Home » Cinema » Horror & Thriller » Rivisti Oggi | Basic Instinct di Paul Verhoeven

6/10 su 1599 voti. Titolo originale: Basic Instinct, uscita: 20-03-1992. Budget: $49,000,000. Regista: Paul Verhoeven.

Rivisti Oggi | Basic Instinct di Paul Verhoeven

23/03/2018 recensione di Valeria Patti

Il regista olandese gira nel 1992 un thriller rimasto nell'immaginario collettivo di cinefili e non, grazie a una Sharon Stone tanto letale quanto magnetica

Basic Instinct del 1992 è un film rivestito di elementi classici associati al sottogenere noir, dai polizieschi con rincorse in auto a velocità estrema, fino alla tipica inchiesta del cinema giallo. Un surrogato stuzzicante, intelligente ed erotico come raramente si era visto in quegli anni. Dove l’eterosessualità dei personaggi si mixa a un ambiente omosessuale orgiastico, raccontato senza fronzoli moralisti. Ciò che importa al regista olandese Paul Verhoeven (RoboCop, Atto di Forza, Black Book, Elle) e allo sceneggiatore ungherese Joe Eszterhas (scriverà anche l’incompreso Showgirls) non è narrare una storia particolarmente complicata (seppur piena di elementi assurdi e folli), ma sviluppare nello spettatore una morbosa curiosità verso i personaggi presentati, attraverso una visione priva di compromessi. Un rimbalzo continuo tra scene banali, quasi scadenti, con personaggi mediocri tipici di sceneggiati televisivi a momenti spiazzanti, intelligenti tanto da confonderci le idee.

Lo spettatore si sente inebriato, attratto e forse senza comprenderne la profonda ironia infastidito da una serie di immagini e dialoghi senza censure con battute che conferiscono a questo lavoro un alone di fascino e seduzione. Una lotta interessante e incessante tra perbenismo e amoralità impropria. Prendendosi gioco dei canoni classici già esistenti, mischiando le carte con caparbia maestria. Riuscendo comunque a mantiene elementi del suo cinema come la misoginia, il nichilismo e il voyeurismo.

Siamo a San Francisco. Il detective Nick Curran (Michael Douglas) dopo un omicidio violento di un uomo, un ex star cantante, viene incaricato di indagare sul colpevole. Le prime prove portano a una scrittrice: Catherine Tramell (Sharon Stone) un’ereditiera miliardaria dalla bellezza e fascino talmente evidenti da apparire quasi indecenti. Nick Curran fa la sua prima comparsa sulla scena del crimine. La macchina da presa ci guida attraverso la storia, attraverso il primo omicidio, di cui noi stessi siamo stati testimoni. Sono gli attori a guidarla, e non il contrario. Questo ci aiuta in un certo senso a seguire la vicenda come se lo spettatore facesse parte dello staff di polizia. Tecnicamente sono movimenti fluidi, i quali mantengono in noi la piena attenzione Creando una splendida coreografia sinuosa che fa da contrasto con uno sfondo di morte. Brutale e violento il cadavere quasi raramente sparisce dalla nostra visuale.

Unito a un movimento di camera elegante, oltre alla violenza, il terzo elemento entra subito in gioco a gamba tesa. Una serie di battute politicamente scorrette come: “prima è venuto e poi se è andato” ci ricordano o ci invitano a prendere visione di un film che può essere tutto il contrario di tutto. Tra i colleghi avvengono una serie di dialoghi banali, quasi imbarazzanti tipici dei film di serie b. Percepiamo per tutto il tempo di essere invischiati in qualcosa di grosso. Nick, interpretato da un Douglas maturo e credibile è il simbolo del tipico poliziotto di genere. Rappresenta un idealismo libertino dove la legge fa da scudo a un indole irrequieta. Essere dalla parte giusta (quella della legge) e poter contestare ciò che si reputa sbagliato senza particolari conseguenze. Nick ha dentro di sé una serie di demoni e colpe che lo rendono più duro e spietato dei suoi colleghi.

Un idealismo non fine a se stesso, ma che va a collimare con dei vizi (alcool e droga) di chi probabilmente ne ha viste troppe e non ha retto un esaurimento nervoso. Chiamato”il giustiziere” si porta appresso la colpa di aver ammazzato due turisti durante una sparatoria. Il fattore interessante risiede nella rara volontà dell’uomo di fare ammenda accompagnato dalla totale assenza di redenzione. Non riusciamo bene a capire se Nick si senta davvero in colpa oppure giustifichi se stesso attraverso una giustizia maggiore che concerne qualche sacrificio. Nonostante questo implichi l’innocenza delle vittime. Ciò nonostante ha un innato richiamo di trovare l’assassino, si ritrova così a conoscere la figura cardine di tutta la pellicola, la vera protagonista di Basic Instinct. La sua introduzione come figura perno è estremamente hitckocockiana. Sia durante il percorso in macchina con Nick e il suo collega Gus (George Dzundza) verso la casa sull’oceano, sia durante i primi scambi di battute. Accompagnati da una musica inquietante, sale un’alta tensione e una curiosità nello scoprire il volto della prima (e unica) indagata.

Su una poltrona di un terrazzo con vista oceano si gira verso di noi una donna bellissima. E’ bionda e accenna un sorriso. Ha un fascino algido. Uno sguardo serafico e un’aura protervia. Sbandiamo davanti al suo fare innocente. Introduzione perfetta. La Tramell è una dark lady degli anni 90. Ha tutti gli elementi tipici dello stereotipo mischiati a una modernità necessaria per i tempi in cui è stato girato e incombenti alla storia. La dark lady è una figura coniata e nominata da William Shakespeare nei suoi sonetti; ha narrato e descritto una donna misteriosa per poi sviluppare meglio il concetto stesso applicandolo a personaggi fondamentali delle sue opere come Cleopatra o Lady Macbeth, perfette rappresentazioni del concetto da lui stesso coniato.

La figura della dark lady sarà sempre presente nel cinema noir e nel giallo hard boiled. Col suo fascino può manipolare chiunque, intricando il protagonista in situazioni pericolose fatte di mistero e ambiguità. Con la propria bellezza può arrivare ovunque voglia. Inaccessibile illude, si prende gioco e usa ogni persona possibile pur di arrivare al proprio obiettivo. Sharon Stone riesce a interpretare una delle dark lady più spinte, spietate e credibili dopo quelle intoccabili di Theda Bara e Marlene Dietrich. Attrae e respinge al tempo stesso, mettendo a disagio sia Nick che il suo collega Gus. I due cercano di mantenere una facciata virile sorretta da una maschera rappresentante il proprio ruolo (poliziotti duri che non si fanno intimorire) ma in realtà rimangono soggiogati e tramortiti dall’essenza che emana questa donna, da un certo punto di vista sono annientati nello spirito e nella loro virilità di maschi alfa.

Il giustiziere e la possibile assassina. Uno fa parte di un mondo razionale dove le prove fatte e finite sono tutto ciò che serve per giungere alla conclusione di un caso, rimanendo con i piedi ben saldi a terra, Nick cerca una vita meno lussuriosa, facendosi timoniere della razionalità . La seconda fa parte di un mondo anch’esso razionale, ma rimanendo in equilibrio riesce a giostrarsi tra la libertà di fare ciò che desidera e la razionalità di tutelarsi. L’utilizzo delle parole come risorsa assoluta per vincere sulle persone e sul mondo circostante, intoccabile ci appare quasi una dea pagana. I due pianeti diversi, ma simili, si collimano, si unisco con un unico denominatore comune: la pulsione sessuale, sinonimo di emancipazione e folle euforia. Nick si lascia travolgere dal mondo di lei. La segue in un club notturno. Allegoricamente il club è una discesa negli inferi. Un mondo dove non esistono regole e la perdizione è legge.

Per aumentare il piacere di lui, Catherine lo esclude dai suoi divertimenti, dai suoi torbidi incontri sessuali a tre. Gli chiude in faccia la porta del bagno con un piede. Diretta e decisa lo ammonisce, accrescendo una pulsione sessuale potente e devastante. In pista quando si uniscono per ballare avvertiamo la fortissima attrazione che li unisce e il desiderio di esplosione che potrebbe venire da un momento all’altro. Ciò avviene. Durante il primo rapporto sessuale tra i due protagonisti, è inevitabile ripensare alla scena di presentazione dopo i titoli di apertura. Con uno dei motivi principali della colonna sonora (composta da Jerry Goldsmith) dinanzi a noi una serie di immagini frammentate che ricordano il cubismo di Picasso (presente con due quadri del periodo cubista, il primo nella casa della vittima e il secondo nella dimora principale della Tramell).

Sono immagini sfaccettate. Sparito il nome del regista il tutto si dissolve ricomponendosi in un’unica immagine riflessa in uno specchio, posto in un soffitto elegante di una casa. Vediamo due corpi nudi nel pieno del piacere di un amplesso, lei è sopra di lui, si muove animalesca. Ha un bel corpo ed è bionda. Il colore di capelli preferito da Alfred Hitckocock, sinonimo di inganno e potere femminile. Avviene all’improvviso, in un lasso di tempo brevissimo un omicidio violento e brutale dove la donna si macchia letteralmente del sangue della vittima. E’ un inizio forte e di impatto. Psicologicamente ci destabilizza. Come si muove contorta dal piacere, le dita di lei nella bocca di lui, il dettaglio del foulard bianco usato come strumento per del sesso sadomasochistico tornano esatti e precisi nella scena del rapporto sessuale tra Catherine e Nick. Porgendo così nello spettatore una specie di déjà-vu, instillando il seme del dubbio e la sensazione di paura. Quel che in ogni modo guida i due è la passione sfrenata. Una momento malioso e pieno di tensione. Finirà con un omicidio? O con un orgasmo? O perché no, con entrambe le cose?!!

Nessun delitto è stato compiuto, Nick è ancora vivo. Rimane comunque il forte dubbio che la vita del detective sia in bilico. Paul Verhoeven sviluppa l’emotività della coppia. E’ una crescita violenta, ma rimane fine a se stesso riuscendo a disegnare sfumature ironiche che sfociano nel divertimento. Non è poi così importante porsi domande sulla trama e sulla follia totale che in certi momenti la storia prende. Considerando che nel 1991 esce nelle sale Silenzio degli innocenti (diretto da Jonathan Demme, con protagonisti Anthony Hopkins e Jodie Foster). Film grazie al quale si arrivò a una nuova forma di intendere il thriller/poliziesco, dando una scossa pazzesca e innovativa, sia per quanto riguarda lo svolgimento della trama, sia per come fu scritto, esulando il rapporto tra poliziotta e serial killer, bene e male a confronto, ma che si uniscono per combattere un male maggiore. Scardinò molte certezze del passato, dando un nuovo vestito al genere thriller.

Basic Instinct giunge agli spettatori un anno dopo. Il cineasta olandese ne fa un discorso opposto, ma l’impatto, l’attenzione e la metodologia con cui lo mette in scene funziona quasi nello stesso identico modo: piazza elementi conosciuti perfettamente coerenti al passato e li stravolge; una struttura classica con pedine classiche (il poliziotto, il serial killer, la trama ricca di mistero, il desiderio sessuale e il depistaggio). Ci consente questa presentazione per poi distruggerla completamente.

Ancora oggi se guardiamo Basic Instinct, pur conoscendo ciò che accade, ha la grande qualità di travolgere con la sua violenza, divertire col suo umorismo di serie b ed eccitare col suo erotismo senza censure, un erotismo quasi spiccio privo di paura nell’esercitare verso chi lo guarda il dominio assoluto dei sensi. Ancora oggi nonostante chiunque si rimembri la famosa scena della Stone durante l’interrogatorio, quando libertina accavalla le gambe mostrando la sua intimità a tutti gli uomini presenti, simbolo di libertà e pura provocazione, vi è il finale del film che andrebbe maggiormente omaggiato. Inoculando l’ennesimo dubbio, Paul Verhoeven finisce il film come lo ha iniziato: con un’ennesima scena di sesso tra Catherine e Nick. Sinistra, inquietante e piena di pathos.

Lei poco prima lo ha lasciato impietosa perché ormai il romanzo da lei scritto è stato completato, la figura di Nick (protagonista del suo nuovo libro) non le serve più. Il sesso tra i due da dolce si fa subito feroce. E’ diversa rispetto alle altre volte, quasi un tentativo disperato di ricongiungimento il cui fine non ci appare così chiaro e immediato. Raggiunto l’orgasmo i due si coricano, non sono abbracciati come le altre volte, si erge un’atmosfera fredda. Lei gli dà le spalle e lui fissa il soffitto. Sembrano distaccati, dubbiosi sul futuro che li attende. Più di una volta Catherine sembra prendere in mano qualcosa, Nick posseduto da uno strano sesto senso percepisce che potrebbe essere decretata la sua fine. Ma i loro sguardi si incrociano, nel silenzio si fissano per qualche secondo. Nudi e arresi riprendono a baciarsi, non accade niente se non l’ennesima unione dei due corpi.

In un finale ancora hitckocockiano comprendiamo il compromesso di distruzione che attanaglia entrambi. Con una telecamera panoramica verso il basso vediamo il rompi ghiaccio sotto al letto. Nessuna certezza, nessuna risposta. Tra dubbi e dinieghi, abbiamo un’unica conferma: il cinema di Paul Verhoeven lo riconosci. Con lui la sua immensa follia e quel talento unico nel suo genere.

Di seguito il trailer originale:

Michael Douglas
Sharon Stone
George Dzundza
Jeanne Tripplehorn
Denis Arndt
Leilani Sarelle
Bruce A. Young
Chelcie Ross
Dorothy Malone
Wayne Knight
Daniel von Bargen
Stephen Tobolowsky
Benjamin Mouton
Jack McGee
Bill Cable
Stephen Rowe
Mitch Pileggi
Mary Pat Gleason
Freda Foh Shen
William Duff-Griffin
James Rebhorn
Mary Ann Rodgers
Adilah Barnes
Irene Olga López
Juanita Jennings
Craig C. Lewis
Michael David Lally
Michael Halton
Keith McDaniel
Eric Poppick
Ron Cacas
David Wells
Kayla Blake
Bradford English
Ashlyn Gere
Peter Appel
Isabelle Grill in Midsommar (2019) film ari aster
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: guida all’interpretazione del film di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di dare una spiegazione razionale e ragionata a ciò che accade, prima e sul finale, nel folk horror con Florence Pugh

Leggi
Florence Pugh in Midsommar (2019) film
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: Ari Aster chiarisce alcuni punti poco chiari

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore del folk horror con Florence Pugh ha personalmente precisato alcuni passaggi che potrebbero aver generato disorientamento negli spettatori

Leggi
Midsommar (2019) ari aster film
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati | La recensione del sabba di Ari Aster

di Raffaele Picchio

Al secondo film, il regista di Hereditary prosegue nel suo cammino rituale giocando a carte scoperte e alzando ulteriormente le ambizioni, uscendone comunque a testa alta con un'opera respingente ma affascinante, grottesca e complessa che non accetta mezze posizioni

Leggi
night hunter film
Horror & Thriller

Trailer per Night Hunter: Henry Cavill e Alexandra Daddario sulle tracce di un serial killer con personalità multipla

di Redazione Il Cineocchio

L'inglese David Raymond esordisce in regia con un thriller che vede protagonisti anche Ben Kingsley e Nathan Fillion

Leggi
casa vera the conjuring Harrisville, Rhode Island
Horror & Thriller

The Conjuring: la casa infestata indagata dai Warren sarà presto visitabile

di Redazione Il Cineocchio

I nuovi proprietari della fattoria stregata resa celebre dall'horror di James Wan stanno provvedendo ai restauri e contano di aprirla al pubblico entro fine anno, confermando che succedono ancora fatti inspiegabili al suo interno

Leggi
let her out night watchmen blu-ray ita
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Let Her Out + The Night Watchmen

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del body horror diretto da Cody Calahan e della dark comedy coi clown vampiri di Mitchell Altieri

Leggi
scuola di mostri hd 1987
Horror & Thriller

Fred Dekker su Scuola di Mostri: “La serie TV vanificata da IT e Stranger Things”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha rivelato la sua idea per un adattamento televisivo del suo classico del 1987, spiegando come il film di Andrés Muschietti e la hit di Netflix gli abbiano messo i bastoni tra le ruote

Leggi
3 from hell film rob zombie
Horror & Thriller

Il full trailer di 3 from Hell di Rob Zombie svela come si sono salvati Baby, Otis e Spaulding

di Redazione Il Cineocchio

A 13 anni da La Casa del Diavolo, i redivivi Sid Haig, Bill Moseley e Sheri Moon tornano sulle scene in un capitolo conclusivo della trilogia imprevedibile e vietatissimo ai minori

Leggi
George Ratliff Welcome Home 11
Horror & Thriller

Welcome Home | La recensione del thriller a tinte erotiche con Riccardo Scamarcio e Emily Ratajkowski

di William Maga

Il regista George Ratliff torna in regia dopo 7 anni per un film - riuscito a metà - che strizza l'occhio ai classici del genere, inscenando un triangolo morboso in cui c'è anche Aaron Paul

Leggi
5 è il numero perfetto film igort servillo
Horror & Thriller

Trailer per 5 è il numero perfetto: Toni Servillo è un gangster nella Napoli degli anni ’70

di Redazione Il Cineocchio

Igort adatta per il grande schermo il suo fumetto del 2002, strizzando l'occhio al cinema di Hong Kong di Johnnie To e a John Woo

Leggi
The Hunt film 2019
Horror & Thriller

Teaser per The Hunt: Emma Roberts e Hilary Swank braccate per sport da milionari spietati

di Redazione Il Cineocchio

C'è Damon Lindelof alla sceneggiatura del film diretto da Craig Zobel e prodotto dalla Blumhouse

Leggi
l'uomo invisibile film universal
Horror & Thriller

L’uomo Invisibile: trovato il protagonista del reboot; c’è la data di uscita

di Redazione Il Cineocchio

Arriva dalla serie horror Hill House l'attore che affiancherà Elisabeth Moss e Storm Reid nel film diretto da Leigh Whannell prodotto da Blumhouse e Universal

Leggi
Something Else film 2019
Horror & Thriller

Something Else | La recensione della monster dramedy con Brea Grant (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Jeremy Gardner - attore e regista insieme a Christian Stella - è al centro di un horror bizzarro, che gioca con le aspettative dello spettatore e sulla sanità mentale del protagonista

Leggi
Achoura film 2019 nifff
Horror & Thriller

Achoura | La recensione dell’horror di Talal Selhami sul Bougatate (NIFFF 2019)

di Sabrina Crivelli

Il regista franco-marocchino torna sulle scene con una favola dark sulla perdita dell'innocenza un po' debitrice di IT, che ha il pregio di introdurre al pubblico occidentale un boogeyman del folkore arabo che mangia i bambini

Leggi
drag-me-to-hell-raimi
Horror & Thriller

Sam Raimi su Drag Me To Hell: “Vi spiego perché non c’è stato un sequel”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'horror del 2009 ha parlato del banale motivo per cui non ha mai pensato di proseguire la storia che ha visto coinvolta Alison Lohman

Leggi
Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

RECENSIONE

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE