti musiche e attori tutto sommato in forma (chi più, chi meno), avrete un’opera complessa e stratificata come Annientamento.

Qualcosa che forse lascia più dubbi che risposte e una sensazione di non perfetta serenità e frustrazione quando scorrono i titoli di coda, ma che spinge lo spettatore a riflettere su quello che ha appena visto. La fantascienza migliore d’altro canto è quello specchio oscuro in cui vedere riflesse le verità che altrimenti verrebbero celate, e questo film offre esattamente quel tipo di esperienza. Qualcosa che non succede certo tutti i giorni purtroppo, e che fa rimpiangere ancora di più l’idea che in Italia nessuno potrà vederlo sul grande schermo.

Di seguito il trailer italiano di Annientamento, nel catalogo di Netflix Italia dal 12 marzo:

Natalie Portman
Jennifer Jason Leigh
Tessa Thompson
Gina Rodriguez
Oscar Isaac
Sonoya Mizuno
Tuva Novotny
David Gyasi
Kola Bokinni
Crystal Clarke
Bern Collaco
Kumud Pant
Cosmo Jarvis
Honey Holmes
John Schwab
Annarie Boor
Mairead Armstrong
Matthew Simpson
Josh Danford
Benedict Wong
Odette Michell
Daniel Prewitt
Hiten Patel
Miroslav Zaruba
Sammy Hayman
Kristen McGarrity
Bern Collaço
museo hr giger Gruyères [Matthias Belz] (2)
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | In visita al Museo e al Bar di H. R. Giger a Gruyères

di Alessandro Gamma

Un viaggio sensoriale tra le opere e gli ambienti attentamente creati dal geniale artista svizzero

Leggi
jar jar binks episodio I star wars
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Star Wars: che fine ha fatto Jar Jar Binks dopo la trilogia prequel?

di Redazione Il Cineocchio

"Mi comincia giurno maxi okeyday, con buena pappa a colassione, poi bum! Maxi parura, e addosso a me Jedi, e pah! Mi aqui. Ah, mi maxi, maxi parura, mmmh!"

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Kin | Recensione del pasticciato film sci-fi con James Franco e Dennis Quaid

di William Maga

I fratelli australiani Jonathan e Josh Baker debuttano al cinema con la versione lunga di un precedente cortometraggio, mescolando toni e intuizioni poco felici

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Nezha, the devil is coming, film animato cinese col record di incassi in patria

di Redazione Il Cineocchio

C'è l'esordiente Yu Yang dietro al clamoroso successo dell'opera, ispirata a un romanzo che parla del folklore locale

Leggi
Sul globo d'argento 1988 film
Sci-Fi & Fantasy

Recensione story | Sul globo d’argento di Andrzej Zulawski

di Pietro Russo

Riscopriamo il complesso film di fantascienza censurato dal regime polacco e quasi completamente distrutto che ha visto la luce solo nel 1988

Leggi
The Dark Crystal Age of Resistance (2)
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per la serie Dark Crystal: la Resistenza, solo una debole speranza per il mondo di Thra

di Redazione Il Cineocchio

C'è Netflix dietro al prequel originale del rivoluzionario fantasy di Frank Oz e Jim Henson del 1982, che potrà contare su un cast di doppiatori all star

Leggi
robocop 1987 film
Sci-Fi & Fantasy

Neill Blomkamp: “Ho chiuso con RoboCop Returns; faccio un horror”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista sudafricano a sorpresa si tira fuori dall'ambizioso progetto, spiegandone i motivi con un tweet

Leggi
nel fantastico mondo di oz 1985 film fairuza balk
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Nel fantastico mondo di OZ: quando la Disney sfornava cupe fiabe live action

di Sabrina Crivelli

Nel 1985 usciva il sequel apocrifo diretto da Walter Murch al classico del 1939, un insuccesso al botteghino che ha saputo guadagnarsi in VHS lo status di cult, regalando bellissimi incubi a una generazione di ragazzini

Leggi
carnival row serie amazon 2019
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Carnival Row: Orlando Bloom e Cara Delevingne legati da un amore pericoloso nella serie fantasy

di Redazione Il Cineocchio

Dopo anni di tira e molla e rinvii, lo show originale dai toni dark degli Amazon Studios ambientato in epoca vittoriana è finalmente pronto a debuttare

Leggi
stay puft man ghostbusters
Sci-Fi & Fantasy

Ghostbusters 3: le foto dal set anticipano il ritorno dello Stay Puft Man?

di Redazione Il Cineocchio

Nelle immagini del nuovo film diretto da Jason Reitman intravvediamo anche Paul Rudd e un'ammaccatissima Ecto-1

Leggi
ultraman
Sci-Fi & Fantasy

Shin Ultraman: Hideaki Anno e Shinji Higuchi insieme per un film sul supereroe

di Redazione Il Cineocchio

I due registi di Shin Godzilla tornano a collaborare per il nuovo film live action dedicato al celebre paladino giapponese

Leggi
Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne
Sci-Fi & Fantasy

Il Trono di Spade? Solo un “muto spettatore” dell’ira di Drogon, che vuole bruciare il mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il copione recentemente diffuso online mette in nuova luce uno dei passaggi più intensi del finale della serie HBO

Leggi
Kin James Franco 2019
Sci-Fi & Fantasy

Trailer e data di uscita per Kin, sci-fi thriller con James Franco e Dennis Quaid

di Redazione Il Cineocchio

I fratelli Jonathan e Josh Baker sviluppano per il grande schermo un loro cortometraggio, in cui troviamo anche Zoe Kravitz e Carrie Coon

Leggi
Dungeons & Dragons
Sci-Fi & Fantasy

Dungeons & Dragons: Jonathan Goldstein e John Francis Daley dirigeranno il film

di Redazione Il Cineocchio

Non è invece trapelata alcuna indiscrezione sulla trama e sul cast del nuovo adattamento per il grande schermo del celebre gioco di ruolo fantasy

Leggi
Rutger Hauer- Giochi di morte principale
Sci-Fi & Fantasy

Giochi di Morte e Detective Stone: due piccoli classici con Rutger Hauer da riscoprire

di Francesco Chello

Ricordiamo l'attore olandese pescando due film 'minori' della sua sottovalutata cinematografia

Leggi
Il signor Diavolo

Il signor Diavolo

22-08-2019

RECENSIONE

La rivincita delle sfigate

La rivincita delle sfigate

22-08-2019

Charlie Says

Charlie Says

22-08-2019

RECENSIONE

Il re leone

Il re leone

21-08-2019

The Nest (Il nido)

The Nest (Il nido)

15-08-2019

RECENSIONE

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

15-08-2019

Crawl - Intrappolati

Crawl - Intrappolati

15-08-2019

RECENSIONE

Kin

Kin

15-08-2019

RECENSIONE